30 September, 2022
HomePosts Tagged "Attilio Caja"

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna supera anche la Pallacanestro Varese, 93 a 87 al termine di 40′ combattutissimi, e si mantiene a contatto della capolista Virtus Segafredo Bologna, impostasi nettamente sul campo della Virtus Roma. La Dinamo si è confermata squadra vera, riuscendo a non far pesare le assenze di Jamel McLean, arrivato alla conclusione della sua breve esperienza a Sassari, e di Dwayne Evans, tenuto precauzionalmente a riposo per una leggera indisposizione fisica. Per contro, ha fatto il suo esordio l’ala lituana Paulius Sorokas, protagonista di una partita eccellente, con 13 punti, 2 su 3 da 2 punti e 3 su 6 da 3 punti.

Il protagonista assoluto della partita è stato Dyshawn Pierre, autore di 22 punti in 30’20”, 4 su 5 da 2 punti, 2 su 4 da 3 punti, 8 su 10 ai tiri liberi, 12 rimbalzi, 6 assist, 41 di valutazione. Un autentico fenomeno!

L’equilibrio in campo emerge fin dal primo quarto, concluso con la Dinamo avanti di 3 punti, 28 a 25. In avvio di secondo quarto la Dinamo tentato l’allungo, con un break di 8 a 0 ed Attilio Caja chiama il time out con la sua squadra sotto di 9 lunghezze: 36 a 27. La reazione varesina è immediata, parziale di 10 a 2 e squadre divise da un solo punto al 14′: 38 a 37. La Dinamo ha la meglio ai rimbalzi e ricostruisce un tesoretto di 7 punti al riposo, sul 50 a 43.

Al ritorno in campo è ancora la Dinamo ad allungare fino al +14 ma Varese non è mai doma e, punto dopo punto, si riporta sotto: 62 a 55 al 25′. Il punteggio è un’alternanza continua, Varese ritorna a soli 3 punti ma le triple di Michele Vitali e Curtis Jerrells riportano prontamente la Dinamo avanti di 8 lunghezze al 28′ e all’ultimo intervallo breve tra le due squadre ci sono 5 punti: 75 a 70.

Nelle battute iniziali dell’ultimo quarto Varese torna a -1 e al 35′ corona la rincorsa con il sorpasso sull’80 a 79. Il finale è un testa a testa, deciso dai tiri liberi di Marco Spissu, Stefano Gentile e Dyshawn Pierre, per il definitivo 93 a 87 che consegna alla Dinamo l’ottava vittoria consecutiva in campionato.

La Dinamo ha chiuso con 5 uomini in doppia cifra: Pierre 22, Bilan 18, Vitali 14, Sorokas 13, Gentile 10. Per Varese sono andati in doppia cifra Tambone con 22 punti, Clark 19, Simmons 13 e Jakovic 10.

«Veri e sinceri complimenti a Varese, era a due punti con la palla in mano del ko e poi non è riuscita a chiudere – ha detto a fine partita Gianmarco Pozzecco -. E’ venuta fuori una partita intensa e bellissima grazie all’ottima sfida  giocata dai nostri avversari che hanno confermato il loro valore, non a caso non sono entrati alle Final 8 solo per differenza punti. Questa sera la situazione era particolare, noi eravamo senza Evans e McLean, abbiamo messo dentro le rotazioni Sorokas e Magro, che hanno risposto benissimo disputando una partita incredibile. Questa vittoria è figlia di uno spirito di squadra e di sacrificio enorme da parte di tutti, i ragazzi vogliono vincere e – anche in una situazione complicata come quella di oggi – lo hanno dimostrato. Prima della partita avevo detto ai miei ragazzi che la nostra grande forza è nel gruppo, ma attenzione perché questo è un concetto che sulla carta sembra semplice: abbiamo la fortuna di vedere una squadra che gioca in questo modo, da giocatore vi dico che non è sempre facile scendere in campo con il cuore, loro lo fanno sempre quindi dobbiamo essere grati. Prima della partita abbiamo preferito preservare Evans che ha un’infiammazione e non volevamo rischiare che degenerasse – ha concluso Gianmarco Pozzecco -, anche se questa decisione ci è costata perché sapevamo che in questo modo le rotazioni dei lunghi sarebbero state nettamente diverse rispetto al solito.»

