5 December, 2022
HomePosts Tagged "Corrado Altieri"

[bing_translator]

 

Nei primi anni novanta ha dato vita al progetto TH26 con cui ha aperto concerti per nomi prestigiosi della scena internazionale come Pan Sonic, Labradford, Pan American e In The Nursery, ma la sua ricerca è iniziata in pieno periodo post-punk nella seconda metà degli anni Ottanta, per poi dedicarsi alle sonorità elettroniche dal post-industrial alla sperimentazione più estrema di matrice noise. Corrado Altieri, musicista elettronico di spicco della scena musicale cagliaritana, sarà il protagonista sabato 18 novembre alle 20.30 del 9° appuntamento di Hangar, il laboratorio di idee e ricerca espressiva curato da Brigata Stirner e MayMask nel consueto spazio culturale di via Giardini 149 a Cagliari.

In attività da trent’anni, membro di numerosi altri importanti progetti come Uncodified, Kilgore Plan, Chandor, Chasma, Monosonik, e protagonista di innumerevoli collaborazioni con musicisti italiani e internazionali, porterà per questa occasione un live-set frutto della sua personale ricerca sulle sonorità noise ed elettroniche prodotte con macchine analogiche.

Il concerto sarà supportato da una installazione video curata da un altro nome di riferimento della scena elettronica, /Svart1.

Adri e Antonio

Domenica 16 novembre 2014, alle ore 19.00, all’Arco Studio di via Portoscalas 17, Cagliari, per la stagione di Musica da camera de Il Crogiuolo, si terrà il concerto Experiment 2, con Adriano Orrù al contrabbasso e Antonio Pinna alle percussioni.

Adriano Orrù e Antonio Pinna collaborano dal 2011 quando insieme a Mario Faticoni e Clara Murtas diedero vita a “Isola di Pietra” sonorizzando le poesie di alcuni dei più significativi poeti sardi. In seguito hanno collaborato al progetto “Geometrie Variabili” insieme a Silvia Corda ed Elia Casu. Questo quartetto ha prodotto nel 2013 il CD “The Breath”. Experiment 2, che viene presentato per la prima volta all’Arco Studio, è un duo atipico (contrabbasso e percussioni) in cui l’essenza del progetto è il dialogo tra due strumenti emancipati finalmente dal ruolo subalterno di “accompagnatori” per assumere, a turno o insieme, quello di solisti.

Adriano Orrù è un contrabbassista che si occupa di jazz, di improvvisazione radicale, di musica da camera e progetti multimediali. Ha collaborato in varie formazioni con Giancarlo Schiaffini, Paolo Fresu, Tony Oxley, Lenka Zupkova, AN MOKU, Ettore Fioravanti, Roberto Cipelli, Marco Tamburini, Tino Tracanna, Andy Gravish, Tim Hodkinson, Paulo Chagas, Joao Pedro Viegas, Mauro Sambo, Marcello Magliocchi, Victor Nubla, White Noise Generator, Moex, Simon Balestrazzi, Silvia Corda, Takatsuna Mukai, Henning Frimann, Renato Ciunfrini, Guro Skumsnes Moe, Håvard Skaset, Angelo Contini, G.P. Campus, Corrado Altieri, Monica Serra, Mauro Cossu, Clara Murtas, Stella Veloce, Sebastiano Meloni, Alessandro Garau, Alessandro Olla, Paolo Angeli, Manuel Attanasio, Elia Casu, Mauro Usai, Paolo Sanna, Roberto Pellegrini, Carla Onni, Giacomo Calabrese, Enrica Spada, Sara Marasso, Mario Faticoni, Rita Atzeri.

Antonio Pinna dal 2002 inizia ad avvicinarsi al mondo del Teatro collaborando come percussionista a diversi reading musicali e spettacoli teatrali. Nel 2006 frequenta i seminari estivi di Nuoro jazz con Ettore Fioravanti, e nel 2007 frequenta i seminari di Sant’Anna Arresi con Roberto Dani, Butch Morris, Umberto Petrin. Partecipa ai seminari di canto difonico dei maestro vietnamita Tran Quang Hai, e alle masterclass di tecnica per Zarb di Francois Bedel e Mohsen Kasirossafar. Attualmente prosegue il lavoro di ricerca del suono, sonorizzazione di reading e di improvvisazione radicale.