6 July, 2022
HomeRegionePiano SulcisPiano Sulcis: incontro tra Regione, Sindaci e Provincia, stamane a Cagliari, per la rimodulazione degli interventi

Piano Sulcis: incontro tra Regione, Sindaci e Provincia, stamane a Cagliari, per la rimodulazione degli interventi

Le problematiche legate al rilancio del Piano Sulcis e alla rimodulazione delle consistenti risorse ancora disponibili, sono state al centro dell’incontro convocato dall’assessore regionale dell’Industria, Anita Pili, nella sala anfiteatro della Regione, in via Roma 253, a Cagliari. Alla convocazione, con gli assessorati regionali dell’Industria, del Lavoro e della Difesa dell’Ambiente, hanno risposto 16 sindaci di altrettanti Comuni del Sulcis Iglesiente (Buggerru, Calasetta, Carbonia, Carloforte, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Perdaxius, Portoscuso, San Giovanni Suergiu, Santadi, Sant’Anna Arresi, Sant’Antioco, Villamassargia) ed il sub commissario della provincia del Sud Sardegna. L’incontro si è concluso poco dopo le 13.00. 

«E’ stata un’importante occasione di confronto per fare il punto della situazione insieme alle Amministrazioni comunali coinvolte nel Piano Sulcis, nato come strumento per lo sviluppo produttivo ed economico di quel territorio. E’ necessario un aggiornamento o un ripensamento dei progetti da realizzare, secondo le esigenze dei singoli Comuni che devono essere i veri protagonisti del Protocollo – ha detto Anita Pili al termine dell’incontro -. Dobbiamo rendere l’accordo più snello anche nelle procedure, affinché il Piano sia uno strumento utile e strategico per tutte le comunità coinvolte. La Giunta regionale è da sempre a disposizione del territorio e pronta a condividere le scelte che sono decisive per il futuro dell’Isola. Negli interventi degli amministratori ho riscontrato la voglia di ripartire insieme e i Comuni potranno contribuire a modificare i contenuti così da poter anche riformulare le risorse, tenendo conto delle mutate esigenze. A breve – ha aggiunto Anita Pili -, riceveremo le proposte dei Comuni, che poi verranno esaminate e valutate da un tavolo tecnico-politico istituito appositamente. Nel frattempo, dialogheremo con i Ministeri che nel 2012 avevano sottoscritto l’accordo, così da cominciare ad analizzare le possibilità di modifica e le risorse destinate.»

«Si tratta di un Piano che viene da lontano e che certamente merita un’accelerazione per dare risposte concrete ad un territorio che da tempo vive una difficile condizione socioeconomicaha sottolineato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis -. Per quanto riguarda l’assessorato dell’Ambiente, all’interno del Piano Sulcis ci stiamo occupando prevalentemente delle bonifiche ambientali dei siti ex minerari. Tutti i progetti che ci riguardano sono programmati, secondo le diverse fasi di progettazione e di esecuzione, alcuni sono già conclusi. Sono azioni importanti e prioritarie perché non può esserci sviluppo se in quelle aree non vengono ripristinate le giuste condizioni di salubrità. Purtroppo, non abbiamo ereditato solo i progetti, ma anche gli ostacoli e le difficoltà nell’attuazione degli interventi che sono assai complessi e intercettano competenze che si sovrappongono. I tempi della burocrazia, per esempio, non sempre dipendono dalla politica regionale, se consideriamo che il potere autorizzativo è spesso in capo al ministero della Transizione ecologica – ha concluso Gianni Lampis -. La Giunta regionale non ha mai fatto mancare la volontà di partecipare all’attuazione del Piano, in stretta collaborazione coi Comuni e l’incontro di oggi è l’ennesima conferma.»

 

FOLLOW US ON:
Sono 1.305 i nuovi p
PNRR: il comune di S

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT