7 October, 2022
HomeSpettacoloMusicaIl blues e l’afropop di Sona Jobarteh sabato sera inaugura al Teatro Romano di Notra, il XIII International Nora Jazz Festival

Il blues e l’afropop di Sona Jobarteh sabato sera inaugura al Teatro Romano di Notra, il XIII International Nora Jazz Festival

Sarà la miscela irresistibile di musica tradizionale, blues e afropop di Sona Jobarteh a inaugurare sabato 30 luglio, ore 21.30, la XIIIma edizione dell’International Nora Jazz Festival. Tra le musiciste africane più originali degli ultimi anni, Sona Jobarteh è una sensibilissima interprete della kora, l’arpa africana a ventuno corde molto diffusa nei paesi dell’Africa centro-occidentale. Nata nel 1983 a Londra, in una delle cinque principali famiglie “griot”, Sona è diventata la prima donna a utilizzare questo strumento professionalmente, rompendo una tradizione maschile che risale a oltre sette secoli fa. Ha studiato violoncello, arpa e pianoforte al Royal College of Music e ha collaborato come cantante, chitarrista e interprete della kora con importanti artisti internazionali ritagliandosi uno spazio personale caratterizzato da una vera e propria sperimentazione artistica. Famosa per la sua abilità di strumentista, la voce distinta e la grazia sul palco, Sona ha rapidamente raggiunto il successo internazionale dopo l’uscita del suo acclamato album “Fasiya” (Heritage) nel 2011. L’ultimo disco, “Gambia”, dedicato alla sua amatissima terra di origine, prosegue nell’evoluzione eclettica e decisamente originale del suo stile.

Finalmente ritornato nella sua cornice naturale, quella del teatro romano antico di Nora, il Nora Jazz Festival dedica a quattro straordinarie voci femminili la nuova edizione. Dopo le melodie afro-pop di Sona Jobarteh, giovedì 4 agosto, in cartellone l’atteso ritorno di Simona Molinari, fresca di Premio Tenco e acclamata artista nei teatri e nei jazz club più importanti d’Europa. Sabato 6 agosto, spazio alla voce penetrante di China Moses, brillante artista soul&jazz in grado di swingare coi più grandi musicisti della scena ed, emozionante chiusura, giovedì 11 agosto, con Cristina Branco, una delle più influenti artiste portoghesi degli ultimi decenni. Quattro appuntamenti di livello mondiale, complice un cartellone organizzato dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, in collaborazione con il comune di Pula, il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della Pubblica Istruzione – Assessorato del Turismo, della Fondazione di Sardegna e il supporto della Fondazione Pula Cultura.

 

Verrà presentata lu
La denuncia di Rober

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT