1 December, 2022
HomeCulturaArteGiovedì 28 settembre verranno presentate, a Iglesias, le maglie del progetto “Una t-shirt per un sogno”.

Giovedì 28 settembre verranno presentate, a Iglesias, le maglie del progetto “Una t-shirt per un sogno”.

[bing_translator]

Giovedì 28 settembre alle ore 18.00 verranno presentate, nella sala intermedia della biblioteca di Iglesias, le maglie del progetto “Una t-shirt per un sogno” progetto coordinato dall’architetto di interni e designer Roberto Basciu, per gli utenti delle doppie diagnosi ospiti a Casa Emmaus.

Il progetto “una T-shirt per un sogno” è nato a metà maggio da un interesse mostrato dai ragazzi per la linea di abbigliamento del designer Roberto Basciu.

I componenti del laboratorio sono 8 e gli incontri si sono svolti due volte alla settimana per cinque mesi. I ragazzi sono partiti dai loro sogni e interessi personali al fine di identificare il soggetto da raffigurare nelle maglie. Nella seconda fase si è passati a raffigurare nei fogli le bozze delle immagini, anche con l’utilizzo dei colori. Immagini che sono poi state stampate sulle maglie.

I ragazzi sono stati coinvolti anche nella scelta ed allestimento della location per la mostra.

«Indubbiamente dal punto di vista umano – dice Robetto Basciu – questo è il mio “progetto” più bello, nonostante i tanti anni di carriera come architetto d’interni e designer e le pubblicazioni ed i lavori eseguiti per i grandi della moda. Mi rimarrà un ricordo indelebile fatto di complicità, di confidenze, di risate, ma soprattutto mi rimarrà una grande lezione di vita fatta di rispetto reciproco che in pochi mesi ha conquistato il mio cuore.»

«Tanto è l’entusiasmo che abbiamo intrapreso altri due progetti. Il primo legato – conclude Roberto Basciu – alla creazione di un logo per un’attività commerciale e non ultimo per importanza il disegno dei personaggi ed i fondali per un videogioco destinato alla telefonia mobile.»

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Specialisti dell’a
Il calendario delle

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT