9 December, 2021
HomePosts Tagged "Riccardo Paolini"

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna ha superato in finale la Reyer Venezia per 77 a 51 (primo tempo 39 a 19) e si è aggiudicata il Torneo Città di Sassari-Mimì Anselmi.

Coach Vincenzo Esposito inizialmente ha mandato in campo Bamforth, Petteway, Gentile, Thomas e Polonara; coach De Raffaele ha schierato l’ex Haynes, Bramos, Tonut, Daye e Biligha. La squadra veneta (campione d’Italia due stagioni fa, semifinalista nella scorsa stagione dopo aver chiuso in testa la regular season), ha iniziato bene con Bramos, Tonut e Biligha per 6 punti di fila, Achille Polonara ha sbloccato i suoi con 8 punti di seguito e la difesa biancoblu iha lasciato a Venezia solo 2 punti fino alla fine del primo quarto, chiuso dalla Dinamo avanti di ben 16 lunghezze, 24 a 8, grazie alle conclusioni di Bamforth, Thomas e Cooley.

La Dinamo ha continuato a spingere sull’acceleratore anche nel secondo quarto e Vincenzo Esposito ha fatto ruotare i suoi, Haynes, Kyzlink e Washington hanno cercato di arginare la furia sassarese ma all’intervallo lungo il tabellone ha segnato un distacco importante: 39 a 19.

Nella ripresa gli uomini di coach De Raffaele hanno cercato di reagire con Tonut, Washington e Daye, ma Bamforth e compagni hanno mantenuto il vantaggio sul +18: 55 a 37.

Nell’ultimo quarto Haynes e Tonut hanno cercato ancora di accorciare ma la Dinamo è scappata ancora avanti con il nuovo arrivato Parodi, Magro, Gentile e Diop. Thomas ha piazzato una tripla ed ha chiuso con una schiacciata per il 77 a 51 finale che ha consegnato alla Dinamo l’edizione 2018 del torneo Città di Sassari-Mimì Anselmi.

Dinamo Banco di Sardegna 77 – Reyer Venezia 51

Parziali: 24-8; 15-11; 16-18; 22-14

Progressivi: 24-8; 39-19; 55-37; 77-51

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu, Parodi 4, Bamforth 7, Petteway 6, Devecchi 2, Magro 6, Pierre 4, Gentile 7, Thomas 14, Polonara 15, Diop 3, Cooley 9. Coach: Vincenzo Esposito.
Reyer Venezia: Haynes 8, Bramos 2, Tonut 9, Daye 7, De Nicolao 8, Washington 10, Biligha 2, Giuri, Mazzola 2, Kyzlink 3, Cerella. Coach: Walter De Raffaele.

Nella finale per il 3° e 4° posto la Hertz Dinamo Academy ha superato la Pallacanestro Trieste per 79 a 74 (primo tempo 50 a 42).

Hertz Dinamo Academy 79 – Pallacanestro Trieste 74

Parziali: 28-22; 22-20; 18-21; 11-11.

Progressivi: 28-22; 50-42; 68-63; 79-74.

Dinamo Academy: Carboni, Miles 17, Allegretti 19, Rullo 8, Gallizzi, Ebeling 6, Rovatti, Matrone, Bucarelli 10, Johnson 14, Picarelli 5. All. Riccardo Paolini.

Pallacanestro Trieste.: Coronica 4, Fernandez 5, Schina 5, Strautins 11, Deangeli, Janelidze 4, Cavaliero 9, Sanders 15, Knox 4, Mosley 11, Cittadini 6. All. Eugenio Dalmasson.

Achille Polonara.

 

[bing_translator]

Enzo Esposito pronto a firmare un biennale con la Dinamo, a Cagliari resta Riccardo Paolini. Le panchine delle due squadre sono ormai prossime alla definizione e Sassari e Cagliari (che poi sono la stessa famiglia).

La Dinamo ripartirà dalla prossima settimana gli allenamenti con Vincenzo Esposito a valutare il materiale umano a disposizione tra i giocatori sotto contratto. Il tecnico casertano ratificherà nel weekend il contratto biennale con il club del presidente Stefano Sardara e inizierà a lavorare in palestra da lunedì, agendo di concerto al confermato general manager Federico Pasquini per la costruzione del roster futuro sulla base dei contratti in essere e delle possibili integrazioni.

Da capire se si punterà sul 5+5 o sul 6+6 con la possibilità di optare per una squadra più snella se si deciderà di rinunciare alla ricerca di una wild card per la Champions League. Nella prima ipotesi il nuovo coach dovrà stabilire quali contratti italiani tra Jack Devecchi, Achille Polonara, Marco Spissu, Jonathan Tavernari, Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo faranno al caso dei suoi programmi, cercando poi playmaker, ala piccola e centro stranieri a supporto dei già confermati  (l’unico considerato tra gli stranieri del roster 2017-18 sembra Josh Bostic, in chiusura il rapporto con Rok Stipcevic). Vacante anche il posto di primo assistente che potrebbe essere affidato a Giorgio Gerosa, attuale responsabile del settore giovanile della Dinamo. In uscita invece Zare Markovski, destinato in un primo momento a un incarico da direttore tecnico, che non risulta gradito ad Enzo Esposito con cui i rapporti sono freddi dai tempi in cui l’italo-macedone venne esonerato a Caserta a favore dell’ex tecnico di Pistoia.

Cagliari e Riccardo Paolini hanno definito la prosecuzione del rapporto per la stagione 2018-19. In attesa di formalizzare un accordo comunque già stabilito a grandi linee, la Dinamo Lab vuole ripartire da Michele Ebeling (MVP) e dal tentativo di trattenere DeShawn Stephens che però sembra deciso ad attendere proposte da una prima lega europea. Le scelte del club saranno effettuate anche in funzione delle decisioni della casa madre Dinamo sugli italiani, a partire da Jonathan Tavernari, ma non escludendo neppure Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo che, tramite la nuova regola del tesseramento tecnico potrebbero muoversi da e per Sassari.

Fonte Spicchi d’arancia

[bing_translator]

Si fa sempre più probabile l’accordo tra la Dinamo Banco di Sardegna e Vincenzo Esposito, attuale coach della Flexx Pistoia, per la panchina sassarese nelle prossime due stagioni. L’attuale coach della Dinamo, Zare Markovski, potrebbe continuare a far parte anche in futuro dei quadri tecnici, ma non nel ruolo di primo assistente che resterà vacante, vista la partenza di Giacomo Baioni ed in quello di coach della squadra satellite Cagliari, che dovrebbe confermare Riccardo Paolini. Federico Pasquini occuperà ancora il ruolo di general manager e dirigerà le operazioni di mercato.

[bing_translator]

sport
Un’intensa giornata di sport con il coinvolgimento di oltre cento richiedenti asilo, ospiti dei Centri di Accoglienza della Sardegna, e degli atleti sardi impegnati in diverse specialità dell’atletica leggera. L’evento, promosso dalla Regione in collaborazione con il Coni, si svolge, a Cagliari, allo stadio Amsicora (via dei Salinieri 1) sabato 21 aprile. Alle 11.00, all’apertura della manifestazione, l’assessore agli Affari Generali Filippo Spanu, il presidente del Coni Sardegna Gianfranco Fara, i presidenti dell’Amsicora, Alessandro Dedoni, e della società Cagliari Dinamo Academy, Giovanni Zucca, incontreranno i giornalisti per illustrare le finalità dell’iniziativa.

Proprio la Cagliari Dinamo Academy, che milita nel campionato di serie A2 di pallacanestro, ha aperto le porte del palazzetto di via Rockfeller ai migranti che vivono nei centri di accoglienza, che hanno così potuto assistere alle partite della squadra allenata da Riccardo Paolini.

Nell’impianto sportivo di Ponte Vittorio richiedenti asilo e atleti sardi si sfideranno nei 100, 200 e 800 e 1500 metri, nel salto in lungo e salto in alto. Nel pomeriggio, alle 16.00, i migranti assisteranno alla partita Amsicora-Adige valida per la sedicesima giornata del campionato di serie A di hockey su prato e potranno partecipare ad una lezione tecnico-pratica su questa disciplina.

L’assessore Filippo Spanu sottolinea che «lo stadio Amsicora, luogo a cui è associato lo storico scudetto del Cagliari, diventa, nella giornata del 21 aprile, spazio di dialogo e di reciproca conoscenza per abbattere I pregiudizi e favorire l’inclusione e l’integrazione nel solco di altre iniziative organizzate con buoni risultati dalla Regione come la manifestazione “Diamo un calcio all’intolleranza”».

[bing_translator]

La Pasta Cellino Cagliari, protagonista del campionato di A2 Girone Ovest di basket, venerdì si allenerà al PalaGiacomoCabras di Sant’Antioco. E’ sicuramente un appuntamento da non perdere per gli amanti del basket e dello sport. I ragazzi di coach Riccardo Paolini stanno disputando un campionato di tutto rispetto, oggi al quarto posto in classifica.

«Si invitano i nostri tifosi e tutti i concittadini a partecipare a questo importante evento – spiega Salvatore Ingrande, presidente Sulcispes – al termine dell’allenamento i giocatori della “Pasta Cellino Cagliari” saranno a disposizione per eventuali foto e autografi. Dopodiché, ci sarà un rinfresco per omaggiare lo staff del club cagliaritano per aver scelto Sant’Antioco, quindi la Sulcispes.»

La società lagunare confida in una discreta partecipazione di pubblico. «Questa è la prima volta che Sant’Antioco ospita una squadra di questo calibro – conclude il presidente sulcitano – siamo quindi orgogliosi e contenti, e ci sentiamo inoltre di ringraziarli per aver riportato il grande basket nel sud dell’isola dopo tantissimi anni. Sperando che il pubblico accorra numeroso, come merita l’evento.»

[bing_translator]

Cagliari Dinamo Academy ha chiuso l’accordo con il centro Ferdinando Matrone, 22 anni, ex Scafati e Napoli.

L’assistente di coach Riccardo Paolini alla guida della squadra, sarà Gigi Usai, storico allenatore dell’Esperia Cagliari, la società di cui era alla guida Giovanni Zucca, nuovo presidente della Dinamo Academy, e della Sulcispes Sant’Antioco.

[bing_translator]

Cagliari ha scelto Riccardo Paolini per sostituire Zare Markovski sulla panchina della Dinamo Academy che disputerà il prossimo campionato di A2 di basket.. Il tecnico marchigiano, che aveva concluso la stagione 2016-17 sulla panchina di Ferentino, subentrerà al coach macedone, che ha chiesto di essere liberato dal contratto firmato per intraprendere la nuova avventura alla guida del Trabzonspor, nella massima lega turca. Ora il club sardo riprende le operazioni di mercato: in arrivo l’accordo con la guardia Roberto Rullo e l’ala Marco Allegretti che si aggiungeranno all’ossatura già delineata con Simone Bonfiglio, Mirco Turel ed i giovani Lorenzo Bucarelli e Michele Ebeling.

 

[bing_translator]

David LOgan 1

La Dinamo Banco di Sardegna reagisce al fine settimana più difficile delle ultime stagioni, culminato con l’inatteso esonero di Meo Sacchetti, e ritorna al successo in campionato, travolgendo la Consultinvest Pesaro per 106 a 80 (primo tempo 57 a 48).
I biancoblu, indisponibile Joe Alexander, sono apparsi trasformati, come era abbastanza prevedibile. Le percentuali al tiro della Dinamo dicono quasi tutto sull’andamento della partita: 18 su 24 da 2 punti, 75%; 17 su 33 da 3 punti, 51,5%; 19 su 24 ai tiri liberi, 79,2%). Cinque giocatori sono andati in doppia cifra: David Logan 21 (0 su 1 da 2 punti, 5 su 5 da 3 punti, 6 su 6 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 3 assist, 25 di valutazione); Rok Stipcevic 19 (0 su 2 da 2 punti, 5 su 8 da 3 punti, 4 su 4 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 3 assist, 20 di valutazione); Jarvis Varnado 16 (7 su 7 da 2 punti, 2 su 3 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 1 assist, 18 di valutazione); Brian Sacchetti 25 (3 su 3 da 2 punti, 3 su 4 ai tiri liberi, 0 su 1 si tiri liberi, 6 rimbalzi, 2 assist, 25 di valutazione); Christian Eyenga 15 (6 su 8 da 3 punti, 0 su 2 da 3 punti, 3 su 4 ai tiri liberi, 5 rimbalzi, 4 assist, 22 di valutazione).
Gli ospiti, allenati da Riccardo Paolini, hanno retto il confronto nel primo tempo, grazie ad una buona percentuale dai 6.75 (alla fine 9 su 25, 36%, con un 4 su 5 di Marco Ceron), chiudendo in vantaggio di 1 punto il primo quarto, 24 a 23, e finendo sotto di 9 all’intervallo lungo, sotto i colpi dei “bombardieri” della Dinamo: 48 a 57.
Pesaro ha cercato di stare in partita riuscendovi fino al 23′ con i canestri di Trevor Lacey e Shaquielle McKissic, 54 a 61, ma le triple di Stipcevic e Sacchetti, un canestro da sotto di Eyenga, due tiri di Logan e un canestro da sotto di Varnado hanno lanciato la Dinamo a +15, 73 a 58, +17 all’ultimo intervallo: 81 a 64. Da li in avanti la partita non ha avuto più storia con un divario cresciuto via via fino al +27 al 37′, con un canestro da sotto di Brenton Petway e fissato a +26 al 40′: 106 a 80.
La Dinamo Banco di Sardegna, guidata questa sera da Massimo Maffezzoli ma da domani sotto la guida del nuovo coach Marco Calvani, in campionato c’e’ ancora, ora è terza con 10 punti insieme a Venezia, Trentino, Reggio Emilia e Cremona, a due punti dalla coppia di testa formata da Milano e Pistoia, ma è attesa da una reazione anche in Eurolega. La qualificazione alla Top 16 è compromessa ma venerdì sera a Mosca, contro la corazzata Cska, all’esordio di Marco Calvani in panchina, proprio perché privi di interessi di classifica, Logan e compagni sono attesi ad una prova d’orgoglio.
Martedì mattina, alle 11.30, il presidente Stefano Sardara presenterà ufficialmente il nuovo coach, Marco Calvani.

[bing_translator]

Inizia questa sera, a Sassari, il dopo-Sacchetti. 48 ore dopo l’inatteso esonero del coach che ha segnato la storia della Dinamo Banco di Sardegna, portando la squadra biancoblù alla conquista di due Coppe Italia, una Supercoppa, uno Scudetto e, soprattutto, lo storico “triplete 2015”, la Dinamo, ancora priva del suo nuovo coach Marco Calvani che sarà presentato domani mattina, alle 11.30, e farà il suo esordio in panchina venerdì sera a Mosca contro il CSKA nella seconda giornata di ritorno del girone di Eurolega, scende in campo alle 20.30 al PalaSerradimigni contro la Consultinvest Pesaro per l’ottava giornata di campionato.

La partita odierna si giocherà inevitabilmente in un clima particolare ed è prevedibile un caloroso saluto del pubblico sassarese a Meo Sacchetti. La squadra sarà poi chiamata a salutare il “suo” maestro con un ritorno alla vittoria, fondamentale per riprendere il filo di un discorso interrotto dopo i grandi festeggiamenti della scorsa primavera e la rivoluzione tecnica estiva.

La partita con Pesaro sarà probabilmente decisiva anche per le prossime operazioni di mercato. Se il primo a pagare per il brutto avvio di stagione è stato Meo Sacchetti, il cui ciclo a Sassari – secondo il presidente Stefano Sardara – era ormai finito, nel mirino ci sono anche alcuni dei nuovi arrivati, in particolare Brenton Petway, Jarvis Varnado e Christian Eyenga.

Dinamo Banco di Sardegna – Consultinvest saro verrà arbitrata da Dino Seghetti, Gabriele Bettini e Sergio Noce.

Stefano Sardara 979 copia