18 June, 2024
HomePosts Tagged "Ugo Piano" (Page 3)

[bing_translator]

Il Consiglio comunale di Carbonia ha dato il via libera ieri sera, con il voto favorevole dei consiglieri del gruppo di maggioranza del Movimento 5 Stelle e del consigliere del Patto Civico Daniela Garau, e l’astensione degli altri consiglieri di minoranza, alla proposta di partecipazione al bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città Metropolitane e dei Comuni Capoluogo di Provincia con l’intervento denominato “Riqualificazione Urbana Quartiere E. Montuori”. Lavori di ristrutturazione e rifunzionalizzazione ex scuola Via Dante in Comunità Integrata per anziani e Centro Integrazione Migranti. Approvazione progetto preliminare in variante al PUC ai sensi dell’art. 1 L.R. n. 32 del 31/07/1996. Il programma prevede interventi di riqualificazione dell’area intorno al Rio Cannas, la realizzazione di nuovi alloggi a canone sociale e la trasformazione dell’ex istituto IPIA in centro per migranti di secondo livello, per bambini non accompagnati ed anziani non autosufficienti.

La proposta è stata contestata dai consiglieri dei gruppi di minoranza (ad eccezione, come già sottolineato, del consigliere del Patto Civico Daniela Garau), che con apposita mozione, proposta dal consigliere Ugo Piano, capogruppo di Carbonia Possibile, bocciata a maggioranza (con i voti dei consiglieri del Movimento 5 Stelle e dello stesso consigliere del Patto Civico Daniela Garau), avevano proposto, nel corso della seduta, la destinazione dell’ex istituto IPIA a Casa delle Associazioni.

La forte contrapposizione sulla proposta di partecipazione al bando, contrasta con la convergenza di tutto il Consiglio comunale, espressa con voto unanime, su due mozioni proposte da consiglieri dei gruppi di minoranza, la prima da Michele Stivaletta, della lista Carbonia Unica, su “Determinazione nuovo ISEE – rapporto con indennità a disabili – osservanza sentenza del Consiglio di Stato n. 842/2016 – verifica graduatorie”; la seconda, dal consigliere Daniela Garau, del Patto Civico, sulla “Chiusura del reparto di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero ‘Sirai’ di Carbonia. Riorganizzazione dei servizi sanitari ospedalieri”, con la quale si impegna il sindaco ad opporsi al Piano approvato dalla Giunta regionale, ormai prossimo alla piena attuazione.

Nel corso della seduta, infine, è stata data comunicazione sulla composizione delle commissioni consiliari permanenti.

IMG_5278

  IMG_5236IMG_5288 IMG_5267 IMG_5275 IMG_5265 IMG_5244 IMG_5241

[bing_translator]

E’ stato costituito ufficialmente il gruppo del Partito dei Sardi nel nuovo Consiglio comunale di Carbonia. Ne fanno parte Fabio Usai, eletto lo scorso 5 giugno con 867 preferenze (come già cinque anni fa, è stato con largo margine il candidato più votato) e Ivonne Fraternale, eletta nella lista del Partito Democratico con 313 preferenze, che ha dato la sua adesione tecnica, decisiva per la costituzione del gruppo, considerato che il regolamento prevede un numero minino di 2 consiglieri. Il gruppo del Partito dei Sardi, guidato da Fabio Usai, è il secondo gruppo di centrosinistra presente nel Consiglio comunale. Si aggiunge ai gruppi scaturiti dalla consultazione elettorale: Movimento 5 Stelle, 15 componenti, presidente Manolo Cossu; Partito Democratico, 3 componenti, presidente Pietro Morittu; Carbonia Possibile, 2 componenti, presidente Ugo Piano.

Il Consiglio comunale è completato dal gruppo misto, del quale fanno parte Michele Stivaletta, eletto con la lista Carbonia Unica, e Daniela Garau, eletta con le tre liste del Patto Civico come candidato sindaco non eletto, che dovrebbero alternarsi alla presidenza del gruppo.

Nel corso della riunione dei capigruppo svoltasi giovedì scorso, 4 agosto, è stata decisa la composizione delle commissioni consiliari permanenti che verrà ufficializzata in occasione della prossima riunione del Consiglio comunale.

Usai-Fraternale copia

[bing_translator]

Primo confronto-scontro tra maggioranza ed opposizione ieri sera, nel nuovo Consiglio comunale di Carbonia. L’occasione è stata data dalla seduta dedicata al dibattito sulle dichiarazioni programmatiche esposte dal sindaco Paola Massidda in Aula mercoledì 20 luglio. La vigilia è stata caratterizzata dall’“incidente di percorso” compiuto dal sindaco con l’incauta “copiatura” di una parte del programma da quello del collega del comune di Porto Torres, presentato un anno fa, che ha portato all’inserimento della «custodia e pulizia di spiagge», ma in Aula, a parte qualche battuta inevitabilmente ironica di alcuni consiglieri, l’episodio non è stato il principale argomento al centro del confronto che, viceversa, ha spaziato sull’intera proposta programmatica della nuova maggioranza del Movimento 5 Stelle.

Otto i consiglieri di opposizione intervenuti (il solo Fabio Usai non ha preso la parola) nei circa 150 minuti della seduta, due soli quelli della maggioranza, oltre al sindaco Paola Massidda.

Ad aprire il dibattito, è stata la consigliera Ivonne Fraternale, del Partito Democratico, che ha criticato diversi passaggi del programma, sottolineando che molti degli interventi proposti sono già attivi in città ed ha invitato la maggioranza alla prudenza nel criticare tutti e tutto dell’amministrazione uscente. L’intervento più circostanziato e duro è stato quello della consigliera Daniela Garau, del Patto Civico, che pure aveva manifestato un’apertura di credito nei confronti della maggioranza nella seduta d’insediamento, esprimendo il suo voto per il presidente del Consiglio comunale Massimiliano Zonza, espressione dal Movimento 5 Stelle. L’avvocato Daniela Garau ha contestato punto per punto numerose proposte della maggioranza, in molti casi – ha sottolineato – irrealizzabili perché al di fuori delle competenze di un Consiglio e di una Giunta comunale. Ha invitato quindi la maggioranza alla prudenza e a studiare a fondo i problemi della città che, pur nella ristrettezza dei fondi a disposizione, hanno bisogno di interventi concreti e realizzabili da parte della nuova Amministrazione.

Critico anche l’intervento dell’ex sindaco Ugo Piano, del gruppo Carbonia Possibile, che ha fatto un esame delle emergenze e delle dimenticanze della maggioranza nella stesura del programma amministrativo, rendendosi disponibile a dare il proprio apporto a condizione che la maggioranza sia disposta ad accoglierlo, nell’esclusivo interesse della città. Ugo Piano ha sottolineato come la città, per il ruolo politico che riveste nel territorio, ha bisogno di una guida forte ed autorevole.

Sono intervenuti anche Federico Fantinel, del Partito Democratico, Michele Stivaletta di Carbonia Unica e Massimo Usai del gruppo Carbonia Possibile, e un altro intervento particolarmente critico è stato quello del sindaco uscente Giuseppe Casti, che abbiamo registrato integralmente e vi proponiamo nel filmato allegato.

Ultimo intervento dei gruppi di opposizione, è stato quello del capogruppo del Partito Democratico Pietro Morittu, che ha augurato alla maggioranza buon lavoro, per fare possibilmente meglio dell’amministrazione uscente, ma anche lui ha sottolineato i limiti del programma esposto al Consiglio dal sindaco Paola Massidda ed ha annunciato che il Partito Democratico farà fino in fondo la sua parte, nel rispetto del proprio ruolo, dai banchi dell’opposizione e, fin dalla prossima seduta, in programma venerdì 29 luglio, dedicata al Bilancio, le parti tra maggioranza e minoranza saranno nettamente distinte.

Per la maggioranza del Movimento 5 Stelle sono intervenuti il consigliere Matteo Piras, che ha sottolineato la validità del programma amministrativo e, pur riconoscendo l’inesperienza dei consiglieri di maggioranza, ha sottolineato come il loro impegno sarà pieno e costante per la sua attuazione e per centrare gli obiettivi che anche la maggioranza uscente guidata da Giuseppe Casti si era proposta cinque anni fa, con scarsi risultati; e il consigliere Mauro Careddu, che ha puntato l’indice in particolare sui problemi ambientali, con riferimento alla scarsa attenzione prestata nella prevenzione degli incendi e alla contrarietà alla realizzazione di nuove discariche industriali nel territorio comunale, eventualmente anche a costo di chiudere le fabbriche, per puntare a settori produttivi alternativi.

Chiusi gli interventi dei consiglieri, ha preso la parola il sindaco Paola Massidda che, dopo uno stop impostole su rilievo di legittimità della sua replica avanzato dal consigliere Michele Stivaletta, ha iniziato a parlare e lo ha fatto per circa 11 minuto e mezzo, con nuova contestazione da parte del consigliere Daniela Garau. Anche dell’intervento di replica del sindaco Paola Massidda, vi proponiamo la registrazione integrale.

IMG_2473IMG_2469 IMG_2470 IMG_2478 IMG_2490 IMG_2510 IMG_2516 IMG_2523 IMG_2528 IMG_2533 IMG_2544 IMG_2547 IMG_2551 IMG_2553IMG_2539

[bing_translator]

Si va delineando la composizione della conferenza dei capigruppo del nuovo Consiglio comunale di Carbonia, presieduto da Massimiliano Zonza (Movimento 5 Stelle). Il Movimento 5 Stelle, grazie al trionfale successo al ballottaggio ha conquistato la maggioranza assoluta con il 60% dei consiglieri, il cui capogruppo è Manolo Cossu, il secondo più votato con 352 preferenze lo scorso 5 giugno. Il Partito Democratico, presente in Consiglio comunale con 4 consiglieri, avrà come capogruppo Pietro Morittu, il consigliere più votato della lista con 472 preferenze (il secondo in assoluto), già capogruppo nella precedente consiliatura; Carbonia Possibile avrà come capogruppo l’ex sindaco Ugo Piano, candidato sindaco non eletto. Restano tre consiglieri eletti in altrettante liste: Fabio Usai, del Partito dei Sardi, il consigliere più votato in assoluto con 867 preferenze; Michele Stivaletta, della lista Carbonia Unica; e, infine, Daniela Garau, candidata sindaco non eletta del Patto Civico. Questi tre consiglieri dovrebbero confluire in un gruppo misto, in quanto per la costituzione di un gruppo, per regolamento, è necessaria la presenza di almeno due consiglieri, ma potrebbero esserci novità, con la costituzione di un gruppo misto con due soli consiglieri, Michele Stivaletta e Daniela Garau, e la costituzione di un quinto gruppo consiliare, quello del Partito dei Sardi, che si avvarrebbe dell’apporto tecnico di un consigliere del Partito Democratico, Ivonne Fraternale, con capogruppo Fabio Usai.

Gli ultimi dubbi, legati all’eventuale adesione tecnica di Ivonne Fraternale al Partito dei Sardi, dovrebbero essere sciolti entro la prossima settimana, quando salvo rinvii verrà ufficializzata la composizione della nuova conferenza dei capigruppo.

Nuovo Consiglio comunale di Carbonia 1 copia

 

 

[bing_translator]

La straordinaria vittoria del Movimento 5 Stelle, piombata come un tornado sul comune di Carbonia, storicamente da sempre governato dalla sinistra e dal centrosinistra, segna anche una seconda “rivoluzione” nel Consiglio comunale del centro minerario: alla riunione d’insediamento saranno ben 17 i volti nuovi, sui 25 complessivi (sindaco + 24 consiglieri).

Faranno il loro debutto assoluto nella sala polifunzionale di Piazza Roma, il sindaco Paola Massidda, i 15 consiglieri di maggioranza del Movimento 5 Stelle (Carla Mario, Manolo Cossu, Marco Antonio Serafini, Eleonora Cera, Silvia Pinna, Gian Luca Lai, Paola Argiolas, Daniela Marras, Mauro Uccheddu, Maurizio Soddu, Matteo Piras, Angelo Rosas, Giorgio Santoru, Elio Loi, Massimiliano Zonza) e, infine, Daniela Garau, candidata sindaco non eletta del Patto Civico (formato da tre liste civiche).

Faranno parte della minoranza due ex sindaci, Giuseppe Casti e Ugo Piano, e sei consiglieri uscenti: Pietro Morittu, Federico Fantinel, Ivonne Fraternale, Massimo Usai, Michele Stivaletta e Fabio Usai.

 

Movimento 5 Stelle 1

 

[bing_translator]

La campagna elettorale per le Amministrative del 5 giugno, a Carbonia, registra gravi atti, con le minacce e le intimidazioni ricevute da due candidati: l’ex sindaco Ugo Piano, ricandidatosi alla guida di una coalizione formata da cinque liste civiche, ed il commerciante Manolo Cossu, candidato alla carica di consigliere comunale nella lista del Movimento 5 Stelle.

Il clima che si vive in città ormai da qualche giorno, è tutt’altro che sereno. Poco fa i coordinatori cittadino, federale e regionale di Sinistra, Ecologia e Libertà, Laura Pilloni, Matteo Sestu e Luca Pizzuto, hanno diffuso una nota nella quale sostengono che «i gravi accadimenti di questi giorni e di queste ore sono inaccettabili. L’atto intimidatorio nei confronti di Manolo Cossu e la lettera di minacce nei confronti di Ugo Piano non possono essere ammessi in quella che dovrebbe essere una campagna elettorale civile, dove si misurano posizioni politiche anche molto diverse tra loro».

«Il confronto politico può essere duro ed appassionante – aggiungono i rappresentanti politici di SEL -, ma non si può scendere sul livello di azioni e di minacce che possano ledere le persone coinvolte. Per questo esprimiamo tutta la solidarietà politica ed umana nei confronti delle persone che hanno subito queste intimidazioni. Crediamo che il clima politico di questa campagna elettorale debba rimanere su temi e confronti politici differenti tra loro, ma sempre profondamente rispettosi della vita delle persone. Sulla scia di questo, con molta umiltà, ci sentiamo di proporre a tutti i candidati e le candidate sindaco, e le forze politiche coinvolte, un terzo tempo prima della fine della partita: un incontro conviviale in cui dare il messaggio della differenza e della solidarietà umana tra tutti noi.»

Le considerazioni espresse dai coordinatori di SEL sono pienamente condivisibili. Quando il clima registra questi fatti, è forte il rischio che la situazione possa degenerare in altri atti, anche più gravi. In passato, raramente Carbonia ha vissuto episodi di questo genere e sarebbe assai pericoloso se il confronto politico si spingesse oltre i confini della legalità, come purtroppo è accaduto spesso in altre zone della nostra Isola, dove è sempre più difficile, talvolta quasi impossibile, trovare persone disposte ad impegnarsi in politica e nella gestione della cosa pubblica.

Solidarietà ai candidati vittima di minacce e intimidazioni è arrivata anche dal deputato del Partito Democratico Emanuele Cani.

«Una ferma e dura condanna per gli attentati che sono stati compiuti questa notte a Carbonia e solidarietà alle vittime – ha detto Emanuele Cani -. Quanto accaduto non può essere in alcun modo accettato in un paese civile. Siamo sicuri che l’operato delle forze dell’ordine riuscirà a far luce su quanto accaduto e che quindi a individuare i colpevoli di quanto compiuto.»

In serata il capogruppo dell’UDC in Consiglio regionale, Gianluigi Rubiu, ha dichiarato: «Siamo vicini al candidato alla carica di consigliere comunale per il Movimento 5 Stelle, Manolo Cossu, in vista delle prossime elezioni amministrative di Carbonia e al candidato alla carica di sindaco Ugo Piano per la lettera di minacce ricevuta. Sono delle intimidazioni inaccettabili in un momento in cui dovrebbe prevalere il confronto democratico». «Occorre non abbassare la guardia – aggiunge Gianluigi Rubiu -. Non possiamo fermarci alle parole. Gli attacchi verso le persone che si impegnano nelle istituzioni e nel confronto politico sono inaccettabili». «Una campagna elettorale all’insegna di un civile dibattito tra le forze politiche in campo, perché non si trascenda – conclude Gianluigi Rubiu – in una violenza senza senso o, peggio ancora, intimidazioni illogiche. Deve prevalere la legalità e un confronto all’insegna del rispetto».

Piazza Roma Carbonia 2 1

TelegammaIntervista Telegamma 1

Trent’anni fa nasceva Telegamma, la prima televisione privata del Sulcis Iglesiente. Erano le 21.00 del 26 marzo 1984, quando dagli studi di Piazza Rinascita aveva inizio “Obiettivo Sport“, il programma che apriva ufficialmente le trasmissioni. Scrivendo queste righe è grande in me l’emozione, perché, poco più che ventenne, ebbi l’onore di entrare per primo, attraverso gli schermi delle TV, per di più in rigorosa diretta, nelle case di tanti sulcitani.

In quel 1984 la Sardegna e il Sulcis Iglesiente erano profondamente diversi rispetto ad oggi. Presidente della Regione era il democristiano Angelo Rojch, vi rimase fino al 23 giugno e il 26 agosto venne sostituito dal sardista Mario Melis; sindaco di Carbonia, da meno di un anno, era il comunista Ugo Piano; sindaco di Iglesias era il socialista Paolo Fogu; il comunista Salvatore Cherchi meno di un anno prima era stato eletto per la prima volta parlamentare, alla Camera dei Deputati; il socialista Antonello Cabras era presidente del Comprensorio del Sulcis e qualche mese dopo sarebbe stato eletto sindaco di Sant’Antioco.

Trent’anni, tante esperienze, tante emozioni, assolutamente indimenticabili. Il mondo è cambiato ma per il Sulcis Iglesiente, purtroppo, per molti aspetti non certamente in positivo. Il modello di sviluppo basato sulla grande industria, allora ancora vivo, garantiva molte migliaia di buste paga e, grazie anche ad un rilevante indotto, una condizione socio-economica sicuramente migliore di quella odierna. Quel modello di sviluppo è ormai al tramonto ed al suo posto non è stata preparata un’adeguata alternativa.

Sul piano strettamente personale, Telegamma ha segnato la mia formazione professionale per molti anni. Sono stati anni di grande responsabilità ed impegno totale, nei quali la carica di entusiasmo ha supplito spesso alle carenze strutturali e alle limitate disponibilità economiche. Ho dato e ricevuto tanto, soprattutto in termini di autonomia gestionale della redazione giornalistica che per molti anni ho avuto l’onore e l’onere di dirigere. Posso dire di non aver mai avuto pressioni di alcun genere dalla proprietà (Domenico Sirigu, mio primo interlocutore, Luciano La Mantia e l’imprenditore Paolo Cossu) e di aver portato avanti una linea editoriale completamente autonoma. Negli anni ci sono state anche incomprensioni che mi hanno portato a lasciare l’incarico, ma anche queste non hanno modificato minimamente il mio giudizio complessivo su una lunga, straordinaria esperienza professionale, che alla fine ho deciso di interrompere esclusivamente per mia scelta, per affrontare nuove avventure, con nuovi stimoli.

Oggi ringrazio tutti, dalla proprietà a tutti i collaboratori, con alcuni dei quali posso dire di aver trascorso una parte importante della mia vita professionale.

Sono passati trent’anni e sembra ieri. I ricordi restano, senza rimpianti. La vita continua.