9 August, 2022
HomePosts Tagged "Aldo Capitini"

In occasione della Giornata Mondiale della Terra 2022, è in programma domani 22 aprile, in piazza Sella, a Iglesias, dalle 16.00 alle 20.30, l’iniziativa: Progettiamo insieme Comunità future – Giornata della Terra 2022 “Lasciatemi dire che la chiave della pace si trova vicino alla terra!” (Masanobu Fukuoka botanico e filosofo)

L’evento consiste in un incontro culturale /politico/educativo sulla relazione profonda con la Terra e le sue problematiche oggi, per perseguire uno sviluppo pacifico e sostenibile anche nel nostro territorio, con una attenzione particolare alla risoluzione dei conflitti in maniera nonviolenta.
Stiamo vivendo un momento storico che impegna ciascuna/o di noi ad assumere la responsabilità di un cambiamento profondo per affrontare le sfide di una estinzione della nostra specie di fronte alle minacce di una guerra nucleare e dei cambiamenti climatici.
Verranno presentate storie positive di denuncia ma anche di costruzione dal basso di esperienze innovative orientate alla costruzione di relazioni di pace e di società più giuste e solidali, rispettose della Terra e della vita.

Per l’occasione saranno allestiti stand e gazebo con proposte, attività laboratoriali, distribuzione di materiale informativo, dialogo e confronto.
In apertura si prevede, dalle ore 16.00 alle ore 17.00, uno spazio dedicato ai bambini/e, ai ragazzi/e, agli educatori, ai genitori con la presentazione di percorsi ed esperienze, realizzate a scuola, di educazione alla pace positiva ed alla nonviolenza e di accoglienza.
A cura degli organizzatori e con la collaborazione di docenti della scuola di primo grado, si svolgerà un’attività laboratoriale creativa per bambini intitolata “SOS pianeta Terra – codice rosso”.
Alle ore 17.15, l’autore Pasquale Pugliese, segretario nazionale del MovimentoNonviolento fino al 2019, autore di diversi blog e di “Introduzione alla filosofia della nonviolenza di Aldo Capitini”, presenterà il libro “Disarmare il virus della violenza”.
Alle 18.15/18.30 seguirà lo spazio di dialogo “Per una economia libera dalla guerra e una società inclusiva e giusta”. Si prevedono brevi interventi di 5 minuti dei portavoce di alcune esperienze significative presenti negli stand sulle tematiche della cura e della sanità pubblica, finanza etica, agricoltura e democrazia energetica, territorio e turismo lento, contrasto dell’industria bellica, riconversione della RWM nel contesto del territorio e promozione dell’economia civile con la Rete Warfree – Lìberu dae sa gherra, giornata della Terra ed azioni per fermare i cambiamenti climatici e per la giustizia climatica.
Per adesioni, informazioni, proposte di partecipazione contattare il numero 346 1227901 o scrivere alla mail scuolacivicadipolitica@gmail.com .

IMG_7366 IMG_7361

Il 7 settembre il Teatro Electra di Iglesias ospiterà “Tessiduras de Paghe”, opera tratta dal libro di Maria Erminia Satta ed Elisa Nivola.

La rappresentazione dell’opera è organizzata dal Teatro Nonviolento e dall’Ente Concerti Città di Iglesias, con il patrocinio del Comune di Iglesias, della Provincia di Carbonia Iglesias, della Fondazione Banco di Sardegna e della Regione Autonoma della Sardegna.

I gesti scenici di Maria Virginia Siriu, la chitarra di Andrea Congia ed il canto del Gruppo Tenore Murales di Orgosolo, accompagneranno gli spettatori alla riscoperta degli antichi riti di pacificazione in Sardegna.

La Sardegna si riscopre maestra di pace rievocando i suoi antichi riti di conciliazione che da sempre convivono con la più nota giustizia vendicativa. Il Popolo si oppone alle servitù militari e riscopre gli strumenti per l’edificazione di una Comunità sostenibile e resiliente. In questa prospettiva il Recital Tessiduras de Paghe, tra Parola e Musica, prende forma nella lettura dei brani e nelle azioni sceniche di Maria Virginia Siriu, nei versi di Paola Alcioni, nel canto del Tenore Murales di Orgosolo e nelle armonie di Andrea Congia.

Il Libro
“Tessiduras de Paghe”, pubblicato dal Centro Gandhi di Pisa nei Quaderni Satyagraha, è una raccolta di saggi di vari autori, comprese le due curatrici del libro, che raccontano di una Sardegna impegnata a costruire una pace fondata sul rispetto della Giustizia, dei diritti della Persona Umana e della Natura, della Costituzione. L’opera propo­ne una Sardegna intenta a tessere comportamenti e consuetudini di pacificazione attraverso cui la sua identità si apre a comprendere e a cercare di soddisfare i bisogni fondamentali e perciò stesso universali dell’Umanità.

Elisa Nivola e Maria Erminia Satta
Curatrici di “Tessiduras de Paghe”. Due donne accomunate dalla passione per l’impegno civile, sociale e culturale ispirato ai valori della nonviolenza. La prima, docente di Pedagogia all’Università di Cagliari dove fu allieva di Aldo Capitini, è deceduta nel 2008 lasciandoci un ricco patrimonio di opere e testimonianze di alto significato educati­vo. La seconda, che ha insegnato per più di un trentennio nella Scuola Media, si dedica attualmente al volonta­riato ed al servizio di formazione nell’ambito dell’Associazione Nord-Sud di Tempio Pausania.