25 June, 2024
HomePosts Tagged "Gianni Morandi"

E’ veramente difficile raccontare l’incredibile magia che il “Grande” Giulio Rapetti, in arte Mogol, milanese classe 1936, ha portato sul palco del Teatro Massimo di Cagliari domenica 22 ottobre. Avrebbe potuto essere una serata di pioggia incessante, una serata uggiosa, una serata attraversata dal temporale ma…niente sarebbe cambiato! Un artista del suo calibro porta il sole che scalda i cuori, porta parole che fanno emozionare e una voce che ininterrottamente ti catapulta nel passato musicale di “noi ragazzi di ieri…”

E di queste sensazioni da “cardiopalma” ne sanno qualcosa, oltre alla maggior parte degli ospiti in sala, Donatella, Alessandra e Ornella, tre amiche di Cagliari che sin dalle prime note si sono letteralmente scatenate… facendo anche innervosire qualche signora che avrebbe preferito ascoltare i pezzi in religioso silenzio. Pezzi di Lucio Dalla, Gianni Morandi, Riccardo Cocciante, Adriano Celentano, Lucio Battisti e ancora Gianni Bella… per poi volare ancora più in alto con “Una lacrima sul viso… con “Riderà” e tanti altri pezzi da “90”!

A fianco di Mogol, Alessandro Preziosi, un artista dalla bellezza interiore ed esteriore straripante, una voce calda, ora narrante e poco dopo musicale. Un connubio, il loro, di un grande spessore, di straordinario impatto su un pubblico non più giovane e desideroso di tornare indietro nel passato, magari duettando e dimenticando così per qualche ora i problemi quotidiani.

Una serata di musica e storie, di spaccati di vita quotidiana dal titolo “Se stasera siamo qui…”, un grande spettacolo live con la Sardinia Rock Band. Direttore musicale ed artistico dell’evento Massimo Satta, musicista e braccio destro del più grande maestro della musica italiana, “Mogol”, nonché chitarrista della band sopracitata composta da: Gabriele Pancotto alla voce, Federico Valenti alla chitarra, Daniele Serpi al piano, hammond e tastiere, Fabio Useli al basso e Alex Muntoni alla Batteria.

Un evento unico nel suo genere…e se per caso lo avete perso…almeno queste righe ve lo hanno raccontato.

Nadia Pische

 

Non solo la sfida gastronomica tra chef di 4 Paesi, cooking show con grandi chef, degustazioni, incontri e intrattenimento all’insegna del tonno rosso di qualità che da secoli si pesca nella tonnara dell’isola di San Pietro, in Sardegna. Dal 2 al 5 giugno 2022, in occasione del “Girotonno – Uomini, storie e sapori sulle rotte del tonno”, la manifestazione organizzata dal comune di Carloforte in partnership con l’agenzia Feedback per celebrare la cultura millenaria legata ai tonni e alle tonnare, ci sarà spazio anche per i balli e la musica live sotto le stelle.

Al calar del sole largo al Girotonno Live Show: balli e musica gratuiti sul palco allestito nel Corso Battellieri. Ad aprire le serate, in concomitanza con l’inaugurazione della kermesse gastronomica, giovedì 2 giugno, a partire dalle 23.30, sarà la finale di Arezzo Wave Band Sardegna 2022. Ad esibirsi saranno le band che hanno superato le selezioni regionali del più grande e longevo concorso live per gruppi musicali emergenti organizzato dalla Fondazione Arezzo Wave Italia.
Dalle 23.30, tutti in pista e pronti a ballare venerdì 3 con il dj-set di Paolo Noise dello Zoo di 105 e, sabato 4, con il dj Osso di “Tutti nudi!” su Rai Radio2. Sul palco, in entrambe le serate, anche il dj Simo.

Alla scoperta dell’isola di San Pietro

Trentanove chilometri di costa, tra scogliere mozzafiato, spiagge di sabbia bianca finissima e acque cristalline. Itinerari di trekking, percorsi naturalistici e passeggiate al tramonto in compagnia di guide turistiche professioniste. Durante il Girotonno si potrà andare alla scoperta di Carloforte e della sua storia e degli angoli più suggestivi dell’isola di San Pietro.
Tante le iniziative, anche adatte a famiglie con bambini, per assaporare i tesori dell’isola tabarchina.
Si potrà andare in escursione alla scoperta della piscina naturale di Nasca o della Grotta dei colombi (Info: Stefano Peddis 338.3349765); fare una passeggiata e un aperitivo al tramonto con i vini dell’isola, un trekking a Cala Vinagra o visitare l’isola in Land Rover (Info: Lorenzo Brun 329 0267433); celebrare il battesimo del mare immergendosi in apnea o con le bombole tra i fondali dell’isola, compiere il periplo di San Pietro e fare snorkeling nelle calette più incantevoli o sorseggiare un aperitivo sul mare al tramonto (Info: Isla Diving 328 5673136 – 335 462502).
Ma anche andare alla scoperta delle rotte del tonno rosso e delle tradizioni legate alla sua secolare pesca, visitare i luoghi (Ciak, si gira au Paize) e scoprire i personaggi che hanno fatto la storia di Carloforte e, tra scalinate e caruggi, andare alla scoperta degli scenari che hanno ospitato fiction di successo come “L’isola di Pietro” con Gianni Morandi. Come anche partecipare ad un percorso naturalistico e sensoriale alla scoperta della flora e della fauna dell’isola, andare alla scoperta della storia dell’isola e dei suoi monumenti o, per le famiglie, muoversi tra i caruggi ascoltando i racconti sulle tradizioni locali e la lingua di uno dei borghi più belli d’Italia. E, infine, ripercorrere un secolo di lotte operaie con i racconti sulla vita del piemontese Giuseppe Cavallera, il “pioniere del socialismo in Sardegna”, e le vicende dei battellieri di Carloforte, unico porto di stoccaggio dei minerali estratti dalle gallerie dell’Iglesiente. (Info: Natalia Lapicca 338.8068181).
Gli itinerari si effettueranno ogni giorno salvo condizioni meteorologiche avverse.

[bing_translator]

Gran finale della XII edizione di culturefestival, il festival internazionale di jazz organizzato dall’associazione Sardinia Pro Arte fondata e diretta dal musicista Simone Pittau, con la Presidenza onoraria del Premio Oscar Ennio Morricone.

Il grande chitarrista e compositore statunitense Pat Metheny domani non sarà solo sul palco: insieme a lui, infatti, i 60 artisti dell’Orchestra da Camera della Sardegna, sotto la direzione di Simone Pittau.

Questa la scaletta prevista per il gran finale di festival: Our final hourRain riverAlways and foreverPrecious jewelMap of the world/the moon is a harsh mi stressLast train homeFarmer’s trustThe callingTell her you saw meInterval waltzLove may take a whileSong for BilbaoLiving is easy with eyes closed/make peaceFirst song.

Insegnante fin da giovanissimo all’Università di Miami e alla Boston’s Berklee College of Music, Patrick Bruce Metheny, per tutti Pat Metheny, dall’esordio nella musica col suo primo album nel ’75 ad oggi ha collezionato un crescendo di consensi da parte della critica e del pubblico che lo hanno portato a essere definito una delle icone indiscusse del jazz e del free jazz mondiale. La sua produzione non si limita ai lavori da solista: vanta numerosi duetti e altre partecipazioni, oltre alla paternità del Pat Metheny Group di cui è fondatore e leader. Complessivamente ha collezionato 3 dischi d’oro e 20 Grammy Award.

Insieme a lui, domani sera sul palco di Mogoro si esibiranno gli elementi dell’ensemble fondato da Simone Pittau, ovvero l’Orchestra da Camera della Sardegna (OCS), un progetto nato nel 2004 col duplice intento di valorizzare gli studenti dei Conservatori e delle Scuole Europee di Musica e di riunire i musicisti sardi che esercitano con grande successo l’arte della musica in Italia e all’Estero. Il suo repertorio musicale spazia dal ‘600 all’800, oltre che esplorare altri generi quali il jazz, la musica popolare e da film, e ha la caratteristica di esibirsi nei luoghi più rappresentativi della cultura sarda, come chiese, ville, case patronali, siti archeologici e musei: non è un caso se l’OCS ha sede al Castello medievale Eleonora d’Arborea a Sanluri. L’intensa attività concertistica vanta la collaborazione di numerose personalità illustri del panorama internazionale come il Premio Oscar Luis Bacalov, Romeo Scaccia, Daniele Di Bonaventura, Andrea Morricone, Anna Tifu, Paolo Fresu, Andrew McNeill, Gilda Buttà, Marcello Peghin, Lutsia Ibragimova, Alexander Zemtsov, Eldar Nebolsin, Anton Barakhovsky, l’Amphion String Quartet, il Concilium Musicum de Galicia, l’Academy of St. Matthew’s, l’Orchestra Accademia della Sardegna e i musicisti della London Symphony Orchestra Andrew Marriner, Roman Simovic, Rinat Ibragimov, Thomas Martin, Colin Paris, Tim Hugh, Rebecca Gulliver, Jonathan Lipton, Neil Percy e Rachel Leach.

Merito delle intuizioni e della dedizione del violinista e direttore d’orchestra Simone Pittau che, formatosi al Conservatorio di Cagliari, ha poi collaborato con le più grandi istituzioni internazionali, a partire dal debutto con la London Symphony Orchestra nel 2001, su invito del grande Maestro sir Colin Davis, alla assidua collaborazione come violinista con il Premio Oscar Ennio Morricone.

Sin dagli studi in Conservatorio, ha svolto un’intensa attività concertistica come violinista in formazioni da camera, sinfoniche, operistiche, esplorando oltre alla classica diversi generi musicali, in tutta l’Europa, in Corea, Cina, Giappone, Cile, Brasile e Messico collaborando con musicisti quali Roger Waters, Dulce Pontes, Gianni Ferrio, Luis Bacalov, Riz Ortolani, Franco Piersanti, Nicola Piovani, Markus Stockhausen, Daniele Di Bonaventura, Enrico Rava, Danilo Rea, Maurizio Giammarco, Franco D’Andrea e con i musicisti del panorama pop Claudio Baglioni, Gino Paoli, Noah, Renato Zero, Celentano, Ron, Fiorella Mannoia, Cesare Cremonini, Alexia, Gianni Morandi, Lucio Dalla, Andrea Bocelli, Mario Biondi e Pino Daniele.

Si chiude così la XII edizione di culturefestival, la rassegna di jazz internazionale partita il 31 agosto da Sanluri e passata anche per Sardara attraverso un cartellone che ha contemplato alcune delle più influenti star del jazz, del soul e del funky di tutto il mondo.

La rassegna viene realizzata con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, il comune di Sanluri, il comune di Mogoro, la Fondazione di Sardegna, dagli sponsor “Sardegna Termale Hotel”, “Gruppo Acentro”, “Bresca Dorada”, “Comochi” ed altri.

[bing_translator]

Il Sulcis ha ospitato per il terzo anno consecutivo la produzione della popolare fiction di successo l’Isola di Pietro, principale protagonista Gianni Morandi che a stretto con il territorio Sulcitano un particolare legame affettivo.

Ad apprezzare più di altri la serie televisiva prodotta da Lux vide – casa di produzione specializzata in serie tv e film tv internazionali che le hanno valso numerosi riconoscimenti- ci sono gli ormai noti ragazzi del Comitato “I Figli della crisi”.

Ivano Sais e Riccardo Vivarelli, già protagonisti di tante battaglie sociali sulle problematiche giovanili del Sulcis, hanno preso parte del cast “L’isola di Pietro” stagione 3, impegnandosi nel ruolo di Poliziotti della scientifica in una intrigante storia in trasmissione su Canale 5.

A spingere Ivano e Riccardo a questa nuova avventura non è la ricerca di popolarità ma più semplicemente la possibilità di qualche giorno di lavoro.

«Nel Sulcis sono talmente rare le occasioni di occupazione che non si può rinunciare a qualsiasi proposta – affermano Ivano Sais e Riccardo Vivarelli -. Senza contare che stare dentro la produzione di una fiction è una esperienza emozionante e di elevata crescita personale che ci auguriamo poter proseguire… ma senza alcuna illusione per il futuro».

Le puntate de L’Isola di Pietro in onda in prima serata su Canale 5: venerdì 18-25 ottobre, 1- 8-15-22 novembre 2019.

[bing_translator]

Il Consiglio comunale di Carloforte, riunitosi eccezionalmente al Teatro Cavallera, ha deliberato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria a Gianni Morandi, per i grandi meriti acquisiti negli ultimi tre anni, da quando sono iniziate le riprese e la programmazione di tre serie della fiction “L’Isola di Pietro” e per l’attaccamento e l’affetto dimostrati nei confronti dell’intera comunità tabarchina.

Il Teatro Cavallera, per l’occasione, s’è vestito a festa e s’è riempito come un uovo. Quando il “Gianni nazionale” è arrivato, poco dopo le 19.00, tutti i presenti gli hanno tributato un caloroso applauso e lui ha iniziato a salutare un po’ tutti con il solito calore. Al suo fianco aveva la moglie Anna Dan, i familiari e tutti gli attori del cast della nuova serie de “L’Isola di Pietro”. Il sindaco, Tore Puggioni, ha fatto gli onori di casa ed ha poi dato inizio alla riunione consiliare, convocata con all’ordine del giorno un solo punto: il conferimento a Gianni Morandi della cittadinanza onoraria di Carloforte. Dopo l’appello, le motivazioni sono state lette dal consigliere Gianluigi Penco che ha parlato anche a nome del gruppo di maggioranza. Per la minoranza ha parlato l’ex sindaco Marco Simeone che ha sottolineato come Gianni Morandi sia riuscito in un altro miracolo: mettere d’accordo per la prima volta maggioranza e minoranza nel Consiglio comunale di Carloforte. Ed ha ricordato com’è nata, tre anni fa, questa esperienza, grazie alla sensibilità dell’allora Giunta regionale e in particolare dell’assessore del Turismo Francesco Morandi. Era presente in sala l’ex ministro della Difesa Arturo Parisi.

La votazione è stata una formalità. Il sindaco ha chiamato sul palco Gianni Morandi che ha ringraziato tutti per la grandissima attestazione d’amore ricevuta dalla comunità di Carloforte e, dopo l’attestato consegnatogli dal sindaco Tore Puggioni, ha ricevuto una serie di regali dalle diverse associazioni operanti a Carloforte, consegnati via via alla moglie in siparietti molto divertenti…Ha anche abbozzato qualche frase in tabarchino, mostrando una chiara predisposizione…

Gianni Morandi ha quindi chiamato sul palco tutti gli attori della fiction “L’Isola di Pietro” presenti al Teatro Cavallera, vecchi e nuovi.

La serata non poteva che concludersi con l’ennesimo regalo che Gianni Morandi ha voluto fare con straordinaria generosità a tutti i presenti e idealmente, a tutta Carloforte e all’intera Sardegna: un mini concerto.

Imbracciata la chitarra, Gianni Morandi ha iniziato in duo con un “cantante” locale, un improvvisato “Adriano Celentano”, canticchiando “Ti penso e cambia il mondo”, ed ha poi proposto una selezione dei suoi brani più famosi, in alcuni medley che hanno trascinato tutto il pubblico presente nel Teatro Cavallera…

Ha concluso il suo concerto con una canzone molto significativa, “Uno su mille”, che è un po’ anche la filosofia del dottor Pietro, che è quella di guardare sempre in positivo, anche nei momenti più drammatici, che ognuno di noi ogni tanto nel corso della vita vive, ci sono momenti in cui non si riesce più a guardare il futuro, ad avere una speranza, una gioia…

Al termine, centinaia di strette di mano, tanti selfie e sorrisi, risultato di una bellissima serata di fine giugno, alla vigilia della festa del paese per San Pietro… Da questa sera Carloforte ha un cittadino in più: il dottor Pietro Sereni, alias Gianni Morandi.

Giampaolo Cirronis

P.S. Alleghiamo un ricco album fotografico, seguiranno altre fotografie ed alcuni video della cerimonia del conferimento della cittadinanza onoraria e del concerto.

                                         

           

[bing_translator]

Venerdì 28 giugno, alle 19.00, il Consiglio comunale di Carloforte assegnerà la cittadinanza onoraria a Gianni Morandi. Il “dottor Pietro Sereni“, protagonista della Fiction ambientata nell’Isola di San Pietro e nel Sud Sardegna che sta promuovendo il territorio nel mondo, è rimasto “conquistato” dall’Isola, tanto da aver ormai adottato Carloforte come sua “seconda patria” dopo Monghidoro, il piccolo paese emiliano dove è nato 74 anni fa. La comunità tabarchina lo ha accolto come un figlio e lui non perde occasione per contraccambiare lo straordinario affetto ricevuto fin dal primo giorno che vi ha messo piede e che continua a ricevere durante la registrazione della terza serie della fiction “L’Isola di Pietro”. La prima parte delle riprese si concluderà a fine mese, per riprendere poi a settembre. La programmazione delle nuove puntate è prevista per il prossimo autunno su Canale 5.

[bing_translator]

L’Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Santo Monte, in occasione dei consueti appuntamenti di preambolo, presenta la IV Edizione della manifestazione musicale denominata “Iglesias Guitar Festival”.

Le serate saranno due e si terranno entrambe, a partire dalle ore 20.00 con ingresso libero, nella splendida cornice del Teatro Electra, sito nella centralissima piazza Pichi, nelle date di sabato 6 e domenica 7 aprile.
La prima serata prevede lo spettacolo “Moses quartet”, con Moses, armonica e beatbox, Luca faraone, chitarra e le cantanti Silvia Piras e Sara Bradaschia.

Moses nasce ad Iglesias nel 1988, artista eclettico che ama sperimentare, comporre, improvvisare con diversi strumenti. Il suo percorso lo spinge verso la scelta stilistica dell’armonica beatbox con la quale si afferma in qualità di artista di strada prima in Sardegna e poi a Londra, dove risiede attualmente e dove decide che il suo lavoro sarebbe stato la musica cominciando la sua carriera di artista di strada.

Dopo aver conquistato i quartieri del West End, Moses inizia a farsi conoscere su palchi di celebri Club come il “The Box” di Soho ed il “ROXX”. Continuando a realizzare i propri obbiettivi Moses è riuscito a suscitare l’interesse dell’emittente “London Local” che gli dedicò un servizio televisivo nominandolo “uno dei buskers migliori della città” destando più volte l’attenzione della stampa britannica che ha scritto di lui sul “The Daily Mail” e sul “London’s Evening Standard”.

Pubblica e produce diversi album fino a che, dopo essersi affermato quale uno dei buskers più influenti, riesce a farsi conoscere nel modo più virale possibile: coinvolto, inizialmente a sua insaputa, a partecipare ai provini di Italia’s Got Talent (iscritto da un amico di famiglia), si ritrova a Maggio 2016 vincitore della settima edizione del programma.

Grazie alla visibilità avuta in questi anni di duro lavoro Moses ha avuto la possibilità di suonare in tantissime città e paesi del mondo, tra cui Dubai, Las Vegas, Porto Rico, Bulgaria, Croazia, Egitto, Germania ed è sempre attivo in Italia dove partecipa a numerosi festival e concerti. Nel 2017 Moses e la sua armonica sono arrivati anche al cinema, nel film “Moglie e Marito” regia di Simone Godano, con Pierfrancesco Favino e Katia Smutniak e in un altro grande successo chiamato “Il Permesso” di Claudio Amendola.

Il suo progetto musicale continua a prendere forma e ad evolversi anno dopo anno; ad Iglesias presenterà uno spettacolo Musicale dall’impronta teatrale, in collaborazione con tanti artisti e amici che lo accompagnano in nome della musica e della realizzazione personale e artistica.

Luca Faraone sarà uno di questi artisti che lo accompagneranno ad Iglesias; nato a Cagliari nel 1992, suona fina da piccolissimo ed è stato avviato allo studio della chitarra classica dal 2004, conseguendo il traguardo del “Compimento Medio”, presso il Conservatorio di Trieste, all’età di 12 anni. Ancora quattordicenne, aveva già cominciato a lavorare stabilmente in studio di registrazione come compositore, arrangiatore e session player per dischi e sigle di programmi TV e pubblicità, il tutto affiancato dalla frenetica e continua attività live nel circuito regionale, in qualità di musicista professionista.

Trasferitosi a Londra nel 2012, vanta una florida carriera come session player, collaborando con artisti del calibro di Craig David, Rita Ora, Camila Cabello, Tom Jones, Liam Payne, Blue. È anche attivo come session player in studio, compositore, e arrangiatore. Le sue collaborazioni discografiche includono nomi come Incognito e Tony Momrelle.

La seconda serata del Festival, prevista per il giorno successivo, domenica 7 aprile, si terrà in due tempi: nel primo si esibirà l’artista locale Matteo Orani che proporrà un concerto con la sua chitarra classica, dal titolo semplice, quanto efficace, “Concerto di Chitarra Classica”.

Matteo Orani è nato ad Iglesias nel 1993; si avvicina alla musica e alla chitarra grazie alla famiglia in età infantile suonando come autodidatta per poi iniziare a seguire lezioni da Maestri di chitarra locali, quali Paolo Locci e Gianluca Locci, che lo ispireranno ed incentiveranno a continuare lo studio dello strumento. Ha seguito masterclass di alta formazione musicale in Sardegna con Matteo Mela e a Parigi con Cristian Marcia.

Attualmente frequenta il triennio di chitarra classica del conservatorio di Cagliari col Maestro Cristian Marcia.

Successivamente sarà la volta del Franco Montalbano Trio in “Nel blues dipinto di blues” con lo stesso Montalbano alla chitarra, Mauro Mulas all’organo hammond e tastiere e Giovanni Collu impegnato alla batteria.

Franco Montalbano inizia a suonare la chitarra all’età di nove anni. Nel 1966 entra a far parte del gruppo musicale “I nati stanchi”, con il quale raggiunge un discreto successo in Sardegna diventando il chitarrista più quotato nella scena isolana. Dal 1968 al 1972 lavora su navi da crociera avendo modo di fare esperienze musicali in tutto il mondo. Il maggior successo a livello nazionale lo ha con il “Gruppo 2001”, capitanato da Piero Marras, con il quale incide diversi dischi, suonando in Italia e all’estero, partecipando a shows televisivi e radiofonici.

Nel 1984 fonda la “Franco Montalbano Blues Band” ancor oggi uno dei gruppi di maggior successo dell’isola. Franco Montalbano nel 2018 ha suonato negli Stati Uniti dove si è esibito con la “Big Band” di Paolo Nonnis, suo carissimo amico d’infanzia.

Col passare degli anni il suo indiscusso successo è dovuto alla poliedricità delle sue interpretazioni musicali abbracciando diversi generi musicali dal Blues, al Folk, al Rock, Jazz, Italiana anni ’60 e Latino americano. Vanta collaborazioni musicali con: Edoardo Vianello, Don Cherry, Mauro Caprari, Paolo Nonnis, Mario Fabiani, Gianni Morandi e tanti altri.

Ad Iglesias, con il suo trio, proporrà una carrellata di grandi successi internazionali (Clapton, Hendrix, Winwood …) rivisti e reinterpretati in chiave Blues.

[bing_translator]

Ieri le critiche dei Riformatori sardi alla “legge sul cinema” della Giunta Pigliaru, oggi, puntuale, la replica dell’assessore regionale della Cultura, Giuseppe Dessena.

«Non so quale film in questi giorni stia andando in onda, ma è evidente che la Giunta guidata dal presidente Pigliaru abbia sistematicamente finanziato, dal 2015 in poi, quella che viene chiamata la Legge sul cinema. Ovvero, settore culturale importantissimo che in questi anni, insieme anche ai festival di promozione della lettura, ha portato l’isola nel mondo e, non esagero, persone da tutto il mondo nell’isola.»

