27 November, 2021
Home2021Maggio (Page 24)

«Se fossi parlamentare della Repubblica, pur ritenendolo perfettibile, voterei il disegno di legge Zan contro l’omotransfobia. Poiché ritengo non negoziabile e indiscutibile il principio di tutela della dignità umana in ogni sua espressione. E, dunque, anche in quelle legate all’orientamento sessuale, all’identità di genere e ovviamente alla disabilità. Nondimeno, il riconoscimento della dignità delle persone ed il loro diritto a “esistere” ed esprimersi (nel rispetto delle leggi e del prossimo) in piena libertà, senza per questo subire discriminazioni o peggio ancora violenze, sono tra i fondamenti della nostra società democratica e civile.»
Lo scrive, in una nota, Fabio Usai, consigliere regionale della Sardegna del Partito Sardo d’Azione.
«Perciò trovo incomprensibili le polemiche divampate in questi giorni: per la mia visione del mondo, lo dico senza timore alcuno, non dovrebbero esserci divisioni tra destra, sinistra o centro, su questo genere di argomentiaggiunge Fabio Usai. D’altronde, mettendo per un attimo da parte i principi generali, che ci sia bisogno di uno specifico intervento legislativo sulla materia è dimostrato anche dai numerosi episodi di violenza e discriminazione registratisi negli ultimi anni verso persone per il proprio orientamento o identità sessuali o per la propria condizione di disabilità.»
«Il legislatore quindi, per ritenersi tale e al servizio dei cittadini, ha il dovere di intervenire per sanare un’impellente esigenza di tutela che emerge dalla nostra società conclude il consigliere regionale del Partito Sardo d’Azione -. Probabilmente (lo ricordo innanzitutto a me stesso), se ci fosse meno
contrapposizione ideologica fine a se stessa e motivata da fattori di carattere elettorale, più ascolto e maggiori sforzi nella direzione della comprensione reciproca, sarebbe più semplice trovare i migliori compromessi, su qualsiasi provvedimento di legge, nell’interesse ultimo e generale dei cittadini.»

La notte scorsa, in agro di Domusnovas, lungo la strada S.P. 2, al km 44, i carabinieri della locale stazione, sono intervenuti presso il distributore di carburante TAMOIL gestito da un 51enne di Carbonia, ove ignoti malfattori, utilizzando uno smeriglio, hanno danneggiato e tentato di asportare la cassaforte della colonnina per il pagamento del carburante self service. Sono in corso indagini per arrivare all’identificazione degli autori del reato, anche tramite l’esame delle immagini eventualmente captate dagli impianti di video sorveglianza.

I carabinieri di Teulada ieri hanno denunciato a piede libero per guida sotto l’influenza dell’alcool e in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti, un giovane disoccupato di Iglesias, classe 1996, il quale, il 27 febbraio scorso, transitando a bordo del proprio veicolo in via Umbria, a Carbonia, aveva omesso di arrestare la marcia dell’auto nonostante il semaforo proiettasse luce rossa; per tale comportamento aveva causato un sinistro stradale.

Il giovane, sottoposto agli accertamenti alcolemici e tossicologici presso l’ospedale Sirai di Carbonia, era risultato positivo al test per le sostanze stupefacenti, nonché positivo all’etanolo.

Il Muravera di Francesco Loi recupera oggi la partita della 20ª giornata del girone G del campionato di serie D, sul campo del Team Nuova Florida. Cassino-Arzachena, il secondo recupero previsto inizialmente oggi, invece, si giocherà il 12 maggio.

Il Muravera, in caso di vittoria, scavalcherebbe il Carbonia al sesto posto, ma cogliere i 3 punti ad Ardea, non sarà un’impresa facile. La squadra laziale, battuta di misura quattro giorni fa a Santadi dal Carbonia di Marco Mariotti, sta vivendo un periodo molto positivo della stagione, che l’ha vista protagonista soprattutto in trasferta, con tre vittorie consecutive sui campi di Nocerina, Torres e Vis Artena (dei 31 punti complessivi, ben 18, frutto di 5 vittorie e 3 pareggi, a fronte di 5 sconfitte, li ha messi insieme lontano dal proprio campo). Bilancio simile in trasferta per il Muravera, con 5 vittorie, 2 pareggi e 5 sconfitte, per 17 punti sui 38 complessivi, ottenuti nelle 25 partite fino ad oggi disputate.

La Lega Nazionale Dilettanti, intanto, ha riprogrammato i recuperi delle partite dei vari gironi. L’Arzachena, la squadra che deve recuperare il maggior numero di partite, ben quattro, giocherà mercoledì 12 maggio a Cassino e mercoledì 19 maggio in casa con il Giugliano.

Ricordiamo che il campionato oggi è fermo per la seconda domenica consecutiva per lasciare spazio ai recuperi e ripartirà domenica prossima, 9 maggio, con il seguente programma: Insieme Formia-Carbonia, Team Nuova Florida-Nola 1925, Giugliano-Lanusei, Afragolese-Latina Calcio, Arzachena Academy-Monterosi, Cassino Calcio-Nocerina, Gladiator-Torres, Latte Dolce-Savoia, Muravera-Vis Artena.

 

 

E’ partito ieri 1 maggio, Festa internazionale dei lavoratori, il contratto sulle assunzioni di 367 dipendenti di ex Ati-Ifras, coinvolti nel progetto di sviluppo del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna.

«Grazie a un lavoro proficuo, la Regione è riuscita a garantire per due anni l’occupazione e la formazione dei lavoratori impiegati nei cantieri di Comuni, Associazioni ed Enti locali. Il progetto ha sottolineato l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zeddanasce con lo scopo di valorizzare il patrimonio archeologico, storico e ambientale della Sardegna e di mettere in sicurezza i siti minerari.»

La nuova società che si è aggiudicata il bando pubblico – come previsto da norma regionale e gestito ed attuato da Aspal attraverso una gara internazionale di “Facility Management” – ha proceduto così all’assunzione di 367 lavoratori totali afferenti a diversi cantieri comunali, con un contratto a tempo determinato biennale che prevede anche attività formative e di crescita professionale.

«Un risultato reso possibile dall’Assessorato del Lavoro, grazie anche al contributo profuso dalle organizzazioni sindacali e da Aspal ha aggiunto l’assessore Alessandra Zedda -. Il nostro impegno ora è orientato a costruire il futuro dei lavoratori attraverso progetti che mirano alla tutela dei siti archeologici, in piena sinergia con gli Enti coinvolti e le Amministrazioni comunali – ha concluso l’assessore regionale del Lavoro -. Si tratta di un passaggio decisivo che consentirà di completare il percorso di un lavoro stabile al termine dei 2 anni previsti dal contratto.»

ll Servizio di Diabetologia della ASSL Carbonia Iglesias, in accordo con l’equipe delle vaccinazioni per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2 /#COVID19 ha stabilito il calendario vaccinale dei pazienti diabetici come di seguito:
– Sabato 8 maggio presso l’Istituto Pascoli di via Balilla: pazienti affetti da Diabete Tipo1 afferenti al Centro di Carbonia:
– Domenica 9 maggio presso la palestra delle Scuole Medie, Piazza Sarigu (dietro il Comune Nuovo): pazienti affetti da diabete Tipo1 afferenti al Centro di Iglesias.
– Le date per i pazienti affetti da diabete Tipo2 in terapia insulinica, o in terapia con almeno 2 farmaci orali o che hanno sviluppato complicanze saranno comunicate a breve.
– I pazienti vengono contattati direttamente dal Centro curante per comunicare data e ora pertanto non devono effettuare alcuna prenotazione.

E’ stato firmato ieri, 1 maggio, il protocollo d’intesa per favorire la pratica dell’attività fisica delle persone trapiantate.

Creare le condizioni per consentire la pratica del Cammino lento lungo il Cammino Minerario di Santa Barbara per migliorare la salute e la qualità della vita dei soggetti trapiantati, è l’impegno assunto dalla Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara, dall’Associazione Sarda Trapiantati e dalla Federazione Liver-Pool con il sostegno del Centro nazionale e del Centro regionale trapianti, della Diocesi di Iglesias e dei Comuni di Carbonia, Iglesias e Guspini.

Dopo la firma in remoto del protocollo, il vescovo monsignor Giovanni Paolo Zedda ha celebrato la Santa Messa nella Cattedrale di Iglesias, in suffragio dei donatori di organi e dei componenti dell’equipe medica che hanno perso la vita nel tragico incidente aereo del 2004.

 

I vigili del fuoco del distaccamento di Iglesias sono impegnati dalle 19.30, in vico della Montagna, a Vallermosa, per un incendio a seguito di un’esplosione provocata da una probabile fuga di gas da una bombola di GPL, in un ripostiglio esterno ad un’abitazione.
La squadra di pronto intervento “5A” sta operando con due automezzi e sette operatori per spegnere le fiamme che hanno coinvolto anche una copertura esterna.
Tra le fiamme sono state localizzate, raffreddate e messe in sicurezza, altre bombole di GPL
Fortunatamente non ci sono feriti, né gli inquilini e nessun’altra persona risulta coinvolta.
Al termine delle operazioni di spegnimento, di bonifica e di messa in sicurezza, i vigili del fuoco daranno il via agli accertamenti ed ai rilievi, per stabilire le cause di quanto accaduto.

Sono 184 i nuovi casi di positività al Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Sardegna, su 4.047 test eseguiti (4,55%). Salgono a 54.691 i casi di positività dall’inizio dell’emergenza. In totale sono stati eseguiti 1.190.323 tamponi.
Si registrano 3 nuovi decessi (1.387 in tutto). Sono 371 (+1) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, mentre resta invariato il numero dei pazienti (49) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.556 e i guariti sono complessivamente 36.328 (+298).
Sul territorio, dei 54.691 casi positivi complessivamente accertati, 14.307 (+48) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.246 (+10) nel Sud Sardegna, 4.837 (+10) a Oristano, 10.647 (+54) a Nuoro, 16.654 (+62) a Sassari.

«Apprezziamo l’iniziativa assunta dal governatore della regione Campania che ha annunciato la vaccinazione di tutti i residenti nelle isole di Capri, Ischia e Procida, entro 2-3 settimane, per tutelare le esigenze di una comunità che punta sul turismo per il suo rilancio economico in vista dell’estate. Abbiamo chiesto lo stesso trattamento al generale Figliuolo per la nostra Isola e per tutte le Isole minori, ricevendo rassicurazioni in tal senso che apprezziamo. Ma chiediamo perché l’iter per arrivare a questo obiettivo si è fermato in Sardegna.»

Sono molto dure le parole espresse dal sindaco di Carloforte, Salvatore Puggioni, nella diretta Facebook appena conclusa.

«Il nostro tessuto economico vive una situazione drammatica, qui ci vuole una svolta. Non voglio fare polemiche ma devo dare risposte ai miei cittadini e rivolgo un appello al governatore Christian Solinas e all’assessore Mario Nieddu, capire per quale ragione non hanno agito come ha fatto il governatore della regione Campania, qual è il motivo di questo dietro front rispetto alla volontà espressa dal commissario generale Figliuolo ha aggiunto Salvatore Puggioni -. Il governatore ce lo deve dire, sarà mio compito affrontare il problema da subito. Siamo tutti uguali di fronte al virus? O dobbiamo credere alle affermazioni di altri governatori, vedi quello della regione Veneto?»

«Vogliamo sapere – lo ripeto – perché questo iter è stato bloccato, mentre a Procida si apprestano a vaccinare gli over 30, a Carloforte non abbiamo ancora completato la vaccinazione degli over 80. Chiediamo l’immediato ripristino delle vaccinazioni a Carloforte. Ho chiesto rassicurazioni in tal senso al dottor Giuseppe Ottaviani e contiamo di riprendere le vaccinazioni a Carloforte entro il 15 maggio – ha rimarcato Salvatore Puggioni -. Non registriamo, intanto, nessun’altra positività Covid-19, la guarigione clinica di 11 persone e 5 negativizzazioni. 4 sono gli attualmente positivi, 2 dei quali ospedalizzati, 7 le persone in quarantena compresi i positivi. Sono numeri confortanti che ci avvicinano alla situazione di Isola Covid-free che è il nostro obiettivo per ripartire. Purtroppo, dobbiamo registrare il decesso di una nostra concittadina, che porta a 4 il numero delle vittime nella nostra comunità dall’inizio della pandemia. Si tratta di decessi con Covid, non solo per Covid. Continuiamo ad essere prudenti, il virus continua a colpire e dobbiamo tenere alta la guardia perché molto pericoloso e provoca dei danni irreparabili»

«La prossima settimana riprende la didattica in presenza anche nella sezione E della scuola dell’infanzia che era stata sospesa per la positività al visur di 16 bambini su 19, vista la negativizzazione e la guarigione clinica dei bambini e dei docenti. Il servizio mensa scolasticoha detto ancora Salvatore Puggioninon sarà riattivato neppure la prossima settimana in via precauzionale. Riapriremo al pubblico lunedì gli uffici comunali l’ecocentro comunale.»

«Ad oggi, a Carloforte, sono stati somministrati 730 vaccini, numero che sommato a quello dei vaccinati a Sant’Antioco, Carbonia e Iglesias, porta a circa 950 il numero delle persone che hanno completato il ciclo vaccinale, il 16%. I vaccini sono la nostra unica ancora di salvezza. Lavoriamo per fare in modo che tutti possano avere la vaccinazione il più rapidamente possibile. Avremmo voluto un punto vaccinale permanente nella nostra Isola, probabilmente non avremo mai un hub ma a noi non interessa questoha concluso il sindaco di Carloforte -, interessa solo che i vaccini vengano fatti, qualunque sia il nome del centro in cui vengono somministrate le dosi.»