28 January, 2023
HomeAmbienteSi terrà il 28 agosto, a Pattada, un seminario sullo stato dell’arte e le condizioni del suolo, e del suo consumo, in Sardegna.

Si terrà il 28 agosto, a Pattada, un seminario sullo stato dell’arte e le condizioni del suolo, e del suo consumo, in Sardegna.

[bing_translator]

L’Associazione LAMAS e SardegnaSoprattutto, sulla scia della discussione su governo del territorio e urbanistica che la rivista online sta da mesi animando, organizzano all’Hotel La Pineta di Pattada, il 28 agosto 2017, un seminario di confronto tra studiosi, tecnici, giornalisti e intellettuali al fine di stabilire lo stato dell’arte e le condizioni del suolo, e del suo consumo, in Sardegna. A partire da quanto l’isola ha, in termini di strumenti legislativi, creato – soprattutto il Piano Paesaggistico Regionale del 2006 -, e per definire per ciò che realmente sono le ultime scelte dell’attuale giunta regionale in campo urbanistico e paesaggistico (in primis il disegno di legge sul Governo del territorio Sardo del 16 marzo 2017).

La giornata sarà scandita da cinque tavoli: Sardegna: mito, realtà, narrazione e tre processi; Sardegna tra sostenibilità e consumo del suolo; Suolo della Sardegna: una ricchezza non riconosciuta; Misfatti contro la terra;

Quando si parla di “sostenibilità” cosa si intende? Il primo, che parrebbe distante dal focus urbanistico, inerisce a quel rapporto troppo spesso deviato, nelle nostre comunità, tra generi, luoghi e ruolo di entrambi. I restanti quattro tratteranno del precario equilibrio (quasi sempre disatteso) tra utilizzo del suolo e sua preservazione. I fulcri saranno “sostenibilità” e “sviluppo”, al fine di formalizzare proposte ed esempi di utilizzo e riutilizzo di luoghi senza erodere e piombare ulteriori superfici.

Superfici che in Sardegna, tra il 2015 e il 2016, secondo l’ISPRA, si sono ridotte di un ulteriore 4%. I tavoli, che partiranno da dati scientifici, grazie all’apporto di tecnici e professionisti, non trascureranno l’aspetto sociale e antropologico della questione: quali i rischi di un definitivo stravolgimento degli assetti territoriali nelle coste e nell’entroterra? Come l’urbanistica si fa strumento di controllo politico, e come la politica cede ad interessi economici non a favore dei sardi sul lungo periodo?

L’obiettivo della giornata è quello di produrre Materiali per un’urbanistica sostenibile in vista del Convegno Sostenibilità come opportunità di sviluppo della Sardegna che, col supporto dell’associazione Paesaggio Gramsci, si svolgerà ad ottobre. I fondamentali? Il PPR del 2006, appunto, la Carta europea del suolo, la non ideologica ricerca di uno sviluppo economico sostenibile, dei sardi per i sardi.

FOLLOW US ON:
Per gli anziani de
Edoardo Tocco (Forza

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT