2 August, 2021
HomeSanitàIl Lazzaretto di Cagliari sabato mattina ospiterà un convegno sulla sanità pubblica in Sardegna.

Il Lazzaretto di Cagliari sabato mattina ospiterà un convegno sulla sanità pubblica in Sardegna.

[bing_translator]

Il Lazzaretto di Cagliari sabato mattina, dalle ore 9.00, ospiterà un convegno sulla sanità pubblica in Sardegna. «Il popolo sardo non può fare a meno di pretendere cure mediche di qualità». È quello che si legge nella prima parte della nota-invito degli organizzatori. «Se noi sardi perdiamo la battaglia per la difesa del Sistema Sanitario Pubblico, perderemo tutte le battaglie. Il Popolo sardo non può fare a meno dell’accesso alle cure mediche gratuite e di qualità per tutti. Invitiamo i sardi a partecipare al Convegno e ad essere parte attiva in questa lotta.»

Per questo gli organizzatori dicono No alla Riforma sul “Riordino della rete ospedaliera sarda”, secondo molti «l’alibi con cui chi governa la Sardegna, in nome dei buchi di bilancio dei quali i sardi non sono responsabili, intende ridimensionare e chiudere gli ospedali dei territori disagiati in tutta l’Isola». No anche alla soppressione dei servizi per gli ammalati cronici e ai tagli esercitati da Roma a colpi di decreti ministeriali sull’assistenza primaria.

«Difendiamo dalla minaccia di chiusura le Comunità terapeutiche e le Comunità per i percorsi alternativi alla carcerazione». Il comitato prende posizione anche sulla privatizzazione del sistema sanitario pubblico e sulla difesa del diritto inalienabile alla salute a partire dai più fragili, invitando tutto l’Indipendentismo sardo ad unirsi e ad essere in prima linea in questa lotta.

Bos si faghimos lèghere sa parte in sardu: Su Pòpulu sardu non podet fàghere a mancu de aere pro totu sas curas mèdicas gratuitas e de calidade. Cumbidemus sos sardos a partetzipare a su Cunvegnu.

Ant a pigare parte a sos traballos espertos de su setore e sa Retze Sarda Sanidade Pùblica. At a sighire una dibata. Est dovere nostru amparare, totu unidos, su deretu de sos sardos a sa Sanidade Pùblica in sos tzentros urbanos e in totu sos territòrios.

NO a sa Reforma supra “Riòrdinu de sa retze ispedalera sarda”, cun s’iscusa de mancantzias in su bilantzu, de sos cales sas sardos non sunt responsàbiles, chie guvernat sa Sardigna, cheret minimare e puru cungiare sos ispidales de sos territòrios discumbeniados.

AMPAREMUS sos ispidales importantes de Casteddu, chi puru si a servìtziu de totu sa Sardigna sunt a arriscu de serrada.

NO a sa tancadura de sos servìtzios pro sos malaidos crònicos nostros.

NO a sas astrinturas a s’assistentzia primaria impostas dae Roma a corfos de Decretos Ministeriales.

AMPAREMUS de sa minetza de serrada sas Comunidades terapeuticas e sas Comunidades pro sos impreos alternativos a sa galera.

CONTRA SA PRIVATIZATZIONE DE SU SISTEMA SANITÀRIU PÙBLICU E PRO SA DEFENSA DE SU DERETU A SA SALUDE, in particulare de sos prus disacatatos, cumbidemus totu s’Indipendentismo sardu a s’unire e a èssere in innantis a totu in custu chertu.

I lavori saranno moderati dal giornalista Ottavio Olita.

Dopo i saluti delle forze politiche di Pro s’Alternativa Natzionale, interverranno come relatori, la dott.ssa Claudia Zuncheddu; Gisella Trincas, presidente ASARP; il dottor Massimo Dadea; la dott.sa Paola Correddu; il dottor Paolo Porcella.

In rappresentanza dei comitati territoriali, interverranno inoltre rappresentanti della Rete Sarda Sanità Pubblica.

Cagliari è il primo
Filippo Spanu: «Ent

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT