19 August, 2022
HomePosts Tagged "Swippy Saba"

[bing_translator]

Oggi, giovedì 21 novembre 2019, l’Arma dei Carabinieri ha celebrato le ricorrenze commemorative della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Istituzione, del “78° Anniversario della Battaglia di Culqualber” e della “Giornata dell’Orfano”.

Quest’ultima particolare ricorrenza (istituita nel 1996) rappresenta per i Carabinieri e per l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei militari dell’Arma dei Carabinieri (O.N.A.O.M.A.C.) un’occasione di concreta vicinanza alle famiglie dei colleghi caduti.

Alle ore 10.00 S.E. monsignor Arrigo Miglio ha celebrato la Santa Messa presso la chiesa di San Lucifero (via San Lucifero 78 – Cagliari), alla presenza delle Autorità Regionali, Provinciali e cittadine, dei familiari delle vittime del dovere e di una folta rappresentanza di carabinieri, in servizio, in congedo (Associazione Nazionale Carabinieri) e loro familiari.

La Messa è stata preceduta da una breve cerimonia militare svoltasi all’interno della Caserma Zuddas di via Sidney Sonnino, sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna, con la deposizione di una corona in onore dei Caduti e con la premiazione di un encomio per i seguenti militari, distintisi in operazioni di servizio:

  • Ten Col. Marcello Sardu (attualmente in servizio presso la Sezione Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Cagliari) per aver condotto, quale Comandante del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Trieste, una articolata attività di indagine in materia di stupefacenti che ha portato all’arresto di 19 persone e al sequestro di 13 kg di sostanze stupefacenti (provincie di Trieste, Milano e Napoli, ottobre 2017-ottobre 2018);
  • Maresciallo maggiore Stefano Melis, brig. capo Giuseppe Cingolani e appuntato scelto Q.S. Swippy Saba (in servizio presso il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Carbonia) per aver condotto una articolata attività di indagine in materia di stupefacenti, contraffazione di banconote, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione che ha portato all’arresto di 17 persone e al sequestro di un ingente quantitativo di stupefacenti, di numerose banconote contraffatte e alla completa disarticolazione del sodalizio criminale (provincie di Cagliari,  Sassari e Alessandria, dicembre 2014-dicembre 2018);
  • Appuntati Scelti Paolo Locci e Mauro Vitale (Stazione Carabinieri di Decimomannu), per essere intervenuti in soccorso di un giovane affetto da gravi problemi psichici che tentava il suicidio mediante impiccamento, riuscendo a trarlo in salvo, nonostante la resistenza da lui opposta (Decimoputzu, 13 giugno 2019);
  • Mar. maggiore Antonio Michele Chessa (attualmente in servizio presso il Comando Legione Carabinieri Sardegna) per aver dato, in servizio presso quale addetto  un determinante contributo in complessa attività di indagine che ha portato alla disarticolazione di un pericoloso sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti e alla commissione di altri gravi reati (tra cui ricettazione armi da sparo comuni e da guerra), all’arresto di 65 persone, al recupero e sequestro di ingenti quantitativi di stupefacente, di numerose armi comuni e da guerra, di esplosivo e munizioni (provincie di Nuoro, Cagliari, Sassari, Oristano, Mantova, Lodi, Padova, Parma, Reggio Emilia, Modena, Pisa e Grosseto;  giugno 2013-dicembre 2015);
  • Luogotenente C.S. Fabio Antista, mar. Capo Sebastiano Antonio Sanna, vice brig. Matteo Pintus (St. Carabinieri La Maddalena), per aver dato, in servizio presso il Nucleo Investigativo del comando provinciale Carabinieri di Nuoro,  un determinante contributo in complessa attività di indagine che ha portato alla disarticolazione di un pericoloso sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla commissione di altri gravi reati (tra cui estorsioni e reati contro il patrimonio), all’arresto di 12 persone, al recupero e sequestro di un discreto quantitativo di stupefacente e di danaro (La Maddalena, gennaio 2018-marzo 2019).
  •  

[bing_translator]

Nel corso della cerimonia dell’intitolazione della sala “ M.O.V.M Generale Enrico Barisone”, effettuata presso la sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna, il generale Paolo Nardone, attuale comandante dei carabinieri in Sardegna, ha assegnato per attività di servizio particolarmente significative delle note di elogio premiali (encomi):

• Magg. Giuseppe Licari – Cap. Massimo Fornasier – Mar. Ca. Stefano Melis – Mar. Ord. Benedetta Berti – Mar. Antonio Catagnoti – Brig. Ca. Robertino Medda – Brig. Giuseppe Cingolani – App. Sc. Swippy Saba (del Comando Compagnia di Carbonia),

per l’operazione denominata Calesse sviluppata tra la Sardegna e l’Olanda che ha consentito la disarticolazione di diverse organizzazioni criminali dedite al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività investigativa si è conclusa nella mattina del 17 maggio 2016 con l’arresto complessivo di 26 persone, tra le quali due pregiudicati sardi residenti in Olanda, e  la denuncia in stato di libertà di altre 22 persone, il sequestro di stupefacenti ed il completo smantellamento dei sodalizi.

• Mar. Ord. Benedetta Berti (Comandante della stazione di Tratalias) – V. Brig. Marco Porricino (della Stazione di Sant’Antioco),

in quanto nel giugno del 2016, a Calasetta, soccorrevano tempestivamente un giovane, già cianotico per gravi difficoltà respiratorie, praticandogli manovra di primo soccorso per liberarlo da un tappo di plastica che gli ostruiva le vie aeree e rischiava di soffocarlo, scongiurando così nefaste conseguenze.

• Mar. Ord. Gaya Zirizzotti – Brig. Luca Mariani (della Stazione di San Giovanni Suergiu),

per aver effettuato, nella sera del 6 luglio 2015, il primo intervento partecipato, congiuntamente ai militari del Comando provinciale di Cagliari, a tutte le attività nei confronti di un soggetto che, colto da crisi depressiva, si era barricato armato all’interno della propria abitazione, attività che si è conclusa con la resa e l’arresto del malcapitato ed il sequestro di cinque pistole detenute illegalmente.

Da segnalare come due marescialle della Compagnia siano state premiate e che una di esse, il maresciallo Benedetta Berti, Comandante della stazione di Tratalias, è stata encomiata due volte.