7 August, 2022
HomeCulturaTeatroVenerdì 23 agosto a Ilbono la seconda tappa del NurArcheoFestival 2013.

Venerdì 23 agosto a Ilbono la seconda tappa del NurArcheoFestival 2013.

Teatro ad Antas 35 Teatro ad Antas 36 Teatro ad Antas 37 Teatro ad Antas 38 Teatro ad Antas 29 Teatro ad Antas 30 Teatro ad Antas 31 Teatro ad Antas 32 Teatro ad Antas 34Teatro ad Antas 21 Teatro ad Antas 22 Teatro ad Antas 23

Dopo il successo ottenuto nel debutto al Tempio di Antas, con la rappresentazione di “All’ombra dell’ultimo sole”, secondo appuntamento per il NurArcheoFestival – Intrecci nei teatri di pietra, organizzato da Il Crogiuolo in collaborazione con il Teatro del Sottosuolo tra l’Ogliastra ed il Sulcis Iglesiente: venerdì 23 agosto 2013, alle ore 19.00, andrà in scena lo spettacolo della cooperativa Sirio, “Suoni di Sardegna: poesie, musiche e canti dal cuore dell’Isola”.

Lo spettacolo, ideato diretto e interpretato da Gisella Vacca, in scena con la chitarra di Roberto Rachel, mette insieme i testi dei più importanti poeti sardi e i canti tradizionali dell’isola rivisitati in maniera colta e accompagnati dalla musica della chitarra. Questi brani costituiscono il nucleo di un percorso più ampio che passa attraverso il racconto di frammenti di storia, strettamente intrecciata con i miti e le leggende della Sardegna.

 «Il recital comprende i versi dei poeti sardi più noti, e quelli meno conosciuti ma non meno amati; ogni piccolo centro della nostra isola racchiude infatti un tesoro: i poeti di comunità, persone solo apparentemente semplici, che hanno cantato, o cantano, con vivacità e sensibilità gli accadimenti quotidiani, dando vita nel tempo a un vero e proprio cenacolo poetico, che è stato essenziale per la salvaguardia della lingua e dell’identità. Un recital bilingue, dunque, in italiano e in sardo, dove la prosodia della parola è esaltata dalla musica delicata della chitarra, che accompagna la voce e improvvisa interessanti e arditi brani ispirati ai canti popolari della Sardegna e di altri evocativi luoghi. Ogni tanto, a stemperare la riflessione, alcuni canti tradizionali reinterpretati in maniera “colta” e scovati anch’essi nello scrigno dei nostri poeti, che cantano la nostra terra con rabbia e passione, cantano del dolore, delle ingiustizie e della povertà, dell’amore, della vita e della morte. G.V.»

Lo spettacolo sarà preceduto da una visita guidata al sito a cura della società Irei.

Sempre alle 19.00 verrà inaugurata l’installazione, appositamente realizzata per il sito di Ilbono dagli artisti Simone Dulcis e Lea Gramsdorff, “Un telaio per Maria”. Cura la sezione arti visive Alessandra Menesini.

FOLLOW US ON:
Tramonto a Seruci -
La Regione ha inviat

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT