18 October, 2021
HomePosts Tagged "Agostino Cicalò" (Page 2)

[bing_translator]

Donatella Spano, assessore regionale della Difesa dell’Ambiente.

Lunedì 19 novembre, nella sede della Camera di Commercio di Nuoro, in via Papandrea 8, l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, inaugurerà l’Anno forestale della Sardegna 2018-2019. Al convegno intitolato “Foreste e turismi”, in programma alle 12.00, interverranno gli assessori dell’Ambiente Donatella Spano e del Turismo Barbara Argiolas. Istituzioni, ricerca, studenti e imprese e professionisti del settore porteranno un contributo al dibattito intorno ai temi della valorizzazione dei percorsi forestali ed ambientali della Sardegna.

L’iniziativa, ideata nelle giornate del 19, 20 e del 21 novembre tra convegni, workshop e spazi espositivi, è organizzata dall’agenzia regionale Forestas, dall’Università degli Studi di Sassari, Consorzio Uni Nuoro, del Corpo forestale, della Camera di Commercio di Nuoro e con la collaborazione di Isre (Istituto Superiore Regionale Etnografico), Make in Nuoro, Sardegna Ricerche, Aspal (Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro), Biblioteca S. Satta, Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Nuoro e CAI – Club Alpino Italiano. Alla tre giorni è affiancato un percorso didattico rivolto a tutte le scuole che resterà disponibile per le visite a partire dal 19 fino al giorno 24 novembre.

La mattina di lavori sarà aperta da Giuseppe Pulina, amministratore unico di Forestas, dal sindaco di Nuoro Andrea Soddu, dal presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, dall’amministratore della provincia di Nuoro Costantino Tidu, dal presidente Camera di Commercio Nuoro Agostino Cicalò, dal coordinatore del S.O.S.e.C. del CAI nazionale Alfredo Gattai, dal presidente Banco di Sardegna Antonello Arru, dal rappresentante regionale albergatori di Federalberghi Paolo Manca, dal comandante Carabinieri Forestali Cristiano Manni, dal presidente della federazione regionale degli Ordini dei Dottori agronomi e dei Dottori forestali della Sardegna Ettore Crobu. Tra gli interventi in programma anche quelli del direttore generale di Forestas Giuliano Patteri, del comandante del Corpo forestale Antonio Casula, del direttore del Dipartimento di Agraria di Sassari Antonello Pazzona, del commissario UniNuoro Fabrizio Mureddu e del direttore generale dell’assessorato della difesa dell’ambiente Paola Zinzula.

[bing_translator]

Giovedì 26 luglio, alle ore 11.00, presso la sede dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna (viale Trieste 105 – Cagliari), si terrà la conferenza stampa di presentazione della manifestazione Autunno in Barbagia 2018, iniziativa organizzata e promossa dalla Camera di Commercio di Nuoro e dalla sua Azienda Speciale ASPEN.

L’Assessora del Turismo, Artigianato e Commercio, Barbara Argiolas, il presidente della CCIAA di Nuoro, Agostino Cicalò, ed il presidente dell’ASPEN, Roberto Cadeddu, presenteranno alla stampa la nuova edizione della manifestazione che coinvolge 32 paesi del territorio del Nuorese, in un calendario di eventi in programma dal 1° settembre al 16 dicembre 2018.

Saranno inoltre presenti i partner ufficiali della manifestazione, con i referenti di Banco di Sardegna, Tiscali, Grimaldi Lines, Compagnia Italiana di Navigazione Moby-Tirrenia e Corsica-Sardinia Ferries.

[bing_translator]

È stato  oggi, alla presenza degli organi di stampa e delle numerose autorità locali, il nuovo sportello PID – Punto Impresa Digitale, istituito dalla Camera di Commercio di Nuoro per diffondere la conoscenza sulle tecnologie ed i vantaggi di Impresa 4.0, il piano del ministero dello Sviluppo economico per supportare le aziende che vogliono cogliere le opportunità legate alla quarta rivoluzione industriale.

