11 May, 2021
HomeRegioneProvinceLe opposizioni in Consiglio regionale: «No al rinvio delle elezioni provinciali».

Le opposizioni in Consiglio regionale: «No al rinvio delle elezioni provinciali».

[bing_translator]

Riparte, in Consiglio regionale, lo contro politico sulle province. «Diffidiamo la Giunta dall’adottare provvedimenti di rinvio delle elezioni provinciali e di proroga dei commissari, siamo per il ritorno alla normalità democratica ed al corretto funzionamento degli enti intermedi, nell’interesse dei territori.» Lo ha dichiarato il capogruppo dell’Udc, Gianluigi Rubiu, che assieme a tutte le forze di minoranza, ha criticato con forza una recente delibera della Giunta con cui, a fronte della scadenza naturale del 31 dicembre 2018, viene fissato un termine di ulteriori 90 giorni per indire le elezioni. «Siamo preoccupati per una questione di democrazia sostanziale – ha aggiunto Gianluigi Rubiu – ma anche per un altro motivo molto concreto: attualmente le Province sono scatole vuote che hanno grandi competenze ma non le risorse per esercitarle, in materie molto importanti per i cittadini come ambiente, pubblica istruzione e viabilità».

Per il capogruppo di Forza Italia Pietro Pittalis è un fatto grave dal punto di vista politico «che si intervenga sull’organizzazione della autonomie locali dimenticando il risultato del referendum del 4 dicembre 2016 che, soprattutto in Sardegna, ha assunto dimensioni ancora maggiori rispetto al territorio nazionale». «Questo significa – ha aggiunto Pietro Pittalis – non solo che la Giunta ha dimostrato per l’ennesima volta di essere lontana dalla realtà ma che il voto popolare ha detto un’altra cosa, cioè che bisogna superare la legge regionale di riordino che ha portato alla paralisi tutti gli enti, come hanno detto gli stessi commissari nelle audizioni in commissione. Senza risorse ed investimenti – ha concluso Pietro Pittalis -, il sistema non può reggere e di questo il Consiglio deve occuparsi al più presto con un nuovo riordino che, fra l’altro, tenga conto dei cambiamenti di alcuni territori come la Gallura che giustamente esprimono istanze di autonomia mentre la Regione ha deciso addirittura di istituire una Provincia del Sud Sardegna ai confini della Città Metropolitana di Cagliari».

Dopo l’intervento del sindaco di Oristano, Andrea Lutzu, secondo il quale «dopo il referendum del 4 dicembre le proroghe delle gestioni commissariali si pongono in forte contrasto con la volontà popolare», ha preso la parola il consigliere di Forza Italia Stefano Tunis, che ha ricordato la contraddizione fra la legislazione regionale e nazionale (la cosidetta legge Delrio) ed esito voto, sostenendo che «i cittadini hanno fatto scelte diverse alle quali la legislazione si deve adeguare e deve farlo al più presto possibile. Solo in questo modo riusciremo a riavvicinare le istituzioni ai cittadini, possiamo discutere di tutto il resto ma non possiamo continuare a girare attorno ai problemi della rappresentanza».

Sulle pesanti difficoltà finanziarie delle amministrazioni provinciali si è infine soffermata la vice capogruppo di Forza Italia Alessandra Zedda. «Tutti gli enti – ha detto – sono a rischio di dissesto a causa dell’interruzione dei trasferimenti dello Stato ed è evidente che la parziale copertura di questo buco da parte della Regione non mette gli enti nelle condizioni di funzionare con un minimo di efficienza».

Imprese sarde a Los
Alle 19.00, le fanfa

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT