2 December, 2021
HomeRegioneProvinceSabatini (Pd) e Agus (ex Sel – Misto): «Province al collasso ed accantonamenti insostenibili, la Regione riapra la vertenza entrate con lo Stato».

Sabatini (Pd) e Agus (ex Sel – Misto): «Province al collasso ed accantonamenti insostenibili, la Regione riapra la vertenza entrate con lo Stato».

[bing_translator]

Circa 170 milioni di euro in meno nel 2017 con il paradosso che vede le province sarde (Sassari, Nuoro, Oristano e Sud Sardegna) con la città metropolitana di Cagliari, trasferire allo Stato 23 milioni di euro in più, rispetto a quando dovrebbe essere corrisposto a Roma per la riscossione nell’Isola dell’imposta provinciale di trascrizione auto e per l’addizionale Rc auto. A fronte di oltre 100 milioni di entrate complessive, infatti, i cinque enti territoriali sardi devono riversare in totale 123 milioni di euro (101 milioni di euro per gli effetti della legge di stabilità 2015 e 22 milioni di euro circa per le disposizioni del decreto Irpef). Il tutto mentre si confermano circa 45 milioni di euro di tagli per via della spending review (legge n. 95|2012) e lo stanziamento di 20 milioni di euro, previsto dal D.L. statale n. 50/2017 (interventi a favore  degli enti territoriali) non produrrà alcun beneficio in termini di risorse disponibili a seguito dell’applicazione dei meccanismi di contenimento della spesa pubblica cui sono obbligati anche gli enti di area vasta. A titolo di esempio: l’amministrazione provinciale di Nuoro, per il 2017, ha un saldo tributi\riversamenti negativo, pari a 6.673.000 euro che,  dopo la ripartizione proporzionale dei 20 milioni stanziati dallo Stato col decreto legge n. 50 del 24 aprile 2017, si riduce solo a 3.297.335 euro, non consentendo, dunque, la spendita di risorse per i compiti rimasti in capo alle Province: stralcio dell’erba, trasporto e assistenza disabili, servizio anti insetti, manutenzione ordinaria strade e manutenzione ordinaria scuola. Voci e competenze che ormai sono ridotte all’osso, basti pensare che per la manutenzione dell’intera rete viaria provinciale dell’Isola risultano stanziati complessivamente soltanto 4.054.204 euro.

Sono questi alcuni dei numeri snocciolati questa mattina dal presidente della commissione Autonomia, Francesco Agus (ex Sel – Misto) e dal presidente della commissione Bilancio, Franco Sabatini (Pd), nel corso di una conferenza stampa congiunta nella quale i due esponenti del centrosinistra hanno di fatto riaperto la “vertenza entrate” insieme con la “vertenza province”

«Serve un pronunciamento unanime del Consiglio regionale – ha dichiarato Franco Sabatini – perché unitariamente si riapra con lo Stato la vertenza entrate: la situazione delle province è giunta al punto di non ritorno e il peso degli accantonamenti sul bilancio regionale non è più sostenibile (684 milioni di euro circa nel 2017, con un incremento di circa 400 milioni di euro nell’ultimo quinquennio).»

«Il 2017 – ha spiegato Francesco Agus – è l’anno nero delle province che, è bene ricordarlo, non sono state abolite ma non sono messe nelle condizioni di poter operare nonostante l’incedere della scadenza del prossimo dicembre, quando i commissari saranno sostituiti dagli amministratori eletti con le cosiddette elezioni di secondo livello.»

I due consiglieri della maggioranza hanno quindi sottolineato gli impegni della Regione per garantire il finanziamento, per il tramite del fondo unico (484.705 euro nel 2017), agli Enti locali della Sardegna ed hanno denunciato il rischio che, nel cosiddetto decreto Sud, dove il governo ha annunciato lo stanziamento di 100 milioni di euro per le province italiane, la ripartizione dei fondi possa penalizzare le province ricadenti all’intero delle Regioni ad autonomia speciale.

A conclusione dei rispettivi interventi i due presidenti di commissione hanno auspicato una profonda revisione della legge Delrio («è finalizzata alla liquidazione delle province ma il referendum dello scorso dicembre le ha mantenute in vita ed è bene che se ne prenda atto una volta per tutte») e non hanno escluso che la Regione sarda possa in futuro farsi carico del finanziamento dell’intero sistema degli Enti locali: «Ma soltanto se lo Stato, contestualmente, libererà il bilancio regionale dell’insostenibile peso degli accantonamenti».

 

Vertice Prefetture -
Il Consiglio dell’

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT