18 August, 2022
HomePosts Tagged "Umberto Aime"

[bing_translator]

Si terrà venerdì 25 ottobre, a Cagliari, l’incontro pubblico organizzato dal gruppo consiliare regionale dei Progressisti e da “Possibile”, su urbanistica e governo del territorio in Sardegna.

«Ad ogni cambio di maggioranza del governo regionale si riapre puntualmente il dibattito sul modello di sviluppo della Sardegna e sugli strumenti urbanistici più adatti a garantirlo», sostengono i promotori dell’iniziativa», secondo i quali «il confronto su temi così rilevanti non può chiudersi all’interno del Consiglio regionale. Ritengono invece fondamentale attivare processi di confronto e partecipazione di cittadini. L’inedificabilità della fascia dei 300 metri dal mare, la tutela dei parchi e delle zone umide, dei beni culturali e degli usi civici, non sono principi che possano essere sistematicamente messi in discussione. Con i tentativi di diminuire il lotto minimo in agro – decisione che consentirebbe l’edificazione indiscriminata nelle campagne – si promuovono interventi e misure di contro-sviluppo.»

Le posizioni annunciate dagli organizzatori verranno sviluppate e dibattute a partire dalle ore 17.30 presso il Centro di Produzione per lo Spettacolo Intrepidi Monelli, in viale Sant’Avendrace 100.

L’incontro sarà articolato in due parti.
La prima avrà un carattere più tecnico e sarà introdotto da Thomas Castangia (Possibile) e coordinato da Umberto Aime (La Nuova Sardegna). Con i relatori Carlo Crespellani Porcella, Gianfranco Fancello, Barbara Cadeddu, Paolo Falqui e Sandro Roggio, verranno affrontate, tra le altre, le questioni inerenti la programmazione urbanistica, il sistema di mobilità interno dell’isola, lo sviluppo turistico e la semplificazione delle procedure.

La seconda prevede un dibattito politico, introdotto da Maria Laura Orrù, consigliera regionale e componente della commissione Governo del territorio, e coordinato da Alessandra Carta (SardiniaPost).
Interverranno Daniela Falconi (sindaco di Fonni), Francesca Ghirra (consigliera comunale di Cagliari, ex assessora alla pianificazione strategica e urbanistica), Antonio Piu (consigliere regionale, componente della commissione Governo del territorio), Renato Soru (ex governatore della Sardegna) e Massimo Zedda (consigliere regionale, ex sindaco di Cagliari).

 

[bing_translator]

Mercoledì 20 dicembre, alle ore 9.30, presso la Sala Giorgio Pisano, in Piazza Unione Sarda, la FP CGIL  Sardegna, in sinergia operativa con la delegazione Ferpi Sardegna con il primo workshop/evento dal titolo “#Donne #Lavoro #PA_#CGILComunica”, dove gli hashtag individuano il tema intorno a cui ruoteranno gli interventi/speech dei vari speakers.

«L’evento studiato e strutturato sul modello statunitense TED – sottolinea Fabiana Callai, Coordinatore Nazionale Ferpi per la comunicazione con i territori e delegata Ferpi Sardegna – nasce con l’obiettivo di riunire personalità di spicco, le menti e le idee più influenti e innovative che,  si alterneranno sul palco per condividere  sui temi delle #Donna #Lavoro e #PA, idee e progetti innovativi, idee per creare, azioni da comunicare.» Obiettivo del workshop quello di fare leva, attraverso il ruolo della comunicazione interna ed esterna sul «potere che le idee hanno di cambiare il comportamento e la vita delle persone ed il modo in cui si relazionano l’una con l’altra».

Da qui parte l’#idea di Ferpi Sardegna, attraverso FP CGIL Sardegna, di ripensare ad un nuovo modo di comunicare, da parte delle organizzazioni sindacali con i lavoratori, partendo da un ascolto costruttivo per creare solidi rapporti e relazioni con la base e organizzare l’azione collettiva affrontando i temi #Donne #Lavoro.

Temi forti e importanti soprattutto per le organizzazioni sindacali quelli in cui gli speaker si confronteranno con il pubblico, dipendenti della PA, attraverso degli interventi e speech che andranno dritti al cuore del tema del workshop, dove le  storie e idee potranno essere  d’ispirazione per tutti.  Motivo per cui sia gli speaker che il moderatore, condivideranno sul palco le loro esperienze ad alto fattore emozionale, grazie anche alle quali verrà proposto un confronto per una visione futura a lungo termine lasciando al pubblico libera interpretazione del messaggio e delle azioni da diffondere e comunicare nella Pubblica Amministrazione sui temi delle #donne nel #lavoro. Tra gli speakers personalità eccellenti, forti del loro ruolo nelle società e nel mondo del lavoro: la giornalista, caporedattrice dell’Unione Sarda, Maria Francesca Chiappe; il giudice del tribunale ordinario GIP-GUP, Cristina Ornano, la giornalista RAI_TGR, Flavia Corda, la coordinatrice nazionale comunicazione con i territori e delegata Ferpi Sardegna, Fabiana Callai, gli avvocati, Francesco Paolo Micozzi e Giovanni Battista Gallus, la deputata al Parlamento italiano, Romina Mura, la consigliera regionale Alessandra Zedda, la consigliera regionale Annamaria Busia, lo scrittore esperto PA Aldo Aledda, il giornalista della testata La Nuova Sardegna, Umberto Aime, la presidente delle pari opportunità, Gabriella Murgia, la segretaria generale nazionale FP CGIL, Serena Sorrentino, il segretario generale regionale FP CGIL, Antonio Cois, la segretaria regionale FP CGIL, Roberta Gessa. Strategico durante il workshop lo speech ironico/reale delle Lucide, le attrici Tiziana Troja e Michela Musio Sale del duo Lucido Sottile, il tutto con un moderatore speech d’eccezione, il giornalista autore Vito Biolchini.

Nasce da qui il progetto di comunicazione sindacale, #CGILComunica che si inserisce a sistema con il  più ampio progetto nazionale,  nato in Ferpi Sardegna tre anni fa e che, ha coinvolto tutte le delegazioni territoriali Ferpi. Il progetto modifica la prospettiva dell’ascolto e del confronto che,  contrariamente al solito percorso,  parte dalle esigenze e istanze dei territori e delle comunità, siano esse aziende che pubbliche amministrazioni.

La comunicazione sindacale quindi, come leva strategica che, partendo quindi da un ascolto/confronto concretizza le idee e alimenta ulteriore impegno del Sindacato nei confronti delle tutela delle Donne nel lavoro in generale e nella PA.

[bing_translator]

Un centinaio di persone hanno partecipato questo pomeriggio, negli spazi del Museo della Grande Miniera di Serbariu, alla presentazione del libro dell’ex sindaco di Roma Ignazio Marino “Un marziano a Roma”, Feltrinelli Editore, organizzata dall’associazione “Zorba il Gatto”.

Dopo i due incontri molto partecipati avuti ieri a Iglesias, prima con gli studenti del Liceo Scientifico, poi al Teatro Electra, Ignazio Marino ha raccontato la sua esperienza di primo cittadino della Capitale, rispondendo alle domande di Umberto Aime, giornalista de La Nuova Sardegna.

Un’esperienza difficile quella vissuta da Ignazio Marino, caratterizzata da un percorso molto accidentato nel tentativo di cambiare volto alla gestione dell’amministrazione della capitale d’Italia. Il chirurgo di origine genovese, 62 anni il prossimo 10 marzo, ha raccontato tanti episodi, grandi e piccoli, partendo dalla situazione debitoria creata negli anni dalle diverse amministrazioni che è arrivata alla fine del 2008 a 22,4 miliardi di euro, sanata con una legge dello Stato che prevede la distribuzione del debito su tutti gli italiani che dal 2009 e fino al 2044 dovranno pagare mezzo miliardo all’anno. Situazione debitoria che ha ripreso poi a crescere praticamente senza controllo.

Ignazio Marino ha raccontato degli ostacoli incontrati nel porre fine ad un certo andazzo, sia all’interno dell’amministrazione sia nelle partecipate e dei rapporti tra maggioranze e opposizioni nella gestione del potere. Non sono mancate le bordate all’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ma l’obiettivo principale delle sue critiche è stato l’intero Partito Democratico che ha decretato la fine della sua esperienza nelle segrete stanze, negandogli il confronto più volte sollecitato nell’aula del Consiglio comunale.

Ha parlato anche della vicenda al centro del confronto politico a Roma in questi giorni, il progetto per il nuovo stadio della Roma, sul quale si è detto sostanzialmente favorevole, e d’altronde non avrebbe potuto dire diversamente, considerato che il progetto ha iniziato il suo percorso proprio sotto la sua amministrazione. Ha ripetuto praticamente i concetti espressi in una sua lettera pubblicata due giorni fa dal quotidiano La Repubblica, sottolineando che la delibera della sua Giunta dichiarò il pubblico interesse dell’opera, condizionandolo, ovviamente, non allo stadio privato, ma alle opere connesse all’impianto sportivo e utili alla qualità della vita dei romani. In particolare ha sottolineato che prevede il potenziamento del trasporto pubblico su ferro, l’adeguamento di via Ostiense/via del Mare fino allo svincolo con il Grande Raccordo Anulare, il collegamento con l’autostrada Roma Fiumicino attraverso un nuovo ponte sul Tevere, l’intervento di mitigazione del rischio idraulico e di messa in sicurezza dell’area. Il progetto – ha sottolineato ancora – prevede un investimento di un miliardo e mezzo di euro a carico del privato, al quale non credo si possa rinunciare a cuor leggero. Il progetto, come abbiamo già riportato stamane, ieri ha ricevuto lo stop del MIBACT e la sua realizzazione è tornata fortemente a rischio.

Conclusa l’intervista, è stato dato spazio al pubblico e, rispondendo alla domanda di un osservatore, Ignazio Marino, che in precedenza aveva ricordato che quando si è candidato alle primarie, vinte senza stampare neppure un manifesto, ha strabattuto l’attuale presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e l’europarlamentare David Sassoli, e di essersi dimesso preventivamente da senatore (esempio successivamente mai seguito da nessuno dei colleghi), ha detto di essere convinto che l’esperienza di un parlamentare dovrebbe durare due mandati, quindi dieci anni, anche se poi l’affermazione risulta in contraddizione con la sua esperienza personale che riporta tre candidature e altrettante elezioni al Senato (anche se la terza non l’ha portata a termine. come detto, volontariamente).

Ha poi ironizzato sui candidati alle primarie e gli attuali componenti del Governo. «Non conviene vincere le primarie del PD – ha sottolineato – se si hanno ambizioni di arrivare al Governo, perché come si è visto Paolo Gentiloni ha perso nettamente le primarie per la candidatura di sindaco di Roma ed oggi è Capo del Governo, così come Roberta Pinotti è arrivata terza alle primarie per la candidatura a sindaco di Genova ed oggi è ministro della Difesa».

«Sono sempre stato un testardo. E i testardi possono vincere o perdere ma non riescono a galleggiare: emergono o affondano.» E’ questa una delle frasi contenute nel libro che più colpiscono. Ed effettivamente Ignazio Marino è affondato, ritornando al suo lavoro e alla sua università, negli Stati Uniti, dove ha trascorso oltre 20 anni della sua vita.

Alleghiamo un album fotografico della serata e un video con la prima parte dell’intervento di Ignazio Marino.

                                                                    

[bing_translator]

Dopo il grande successo riscosso ieri a Iglesias, prima al Liceo Scientifico, poi al Teatro Electra di Piazza Pichi, a Iglesias, il dottor Ignazio Marino, ex sindaco di Roma, incontrerà i lettori e presenterà il suo libro “Un marziano a Roma”, Feltrinelli Editore, questo pomeriggio, nella sala conferenze della Grande Miniera di Serbariu, con inizio alle ore 17.00. Organizza l’associazione “Zorba il Gatto”.

Ignazio Marino verrà intervistato da Umberto Aime, giornalista de La Nuova Sardegna.

Il libro è una narrazione appassionata della difficile impresa di amministrare la capitale d’Italia, in cui Ignazio Marino tratteggia il quadro della politica romana e nazionale. Una soggettiva sulla complessità delle decisioni quotidiane, sulla difficoltà di far accettare il cambiamento, sulle resistenze che ha incontrato e sulle vicende che hanno portato, infine, alla sua estromissione dal sistema.

«Sono sempre stato un testardo. E i testardi possono vincere o perdere ma non riescono a galleggiare: emergono o affondano.»