29 January, 2023
HomeSpettacoloCinemaÈ ricco di spunti, ospiti e contaminazioni il sabato del Carbonia Film Festival. Nostra intervista al direttore artistico Francesco Giai Via.

È ricco di spunti, ospiti e contaminazioni il sabato del Carbonia Film Festival. Nostra intervista al direttore artistico Francesco Giai Via.

[bing_translator]

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10217726193694522/

Sono due gli appuntamenti in programma al mattino, a partire dalle 10,30 quando piazza Roma, sulla quale si affaccia il Cine-Teatro Centrale, cuore nevralgico della rassegna, ospiterà la seconda edizione del Festival Village. Espositori, artigiani, artisti, piccoli produttori dell’agro-alimentare, laboratori e giochi gratuiti, per bambini e adulti. Un modo per coinvolgere la città e offrire al pubblico del festival un momento colorato di svago e incontro. Un’occasione per promuovere le professionalità e le risorse del territorio. Per provare a gustare il festival da un’altra prospettiva, in maniera inclusiva e popolare.

Alle 11.00, alla Fabbrica del Cinema, invece, il giovane talento newyorkese Khalik Allah incontra i ragazzi e le ragazze del Progetto Cinema Giovani, per una masterclass che restituisce la sua esperienza di fotografo e regista.

Nel pomeriggio riprendono le proiezioni dei film in concorso nella sezione lungometraggi al Cine-Teatro Centrale: alle 16.00 tocca a Arábia, film brasiliano firmato da João Dumans ed Affonso Uchoa che racconta l’epopea degli ultimi anni di vita di Cristiano, un operaio immigrato. Le sue gioie e sofferenze sono un ritratto del recente sviluppo sociale ed economico del Brasile. Un esordio sorprendente, intenso come una ballata di Bruce Springsteen.

Alle 18.00 è ancora protagonista Khalik Allah, in concorso con Black Mother: immersa nel sacro e nel profano, un’esplorazione e insieme un’ode personale alla Giamaica odierna, e al suo turbolento passato. Il nuovo lavoro di uno dei fotografi e registi più importanti della new wave americana. Al termine della proiezione l’incontro con il giovane autore statunitense, di origine giamaicana, che si è imposto al pubblico nel 2015 con il documentario Field Niggas. Il suo libro Souls Against the Concrete (2017) è stato pubblicato dalla University of Texas Press, e le foto sono state esposte in una personale alla New York’s Glitterman Gallery.

La serata prosegue poi con il terzo degli Aperitivi sonori del festival, appuntamento informale in cui si abbatte la barriera tra ospiti e pubblico, per una fusione completa con il territorio di cui la rassegna è espressione. Appuntamento alle 19,30 al Suzie Q con il djset di Progetto Mayhem.

Alle 21.00 nuovo appuntamento al Cine-Teatro Centrale con uno degli eventi del festival: la proiezione di Un giorno all’improvviso e l’incontro con il suo giovane regista Ciro D’Emilio. Per lui e per il suo film si tratta della prima uscita dopo la presentazione, il mese scorso, nella sezione Orizzonti alla 75ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Insieme al regista anche l’attore Giampiero De Concilio, che nel film interpreta Antonio, 17 anni ed una situazione familiare complessa: suo padre lo ha abbandonato quando era piccolo, e sua madre Miriam, dolce ma problematica, da allora è ossessionata dall’idea di ricostruire la famiglia. Antonio vive in una cittadina della provincia campana, una terra in cui cavarsela non è sempre così facile. Ma per fortuna ha un sogno: diventare un calciatore.

La lunga giornata del Carbonia Film Festival si chiude infine alle 23, quando al Gsg Concept Store sarà protagonista Rachele Bastreghi, cantautrice e musicista, voce femminile dei Baustelle, con una selezione musicale ispirata alle grandi colonne sonore dal titolo “Gli anni in tasca”.

Dice Rachele del suo set: «Amo la musica ed il cinema, rilassano i miei muscoli, possono portarmi lontano oppure farmi vivere il presente in modo migliore. Con i film immagino, sogno, penso, rido e piango. Hanno il dono di emozionarmi, di farmi conoscere vite e situazioni diverse dalla mia, di condividere storie che raccontano qualcosa di me, facendomi sentire meno sola. La musica è il mio linguaggio del cuore, da tanto, da sempre. Un luogo intimo in cui sprofondare, sperimentare e costruire.

Mi piacciono molto le colonne sonore dei film, suoni che si sposano con le immagini e i dialoghi, amplificandone sensazioni e realtà. Musiche che suggeriscono quello che non si dice e lasciano immaginare quello che non si vede, come insegna il maestro Ennio Morricone, che continua ad essere una delle mie ispirazioni più forti.

Per questo sono felice di essere stata chiamata al Carbonia Film Festival, per condividere il mio universo sonoro, selezionando un po’ di quella musica che mi ha accompagnato negli anni.

Se dovessi dare un un titolo, lo prenderei in prestito da un film di Truffaut, ‘Gli anni in tasca’, perché la musica scandisce il nostro tempo, ha il potere di riportarci in un preciso momento, è sempre li a portata di mano, per farci volare da un posto all’altro. Una specie di macchina dei ricordi. Sarà un viaggio tra canzoni, pathos e ritmo».

Questa sera abbiamo intervistato il direttore artistico Francesco Giai Via, in occasione della proiezione del film “Risorse umane” del grande regista francese Laurent Cantet.

                 

 

Sono andate avanti a
Dal 12 al 15 ottobre

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT