28 July, 2021
HomeAmbienteE’ stato sottoscritto a Carbonia un protocollo d’intesa per la creazione di un “Atlante digitale” ambientale interattivo della transizione paesaggistica di diversi territori italiani

E’ stato sottoscritto a Carbonia un protocollo d’intesa per la creazione di un “Atlante digitale” ambientale interattivo della transizione paesaggistica di diversi territori italiani

Lunedì pomeriggio, a Carbonia, è stato sottoscritto il protocollo d’intesa dai rappresentanti delle Università di Milano BICOCCA e IULM e TOR VERGATA di Roma, dal comune di Iglesias, dal comune di Carbonia, dalla Società Umanitaria, dalla Soprintendenza archivistica della Sardegna e dalla Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara, previsto per la realizzazione di un progetto di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale triennale (2020-2023), finalizzato a ricostruire la genesi e lo sviluppo del “discorso ambientalista” in Italia veicolato dai media visuali, nella convinzione che le rappresentazioni visive rivestano un’importanza cruciale in una prospettiva storica e nell’articolata influenza sulle pratiche contemporanee di educazione e prassi sostenibili.

Il progetto troverà il suo output principale nella configurazione di un cd “Atlante digitale” ambientale interattivo della transizione paesaggistica di diversi territori italiani tra i quali è stato inserito il territorio attraversato dal Cammino Minerario di Santa Barbara.

La Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara ha accolto molto favorevolmente la richiesta di collaborazione delle tre Università e intende sostenere il progetto al fine della valorizzazione gli aspetti storici, culturale, ambientale, paesaggistico e religioso del suo itinerario. Con le stesse finalità hanno deciso di sostenere il progetto il comune di Iglesias, il comune di Carbonia, la Società Umanitaria e La Soprintendenza archivistica della Sardegna.

L’accoglienza dei docenti universitari e la presentazione del progetto si è svolta simbolicamente nell’ex “Centro di Accoglienza delle maestranze”, conosciuto anche come Ostello della gioventù e/o museo multimediale delle zone umide, recentemente affidato dalla Provincia alla Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara che ha già avviato gli interventi per l’allestimento della Posada di Carbonia, nella quale verranno ospitati i pellegrini/escursionisti del Cammino Minerario di Santa Barbara e per riattivare lo stesso museo multimediale delle zone umide.

Al termine, ho intervistato Giampiero Pinna, presidente della Fondazione del Cammino Minerario di Santa

Barbara.

      

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Intervista a Gian Lu
Fabio Usai (PSd'Az):

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT