6 February, 2023
HomePosts Tagged "Giorgio Lenzotti" (Page 3)

[bing_translator]

Elisoccorso, test attitudinali fisici

Sono 196 gli operatori (81 medici e 115 infermieri) che si stanno cimentando da giovedì, a Cala Gonone, con le prove attitudinali preliminari all’accesso al percorso di formazione per operatori sanitari del servizio di elisoccorso regionale.
Le attività – denominate “Giornate Alpine” – si svolgono in stretta collaborazione con gli operatori del Soccorso Alpino e servono a testare la resistenza fisica, la predisposizione allo sforzo, su terreno impervio, l’autocontrollo e l’attenzione generale.
«La verifica attitudinale – spiega il direttore generale dell’Areus, Giorgio Lenzotti – porterà all’individuazione di un totale di 80 operatori (40 medici e 40 infermieri professionali) che , dopo un adeguato percorso formativo clinico assistenziale ed areonautico, opereranno nelle tre elibasi di Olbia (h24), Cagliari (h12) e Alghero (h12).»
«Nei primi tre giorni di prove – aggiunge il direttore generale – sono stati valutati 82 operatori (51 infermieri professionali e 31 medici) mentre non si sono presentati, benché convocati, 13 operatori (meno del 16%), a dimostrazione del grande interesse che l’iniziativa ha suscitato e della grande motivazione alla base della disponibilità degli operatori, che si sono sottoposti, volontariamente, ad una prova particolarmente difficile ed impegnativa.»

[bing_translator]

Da martedì 6 marzo partirà la formazione teorica e le prove attitudinali delle ottanta persone che hanno partecipato alla selezione dell’Azienda per l’emergenza – urgenza fatta all’interno dell’organico dell’Ats. Ieri, a Nuoro, si è svolto l’incontro informativo alla presenza dell’assessore della Sanità, Luigi Arru, affiancato dal direttore generale dell’Areus, Giorgio Lenzotti, e con i tecnici dell’Areu lombarda e del Soccorso Alpino della Sardegna.
L’assessore della Sanità ha sottolineano l’importanza di aver personale motivato e preparato: «E’ una grande sfida, vogliamo partire dal 1 luglio con il nuovo servizio di elisoccorso e dobbiamo avere pronti gli equipaggi. Servono gambe per la nuova azienda che abbiamo creato per rafforzare e riorganizzare tutto il sistema dell’emergenza-urgenza».
La formazione si svolgerà allo Zonchello per la parte teorica e a Cala Gonone per la verifica attitudinale, mentre uno specifico corso sulle maxi emergenze si terrà dopo l’estate.

[bing_translator]

Il servizio di elisoccorso della Regione Sardegna sarà curato dalla Airgreen srl, una delle principali società elicotteristiche italiane impiegata in attività di elisoccorso, che si è aggiudicata la gara bandita dalla Ats/Assl di Olbia: il contratto con la società è per un importo totale di quasi 58 milioni e mezzo (con un ribasso d’asta del 12,4%), 8 milioni e 315 mila euro annui. Questa mattina i dettagli dell’aggiudicazione sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa, cui hanno preso parte il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, l’assessore della Sanità, Luigi Arru, il direttore generale dell’assessorato della Sanità, Giuseppe Sechi, i direttori dell’Ats e dell’Areus, Fulvio Moirano e Giorgio Lenzotti, Roberto Di Gennaro, direttore Servizio Provveditorato dell’Ats/Assl Olbia. 
La Sardegna si dota così di un moderno servizio di elisoccorso, con mezzi Hems (Helicopter Emergency Medical Service, Servizio Medico di Emergenza con Elicotteri) che rispondono a standard internazionali e che saranno dislocati nelle basi aeroportuali di Cagliari-Elmas, Olbia ed Alghero-Fertilia.
«Avere per la prima volta nella storia di questa Regione un servizio di Elisoccorso dedicato significa toccare con mano i primi risultati del sistema sanitario a rete che sapevamo essere l’unico possibile e sul quale abbiamo puntato tanto – ha detto il presidente della Regione Francesco Pigliaru -, affrontando tutte le difficoltà che una riforma così importante e così incisiva su tanti interessi particolari obbligatoriamente comporta. Questo sistema, che parte dalle Case della Salute nei territori – ha aggiunto il presidente Pigliaru ricordando l’inaugurazione della struttura di Fluminimaggiore solo pochi giorni fa – ed arriva sino all’apice, ha necessità di connessioni. La Areus e l’elisoccorso organizzati in questo modo iniziano a rendere concreta la visione che abbiamo portato avanti fin da subito – ha concluso Francesco Pigliaru – e per la quale lavoriamo con tanto impegno: una sanità ragionevole in cui si supera la demagogia delle ‘eccellenze ovunque’ per creare un modello che permetta a tutti i cittadini ‘eccellenze raggiungibili’ nei tempi rapidissimi stabiliti dagli standard internazionali.»

[bing_translator]

In termini di esiti, cioè di rispondenza delle attività agli indicatori fissati da Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, l’Aou di Sassari fa registrare nel complesso dei buoni risultati. È quanto emerso ieri durante l’incontro-convegno che si è svolto nell’aula magna dell’Università di Sassari e dedicato alla presentazione dei risultati del programma nazionale esiti 2017.

All’attenzione c’erano, per l’Aou di Sassari, una serie di indicatori utili a fornire valutazioni sull’efficacia, la sicurezza, l’efficienza e la qualità delle cure fornite nelle strutture del Santissima Annunziata e delle Cliniche di viale San Pietro. Sotto “esame” le aree cliniche del Cardiocircolatorio, Nervoso, Respiratorio, della Chirurgia generale, della Chirurgia oncologica, della Gravidanza e parto e dell’Osteomuscolare.

In particolare, a destare maggiore attenzione i dati dei parti cesarei primari. Sul programma nazionale 2016, riferito ai dati del 2015, l’Aou mostrava di avere una percentuale del 40,65 per cento contro una media nazionale del 25,11.

I dati presentati ieri mattina, invece, hanno mostrato un miglioramento, con uno spostamento della bilancia del livello di aderenza a standard di qualità da “molto basso” (rosso) del 2015 a “basso” (arancione), con una nuova percentuale per il 2016 del 34,23 per cento, tuttavia ancora distante da quella nazionale pari al 24,52 per cento.

«Per questo motivo l’Azienda, a febbraio 2017, ha adottato un piano di rientro – ha spiegato il direttore generale Antonio D’Urso – che è stato implementato, concentrando il lavoro dei professionisti su due aree: quella dei saperi professionali e quella dei saperi gestionali e organizzativi.»

Questo, intanto, ha consentito di verificare la correttezza della codifica delle schede di dimissione ospedaliera e di correggere alcuni dati, proprio sui parti cesarei. Nella pratica professionale di compilazione delle schede di dimissione ospedaliera è stata introdotta la classificazione di Robson – pratica che consente di suddividere le partorienti in gruppi a diversa complessità assistenziale – quindi è stata implementata la conoscenza di ambito di codifica delle Sdo, anche attraverso l’utilizzo di strumenti informatici di supporto.

«Ancora prima, però, è aumentata la qualità e l’accuratezza nell’indicazione al taglio cesareo – ha detto ancora Antonio D’Urso – che si fa sempre più appropriatamente. Le donne sono state seguite meglio, con maggiore cura e attenzione. Si è scelto inoltre – ha aggiunto il direttore generale – di identificare gli indicatori del Pne con gli obiettivi della contrattazione di budget delle varie strutture dell’azienda. E ancora di implementare la rete con i consultori. Ci resta da avviare la partoanalgesia.»

L’azienda ha avviato una procedura concorsuale, in fase di conclusione, per l’assunzione di tre anestesisti a tempo indeterminato. Il loro inserimento potrà contribuire all’avvio proprio di questa pratica che ancora manca a Sassari.

All’incontro sono intervenuti oltre al direttore generale Antonio D’Urso e all’assessore regionale della Sanità Luigi Arru, anche il rettore dell’Università di Sassari Massimo Carpinelli, il direttore sanitario dell’Aou Nicolò Orrù, il direttore generale dell’assessorato regionale della Sanità, Giuseppe Sechi, gli esperti di Agenas Mario Braga e Alice Basiglini, quindi Federico Argiolas ed Antonello Antonelli del servizio assessorato Sanità della Regione Sardegna, quindi i direttori generali di Ats, Fulvio Moirano, dell’Aou di Cagliari, Giuseppe Sorrentino, dell’Ao Brotzu, Graziella Pintus, e dell’Areus, Giorgio Lenzotti.

Il Programma nazionale esiti è un’attività istituzionale del Servizio sanitario italiano e fornisce valutazioni comparative a livello nazionale sull’efficacia, la sicurezza, l’efficienza e la qualità delle cure prodotte nell’ambito del servizio sanitario nazionale. Il programma, sviluppato da Agenas per conto del ministero della Salute, rappresenta uno strumento operativo a disposizione delle Regioni, delle aziende e degli operatori per il miglioramento delle performance e per l’analisi delle criticità, attraverso attività di verifica della correttezza dei dati.

I risultati dell’edizione 2017 del programma nazionale esiti (Pne) sui dati aggiornati al 2016, sono stati ricavati attraverso l’analisi di 166 indicatori, 67 di esito-processo, 70 volumi di attività e 29 indicatori di ospedalizzazione. Secondo Agenas i risultati «confermano il trend di progressivo miglioramento della qualità dell’assistenza nel nostro Paese, già evidenziato negli anni passati».

[bing_translator]

L’aula magna dell’Università di Sassari ospiterà domani la presentazione dei risultati del programma nazionale esiti 2017. Una giornata di studi che vedrà seduti al tavolo dei relatori gli esperti di Agenas (l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), dell’assessorato regionale della Sanità e i direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie della Sardegna.

I lavori si apriranno alle 9,30 con i saluti del rettore dell’Università di Sassari Massimo Carpinelli e del sindaco Nicola Sanna. Spetterà all’assessore regionale della Sanità Luigi Arru e al direttore generale dell’assessorato regionale della Sanità, Giuseppe Sechi, presentare la giornata. Sarà invece il direttore sanitario dell’Aou di Sassari, Nicolò Orrù, a dare il via alla prima sessione di lavori. In primo piano i risultati dell’edizione 2017, da una parte le principali evidenza a livello nazionale che saranno introdotte da Mario Braga, coordinatore delle attività Pne AgeNaS, e dall’altra le principali evidenze in Sardegna che saranno esposte da Alice Basiglini, supporto tecnico-scientifico di Pne AgeNaS.

La seconda sessione, incentrata sui risultati del Pne e le azioni a livello regionale sarà moderata da Federico Argiolas, direttore del servizio assessorato Sanità della Regione Sardegna. Le attività regionali del Pne saranno il tema della relazione di Antonello Antonelli del servizio assessorato Sanità della Regione mentre i risultati del Pne e l’esperienza della Aou di Sassari saranno presentati dal direttore generale dall’Aou di Sassari Antonio D’Urso.

Dopo le relazioni spazio alla tavola rotonda “I risultati Pne nel panorama di riordino del Servizio sanitario regionale”, alla quale parteciperanno l’assessore regionale Luigi Arru, il direttore generale dell’assessorato regionale Giuseppe Sechi, quindi i direttori generali di Ats, Fulvio Moirano, dell’Aou di Sassari, Antonio D’Urso, dell’Aou di Cagliari, Giorgio Sorrentino, dell’Ao Brotzu, Graziella Pintus, e dell’Areus, Giorgio Lenzotti.

L’incontro garantirà crediti formativi Ecm al personale sanitario delle aree specialistiche cardiocircolatorie, nervoso, osteo muscolare, gravidanza e parto, chirurgia generale e chirurgia oncologica della sanità pubblica e privata isolana.

[bing_translator]

I risultati dell’edizione 2017 del programma nazionale esiti, quindi le rilevanze a livello nazionale e regionale e poi ancora le esperienze dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari: saranno questi i temi dell’incontro in programma venerdì 26 gennaio a Sassari, nell’aula magna dell’Università di Sassari, in piazza Università. Una giornata di studi che vedrà seduti al tavolo dei relatori gli esperti di Agenas, dell’assessorato regionale della Sanità e i direttori generali delle aziende ospedaliera e sanitarie della Sardegna.

«Il Programma nazionale esiti – affermano da Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali – è un’attività istituzionale del Servizio sanitario italiano e fornisce valutazioni comparative a livello nazionale sull’efficacia, la sicurezza, l’efficienza e la qualità delle cure prodotte nell’ambito del servizio sanitario nazionale». Il programma, sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute, rappresenta uno strumento operativo a disposizione delle Regioni, delle aziende e degli operatori per il miglioramento delle performance e per l’analisi delle criticità, attraverso attività di verifica della correttezza dei dati.

I risultati dell’edizione 2017 del programma nazionale esiti (Pne) sui dati aggiornati al 2016, sono stati ricavati attraverso l’analisi di 166 indicatori, 67 di esito-processo, 70 volumi di attività e 29 indicatori di ospedalizzazione, e «confermano – fanno sapere da Agenas – il trend di progressivo miglioramento della qualità dell’assistenza nel nostro Paese, già evidenziato negli anni passati».

I lavori si apriranno alle 9,30 con i saluti dell’assessore regionale della Sanità Luigi Arru, del rettore dell’Università di Sassari Massimo Carpinelli e del sindaco Nicola Sanna. Spetterà al direttore generale dell’assessorato regionale della Sanità, Giuseppe Sechi, presentare la giornata e al direttore sanitario dell’Aou di Sassari, Nicolò Orrù, a dare il via alla prima sessione di lavori. In primo piano i risultati dell’edizione 2017, da una parte le principali evidenza a livello nazionale che saranno introdotte da Mario Braga, coordinatore delle attività Pne AgeNaS, e dall’altra le principali evidenze in Sardegna che saranno esposte da Alice Basiglini, supporto tecnico-scientifico di Pne AgeNaS.

La seconda sessione, incentrata sui risultati del Pne e le azioni a livello regionale sarà moderata da Federico Argiolas, direttore del servizio assessorato Sanità della Regione Sardegna. Le attività regionali del Pne saranno il tema della relazione di Antonello Antonelli del servizio assessorato Sanità della Regione mentre i risultati del Pne e l’esperienza della Aou di Sassari saranno presentati dal direttore generale dall’Aou di Sassari Antonio D’Urso.

Dopo le relazioni spazio alla tavola rotonda “I risultati Pne nel panorama di riordino del Servizio sanitario regionale”, alla quale parteciperanno l’assessore regionale Luigi Arru, il direttore generale dell’assessorato regionale Giuseppe Sechi, quindi i direttori generali di Ats, Fulvio Moirano, dell’Aou di Sassari, Antonio D’Urso, dell’Aou di Cagliari, Giorgio Sorrentino, dell’Ao Brotzu, Graziella Pintus, e dell’Areus, Giorgio Lenzotti.

L’incontro garantirà crediti formativi Ecm al personale sanitario delle aree specialistiche cardiocircolatorie, nervoso, osteo muscolare, gravidanza e parto, chirurgia generale e chirurgia oncologica della sanità pubblica e privata isolana.

[bing_translator]

Pigliaru Arru Gavoi inaugurazione casa salute

Il governatore Francesco Pigliaru e l’assessore della Sanità Luigi Arru hanno inaugurato la Casa della Salute di Gavoi. intitolata alla memoria del piccolo Roberto Sanna, un bambino di Gavoi affetto da una malattia rara e morto questa estate, la Casa della Salute del centro barbaricino, inaugurata questa mattina dal presidente della Regione, Francesco Pigliaru. Alla cerimonia, con il presidente ed il sindaco di Gavoi, Giovanni Cugusi, erano presenti l’assessore della Sanità, Luigi Arru, il direttore sanitario dell’Ats, Francesco Enrichens, il direttore della Assl di Nuoro, Andrea Marras, il direttore generale dell’Areus, Giorgio Lenzotti.
«La sanità è un esempio eloquente del modo in cui abbiamo scelto di lavorare, affrontando con coraggio le riforme di cui la Sardegna aveva urgente bisogno – ha detto Francesco Pigliaru -. Abbiamo smontato una macchina e ora la stiamo rimontando perché funzioni molto meglio di prima, dando ai cittadini, ovunque essi abitino, le risposte che servono. In questo come in altri settori importanti le riforme sono in corso con i disagi che obbligatoriamente ne derivano, ma è importante che i risultati si comincino a vedere: oggi questa Casa della Salute dimostra che si può restare in luoghi bellissimi, senza dover andar via, perché ci sono servizi come questo che permettono di vivere bene. Deve esser chiaro – ha aggiunto il presidente della Regione – che, se lo Stato arretra nei piccoli centri, soprattutto delle zone interne, la Regione avanza. Ed è importante che questa struttura appartenga ad un intero territorio, che sia a disposizione di dodicimila persone e non solo di un solo Comune. Qui a Gavoi sperimentiamo un modello che vogliamo sia d’esempio per tanti altri territori: nel prossimo anno vogliamo veder nascere altre strutture come questa. Troveremo le risorse, perché per i progetti validi i soldi si riesce a trovarli. E in questo l’impegno dell’Ats è fondamentale – ha concluso il presidente Pigliaru, sottolineando l’importanza dell’azienda unica –, lavora per eliminare gli sprechi e utilizzare i risparmi per migliorare i servizi per i cittadini.»
«Oggi è una bella giornata – ha rilanciato l’assessore Arru – ed è doveroso il ringraziamento alla famiglia di Roberto che ha avuto il coraggio civico di elaborare il lutto nell’ottica di una comunità. E comunità è parola chiave di questa giornata, perché questa struttura è stata fortemente voluta da cittadini e operatori di Gavoi. Questa Giunta sta cercando di ricreare comunità partendo proprio dal sistema sanitario delle zone interne.»

L’assessore ha ringraziato i vertici dell’Ats e della Assl di Nuoro e, soprattutto, «la comunità professionale, operatori che fanno le trasfusioni e le chemioterapie a casa, rivendicando in modo moderno il loro ruolo professionale. Vogliamo partire da qui per dare un messaggio sul nuovo modo di fare medicina dando salute a chilometro zero. Stiamo creando una rete col coraggio della programmazione, ma serve una comunità integrata, che utilizzi in maniera intelligente ogni euro della fiscalità generale». 
L’inaugurazione della Casa della Salute di Gavoi avviene a poche settimane dalla sua attivazione. La Casa è stata realizzata ristrutturando il vecchio Poliambulatorio grazie ad un finanziamento POR FESR di 200.000 euro, erogato dalla Giunta nel 2015. Nella struttura di Gavoi sono presenti tutti i medici di medicina generale, il pediatra di libera scelta, la guardia medica, la postazione del 118, il CUP, vari specialisti ambulatoriali, l’ambulatorio per le vaccinazioni, un punto prelievi, il consultorio, l’ambulatorio infermieristico. Strumenti e attrezzature sono stati acquistati anche con il contributo di un Comitato di cittadini, nato per sostenere il piccolo Roberto Sanna, nato con una malattia rara e morto la scorsa estate. I genitori hanno voluto mettere a disposizione della Comunità le risorse raccolte per Roberto.

[bing_translator]

Il manager dell’Areus, Giorgio Lenzotti, ha nominato il direttore sanitario ed il direttore amministrativo. Si completa così la squadra dirigenziale con i due più stretti collaboratori: per la Direzione sanitaria Giorgio Lenzotti ha individuato Piero Delogu, per quella amministrativa l’incarico è andato ad Angelo Maria Serusi.
Piero Delogu, 59 anni, attualmente dirige la Centrale operativa del 118 del Nord Sardegna; Angelo Maria Serusi, 59enne di Gavoi, è responsabile della Programmazione e Controllo di gestione della Assl di Nuoro e, ad interim, del Servizio Affari Generali e Comunicazione della ASSL di Sassari e della Direzione dell’Ats.
«L’Areus ha gambe per partire – commenta Giorgio Lenzotti – ho scelto professionisti con grande esperienza e che potranno dare un importante contributo ad una azienda che nasce e deve rapidamente poter dare risposte ai cittadini». 

[bing_translator]

Il consigliere regionale dei Rossomori Emilio Usula ha scritto una lettera aperta al direttore generale dell’Areus, Giorgio Lenzotti.

Di seguito, il testo integrale.

Caro Giorgio, mi permetto di rivolgermi a te in questo modo ricordando alcuni anni  (erano  i primissimi anni 80),  passati al servizio dello stesso ospedale e della stessa comunità, l’Ospedale San Francesco e la comunità nuorese. Entrambi giovanissimi medici non nuoresi ma in egual misura entusiasti e dediti a far crescere quell’ospedale. Io nel ruolo di assistente di chirurgia generale e tu, in egual ruolo, in direzione sanitaria. Da questo, ci deriva un forte attaccamento a quel territorio che sono certo ci accomuna.

In qualità di consigliere regionale eletto proprio da quella comunità, ho sostenuto con forza e convintamente la necessità che Nuoro venisse riconosciuta sede amministrativa ed operativa di Areus. Questo ha provocato anche qualche diffidenza ed una certa supponente ironia da parte di altri (ben più navigati di me) esponenti politici di maggioranza che, al contrario, sostenevano che nei fatti Nuoro, nell’organizzazione della futura Areus, al massimo avrebbe avuto il ruolo di “centralino telefonico”.

Nel prestigioso ruolo al quale sei chiamato, per cui ti faccio gli auguri più sinceri, spero e ne sono convinto, riesca a dimostrare che intendi dare a Nuoro un ruolo di ben altra prospettiva e rilevanza.

La posizione politica del sottoscritto e del Partito Rossomori sulla riforma della rete ospedaliera è stata inequivocabile dall’avvio alla conclusione. La mia posizione (e coerente opposizione), di cui sono ancora fermamente convinto, si può schematicamente sostanziare in alcuni punti.

La riforma avrebbe dovuto viaggiare su tre direttici coerenti con una preventiva, o almeno contestuale, riorganizzazione della rete di cure territoriali e della stessa rete di emergenza urgenza con annesso il servizio di elisoccorso.

Questa contestualità avrebbe potuto dare credibilità alla giusta, ma tanto (anzi troppo) enfatizzata e a mio parere mal gestita, necessità di deospedalizzazione di molte condizioni patologiche.

E’ mancata una visione del territorio Regionale come un “unicum”, con una attenzione  sbilanciata e favorevole nei confronti del duopolio Cagliari-Sassari e, malgrado i proclami, una mancata perequazione e sussidiarietà di offerta e sicurezza di servizi sanitari nella periferia e nelle aree dell’interno.

Ho sostenuto, inoltre, la necessità di derogare al DM 70 nell’individuazione anche dell’ospdedale San Francesco quale DEA di 2° livello (senza la cardiochirurgia), confortato da esempi di altre Regioni (vedi Puglia ed Emilia Romagna). Sono ancora convinto che orografia, demografia, distanza chilometrica e viabilità interna fatiscente in un contesto di insularità, potesse e dovesse dar forza a una richiesta in tal senso, sfruttando anche le nostre prerogative di regione autonoma che autonomamente (!) si paga la sanità.

Ribadisco le considerazioni sull’assenza totale in quel territorio di servizi alternativi privati o una credibile o almeno avviata rete di cure territoriale. Ma la forza con cui ho sostenuto tale richiesta mi deriva dalla consapevolezza della presenza dell’Ospedale San Francesco di servizi, professionalità e competenze operative e riconosciute, che ne avrebbero dato piena giustificazione.

La mia paura è che il “ruolo di 1° livello con servizi di 2° livello” sia un pasticcio normativo e giuridico che apre la porta a un temibile depotenziamento di quell’ospedale e di quei servizi. Spero e mi auguro sinceramente di essere smentito per questa mia paura. Sarò pronto e il primo ad ammettere che, meno male, mi sbagliavo.

Finalmente con la tua nomina a DG si avvia l’Areus. Un primo, indispensabile pur se tardivo passo, propedeutico all’avvio di una reale, efficiente ed efficace rete di servizi in emergenza urgenza.

Le tue prime prudenti osservazioni, lontane dai toni trionfalistici, mi confortano per l’indubbia serietà e consapevolezza che dovrà avere e sono certo, metterai nel tuo nuovo  gravoso impegno.

Per questo, permettimi un’ultima considerazione sul ruolo dell’Ospedale San Francesco con la sua annessa elisuperficie nella futura rete di elisoccorso. Non può essere disconosciuto il ruolo di Nuoro quale baricentro geografico ed operativo grazie anche alla distanza (solo poche decine di metri!), che separano l’elisuperfice di Biscollai dall’Ospedale San Francesco e dai servizi di Pronto soccorso, Rianimazione, Neurochirurgia, Chirurgia Generale, Chirurgia Vascolare, Stroke Unit, Cardiologia con Emodinamica solo per citare alcune delle tante specialità e professionalità operanti nell’ospedale barbaricino.

Ospedale, servizi e specialità che con adeguato sostegno potranno e sapranno rappresentare un punto nevralgico nella futura rete di emergenza urgenza che ti appresti a organizzare, nell’interesse di tutta la Sardegna e dei cittadini sardi, senza sottostimare le esigenze e le potenzialità del “nostro” Nuorese.

Ti auguro ancora un sincero  buon lavoro.

Emilio Usula

Consigliere regionale – Partito Rossomori

[bing_translator]

L’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, ha presentato oggi a Nuoro il nuovo direttore generale dell’Areus, l’Azienda per l’Emergenza-Urgenza, Giorgio Lenzotti.

«È una giornata importante per la sanità sarda, per Nuoro e per il territorio – detto Luigi Arru -. Con Giorgio Lenzotti completiamo la squadra dei direttori generali delle Aziende del sistema regionale e dell’organizzazione sanitaria sarda. Per me è motivo di orgoglio che Nuoro abbia la sede legale e soprattutto quella operativa in città. Abbiamo voluto dare un segnale importante al territorio e alle zone dell’interno, riteniamo che Nuoro possa e debba puntare sulla formazione come base del cambiamento.»
L’assessore della Sanità ha sottolineato la scelta di aziendalizzare l’emergenza-urgenza, secondo il modello lombardo: «Vogliamo implementare il sistema esistente – ha aggiunto Luigi Arru – e non cancellarlo. È un sistema che funziona, grazie a chi ci lavora, e che può essere rafforzato e migliorato ancora. L’Areus si occuperà di trasporto primario e secondario, del trasporto degli organi e del sangue e avrà l’assegnazione del numero unico delle cure primarie». 
Rivendicando la scelta di Giorgio Lenzotti, Luigi Arru ha precisato che è stata fatta tenendo conto della complessità della sfida. «Giorgio Lenzotti – ha detto l’assessore della Sanità – ha le competenze per avviare una nuova azienda ed integrarsi coi direttori generali delle altre strutture in un momento di profondo cambiamento». 
L’assessore Arru, infine, ha ringraziato i vigili del fuoco per il lavoro svolto finora con i mezzi a loro disposizione ed il Soccorso Alpino per la collaborazione che c’è e continuerà ad esserci con l’Areus.
Il nuovo direttore generale, primo per l’Areus, ha ricordato – commosso – di aver iniziato la sua attività di medico proprio al San Francesco, dove ritrova tanti ex colleghi e amici.
«Il compito che mi è stato affidato sarà complesso, ma mi ci dedicherò totalmente, mettendo a disposizione quanto ho imparato in questi anni di attività. So – ha aggiunto Giorgio Lenzotti – che non partiamo da zero, perché ci sono tanti bravi professionisti nel sistema dell’emergenza-urgenza e tante associazioni di volontariato con le quali sono abituato a lavorare. Come nelle emergenze occorre prontezza e rapidità, abbiamo bisogno di dare risposte ai cittadini quanto prima, nel segno dell’efficacia e dell’efficienza delle nostre azioni.»