5 December, 2021
HomePosts Tagged "Elena Cornalis" (Page 3)

[bing_translator]

Venerdì 23 novembre, alle 18.00, nel Centro culturale “Antonio Pazzola”, in via Farina a Sennori, sarà presentato alla cittadinanza il progetto “In Mare Sicuri”. Si tratta di un’iniziativa cui il comune di Sennori partecipa come partner, insieme con i Comuni di Sassari e Macomer, per consentire a 210 ragazzi tra i 10 e i 16 anni di età, che si trovano in situazioni di disagio sociale o economico, di emarginazione, disabilità, o siano a rischio sociale, di avvicinarsi alle discipline acquatiche del nuoto, salvamento e vela.

Il progetto, arrivato terzo nella graduatoria nazionale di un bando del ministero dello Sport, è curato da Eleonora Palmas, che ne è anche l’ideatrice, da Asd Sporter Sassari Nuoto e Asd Centro velico Asinara. Tutti i ragazzi che aderiranno all’iniziativa potranno usufruire di un anno di attività gratuite che si svolgeranno a Macomer, nella piscina comunale, e a Sassari, nelle piscine di Lu Fangazzu, Latte Dolce e Canopoleno.

All’incontro di presentazione parteciperanno il sindaco, Nicola Sassu, l’assessore dello Sport e politiche giovanili, Salvatore Piredda, la consigliera con delega alla Cultura, Elena Cornalis, la coordinatrice del progetto, Eleonora Palmas, ed i rappresentanti della Sporter Sassari Nuoto e del Centro velico Asinara.

[bing_translator]

Sennori offre le sue bellezze storiche e naturali ai novelli sposi per celebrare le loro nozze. Il Consiglio comunale, su proposta della delegata al Turismo, Elena Cornalis, ha approvato il nuovo regolamento per i matrimoni, contemplando la possibilità che gli sposalizi possano essere celebrati in luoghi diversi dalla sala consiliare del Municipio. Per questo il documento, redatto dagli operatori dell’assessorato del Turismo, ha individuato i siti da mettere a disposizione per la funzione matrimoniale: le Domus De Janas nel cuore del paese, la terrazza dell’Ex Cava di tufo, i giardini di San Giovanni, Casa Sisini, il giardino e l’Auditorium “Antonio Pazzola” del centro Culturale di via Farina.

«Con questo provvedimento si vuole favorire gli investimenti in un settore turistico che sta riscontrando sempre maggior successo in Sardegna – spiega Elena Cornalis -. Sono tante le coppie che scelgono la nostra Isola per sposarsi con il rito civile, e per le cerimonie cercano proprio siti storici e naturalistici come quelli che abbiamo individuato nel nuovo regolamento». Siti che saranno messi a disposizione degli sposi gratuitamente: «Vogliamo fare in modo che il nostro territorio diventi meta turistica, generando così un circuito economico in grado di coinvolgere le attività produttive e le strutture ricettive del territorio, e di far conoscere la cultura e le tradizioni di Sennori».

[bing_translator]

 

«E’un progetto particolarmente significativo che ha l’obiettivo di diffondere fra i giovani, attraverso un originale percorso didattico e di conoscenza, la consapevolezza di una memoria storica che rischia di estinguersi con le testimonianze dei protagonisti». Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau presentando l’edizione 2018 del progetto “Viaggi della Memoria”, organizzato dall’Arci Sardegna, con il patrocinio ed il sostegno dello stesso Consiglio regionale e dell’assessorato della Pubblica istruzione.

La memoria dell’immane tragedia dei campi di concentramento nazisti, ha proseguito il presidente del Consiglio, «è invece viva ed attuale e lo stesso presidente della Repubblica Sergio Mattarella ne è stato recentemente autorevole interprete, nominando senatrice a vita la signora Liliana Segre, esponente della comunità ebraica ed ex deportata nel campo di Auscwitz-Birkenau».

Il segretario regionale dell’Arci Sardegna Franco Uda, dopo aver ricordato che dal 2012 il progetto “Viaggi della Memoria” ha consentito a 500 studenti sardi provenienti da 40 Comuni di conoscere la realtà concentrazionaria nazista, ha sottolineato che la principale finalità dell’iniziativa è quella di «aiutare i giovani ad essere attivi nelle loro comunità, conoscendo la storia e trasmettendo la memoria senza rinunciare a sperimentare nuovi mezzi e linguaggi». Perché, ha aggiunto citando Gramsci, bisogna insegnare ai ragazzi “ad essere partigiani”, nel senso che devono “prendere parte” alla vicende della società in cui vivono senza ripiegare nell’individualismo.

All’incontro sono intervenuti fra gli altri, il presidente regionale dell’Arci Marino Canzoneri, il Capo di Gabinetto dell’assessorato della Pubblica istruzione Enrico Murgia, il Sindaco di Gonnesa Hansel Christian Cabiddu, l’assessore alla Cultura del comune di Sennori Elena Cornalis, ed i giovani Claudio Lissona di Capoterra, uno dei tutor del progetto, e la studentessa Daniela Grosso di Carloforte.

Questi i Comuni sardi che hanno aderito all’iniziativa: Banari, Capoterra, Carloforte, Gavoi, Gonnesa, Guspini, Iglesias, Lodine, Masainas, Pabillonis, Portoscuso, San Teodoro, Sant’Antioco, Sarule, Sassari, Sennori, Villacidro e Villamassargia.

 

[bing_translator]

Si è concluso con una grande festa il 1° Campionato regionale CSEN di Football Integrato. L’ultima giornata di gare si è svolta venerdì a Sennori e ha visto trionfare la Sporty ASD APS di Oristano, che ha conquistato la vetta della classifica al termine di cinque turni di incontri. La giornata di venerdì ha fatto registrare altre due vittorie, annunciate direttamente dalla presidente nazionale dell’Associazione italiana Football Integrato, Leonina Benigni e dal presidente regionale, Francesco Corgiolu: Sennori è stata nominata Città italiana del Football integrato, e la Sardegna sarà candidata ufficialmente a ospitare i prossimi Campionati europei della nuova disciplina che unisce sport e integrazione sociale.

Il campionato, organizzato dal Comitato regionale Sardegna del CSEN, con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, è il primo esempio in Italia di una nuova disciplina sportiva che consente la pratica dello sport ad atleti disabili e non disabili insieme, grazie a un regolamento ideato dal Centro Sportivo Educativo Nazionale e diffuso in Europa con il progetto europeo “La nuova frontiera dello sport per tutti”.

Lo sport integrato rappresenta la piena realizzazione del principio dell’inclusione: risulta un formidabile strumento per uscire dall’isolamento e dalla solitudine e un buon metodo per attivare o recuperare abilità fisiche e relazionali. Questa disciplina sportiva è stata ideata per permettere a persone con e senza disabilità di giocare nella stessa squadra, consentendo la partecipazione attiva al gioco di atleti, uomini e donne, con qualsiasi tipo di abilità e disabilità (fisica e/o mentale). Fianco a fianco, disabile e non disabile, gareggiano, ognuno con le proprie abilità, ad armi pari. Nella squadra il “peso” dell’atleta disabile è pari a quello di ogni altro atleta, grazie alla complementarità dei ruoli che valorizza la diversità delle condizioni fisiche, tecniche e intellettive. Tutto questo è possibile grazie a tre soluzioni tecniche previste dal regolamento:

1) I ruoli: ogni giocatore ha un ruolo definito dalle sue competenze motorie e si confronterà sportivamente con un avversario dello stesso livello; questi ruoli sono numerati da 1 a 5 e hanno regole proprie;

2) lo spazio: introduzione di porte laterali in aggiunta a quelle di fondocampo e zone protette previste per garantire il tiro nelle porte laterali;

3) il materiale: la possibilità di sostituzione della palla regolamentare con una palla di dimensione e peso ridotti in determinate situazioni di gioco.

Venerdì a Sennori, al termine delle partite, si è svolta la cerimonia di premiazione durante la quale i presidenti nazionale, Leonina Benigni, e regionale, Francesco Corgiolu, hanno premiato con coppa e medaglie non solo la squadra vincitrice del torneo, ma anche tutti i partecipanti, in piena linea con lo spirito di inclusione e coinvolgimento della manifestazione. Sono state quindi premiate le società Il Gabbiano Onlus ASD (Oristano), Associazione Aquile in sicurezza Onlus (Alghero), Gli Equilibristi Onlus ASD (San Giovanni Suergiu), Sporty ASD APS (Oristano), ASD Una ragione in più (Oristano), Special Team del Liceo “Galilei” (Macomer).

Alla premiazione ha partecipato anche il consigliere regionale Roberto Desini, e l’Amministrazione comunale di Sennori, con il sindaco, Nicola Sanna, il vice sindaco Mario Satta, gli assessori Tore Piredda, Maria Ladinetti, Elena Cornalis e Giovannino Mannu.

Questi i risultati dell’ultima giornata e la classifica finale del campionato:

Aquile Onlus – Una Ragione in più 19 a 6

Gli Equilibristi – Special Team 2 a 5

Il Gabbiano – Sporty 7 a 7

Classifica

  • Sporty 13
  • Il Gabbiano 11
  • Aquile Onlus 9
  • Special Team 6
  • Gli Equilibristi 4
  • Una ragione in più 0

[bing_translator] 

Inizia domani a Sennori la tre giorni organizzata dal Comitato provinciale di Sassari del Centro Sportivo Educativo Nazionale (CSEN) per le finali nazionali Open di scacchi. Sperimentando la formula sport-turismo per promuovere il territorio e allungare la stagione turistica in Sardegna, il CSEN, in collaborazione con l’assessorato regionale al Turismo, l’assessorato regionale allo Sport, e il Comune di Sennori, accoglierà i migliori scacchisti italiani nell’impianto sportivo comunale di Montigeddu, in via Massarenti; alla fine di cinque turni di gare (inizio primo turno domani alle 12) saranno assegnati ben sei titoli nazionali: Campione nazionale Csen; Campione nazionale Csen under 16; Campione nazionale Csen over 50; Campione nazionale Csen terza categoria; Campione nazionale Csen Seconda categoria; Campione nazionale Csen Prima categoria. A questi si aggiungeranno i premi per il Torneo Under 16 NC.

All’inizio della manifestazione sarà distribuito materiale promozionale elaborato in collaborazione con l’Associazione Italiana Turismo Responsabile, con l’obiettivo di sostenere azioni di coinvolgimento tra i partecipanti all’evento, finalizzate a favorire un turismo sportivo responsabile, attento alle relazioni sociali verso la comunità locale di accoglienza, nel rispetto dell’ambiente e della cultura locale.

I partecipanti e i loro accompagnatori potranno conoscere le tradizioni e i prodotti del territorio grazie agli stand che ospiteranno i gli imprenditori artigianali e agricoli locali, allestiti all’interno del palazzetto. Ci saranno anche info point con tutte le informazioni turistiche e logistiche che riguardano l’Isola. Saranno proposti anche dei veri e propri pacchetti turistici per approfittare a pieno dei tre giorni della manifestazione: Sassari, visita della città e dei monumenti; visita delle aziende agricole locali del vino e dell’olio; visita storica guidata di Sennori; visita delle domus de janas dell’orto del Beneficio parrocchiale. I partecipanti alle finali, gli arbitri, i dirigenti e gli accompagnatori saranno accolti ufficialmente dai dirigenti nazionali e regionali del CSEN, dal sindaco di Sennori, Nicola Sassu, dall’assessore comunale allo Sport, Salvatore Piredda, dalla consigliera comunale con delega alla Cultura, Turismo e Archeologia, Elena Cornalis. Ad allietare la manifestazione ci saranno la banda musicale Città di Sennori, il Coro delle Voci bianche, e figuranti con il costume tradizionale di Sennori, che animeranno anche la cerimonia di premiazione fissata per domenica 23 ottobre, alle ore 13.00. L’ingresso alla manifestazione è gratuito.

[bing_translator]

openscacchicsen

Lanciando l’accoppiata sport e turismo per promuovere il territorio e allungare la stagione turistica in Sardegna, il Comitato provinciale di Sassari del CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) ha organizzato a Sennori le finale nazionali Open Scacchi: dal 21 al 23 ottobre, nel comune della Romangia, gli 80 scacchisti più forti d’Italia si sfideranno a colpi di tattica astuzia e pazienza per conquistare il titolo nazionale nelle diverse categorie.

L’evento si svolgerà nell’impianto sportivo comunale di Montigeddu, in via Massarenti, e alla fine di cinque turni di gare saranno assegnati ben sei titoli nazionali: Campione nazionale Csen; Campione nazionale Csen under 16; Campione nazionale Csen over 50; Campione nazionale Csen terza categoria; Campione nazionale Csen Seconda categoria; Campione nazionale Csen Prima categoria. A questi si aggiungeranno i premi per il Torneo Under 16 NC.

All’inizio della manifestazione sarà distribuito materiale promozionale elaborato in collaborazione con l’Associazione Italiana Turismo Responsabile, con l’obiettivo di sostenere azioni di coinvolgimento tra i partecipanti all’evento, finalizzate a favorire un turismo sportivo responsabile, attento alle relazioni sociali verso la comunità locale di accoglienza, nel rispetto dell’ambiente e della cultura locale.

Grazie alla collaborazione fra l’assessorato regionale al Turismo, l’assessorato regionale allo Sport, il comune di Sennori e il CSEN, le gare avranno un corollario d’eccezione, studiato per creare un binomio perfetto fra sport e turismo, in modo da promuovere le bellezze naturali e le tradizioni della Sardegna. Accanto ai tavoli con le scacchiere saranno allestiti stand che ospiteranno i produttori artigianali e agricoli locali, con le loro specialità, info point con tutte le informazioni turistiche e logistiche che riguardano l’Isola. Saranno proposti anche dei veri e propri pacchetti turistici per approfittare a pieno dei tre giorni della manifestazione: Sassari, visita della città e dei monumenti; visita delle aziende agricole locali del vino e dell’olio; visita storica guidata di Sennori; visita delle domus de janas dell’orto del Beneficio parrocchiale. I partecipanti alle finali, gli arbitri, i dirigenti e gli accompagnatori saranno accolti ufficialmente dai dirigenti nazionali e regionali del CSEN, dal sindaco di Sennori, Nicola Sassu, dall’assessore comunale allo Sport, Salvatore Piredda, dalla consigliera comunale con delega alla Cultura, Turismo e Archeologia, Elena Cornalis. Ad allietare la manifestazione ci saranno la banda musicale Città di Sennori, il Coro delle Voci bianche, e figuranti con il costume tradizionale di Sennori, che animeranno anche la cerimonia di premiazione fissata per domenica 23 ottobre, alle ore 13.00. L’ingresso alla manifestazione è gratuito.