17 May, 2022
HomePosts Tagged "Eugenio Zoffili"

Venerdì una delegazione composta dal coordinatore della Lega in Sardegna e membro della Commissione Esteri alla Camera Eugenio Zoffili, dall’on.le Paolo Formentini (vicepresidente della Commissione Esteri alla Camera), dall’on.le Roberto Paolo Ferrari (membro della Commissione Difesa alla Camera), da Lidia Palma (capo dipartimento attività produttive Lega Sardegna), da Michele Ennas (consigliere regionale) e dell’assessore regionale dell’Industria Anita Pili, hanno visitato lo stabilimento RWM dove hanno incontrato la RSU.

La RSU ha manifestato forte preoccupazione per il futuro della continuità lavorativa dello stabilimento di Domusnovas visto l’avvicinarsi della conclusione nei prossimi 5/6 mesi delle commesse oggi in lavorazione, ed hanno ribadito con fermezza che senza un aiuto concreto e fattivo del Governo in carica, nei prossimi mesi si dovrà discutere di scenari ancora peggiori.

Hanno chiesto inoltre il coinvolgimento immediato dei Ministeri e degli assessorati competenti e la convocazione in tempi brevi di un incontro istituzionale a Roma, già richiesto più volte in passato e fino ad ora mai concesso.

«Sono felice di comunicare la nomina a nuovo coordinatore cittadino della Lega per Sant’Anna Arresi di Armando Linzas, imprenditore edile di 52 anni e consigliere comunale di opposizione. Un passo importante in un territorio così bello ma, purtroppo, martoriato dagli arrivi di immigrati clandestini sulla spiaggia di Porto Pino, che avvengono con cadenza quasi quotidiana, causando innumerevoli problemi che riguardano in particolare la sicurezza, i rischi sanitari e quelli ambientali, dovuti ai barchini che vengono abbandonati. Tutta la Lega continuerà a lavorare con Armando per fermare gli sbarchi nel Sulcis.»

Così Eugenio Zoffili, deputato e coordinatore regionale della Lega Salvini Sardegna.

«Auguro buon lavoro ad Armando Linzas, che contribuirà a dare voce alle peculiarità del comune di Sant’Anna Arresi. Come Lega stiamo crescendo e ci stiamo strutturando in modo sempre più capillare anche nel Sulcis Iglesiente, territorio che, per troppo tempo,,m non ha trovato modo di esprimere la propria voce e che invece adesso, grazie a noi, torna a contare.»

Così Michele Ennas, consigliere regionale e coordinatore della Lega per il Sulcis Iglesiente.

Nella foto allegata da sinistra a destra: Eugenio Zoffili, Armando Linzas e Michele Ennas.

 

La problematica del dragaggio dei porti in area SIN è stata esaminata ieri nel corso di un incontro svoltosi a Roma, presso il ministero della Transizione ecologica, l’incontro tra l’amministrazione comunale di Buggerru, il sottosegretario Vannia Gava, il deputato Eugenio Zoffili ed il consigliere regionale Michele Ennas.

Grazie alla professionalità e disponibilità del sottosegretario di Stato Vannia Gava, è stato possibile approfondire ulteriormente l’annosa problematica del dragaggio del porto che potrà finalmente trovare una soluzione con l’approvazione alla Camera dei deputati di un emendamento della Lega al decreto semplificazioni. Di vitale importanza risulta ora il voto favorevole da parte di tutti i partiti in modo trasversale.

«Sono estremamente soddisfatta per il risultato raggiunto, in tanti anni di viaggi a Roma, mai come oggi ho avuto la sensazione che gli Enti sovraordinati fossero così sensibili al tema che attanaglia da vent’anni la nostra comunitàdice Laura Cappelli, sindaca del comune di Buggerru -. La risoluzione della problematica per il porto di Buggerru, comporterebbe la risoluzione anche per porti industriali di importanza numerica nettamente superiore e dislocati in tutta Italia.»

 

«Domenica a Buggerru, in municipio e nel corso di un sopralluogo al porto e in mare, ho incontrato, accompagnato dal nostro consigliere regionale Michele Ennas, il sindaco Laura Cappelli ed una delegazione di imprenditori e lavoratori del settore nautico e della pesca guidati da Antonio Tiddia. Il mio impegno: portare la voce di questo splendido comune del Sulcis Iglesiente a Roma, in Parlamento, al ministero dell’Ambiente e al ministero dei Trasporti, che ho già sollecitato a riguardo. Bisogna procedere con urgenza al dragaggio del porto per poter così far tornare nel pieno delle sue funzioni tutta l’area portuale, cuore pulsante di questa straordinaria comunità.»

Lo scrive, in una nota, il deputato Eugenio Zoffili, commissario della Lega in Sardegna.

«Con il porto di fatto chiuso e in queste condizioni, i pescatori non possono lavorare, le imbarcazioni non possono attraccare, questo paese 100% Covid-free ma già provato per le conseguenze economiche del Coronavirus, rischia di morire. E con lui una parte di Sardegna. Viene inoltre compromessa la sicurezza marittima del litorale. Darò me stesso per risolvere questo gravissimo problemaha concluso Eugenio Zoffili -. Lavoro e amore per la propria terra devono vincere le inutili e dannose burocrazie di palazzo che in questo caso non consentono di spostare la sabbia in eccesso del porto per fantomatiche questioni ambientali. Io ci sono.»

[bing_translator]

«L’invasione non si ferma, con altri quattro differenti sbarchi che nelle ultime ore hanno interessato la costa Sud della Sardegna, dove i carabinieri hanno fermato quarantanove uomini adulti di diverse nazionalità che sono stati trasferiti nel centro di Monastir, aggravandone ancor di più i problemi di congestionamento. Peraltro, alla luce del terribile attentato di Nizza perpetrato da un clandestino sbarcato in Italia, la necessità di chiudere i nostri porti e difendere i confini è diventata sempre più evidente anche come misura di prevenzione del terrorismo fondamentalista. A tal fine chiederò al Viminale di fornire i necessari strumenti di monitoraggio dei clandestini del centro di Monastir, dove al momento mancano le minime condizioni per garantire ai cittadini sicurezza e rispetto delle regole.»

Cosí Eugenio Zoffili, deputato e coordinatore regionale Lega Sardegna, presidente del Comitato Bicamerale di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, di vigilanza sull’attività di Europol e di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, insieme a Michele Ennas, consigliere regionale e responsabile territoriale Lega Sulcis Iglesiente, che sul centro di accoglienza denuncia come «la Regione sia stata completamente ignorata negli scorsi mesi, sia per quanto riguarda le sommosse e i disordini, sia nel contrastare il fenomeno degli sbarchi, fantasma e non, che hanno contribuito nel compromettere la stagione turistica appena lasciata alle spalle. Non da meno l’aumento di carico sul sistema sanitario, perché ogni migrante deve essere obbligatoriamente sottoposto ai controlli previsti per il contrasto al Covid-19».

[bing_translator]

«I pochi nuovi contagi al Covid che si registrano sull’isola sono colpa del governo Conte che ha bocciato i noti protocolli di prevenzione proposti tre mesi fa dal nostro Governatore Christian Solinas e che si ostina a non bloccare i clandestini che arrivano sulle coste del Sulcis dall’Algeria. A farne le spese il turismo di questa meravigliosa isola che resta una meta assolutamente sicura grazie alle azioni messe in campo dagli operatori del settore e dalla Giunta regionale come l’applicazione informatica “Sardegna Sicura”.»
Lo ha dichiarato, in una nota, il coordinatore regionale e deputato della Lega, Eugenio Zoffili, che aggiunge: «È però assurdo, inaccettabile e offensivo che ora i sardi vengano bollati da alcuni organi di stampa nazionali come untori quando ben 8 regioni in Italia registrano un indice virale più alto e 25 positivi sono algerini arrivati clandestinamente sull’isola».
Antonio Caria

[bing_translator]

Arriverà martedì 28 luglio a Carloforte, l’europarlamentare della Lega, Francesca Donato, per un tour di tre giorni in Sardegna che si concentrerà maggiormente nel territorio del Sulcis Iglesiente.
L’onorevole Francesca Donato si confronterà e discuterà con il presidente del Consorzio delle tonnare e con i pescatori sulle problematiche relative al comparto della pesca.
La seconda tappa sarà mercoledì 29 luglio a Portovesme, dove visiterà la centrale termoelettrica “Grazia Deledda” e la Carbosulcis. Al termine l’europarlamentare incontrerà i rappresentanti del settore turistico, alberghiero ed extra alberghiero. In questo tour, Francesca Donato sarà accompagnata dal commissario regionale, Eugenio Zoffili, dal capogruppo in Consiglio regionale, Dario Giagoni, dal consigliere regionale e referente per il territorio del Sulcis Iglesiente, Michele Ennas, da quello per il territorio del Sud Sardegna, Adriano Scanu, e dall’assistente parlamentare per la Sardegna, Daria Inzaina.
Antonio Caria

[bing_translator]

«Centinaia di sbarchi ogni giorno, clandestini infetti in mezza Italia, fughe dalla quarantena, isole al collasso, rivolte nei centri di accoglienza, cittadini esasperati e preoccupati: una situazione assurda e non più sostenibile.»

A dichiararlo è il deputato della Lega, Eugenio Zoffili, che aggiunge: «A Lampedusa è emergenza sanitaria dopo che sono sbarcati quasi 800 immigrati in sole 48 ore, altri 70 sono arrivati in Calabria dei quali ben 28 risultano essere positivi al Coronavirus, altri migranti positivi in Sardegna dove un gruppo di algerini è fuggito dal centro di accoglienza di Monastir. Al fine di avere un quadro chiaro ed esauriente della situazione, ho deciso di convocare in audizione presso la Commissione bicamerale Schengen e immigrazione i governatori delle regioni più colpite dagli effetti di questa vera e propria invasione: quello della Sicilia Nello Musumeci, quella della Calabria Jole Santelli e quello della Sardegna Christian Solinas. Raccoglieremo le loro testimonianze dirette e mi farò personalmente carico di trasmettere al Parlamento un quadro esauriente della difficile situazione che si trovano a dover affrontare».

Antonio Caria

[bing_translator]

Sono Adriano Scanu, 53 anni, agente di commercio di Guspini e Michele Ennas, 39 anni, ingegnere ambientale e consigliere regionale di Iglesias, i nuovi referenti della Lega Salvini Premier Sardegna, rispettivamente per la provincia del Sud Sardegna e per il Sulcis Iglesiente.

«Auguro buon lavoro ad Adriano e Micheleha dichiarato il coordinatore regionale, Eugenio Zoffili -, che assumono il compito di guidare la Lega in territori stupendi e ricchi di storia, di tradizioni e di bellezze naturali. Territori che la giunta regionale sta valorizzando, e nei quali la Lega sta crescendo. Territori, come il Sulcis, che vedono però la loro economia e la loro gente minacciata dai continui sbarchi di immigrati clandestini, che creano grossi problemi da ogni punto di vista, da quello della sicurezza a quello sanitario, senza dimenticare quello ambientale come ho potuto verificare di persona anche ieri a Porto Pino.»

«Le barche con le quali arrivano i migranti vengono abbandonate sulla spiaggia, quando non addirittura bruciate in mare con l’utilizzo di taniche di benzina, andando così a creare danni alla pesca e al turismo. Danni che si aggiungono a quelli enormi causati da decisioni sbagliate e prive di senso, come quella di respingere i turisti in arrivo. Adriano e Michele avranno un compito importante, ma saranno supportati dalla gente, che ieri è venuta in massa a firmare ai nostri gazebo in tutta la Sardegna per dire no all’invasione, no alle cartelle di Equitalia, no al ripristino dei vitaliziconclude Eugenio Zoffili -. Noi stiamo tra la gente e difendiamo sempre i sardi, senza dubbi e senza tentennamenti.»

Antonio Caria

[bing_translator]

Il consigliere regionale Michele Ennas e il deputato e coordinatore regionale della Lega Sardegna, nonché presidente del comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, di vigilanza sull’attività di Europol, di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, Eugenio Zoffili, hanno scelto la località di Porto Pino, teatro di numerosi sbarchi di migranti, per incontrare militanti e sostenitori.

«I continui sbarchi di migranti, accresciutisi nell’ultimo periodo complice anche la bella stagione, stanno arrecando un pesante danno d’immagine al nostro territorioha detto Michele Ennas, con alle spalle gli scafi dei barchini abbandonati lungo il  canale che sfocia sul mare -. L’ultimo sbarco è, addirittura, avvenuto alla presenza di tantissimi bagnanti che si sono ritrovati ad assistere sgomenti alla scena. Una situazione paradossale, aggravata dall’assurdo e inconcepibile silenzio da parte del governo nazionale, reso ancora più incomprensibile in virtù anche dell’emergenza sanitaria, tuttora in corso, e delle positività al Covid riscontrate in alcune di queste persone che si trovano ora in quarantena.»

«Ringrazio il nostro coordinatore Eugenio Zoffili per la sua costante attenzione ed auspico che la continua denuncia che dalla Regione portiamo avanticonclude Michele Ennasserva a ridestare dal perenne torpore il governo di Roma.»