Così l’assessore della Cultura Giuseppe Dessena, che ha inoltre precisato: «Abbiamo scommesso così tanto nel settore da investire sino a quasi 5milioni di euro nel solo 2018, e arriveremo a 6 nel 2019. Risorse gestite in parte dall’assessorato, attraverso le procedure a evidenza pubblica, e in parte affidate alla Fondazione Film Commission per l’attuazione dei propri fini statutari. Sono stanziamenti che coinvolgono tutta la filiera del cinema: dalla produzione alla distribuzione, dalla promozione alla didattica, passando per la formazione che si è voluta incoraggiare con la concessione di borse di studio dedicate ai giovani aspiranti al mestiere». 

L’assessore regionale della Cultura ha voluto anche sottolineare che un’attività che la legge non contempla è il sostegno all’esercizio cinematografico, tradizionalmente considerato commerciale e, pertanto, non di competenza dell’assessorato. «Tuttavia – ha detto Giuseppe Dessena – per quanto riguarda il suo risvolto culturale è stato anch’esso oggetto di interesse da parte della Giunta che ha approvato uno stanziamento di 250mila euro nella nuova legge di stabilità».

«L’assessorato del Turismo investe nelle produzioni cinematografiche perché la Sardegna diventi una destinazione sempre più competitiva e attraente anche attraverso la visibilità e le suggestioni garantite dalle produzioni cinetelevisive o per il web – aggiunge l’assessore del Turismo Barbara Argiolas -. In questo senso l’impegno con Lux Vide per l’Isola di Pietro per due anni consecutivi (stiamo già lavorando alla terza serie) con Gianni Morandi e l’accordo siglato nello scorso mese di luglio tra l’assessorato del Turismo e la Sardegna Film Commission con un investimento di quasi 2 milioni di euro per il Fondo Ospitalità e Location Scouting, in modo che le produzioni italiane e internazionali siano sempre più motivate a scegliere il nostro territorio per i loro prodotti. La crescita sotto il profilo numerico, del prestigio e del richiamo delle produzioni ospitate negli ultimi anni confermano la bontà delle nostre politiche, garantiscono visibilità alla Sardegna e segnano l’aumento costante dell’economica del comparto dei servizi e delle maestranze ad esso collegato.» 

«Lo straordinario lavoro fatto in questi anni credo sia sotto gli occhi di tutti – aggiungono Giuseppe Dessena e Barbara Argiolas -. Abbiamo avuto modo di vedere all’opera i nostri talenti e portare la Sardegna in tutte le manifestazioni e kermesse, nazionali e internazionali, ricevendo ogni genere di premi e riconoscimenti. Citiamo solo alcuni esempi, come il David di Donatello, La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu, il premio a Mario Piredda per il cortometraggio A casa mia, e ancora il prestigioso Premio Solinas, la partecipazione dei film prodotti in Sardegna nei più importanti festival nazionali e internazionali, e i nostri giovani registi, formatisi con le borse di studio regionali, o anche grazie ai percorsi didattici attivati con la legge. Pensiamo a tutti coloro che sono stati capaci di trovare  lavoro nei set, e ai festival cinematografici diventati prestigiosi appuntamenti di settore o rassegne tematiche che arricchiscono l’agenda culturale isolana. Se poi vogliamo stare strettamente a questi giorni, in sala al cinema abbiamo Ovunque proteggimi, il lungometraggio del regista sassarese Bonifacio Angius, film che sta riscuotendo importanti riconoscimenti di critica e di pubblico. Il film è stato realizzato anche grazie al contributo di circa 320mila euro della Legge cinema e sono stati impiegati attori e maestranze quasi totalmente sarde, determinando così importanti ricadute sul territorio.»

«Lo sceneggiatore di Ovunque proteggimi, Gianni Tetti, e un altro sassarese, Paolo Pisanu, hanno vinto il premio Solinas per la migliore sceneggiatura con “Tutti i cani muoiono da soli” – ha detto ancora Giuseppe Dessena – premio che gli addetti ai lavori, e non solo, sanno essere un prestigioso riconoscimento e traguardo. Sono personalmente molto orgoglioso che questo premio, assente da tempo, da quest’anno sia tornato finalmente in Sardegna, anche grazie alla legge cinema che, nell’ambito del Bando riservato ai premi ha potuto concedere 40mila euro.»

Ogni anno l’assessorato della Cultura, dopo l’approvazione di un programma di spesa deliberato in Giunta, pubblica 15 bandi: 6 destinati alla produzione (sviluppo di sceneggiature, cortometraggi per imprese e cortometraggi per persone fisiche, lungometraggi, opere prime e distribuzione), 5 destinati alla promozione (festival, rassegne, premi, circuiti, seminari e convegni), 2 destinati all’attivazione di percorsi di didattica del cinema per Scuole e Università, 1 dedicato a progetti di ricerca e sperimentazione sul cinema e l’audiovisivo, 1 per la concessione di borse di studio (quest’anno affidato a Film Commission per la formazione nell’ambito dell’animazione). 

I progetti relativi alla produzione sono valutati da una Commissione composta da esperti del settore, gli altri da Commissioni interne sulla base di parametri quantitativi. I risultati dei Bandi della produzione 2018 sono in corso di pubblicazione e prevedono la concessione di contributi a 32 beneficiari tra imprese e persone fisiche; le risorse stanziate per la promozione, didattica e ricerca, incrementate con la legge di assestamento, hanno consentito di accogliere tutte le istanze ammissibili, sostenendo complessivamente circa 50 progetti.

Il cinema è un settore al quale si è prestata particolare attenzione in questi anni, infatti alle somme stanziate per la legge debbono aggiungersi, i finanziamenti alle imprese culturali e creative, tra cui quelle del cinema, che l’assessorato ha messo a disposizione con i bandi Por Fesr 2014-2020, Culture lab, Domos de sa cultura, Identity 1 e 2: anche qui numerose imprese che si occupano di cinema sono risultate beneficiarie e, grazie a queste risorse, potranno acquistare materiali e attrezzature avanzate, formarsi adeguatamente per le nuove sfide del mercato, realizzare prodotti innovativi e promuoverli nei contesti internazionali. 

È un altro lungimirante investimento sul settore Cinema e nel territorio. Allestito nell’ex miniera di Carbonia, è uno spazio attrezzato per accogliere attività formative, divulgative e festival nazionali ed internazionali sul cinema, in un territorio noto per essere patria della crisi post-industriale e post-mineraria.

[bing_translator]

Ieri sera si è conclusa la seconda serie, con un nuovo record di ascolti (3.634.000 spettatori, per uno share del 16,3%), e già si lavora alla terza. “L’Isola di Pietro” triplica, per la gioia di Carloforte e del Sulcis Iglesiente, che continueranno ad avere una straordinaria vetrina a livello nazionale ed internazionale anche nei prossimi anni.
Il sindaco di Carloforte, Tore Puggioni, ringrazia il management e gli operatori della Lux Vide che hanno realizzato la fiction e, soprattutto, Gianni Morandi, al quale alla prima occasione, riconoscerà la cittadinanza onoraria.
«Ieri si è conclusa la seconda stagione dell’Isola di Pietro, una fiction che sta regalando una visibilità straordinaria al Sulcis Iglesiente e a Carloforte in particolare – ha scritto Salvatore Puggioni su Facebook -. Tutte le puntate hanno registrato ascolti record, contro una concorrenza non facile sulle altre reti. A questo si aggiunge la bellissima notizia della terza serie già in preparazione.»
«Come Amministrazione Comunale sentiamo di dover ringraziare il management e gli operatori della Lux Vide, un grande grazie anche a tutti gli attori, speriamo si siano sentiti a casa. Un ringraziamento particolare va all’uomo e all’artista Gianni Morandi, ormai uno di noi. Non appena Gianni Morandi avrà il piacere di tornare a trovarci, come già annunciato – ha concluso Salvatore Puggioni -, vorremmo offrirgli la cittadinanza onoraria, come giusto riconoscimento per l’amore che ha dimostrato a tutta la nostra comunità.»