10 December, 2022
HomePosts Tagged "Salvatore Ortu"

[bing_translator]

I sardi da oggi hanno uno strumento in più per combattere il cancro: con un sistema di web conference i medici sono in grado di chiedere in tempo reale un consulto o discutere e analizzare i casi più dubbi e complessi. Insomma, i pazienti non hanno più un solo specialista che li seguirà ma, di fatto, gli oncologi saranno a loro disposizione. Tutto questo con la rete e un’app che ieri è stata inaugurata al Policlinico Duilio Casula: l’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari ha messo insieme tutti i reparti della Sardegna, grazie al grande lavoro del direttore di Oncologia Medica, Mario Scartozzi.

«Con questo sistema – spiega il professor Mario Scartozzi – siamo in grado di mettere in connessione tutti i medici e avere al centro delle nostre analisi ogni singolo paziente». Una vera e propria rivoluzione. Al progetto hanno aderito con entusiasmo Daniele Farci (Oncologia Businco-Brotzu), Sergio Pili (direttore sanitario di Carbonia e tra i promotori dell’iniziativa), Antonio Pazzola (direttore della Clinica Oncologica di Sassari), Salvatore Ortu (Olbia), Giuseppina Sarobba (Nuoro) e anche gli ospedali di Oristano, Alghero e Lanusei. All’incontro inaugurale ha partecipato anche Sara Ruggiu dell’assessorato della Sanità.

Ma, in pratica, cosa succederà da oggi? Tramite un’app i medici si collegheranno in conferenza: ogni giorno discuteranno un tipo di tumore diverso e ciascuno presenterà i propri casi, facendo vedere ai colleghi gli esami e le immagini radiologiche. In questo modo tutti porteranno la loro esperienza e, in tempo reale, si deciderà che tipo di protocollo o terapia seguire. Le diagnosi saranno fatte senza perdere giorni preziosi.

«Con questa piattaforma – dice ancora Mario Scartozzi – noi siamo in grado di discutere, ragionare e decidere il trattamento per tutti i nostri pazienti, utilizzando la vasta esperienza delle oncologie sarde». Il sistema è molto intuitivo e semplice e, aggiunge il primario di Oncologia Medica del Policlinico Duilio Casula, «servirà in particolare a ragionare  e aiutare il paziente, ovunque si trovi, nel percorso di cura e guarigione. Inoltre siamo in grado di discutere i casi con esperti nazionali e internazionali che si collegheranno da qualunque parte del mondo».

Grande soddisfazione del direttore generale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari, Giorgio Sorrentino. «In Sardegna – dice Giorgio Sorrentino – c’è ottima sanità e questa iniziativa dimostra che davvero l’unione fa la forza: mettiamo insieme tutti gli oncologi per assicurare il meglio ai pazienti». Per il direttore sanitario, Nazareno Pacifico, si tratta «di una vera e propria rivoluzione: l’Aou di Cagliari crede nell’innovazione e nella tecnologia. Noi ci prendiamo cura dei nostri pazienti».

[bing_translator]

 

Giuseppe Perseu 82

Giuseppe Perseu è il nuovo segretario provinciale del Partito socialista italiano. 60 anni, originario di Iglesias, Perseu è stato eletto all’unanimità al termine del congresso provinciale del partito tenutosi ieri, sabato 10 ottobre, nella sala Lepori di Iglesias.

Insieme al segretario provinciale, il congresso, ha eletto il direttivo, rappresentativo delle varie realtà locali, composto da:

Iglesias: Massimo Sias, Paolo Deidda, Daniele Pani;

Carbonia: Salvatore Ortu, Giancarlo Piroddi, Palmiro Caria, Antonella Valentina Cattari, Renato Fonnesu;

Carloforte: Salvatore Rosso, Pietro Parodi, Giuseppe Rombi, Giuseppe Buzzo, Franco Marongiu, Arnaldo Ruvioli;

San Giovanni Suergiu: Romina Amasio, Erminio Meloni, Franco Perella;

Gonnesa:Erminio Melis, Cristiano Gabriele Meloni;

Portoscuso: TeodoroFois;

Domusnovas: Alessandro Lai, Antonio Tacconi;

Villamassargia: Caterno Cesare Bettini;

Perdaxius: Denise Serra;

Santadi: Nicolino Diana, Salvatore Matzeu.

Il congresso ha eletto inoltre la commissione provinciale di garanzia che risulta composto da Claudio Casti, Battista Rossino e Andrea Todde.

Al direttivo provinciale, che sarà convocato a breve dal segretario provinciale, è stato demandato il compito di completare gli organismi con l’elezione del presidente e del tesoriere.