7 December, 2022
HomeEconomiaSviluppoLa terza commissione ha sentito in audizione Anci e Asel sul Programma regionale di sviluppo (Prs).

La terza commissione ha sentito in audizione Anci e Asel sul Programma regionale di sviluppo (Prs).

Il presidente dell’Anci-Sardegna, Piersandro Scano, nel corso dell’audizione in Terza commissione sul programma regionale di sviluppo, ha sottolineato le due questioni che per gli amministratori locali rivestono carattere di essenzialità e di priorità tra gli interventi: le procedure e la macchina burocratica.

«Quale che sia il Prs – ha detto Scano –, o la Giunta che governi la Sardegna, senza interventi sulle procedure e sulla macchina burocratica regionale è facile immaginare quali saranno i risultati in termini di percentuali di spesa dei fondi e di ricaduta degli interventi».

Piersandro Scano ha quindi citato, in negativo, l’esempio della misura nazionale “strategia per le aree interne” («non si deve dare enfasi all’iniziativa perché non si può pensare di affrontare il problema delle zone interne con un’area pilota e con dotazioni finanziarie assai modeste») e quello del bando per il “Progetto di filiera sviluppo locale”, le cui domande di partecipazione scadevano lo scorso 10 ottobre («chi ha scritto quel bando dovrebbe essere destinato a compiti meno impegnativi»).

Il presidente dell’Anci ha quindi rilanciato, per quanto attiene il processo della programmazione regionale, il “modello nazionale” che si realizza nella “conferenza permanente Stato-Regioni”. Scano ha proposto la riforma della conferenza “Regione-Enti Locali” per «imperniare su di essa il nuovo rapporto tra Regione e Comuni».

L’ex assessore della Programmazione nella XII legislatura ha quindi invitato la Giunta e il Consiglio a partecipare da protagonisti alle iniziative di supporto all’azione del Governo e del Parlamento italiano, nei confronti dell’Unione Europea, perché siano modificati i parametri economici dell’Ue nel verso della crescita e della sviluppo.

Piersandro Scano ha così definito il Prs: «Un buon documento per i tempi “ordinari” ma non per chi è immerso in una profonda crisi economica e sociale che investe l’Europa, l’Italia e la Sardegna».

Il presidente dell’Asel, Rodolfo Cancedda ha auspicato la revisione delle norme che definiscono il rapporto tra Regione ed Enti Locali ed ha formulato un parere sostanzialmente favorevole al “Programma regionale di sviluppo”. Il presidente dell’Asel ha inoltre consegnato un documento scritto al presidente della Terza commissione, contenente le osservazioni e le proposte sul Prs.

Il presidente della commissione, Franco Sabatini, a conclusione degli interventi dei consiglieri Christian Solinas (Psd’Az), Efisio Arbau (La Base – Sardegna Vera), Pietro Cocco (Pd), Daniele Cocco (Sel), Gavino Sale (Irs – Misto), Giorgio Oppi (Udc), Alessandro Collu (Pd) e Attilio Dedoni (Riformatori) ha rimarcato la volontà dei commissari di procedere con il confronto sul Prs e su tutti gli altri argomenti di competenza, attraverso audizioni «poco formali ma ricche di argomentazioni forti e di proposta».

Franco Sabatini ha auspicato che «il Prs non vada incontro ad una generale sottovalutazione» ma ha ammonito sui rischi che deriverebbero all’Isola «nel ripetere gli errori del passato soprattutto per ciò che attiene i livelli e la qualità di spesa dei fondi comunitari». Il presidente della commissione ha dunque ricordato che nelle prossime settimane il Prs arriverà all’attenzione del Consiglio perché si pronunci con un’apposita risoluzione ed ha confermato la volontà della Terza commissione di presentare all’Aula una dettagliata relazione sul programma regionale di sviluppo.

Mentre è appena par
Giovedì 27 novembre

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT