4 December, 2021
HomePosts Tagged "Sebastian Puddu"

[bing_translator]

Il Carbonia di Marco Mariotti non si ferma neanche davanti al Muravera, si impone con i goal di Roberto Cappai (al quinto goal in sette partite disputate dall’esordio in maglia biancoblù) e Riccardo Cestaro (al secondo goal in quattro giorni dopo quello realizzato a Giugliano) e sale al sesto posto con 20 punti in 12 partite disputate, prima tra le sei squadre sarde del girone G del campionato di serie D.

Marco Mariotti deve fare ancora a meno di Fabio Mastino e Tamirr Berman e ripropone nell’undici iniziale Roberto Cappai e Marco Russu, tenuti inizialmente a riposo a Giugliano. Francesco Loi non può disporre dell’ex Marcello Angheleddu, a causa di un leggero infortunio, mentre nell’undici iniziale trova spazio l’altro ex, il fuoriquota Gioele Zedda.

Sul campo Is Collus di Santadi spira un fortissimo vento di maestrale, il Carbonia nel primo tempo lo ha alle spalle e cerca di trarne vantaggio, ma il primo brivido lo corre la difesa del Carbonia al 6′, quando Werther Carboni si oppone su una conclusione di Davide Moi. Il Carbonia affonda sulla fascia sinistra, dove è molto presente Cristian Stivaletta che serve un assist perfetto per Roberto Cappai, la cui conclusione trova pronto alla risposta l’estremo difensore del Muravera Filippo Vandelli, bravo a chiudere anche il successivo tentativo di Cristian Stivaletta da distanza ravvicinata.

Il Carbonia insiste e al 16′ sblocca il risultato. Roberto Cappai sfugge ai difensori ospiti e conclude a botta sicura, pallone sul palo e poi in fondo alla rete, nonostante il tentativo disperato di Davide Moi. Protestano i calciatori del Muravera per la rimessa laterale dalla quale è scaturito il goal, che sarebbe stata assegnata erroneamente al Carbonia. Il goal carica i biancoblù che al 25′ sfiorano il raddoppio con Marco Piredda, la cui conclusione da calcio da fermo sfiora in palo alla sinistra di Filippo Vandelli.

Roberto Cappai accusa un leggero problema muscolare e prima di complicare la situazione, chiede il cambio. Marco Mariotti, al 36′, inserisce al suo posto Ador Gjuci. Allo scadere del tempo, il Carbonia sfiora nuovamente il raddoppio con Fabio Fredrich, con un cross che scavalca Filippo Vandelli e impatta sulla parte superiore della traversa prima di terminare sul fondo.

Nel secondo tempo, con il vento a favore, il Muravera spinge subito sull’acceleratore, alla ricerca del goal del pareggio. Al 3′ sembra cosa fatta, quando Francesco Virdis trova lo spazio per una grande conclusione sotto la traversa ma trova sulla sua strada un grandissimo Werther Carboni che vola e gli nega la gioia del goal. Altro brivido per la difesa biancoblù all’8′, quando lo stesso Francesco Virdis sfonda sulla fascia destra, mette in mezzo un rasoterra invitante, sul quale il giovane Kalifa Kujabi si tuffa in scivolata ma arriva con un attimo di ritardo all’impatto con il pallone che sarebbe stato quasi certamente decisivo, a pochi passi dalla linea di porta. Di lì a poco prima Francesco Loi inserisce Giovanni Pinna per Gioele Zedda e Giacomo De Martis per Giuseppe Nuvoli, Marco Mariotti mette dentro Nicolò Agostinelli per Daniele Cannas, poi (12′) il Carbonia perde Marco Piredda per doppia ammonizione. Manca oltre mezz’ora, Marco Mariotti corre ai ripari e inserisce Joseph Tetteh per Nicola Serra e Cristiano Palombi per Cristian Stivaletta. Il Carbonia non rinuncia a costruire gioco e al 16′ Joseph Tetteh costringe Filippo Vandelli a distendersi per mettere il pallone in calcio d’angolo.

Al 21′, il Carbonia raddoppia! Calcio di punizione di Cristiano Palombi dalla fascia sinistra, Riccardo Cestaro sceglie il tempo giusto per l’inserimento e batte imparabilmente Filippo Vandelli! E’ il suo secondo goal in quattro giorni. Esplode la gioia dei calciatori biancoblù e tra le poche persone presenti sulla tribuna dello stadio di Santadi, chiuso per le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria.

Il Carbonia vede la meta della vittoria. Il Muravera ci prova fino alla fine ma senza lucidità e non costruisce azioni pericolose per la difesa del Carbonia. Werther Carboni svolge solo lavoro di ordinaria amministrazione. Finisce 2 a 0, il Carbonia vola al sesto posto e si propone come una delle più belle realtà del girone G.

Carbonia: Carboni, Friedrich (dal 41’ del secondo tempo Isaia), Serra (dal 14’ s.t. Tetteh), Cestaro, Bagaglini, Piredda, Stivaletta (dal 14’ s.t. Palombi), Cappai (dal 36’ p.t. Gjuci), Salvaterra, Cannas (dall’11’ s.t. Agostinelli), Russu. A disposizione: Bigotti, Odianose, Costa, Soumare. All. Marco Mariotti.

Muravera: Vandelli, Zedda (dal 10’ s.t. Pinna), Loi, Geroni (dal 26’ s.t. Kadi), Legal, Moi, Cadau, Nuvoli (dal 10’ s.t. Demartis), Nurchi, Kujabi, Virdis. A disposizione: Atzori, Fangwa, Minerba, Pani, Savage, Vignati. All. Francesco Loi.

Arbitro: Simone Gavini di Aprilia (assistenti di linea Davide Lanzellotto di Roma 2 e Vickraj Andrea Gookooluk di Civitavecchia).

Marcatori: al 16’ del primo tempo Cappai, al 21’ del secondo tempo Cestaro,

Note: Espulso al 12’ del secondo tempo Piredda per doppia ammonizione. Ammoniti: Russu, Moi, Bagaglini ed Agostinelli.

Vediamo l’intervista con l’allenatore del Carbonia, Marco Mariotti,

l’intervista con il direttore sportivo del Carbonia Andrea Colombino,

l’intervista con il bomber Roberto Cappai,

l’intervista con l’allenatore del Muravera Francesco Loi,

l’intervista con il direttore sportivo del Muravera Sebastian Puddu.

     

[bing_translator]

Lo stadio comunale Is Collus di Santadi ospita questo pomeriggio (inizio ore 14.30), a porte chiuse, il derby tra il Carbonia di Marco Mariotti ed il Muravera di Francesco Loi, per la 13ª giornata di andata del girone G del campionato di serie D. Dirige Simone Gavini di Aprilia, assistenti di linea Davide Lanzellotto di Roma 2 e Vickraj Andrea Gookooluk di Civitavecchia. Muravera e Carbonia, nell’ordine di posizione in classifica, sono le due squadre sarde che hanno iniziato meglio questo campionato tormentato dall’emergenza sanitaria per la diffusione del Coronavirus. Il Muravera ha giocato 9 partite, vincendone 5, pareggiandone 3 e perdendone una sola, con il Cassino 3 a 0, alla sesta giornata. 15 i goal segnati, 9 quelli subiti. Deve recuperare tre partite, le ultime tre in calendario prima di quella di oggi: in casa con la vicecapolista Latina, sul campo della Vis Artena e in casa con la capolista Monterosi (tre squadre che non ha ancora affrontato anche il Carbonia). Con 18 punti si trova attualmente al sesto posto.

Il Carbonia, con 17 punti, si trova subito dietro il Muravera, al 7° posto, ma ha disputato due partite in più, vincendone 4 (con Torres e Latte Dolce in casa, Cassino e Giugliano in trasferta), pareggiandone 5, tutte per 1 a 1, e perdendone due (in casa con il Savoia, 0 a 2, unica partita nella quale non ha segnato almeno un goal, e ad Angri con la Nocerina). La squadra di Marco Mariotti è sicuramente una delle più belle sorprese di questo avvio di stagione. Deve recuperare la partita interna con l’Insieme Formia.

Il derby odierno racchiude motivi di interesse, oltre che tecnici, per la presenza nelle fila del Muravera di ben quattro ex protagonisti della splendida stagione 2019/2020 del Carbonia in Eccellenza, culminata con la conquista della Coppa Italia e la promozione in serie D, due in campo e due nello staff tecnico e dirigenziale. Gli ex in campo sono Marcello Angheleddu, lo scorso anno capitano biancoblù, ed il giovane fuoriquota Gioele Zedda; Sebastian Puddu è il direttore sportivo, Francesco Setzu è uno dei componenti del Consiglio direttivo.

Marco Mariotti deve rinunciare ancora a Fabio Mastino e Tamirr Berman, infortunati, e ha convocato 20 calciatori: Carboni, Salvaterra, Bagaglini, Costa, Cestaro, Fredrich, Piredda, Tetteh, Russu, Serra, Stivaletta, Cappai, Palombi, Cannas, Bigotti, Soumare, Gjuci, Odianose, Isaia, Agostinelli.

Sugli altri campi, si giocano il derby sassarese Torres-Latte Dolce, in palio punti pesanti per allontanarsi dalla zona calda della classifica; Lanusei-Cassino; Nocerina-Arzachena; Nola-Giugliano; Insieme Formia-Savoia; Team Nuova Florida-Gladiator e Vis Artena-Latina. E’ stata rinviata la partita tra Monterosi e Afragolese, per la presenza di alcuni calciatori positivi al Covid-19 nelle fila della capolista.

  

[bing_translator]

Oltre a Marcello Angheleddu, anche Gioele Zedda e Suku Kassama Sariang, altri due protagonisti della straordinaria stagione della squadra biancoblu culminata con la conquista della Coppa Italia di Eccellenza e della promozione in Serie D, saranno avversari del Carbonia nel prossimo campionato. Gioele Zedda, classe 2001, vestirà come Marcello Angheleddu, la maglia del Muravera, “convinto” a sposare il progetto della società del Sarrabus dal direttore sportivo Sebastian Puddu, anch’egli reduce dall’esperienza a Carbonia, conclusa con un bilancio di 10 goal in campionato e 1 nella partita di ritorno di Coppa Italia con il Real Monterotondo Scalo, valso la vittoria ma non la qualificazione alla fase successiva per differenza reti, dopo l’1 a 3 della partita di andata. L’attaccante del Gambia Suku Kassama Sariang, classe 1999, ha scelto di tornare in Gallura per vestire la maglia dell’Arzachena, guidata dal tecnico Raffaele Cerbone, che lo ha già avuto per due stagioni quando era alla guida del Budoni, sempre in serie D, nel corso delle quali ha disputato 39 partite da fuoriquota, realizzando 4 goal.

[bing_translator]

Sta nascendo il nuovo Carbonia Calcio. Oggi la società guidata dal presidente Carlo Foti, ha annunciato che il direttore sportivo Andrea Colombino ha perfezionato le trattative per l’arrivo di ben 9 nuovi calciatori e per 1 conferma.

Come preannunciato nel tardo pomeriggio, è stato ufficializzato l’arrivo di Marco Russu, esterno classe 1995, cresciuto nel vivaio del Cagliari, ha esordito in serie C nella stagione 2014/2015 con il Como, in quella successiva ha giocato ancora in serie C con il Lumezzane, collezionando 28 presenze, poi nell’Olbia e da fine anno al Melfi. Un’altra stagione, 2017/2018 divisa tra Arzachena e Lucchese. Nelle ultime due stagioni ha giocato in Sardegna, in Eccellenza nella Nuorese e, nel campionato interrotto dall’emergenza Coronavirus, nella Torres di Marco Mariotti.

Giocherà il prossimo campionato con la maglia del Carbonia anche Roberto Vitolo, centrale o esterno destro, classe 1998; cresciuto nelle giovanili del Sorrento, ha poi giocato in serie D con Nocerina e Racing Aprilia.
Per il settore centrale del campo, arrivano a Carbonia Cristian Stivaletta e Joseph Tetteh. Il primo, nell’ultima stagione, si è diviso tra la Vastese (15 presenze e 2 gol) ed il San Nicolò Notaresco (12 presenze e 1 rete) ma nei due anni precedenti, sempre con la Vastese, aveva messo a segno ben 17 reti (11 nel 2017-2018 e 6 nel 2018-2019). Uno spiccato senso del gol mostrato anche nei due campionati precedenti, con la maglia del San Nicolò, quando andò a segno 4 volte nella stagione 2014-2015 ed altre 5 in quella 2016-2017. In mezzo l’esperienza in serie C con l’Aquila (9 presenze).
Arriva come ultimo anno da fuoriquota Joseph Tetteh, ex Primavera del Cagliari, una stagione all’Olbia in serie C nel 2018-19 (5 presenze). Nell’ultima stagione e mezza ha giocato in serie D con il San Donato Tavernelle, disputando in tutto 27 partite con 3 gol all’attivo.
Nel primo pomeriggio, erano state annunciate le altre operazioni.

La difesa cambia volto. Il nuovo portiere sarà Werther Carboni, classe 1996, cresciuto nelle giovanili del Cagliari e con presenze in serie C tra Olbia e Lumezzane. Lo scorso anno ha giocato in Eccellenza con la San Marco Assemini ’80, ben figurando nelle quattro sfide con il Carbonia, tra campionato e Coppa Italia, nonostante i tanti goal subiti. Il reparto si avvarrà delle prestazioni di Matteo Bagaglini, difensore centrale classe 1992, una decina di stagioni in serie D, già con il mister Marco Mariotti alla Nuorese; e di quelle di Lorenzo Costa, mancino classe 2000, cresciuto nelle giovanili del Novara, ha maturato esperienza in serie D (Castiadas e Lanusei).

A centrocampo arriva Cristiano Palombi, centrale classe 1998, cresciuto nelle giovanili della Roma, alcuni campionati in serie D alle spalle. Arriva in prestito dal Monterosi (serie D). E viene confermato Nicola Serra, classe 1999, cresciuto nelle giovanili del Carbonia, con diversi anni nei dilettanti tra Promozione ed Eccellenza, e in serie D con Latte Dolce e Castiadas.

Per l’attacco arriva Ador Gjuci, classe 1998, cresciuto nelle giovanili della Reggina e del Torino, protagonista poi in serie D con Monterosi e Torres.

A fronte di questi nuovi arrivi, vanno registrate alcune partenze. Dopo quelle del portiere Antonio Fortuna, accasatosi al Guspini e del centrale difensivo Luigi Pinna all’Atletico Uri, entrambi in Eccellenza, e quella arrivata ieri di Daniele Contu, al Villamassargia in Promozione, è di oggi la notizia dell’accordo del capitano Marcello Angheleddu al Muravera, nello stesso girone del Carbonia, dove ritrova il direttore sportivo Sebastian Puddu.

Tutti i partenti lasciando un grande ricordo a Carbonia, dove sono stati protagonisti di una straordinaria stagione, culminata con la promozione in serie D e la conquista della Coppa Italia, in particolare Marcello Angheleddu, un calciatore dalle qualità fuori dal comune, non solo tecniche. E’ stato il faro della squadra e del gruppo, l’uomo intorno al quale è stata costruita una squadra davvero super che resterà nella storia del Carbonia Calcio.

Giampaolo Cirronis

[bing_translator]

Prime operazioni in entrata, per il nuovo Carbonia, in vista del prossimo campionato di serie D. Il direttore sportivo Andrea Colombino, ha concluso le trattative per gli arrivi al Carbonia di cinque nuovi calciatori (un quinto dovrebbe firmare nelle prossime ore) e per una conferma.

La difesa cambia volto. Il nuovo portiere sarà Werther Carboni, classe 1996, cresciuto nelle giovanili del Cagliari e con presenze in serie C tra Olbia e Lumezzane. Lo scorso anno ha giocato in Eccellenza con la San Marco Assemini ’80, ben figurando nelle quattro sfide con il Carbonia, tra campionato e Coppa Italia, nonostante i tanti goal subiti. Il reparto si avvarrà delle prestazioni di Matteo Bagaglini, difensore centrale classe 1992, una decina di stagioni in serie D, già con il mister Marco Mariotti alla Nuorese; e di quelle di Lorenzo Costa, mancino classe 2000, cresciuto nelle giovanili del Novara, ha maturato esperienza in serie D (Castiadas e Lanusei).

A centrocampo arriva Cristiano Palombi, centrale classe 1998, cresciuto nelle giovanili della Roma, alcuni campionati in serie D alle spalle. Arriva in prestito dal Monterosi (serie D). E viene confermato Nicola Serra, classe 1999, cresciuto nelle giovanili del Carbonia, con diversi anni nei dilettanti tra promozione ed Eccellenza, e in serie D con Latte Dolce e Castiadas.

Per l’attacco – la notizia dovrebbe essere ufficializzata nelle prossime ore – dovrebbe arrivare Marco Russu, esterno classe 1995, cresciuto nel vivaio del Cagliari, ha esordito in serie C nella stagione 2014/2015 con il Como, in quella successiva ha giocato ancora in serie C con il Lumezzane, collezionando 28 presenze, poi nell’Olbia e da fine anno al Melfi. Un’altra stagione, 2017/2018 divisa tra Arzachena e Lucchese. Nelle ultime due stagioni ha giocato in Sardegna, in Eccellenza nella Nuorese e, nel campionato interrotto dall’emergenza Coronavirus, nella Torres di Marco Mariotti; è già sicuro l’arrivo di Ador Gjuci, classe 1998, cresciuto nelle giovanili della Reggina e del Torino, protagonista poi in serie D con Monterosi e Torres.

A fronte di questi nuovi arrivi, vanno registrate alcune partenze. Dopo quelle del portiere Antonio Fortuna, accasatosi al Guspini e del centrale difensivo Luigi Pinna all’Atletico Uri, entrambi in Eccellenza, e quella arrivata ieri di Daniele Contu, al Villamassargia in Promozione, è di oggi la notizia dell’accordo del capitano Marcello Angheleddu al Muravera, nello stesso girone del Carbonia, dove ritrova il direttore sportivo Sebastian Puddu.

Tutti i partenti lasciando un grande ricordo a Carbonia, dove sono stati protagonisti di una straordinaria stagione, culminata con la promozione in serie D e la conquista della Coppa Italia, in particolare Marcello Angheleddu, un calciatore dalle qualità fuori dal comune, non solo tecniche. E’ stato il faro della squadra e del gruppo, l’uomo intorno al quale è stata costruita una squadra davvero super che resterà nella storia del Carbonia Calcio.

Giampaolo Cirronis

 

 

 

[bing_translator]

Il nuovo allenatore ed il nuovo direttore sportivo del Carbonia Calcio, sono già al lavoro per preparare la prossima stagione che vedrà la squadra biancoblù protagonista nel campionato nazionale di Serie D. Ieri abbiamo proposto la prima intervista con il nuovo allenatore Marco Mariotti, oggi proponiamo la prima intervista con il nuovo direttore sportivo Andrea Colombino, 39 anni, sassarese, scelto per coprire il vuoto aperto dalle dimissioni di Sebastian Puddu, passato al Muravera, dove ricopre lo stesso incarico di direttore sportivo.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/pcb.10223392450147392/10223392440787158/?type=3&theater

[bing_translator]

Andrea Colombino è il nuovo direttore sportivo del Carbonia Calcio. Trentanove anni, dopo aver svolto l’attività di osservatore professionista per Cagliari e Genoa, Andrea Colombino ha cominciato l’esperienza da direttore sportivo nella Torres nella stagione 2015/2016, culminata con una finale playoff in serie D. Successivamente, ha ricoperto il medesimo incarico con Atletico Uri e Latte Dolce Sassari.
Il nuovo direttore sportivo è già al lavoro con la società per la scelta dell’allenatore, dello staff e dei giocatori che andranno a formare la rosa della squadra che affronterà la nuova avventura nel prossimo campionato di serie D.

Foto Diario Sportivo

[bing_translator]

Operazione allungo riuscita! Il Carbonia ha battuto la Ferrini 1 a 0 (goal di Alessio Figos al 21′) ed ora comanda la classifica con 4 punti di vantaggio sul Castiadas, superato in casa dall’Atletico Uri con il punteggio di 2 a 1. La giornata ha registrato anche la sconfitta interna dell’Ossese con la San Marco Assemini ’80, 3 a 2, ed il pari della Nuorese a Guspini, 1 a 1, con le altre due inseguitrici scivolate rispettivamente a 10 e 11 punti dal Carbonia, probabilmente fuorigioco per la corsa al primo posto a 8 giornate dal termine della stagione regolare.

Quella del Carbonia non è stata una vittoria facile. Andrea Marongiu non ha potuto schierare Federico Boi, squalificato per recidività in ammonizioni, e Suku Kassama Sariang, tenuto precauzionalmente a riposo per una leggera indisposizione intestinale. Al loro posto, ha inserito Matteo Saias al centro della difesa e Nicola Serra a centrocampo.

In avvio è stata la Ferrini a prendere in mano il controllo del gioco a centrocampo, senza riuscire a creare problemi dalle parti di Antonio Fortuna. Il Carbonia ha faticato nel trovare i giusti meccanismi della propria manovra, ma poco prima di metà tempo, al primo vero affondo, ha sbloccato il risultato con una zampata di Alessio Figos.

La Ferrini ha subito il colpo ed ha cercato subito di rimediare, continuando a tenere il pallino del gioco, ma andando sempre a sbattere contro il muro della difesa del Carbonia (non a caso la migliore del girone, con 15 reti subite in 22 partite, 8 delle quali in tre partite, tra Castiadas in trasferta, Porto Rotondo ed Ossese in casa), nella quale Matteo Saias non ha fatto rimpiangere Federico Boi.

Le squadre sono andate al riposo con il Carbonia avanti di un goal.

Nella ripresa la musica non è cambiata. Il Carbonia ha lasciato campo, forse troppo, alla Ferrini, che ha tenuto una lunga supremazia nel possesso palla, ma vere occasioni da goal non è riuscita a costruirne, se si esclude un calcio di punizione da favorevole posizione di Emiliano Melis, entrato in campo nell’ultimo quarto d’ora. Il Carbonia, dopo alcuni cambi, ha tentato di affacciarsi nell’area avversaria alcune volte nel finale, quando avrebbe potuto chiudere i conti con il secondo goal, ma il risultato non è più cambiato ed al fischio finale del direttore di gara, Francesco Loiodice di Collegno, è esplosa la gioia di calciatori, tecnico, dirigenti e tifosi, perché da Castiadas, Ossi e Guspini sono arrivate le conferme dei passi falsi delle dirette concorrenti, soprattutto della sconfitta del Castiadas, il vero avversario nella corsa verso la serie D, ora lontano 4 punti…

Sugli altri campi, sono maturate altre tre vittorie in trasferta: l’Arbus ha vinto a Monastir, 2 a 0, con goal di Momo Cosa ed Alessio D’Agostino; il Li Punti ha vinto 1 a 0 a Ghilarza; il Taloro ha vinto 3 a 0 sul campo del Porto Rotondo. Il La Palma di Graziano Mannu ha superato il Bosa 1 a 0, con un goal di Enrico Valluzzi, ed ha riacceso le speranza di salvezza, quantomeno per un accesso ai play-out.

Il Carbonia non ha tempo per riposare, perché già da domani dovrà pensare alla trasferta di mercoledì 26 febbraio a Monterotondo Scalo, per la partita di andata del primo turno delle finali nazionali della Coppa Italia di Eccellenza.

Allegato un ricco album fotografico e le interviste ai due allenatori, Andrea Marongiu (Carbonia) e Sebastiano Pinna (Ferrini) e al direttore sportivo del Carbonia Sebastian Puddu.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221910415697457/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221910455778459/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221910488739283/

[bing_translator]

Clamorosa operazione di mercato al Carbonia: Samuele Curreli ritorna alla Monteponi, in Promozione, al suo posto arriva Giuseppe Meloni, l’attaccante più ambito dalle grandi del campionato di Eccellenza, autore di 51 goal lo scorso anno con la maglia del Muravera.

L’operazione di mercato che ha portato Giuseppe Meloni, 34 anni, originario di Nuoro, alla corte di Andrea Marongiu, è maturata negli ultimi giorni. Il calciatore era inseguito con decisione anche dal Castiadas ed i dirigenti del Carbonia, con il direttore sportivo Sebastian Puddu e l’amministratore delegato Checco Fele letteralmente scatenati, hanno bruciato la concorrenza. L’arrivo di Giuseppe Meloni, inevitabilmente, ha aperto la strada alla partenza di Samuele Curreli, inseguito da diverse società e, in particolare, dalla Monteponi, dove non sono state dimenticate le prodezze ed i 19 goal che un anno fa trascinarono la squadra rossoblu dall’ultimo al quarto posto in classifica, sotto la guida di Andrea Marongiu.

Samuele Curreli lascia il Carbonia con un bilancio di 15 goal, 10 realizzati in 6 partite di Coppa Italia, 5 in 11 partite di campionato, dove ha saltato tre partite per squalifica.

Giuseppe Meloni arriva a Carbonia con un curriculum di assoluto prestigio. Lo scorso anno è stato protagonista della cavalcata vincente del Muravera, promosso dall’Eccellenza alla serie D, realizzando 42 goal in campionato e 9 in Coppa Italia. In precedenza ha giocato tre campionato in C1, con la maglia della Spal; 1 in C2 con il Savona; 9 campionati in serie D e 6 in Eccellenza. In serie D ha raggiunto il top con l’Arzachena nella stagione 2008/2009 (31 partite e 24 goal), Torres 2012/2013 (31 partite e 22 goal), Savoia 2013/2014 (30 partite e 16 goal), Akragas 2014/2015 (27 partite e 19 goal), Fondi Calcio 2015/2016 (28 partite e 27 goal), Muravera 2018/2019 (dove ha segnato 42 dei 111 goal complessivi della squadra).

Giuseppe Meloni sarà a Carbonia già questo pomeriggio, agli ordini di Andrea Marongiu, e farà il suo esordio domenica 22 dicembre, nel big match di Castiadas.

Giampaolo Cirronis

 

[bing_translator]

Cinque giorni dopo l’annuncio dell’accordo che ha riportato in panchina Andrea Marongiu, il Carbonia ha messo a segno oggi i primi colpi sul mercato, nell’ambito del programma di potenziamento predisposto per affrontare il campionato di Eccellenza con un organico in grado di competere nei quartieri alti della classifica. Definita la conferma di Daniele Contu, la società guidata dal presidente Carlo Foti, con il direttore sportivo Sebastian Puddu ha concluso le trattative per l’ingaggio del centrocampista Marcello Angheleddu e dell’attaccante Samuele Curreli, capocannoniere dell’ultimo campionato di Promozione con la Monteponi.

Marcello Angheleddu, originario di Decimoputzu, 34 anni (è nato il 28 dicembre 1984), 178 cm per 74 kg di peso forma, è un centrocampista di lunga esperienza, maturata prevalentemente sui campi della serie D (Atletico Elmas, Sanluri, Arzachena, Torres e Lanusei) e in Eccellenza.

Samuele Curreli, originario di Narcao, 30 anni (è nato il 24 novembre 1988), 180 cm per 70 kg di peso forma, è arrivato a Iglesias a inizio dicembre, proveniente da Villaperuccio (girone B del campionato di 1ª Categoria), dove era arrivato proprio dalla squadra mineraria (in 1ª Categoria, con la quale aveva concluso la passata stagione iniziata a Carloforte, in Promozione). Ha preso per mano la squadra rossoblu, guidata dalla panchina dal tecnico Andrea Marongiu, ora tornato al Carbonia, e con i suoi goal (19 in 18 partite giocate) ha contribuito in misura determinante a tirarla fuori dalla zona calda della classifica e a lanciarla fino al quarto posto finale.

Nelle ultime tre stagioni Samuele Curreli non ha terminato il campionato con la maglia della squadra con la quale lo aveva iniziato: 2016/2017 Lanusei-Barisardo, 2017/2018 Carloforte-Monteponi, 2018/2019 Atletico Villaperuccio-Monteponi. La sua carriera, dopo gli inizi a Narcao, lo ha visto protagonista prima a Samassi, poi a Elmas con la Frassinetti di Michele Filippi, con la quale ha vinto la Coppa Italia (in finale sulla Montaldo di Siniscola) e la Supercoppa (in finale sul Lanusei, vincitore della Coppa Italia di Eccellenza, con doppietta personale) nella stagione 2014/2015. La stagione successiva iniziò il campionato con la maglia del Lanusei, per passare poi al Carloforte nel mercato autunnale. Ancora a Lanusei all’inizio della stagione 2016/2017 e poi il continuo cambio di maglie già descritto.

Con gli arrivi di Marcello Angheleddu e Samuele Curreli (nelle foto allegate protagonista con la maglia della Monteponi nel campionato di Promozione 2018/2019), che tornano a giocare nella stessa squadra dopo l’esperienza vissuta al Lanusei, il nuovo Carbonia comincia a prendere forma ma è solo l’inizio di una campagna acquisti che, a breve, promette nuovi colpi, perché l’obiettivo è quello di mettere a disposizione del tecnico Andrea Marongiu l’organico al completo fin dall’inizio della preparazione, che dovrebbe essere fissata per il 5 agosto.

Giampaolo Cirronis