Dinamo Banco di Sardegna – Pallacanestro Varese 93 a 87

Arbitri: Alessandro Martolini, Fabrizio Paglialunga, Alessandro Nicolini

Parziali: 28 a 25, 22 a 18, 25 a 27, 18 a 17

Progressivi: 28 a 25, 50 a 43, 75 a 70, 93 a 87

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 8, Bilan 18, Re n.e., Bucarelli, Devecchi, Sorokas 13, Evans n.e., Magro 2, Pierre 22, Gentile 10, Vitali 14, Jerrells 6. All. Gianmarco Pozzecco.

Pallacanestro Varese: Peak 6, Clark 19, De Vita ne, Jakovic 10, Natali, Vene 6, Cervi, Simmons 13, Mayo 5, Tambone 22, Gandini n.e., Ferrero 6. All. Attilio Caja.

Miro Bilan. Fonte: www.dinamobasket.com .

Gianmarco Pozzecco. Fonte: www.dinamobasket.com .

[bing_translator]

Marco Spissu a canestro. Fonte www.dinamobasket.com .

La Dinamo Banco di Sardegna ha riscattato la sconfitta subita quattro giorni prima in campionato, espugnando il campo della Pallacanestro Varese per 79 a 69 (primo tempo 38 a 29), in gara 5 di Fiba Europe Cup.

Nella Dinamo, ancora priva di Jaime Smith, grande prestazione di Marco Spissu, 18 punti alla fine, 13 realizzati nei primi 20′. In evidenza anche Rashawn Thomas, autore di 24 punti con 5/7 da tre, 6 rimbalzi e 3 assist e Justin Carter (13 punti e 3 rimbalzi).

«Giocare con Varese non è mai facile perché è una squadra che gioca sempre con il giusto atteggiamento e la giusta mentalità, anche in una partita come quella di stasera in cui nessuna delle due squadre aveva nulla da chiedere alla classifica – ha detto a fine partita Vincenzo Esposito -. Questa sera, nonostante i problemi importanti di organico abbiamo giocato con un atteggiamento molto più intenso di domenica, soprattutto dal punto di vista difensivo. Siamo contenti per la vittoria ma la cosa di cui sono più soddisfatto è la risposta che ho avuto da giocatori che generalmente non hanno un grande minutaggio: sono entrati in campo con la giusta mentalità e il giusto atteggiamento, cosa che ci permetterà di dare riposo ai titolari e respiro nei momenti duri. Abbiamo appena recuperato Pierre, saremo ancora senza Smith e abbiamo due giocatori ancora lontani dal raggiungimento della condizione che devono essere ben inseriti nei meccanismi della squadra. Complimenti a Varese per l’atteggiamento, l’intensità e il rispetto della gara – ha concluso Vincenzo Esposito -, continuiamo questo cammino sia noi sia loro, fa piacere che siano le due squadre italiane del gruppo, e andiamo avanti.»

Pallacanestro Varese 69 – Dinamo Banco di Sardegna 79

Parziali: 15 a 18; 14 a 20; 23a 26; 17 a 15.

Progressivi: 15-18; 29 a 38; 52 a 64; 69 a 79.

Pallacanestro Varese: Archie 9, Avramovic 4, Gatto, Iannuzzi 7, Natali 3, Salumu 16, Scrubb 2, Verri, Tambone 9, Cain 7, Moore 9. All. Attilio Caja.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 18, McGee 2, Carter 13, Devecchi, Magro, Pierre 6, Gentile 3, Thomas 24, Polonara 10, Diop, Cooley 3. All. Vincenzo Esposito.

[bing_translator]

La Pallacanestro Varese ha interrotto la striscia vincente di 7 vittorie consecutive della Dinamo Banco di Sardegna (5 in campionato, 2 in Fiba Europe Cup), imponendosi nel posticipo di questa sera con il punteggio di 84 a 73 (primo tempo 46 a 33). La squadra lombarda ha controllato la partita fin dal primo quarto, chiuso avanti di 7 punti, 21 a 14, ed ha saputo neutralizzare la reazione sassarese che nella prima parte del secondo quarto ha riportato le due squadre a contatto, con un parziale di 16 a 0 tra il secondo e il terzo quarto, che ha praticamente segnato il resto dell’incontro: 70 a 55 al 30′, 84 a 73 alla fine. La Dinamo ha giocato priva di Jaime Smith e Dyshawn Pierre, quest’ultimo a referto ma non utilizzato, entrambi alle prese con problemi fisici.

La Dinamo ha chiuso con quattro uomini in doppia cifra: Justin Carter, 16 punti in 31′; Stefano Gentile, 13 punti in 27′; Jack Cooley e Rashawn Thomas, 12 punti a testa, rispettivamente in 25′ e 33′. Nella Pallacanestro Varese, il miglior realizzatore è stato Aleksa Avravomic, 23 punti in 31 minuti.

«Varese questa sera ha portato in campo ciò che forse gli era mancata nelle ultime giornate, ovvero aggressività e cattiveria, cose che coach Caja aveva chiesto ai suoi insieme alla durezza fisica che abbiamo subito – ha detto a fine partita Vincenzo Esposito -. Non sono preoccupato per il discorso offensivo della squadra ma credo che possiamo fare molto meglio in difesa; credo sia normale prendere degli svarioni con due assenze importanti e due nuovi arrivati da poco più di una settimana. Questa sera Varese ha controllato meritatamente per più del 90% della gara, per demeriti nostri ma anche per grossi meriti loro. Hanno giocato una partita aggressiva, tosta fisicamente e, sebbene noi non abbiamo registrato tante palle perse, sono stati bravi a darci arrivare in tante azioni con pochi secondi alla fine. Noi dovevamo essere più fisici, quando abbiamo provato a farlo ci siamo caricati di falli. Sappiamo che c’è da lavorare, abbiamo la priorità di inserire al meglio i nuovi soprattutto difensivamente e recuperare gli infortunati: speriamo di recuperare almeno Pierre per la prossima gara di campionato. Si va avanti, il campionato è lungo ed è appena iniziato il girone di ritorno – ha concluso il coach sassarese -. Dispiace perdere ma la testa è già alla gara di mercoledì, resettiamo tutto e da domani si inizia a preparare la gara di Coppa.»

Pallacanestro Varese 84 – Dinamo Banco di Sardegna 73

Parziali: 21 a 14; 25 a 19; 24 a 22; 14 a 18.

Progressivi: 21 a 14; 46 a 33; 70 a 55; 84 a 73.

Pallacanestro Varese: Archie 4, Avramovic 23, Gatto, Iannuzzi, Natali 5, Salumu 6, Scrubb 9, Verri, Tambone 14, Cain 12, Moore 11. All. Attilio Caja.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 7, McGee 8, Carter 16, Devecchi, Magro 2, Pierre, Gentile 13, Thomas 12, Polonara 3, Diop, Cooley 12. All. Vincenzo Esposito.

[bing_translator]

Dopo la bella e sfortunata prova fornita domenica pomeriggio con l’imbattuta capolista Olimpia Milano in campionato, la Dinamo Banco di Sardegna si rituffa nel clima continentale, con il derby casalingo che l’opporrà alle 20.30 alla Pallacanestro Varese, nella seconda giornata del secondo turno di Fiba Europe Cup. Entrambe le formazioni arrivano a questo appuntamento da una vittoria nella prima partita del gruppo K e dopo essersi già incontrate nella seconda giornata di campionato. In quell’occasione si impose con autorità la Dinamo, con il punteggio di 71 a 60. Rispetto ad allora la squadra allenata da Attilio Caja è cresciuta molto ed ha scalato diverse posizioni in classifica, fino al terzo posto, alle spalle di Olimpia Milano e Reyer Venezia, con ben sette vittorie e tre sconfitte.

La partita di questa sera si annuncia molto equilibrata e fonte di spettacolo per il pubblico del PalaSerradimigni, sempre generoso nei confronti dei suoi beniamini.

Achille Polonara.

[bing_translator]

Fonte: http://www.dinamobasket.com/.

La Pallacanestro Varese passa al PalaSerradimigni (87 a 91, primo tempo 39 a 52) e complica la corsa della Dinamo Banco di Sardegna verso i play-off.

La squadra di Attilio Caja ha costruito la sua vittoria nel primo tempo, chiudendo il primo quarto avanti di 5 punti, 27 a 22, ed il secondo di 8, 25 a 18 (39 a 52 al riposo). Al ritorno in campo dopo l’intervallo lungo, Federico Pasquini ha dato la scossa ai suoi, e la squadra ha dato segnali di reazione, riuscendo a riportarsi in parità (62 a 62) al 29′ con una schiacciata di Achille Polonara (20 punti in 38′ con 3 su 5 da 2 punti, 4 su 7 da 3 punti, 2 su 2 ai tiri liberi, 5 rimbalzi, 2 stoppate, 3 assist, 29 di valutazione) e grazie alle ottime giocate di Joshua Bostic (24 punti, 2 su 4 da 2 punti, 5 su 9 da 3 punti, 5 su 6 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 5 assist, 1 stoppata, 28 di valutazione), Rok Stipcevic (15 punti, 4 assist) e Marco Spissu (11 punti, 4 assist), ed ha chiuso il terzo quarto a -7 (parziale di 23 a 16 per il 62 a 68), anche nell’ultimo quarto s’è riportata a -1 (71 a 72 al 34′ con una tripla di Joshua Bostic) ma poi ha subito ancora l’offensiva lombarda condotta da un super Wells, miglior realizzatore dell’incontro con 27 punti ed ha ceduto di misura: 87 a 91..

Il coach della Dinamo Banco di Sardegna Federico Pasquini commenta così la gara: «Complimenti a Varese, una squadra che nel 2018 sta dimostrando quello che è il suo valore e lo ha dimostrato anche questa sera perché onestamente, a parte 4-5 minuti a fine primo quarto inizio secondo quarto – quando siamo un po’ mancati a livello difensivo e ci siamo un po’ disuniti – siamo sempre stati molto presenti.  Abbiamo però giocato contro una squadra in grande fiducia e questa sera hanno fatto tantissimo canestro, con l’uomo addosso, le mani in faccia. Nel terzo e quarto quarto abbiamo fatto un grande sforzo per tornare in partita ma anche lì quando li abbiamo raggiunti nel punteggio hanno avuto sempre grande freddezza e grande lucidità per andare avanti. Bisogna riconoscere il merito di questa vittoria anche agli avversari perché hanno giocato una partita veramente di alto livello. Complimenti a loro, sono stati molto bravi a livello difensivo, sporcando palleggi e uscite che ci hanno fatto soffrire parecchio e disinnescato molti dei nostri. Varese è una protagonista straordinaria di questo campionato e lo dimostra il percorso che ha fatto fin qui, specie contro le grandi».

Dinamo Banco di Sardegna 87 – Pallacanestro Varese 91

Parziali: 22 a 27, 17 a 25, 23 a 16, 25 a 23.

Progressivi: 22 a 27, 39 a 52, 62 a 68, 87 a 91.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 11, Bostic 21, Bamforth 7, Planinic  4, Devecchi, Pierre 2, Jones 4, Stipcevic 15, Hatcher, Polonara 20, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini.

Pallacanestro Varese. Avramovic 6, Bergamaschi, Natali, Vene 6, Okoye 27, Tambone 3, Cain 12, Delas 6, Ivanaj, Ferrero 9, Wells 17, Larson 5. All. Attilio Caja.

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna è tornata. Dopo la brillante vittoria in Champions League sull’Hapoel Holon, stasera in campionato ha “asfaltato” la Pallacanestro Varese sul suo campo, con Achille Polonara ancora migliore in campo: 82 a 61 (primo tempo 44 a 38). Per i biancoblu si tratta della prima vittoria esterna stagionale in campionato.

Ancora indisponibile Rok Stipcevic, Federico Pasquini ha schierato un quintetto con Bamforth, Pierre, Jones, Hatcher e Polonara, e la squadra ha iniziato alla grande, chiudendo il primo quarto avanti di ben 11 punti, con percentuali al tiro eccellenti: 27 a 16.

Nel secondo quarto la Pallacanestro Varese si è riavviciniata fino al -6 con Okeye, Ferrero e Cain ma la Dinamo ha riallungato con i canestri di Achille Polonara e Scott Bamforth. Finale di quarto equilibrato con la Dinamo avanti al riposo sul 44 a 38.

Chi si aspettava un terzo quarto con Varese in rimonta, è rimasto sorpreso dall’impatto devastante della Dinamo che ha piazzato un break di 11 a 2, arrivando al massimo vantaggio di +16. Prima Pierre e Polonara, poi Spissu e Jones, hanno allungato ancora. Una schiacciata di Achille Polonara ed il canestro allo scadere di Scott Bamforth hanno fissato il punteggio sul 46 a 62 al 30’, con un parziale di 18 a 8!).

L’ultimo quarto è stato un vero e proprio show dei “bombardieri” della Dinamo dai 6,75, Bamforth, Polonara e Hatcher. Nel finale c’è stata gloria anche per Jonathan Tavernari, autore di 5 punti (1 su 1 da 2 punti, 1 su 1 da 3 punti), per il 61 a 82 finale.

Nella Dinamo il migliore è stato Achille Polonara, con 11 punti (1 su 1 da 2 punti, 3 su 6 da 3 punti, 8 rimbalzi, 6 assist, 2 stoppate, 22 di valutazione; in doppia cifra anche Scott Bamforth (19 punti, 4 su 8 da 2 punti, 3 su 6 da 3 punti, 2 su 3 ai tiri liberi, 2 rimbalzi, 3 assist, 16 di valutazione) e Shawn Jones (10 punti, 5 su 8 da 2 punti, 0 su 2 ai tiri liberi, 9 rimbalzi, 2 assist, 15 di valutazione).

Pallacanestro Varese 61 – Dinamo Banco di Sardegna 82

Parziali: 16-27; 22-17; 8-18; 15-20.

Progressivi: 16-27; 38-44; 46-62; 61-82.

Pallacanestro Varese. Avramovic 7, Bergamaschi, Pelle 8, Natali 2, Okoye 11, Seck, Tambone, Cain 11, Ferrero 6, Wells 8, Waller 6, Hollis 2. All. Attilio Caja.

Banco di Sardegna. Spissu 7, Bamforth 19, Planinic 6, Devecchi, Randolph 8, Pierre 9, Jones 10, Hatcher 7, Polonara 11, Picarelli, Tavernari 5. All. Federico Pasquini.

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna sbanca il Pala2A di Masnago e con la quarta vittoria consecutiva aggancia Reggio Emilia al 4° posto. Trascinata da un superlativo Rok Stipcevic, dopo 20’ in perfetto equilibrio (42 pari all’intervallo lungo), i ragazzi di Federico Pasquini hanno trovato nella terza frazione l’energia e l’aggressività per mettere la testa avanti al 30’ e trovare il break nell’ultima frazione che vale la vittoria.
Mvp indiscusso dell’incontro un Rok Stipcevic in grande spolvero, autore di 21 punti, con 8/8 dalla lunetta, 6 rimbalzi, 3 assist e 29 di valutazione in 27 minuti (è stato il giocatore più impiegato da Federico Pasquini che anche oggi ha alternato sul parquet con grande equilibrio ben dieci giocatori). Doppia cifra anche per David Bell (13 punti, 8 dei quali nel primo quarto, con due triple), determinante nel primo tempo, bene Brian Sacchetti (10 punti, 5 rimbalzi e 3/3 nelle triple). Ottimo apporto dalla panchina di Josh Carter, autore di 9 punti con 3/4 da tre e Lorenzo D’Ercole, a segno con due bombe fondamentali nella quarta frazione. Tau Lydeka con 5 rimbalzi ha raggiunto quota 800.

La Dinamo domani farà rientro in Sardegna, dove si metterà al lavoro in vista della sfida decisiva nella Basketball Champions League, contro il Partizan Belgrado, in programma mercoledì, alle 18.00, al PalaSerradimigni di Sassari.

«E’ stata una partita durissima come immaginavo contro una squadra che è profondamente cambiata – ha commentato a fine partita Federico Pasquini -. Vincere qui d’ora in poi sarà molto duro a prescindere dalla classifica di oggi. Siamo stati bravi perché abbiamo recuperato energie fisiche dal viaggio in Germania e dai viaggi dai viaggi di questi dieci giorni, siamo stati bravi a concentrarci sulle forze e sulle qualità di Varese. Nel secondo tempo abbiamo eseguito bene quella che era la nostra idea di partita quindi cambiare le difese, passando da uomo a zona e raddoppi improvvisi, non lasciando agli avversari punti di riferimento classici. Abbiamo fatto un buon lavoro a rimbalzo contro una squadra che in questo periodo stanno lavorando bene. Complimenti ai ragazzi – ha concluso il coach sassarese -, hanno lavorato bene, stasera ce la godiamo poi abbiamo 48 ore per preparare questa sfida con il Partizan da dentro fuori.»

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna inizia questa sera a Varese, inizio ore 18.15, il girone di ritorno della regular season della A1 di basket. Un match contro un avversario ostico, deciso a riscattare il brutto girone d’andata di fronte al proprio pubblico. Per questa ragione al PalaA2 di Masnago sarà fondamentale, per Jack Devecchi e compagni, avere il giusto approccio alla partita.

«Andiamo a giocare contro squadra che nelle ultime due settimane ha fatto due ottime partite in Champions League – ha sottolineato in conferenza stampa coach Federico Pasquini – è un gruppo che sta trovando equilibrio, in questo momento è una squadra molto aggressiva a livello difensivo e molto presente sotto i tabelloni, con Anosike sempre presente a rimbalzo e Pelle che fa un grandissimo lavoro di intimidazione sopra il ferro. Sappiamo qual è la qualità degli esterni, Eyenga lo conosciamo, e poi c’è Maynor che mette in ritmo tutti, è un ottimo passatore. E, soprattutto, c’è l’arrivo di Johnson che, passate le prime settimane in cui doveva conoscere i compagni, nelle ultime partite è stato molto convincente, molto presente soprattutto in situazioni di tiro da fuori e di transizione. Varese è sicuramente una da temere, diversa da quella che era un po’ di tempo fa, per cui dovremo esser bravi ad approcciarla bene.»

 Dopo un avvio di stagione non facile i lombardi hanno cambiato la panchina dove è arrivato coach Attilio Caja, chiamato a sostituire Paolo Moretti. Salutato il giocatore Melvin Johnson alla Openjobmetis è arrivato Dominique Johnson. La chiave del sistema biancorosso è il trio di giocatori composto dall’ex di giornata Christian Eyenga, il play Eric Maynor e l’ala Kristian Kangur che si ritrovano a Varese, dopo un anno di transizione, dove hanno già giocato insieme. Nel roster troviamo il centro OD Anosike, già miglior rimbalzista del campionato italiano, il play macino Aleksa Avramovic, il centro classe 1993 Norvel Pelle e il gruppo di italiani di esperienza costituito da Massimo Bulleri, Luca Campani e Daniele Cavaliero. Varese arriva da due buone gare disputate in Basketball Champions League, dalle quali sono emersi importanti segnali di ripresa nonostante sia il fanalino di coda della classifica di serie A.