Il seminario illustrativo si è tenuto presso il fab-lab Make in Nuoro, il laboratorio di fabbricazione digitale nato nel 2015 per volontà della stessa Camera di Commercio e dell’Ailun, Associazione Istituzione Libera Università Nuorese. Nel corso dell’evento si è parlato delle tematiche relative al nuovo Piano Nazionale Impresa 4.0 e degli strumenti per sostenere e rilanciare la competitività delle imprese italiane attraverso programmi di investimento e di innovazione digitale.

«Il digitale coinvolge ormai qualsiasi tipo di impresa – ha dichiarato il presidente della CCIAA di Nuoro, Agostino Cicalò – ed è nostro dovere sostenere le aziende del territorio in questo processo di cambiamento. La Camera di Commercio ha investito nel fab-lab di Make in Nuoro delle importanti risorse, finalizzate all’acquisto di macchinari industriali, che possano aiutare le imprese a realizzare i loro progetti innovativi e tenersi al passo coi tempi. Il Punto Impresa Digitale che stiamo inaugurando oggi ed i bandi voucher che pubblicheremo nei prossimi giorni saranno lo strumento più adatto per permettere alla MPMI di intraprendere correttamente la strada dell’innovazione»

«La Camera di Commercio avrà un ruolo fondamentale nel processo di trasformazione digitale – ha spiegato il Digital Coordinator del PID, Roberto Sauper supportare i processi di digitalizzazione del nostro tessuto imprenditoriale nell’ambito del Piano Nazionale Impresa 4.0, diffondere le conoscenze sui servizi informativi e formativi per le MPMI e sostenere gli investimenti tecnologici tramite i voucher di prossima pubblicazione

«Nei due anni di Make in Nuoro siamo arrivati a conoscere e collaborare con oltre 300 imprese, abbiamo ospitato quasi 600 studenti degli istituti scolastici del territorio in numerosi progetti e ora siamo pronti alla nuova sfida del PID – ha rimarcato Alessandro Lutzu, coordinatore Make in Nuoro e Digital Promoter del PID – . L’innovazione 4.0 non consiste nell’introdurre un macchinario all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, ma nel sapere combinare diverse tecnologie, nell’integrare il sistema di fabbrica e le filiere produttive, in modo da renderle un sistema integrato e connesso in cui macchine, persone e sistemi informativi collaborano fra loro per realizzare prodotti più intelligenti, servizi più intelligenti e ambienti di lavoro più intelligenti.»

Barbara Argiolas, assessore del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna, ha visitato per la prima volta gli spazi di Make in Nuoro, con una positiva impressione sul fab-lab e sulla sua sfida innovativa nel territorio: «L’innovazione può attecchire al tessuto imprenditoriale nuorese, accrescere la consapevolezza delle imprese e orientarle verso i servizi tecnologici offerti dalle Camere e dagli altri attori del Network Impresa 4.0. Nel mondo di oggi fare impresa non può prescindere dalla ricerca e dall’innovazione tecnologica. Innovazione, ricerca e start up sono gli elementi essenziali per lo sviluppo delle imprese».

È stato infine il momento delle testimonianze di due giovani imprenditori digitali che hanno illustrato le proprie esperienze relative alla tematica del digitale per fare impresa e hanno mostrato al pubblico le proprie creazioni digitali, realizzate anche tramite l’ausilio delle macchine e dei tecnici di Make in Nuoro. I due ragazzi hanno in comune la giovane età e due solide aziende familiari, una a Posada e una a Nuoro: Stefano Carta, designer vincitore del Satellite Award 2018 al Salone del Mobile di Milano, e Nicola Delogu, orafo digitale che ha proseguito nella strada intrapresa oltre 40 anni fa dal padre, apportando alla tradizionale attività le innovazioni e le tecnologie moderne.

[bing_translator]

La Camera di Commercio di Nuoro ha organizzato un seminario informativo per illustrare il Piano Nazionale Impresa 4.0 e gli strumenti per sostenere e rilanciare la competitività delle imprese italiane attraverso programmi di investimento e di innovazione digitale.

Nel corso del seminario, che si terrà martedì 12 giugno 2018, dalle ore 10.00, presso il Fab Lab Make in Nuoro (via Paoli, 2), saranno presentati i servizi offerti alle imprese dal PID – Punto Impresa Digitale istituito dalla Camera di Commercio di Nuoro per:

  • diffondere la conoscenza sulle tecnologie ed i vantaggi di Impresa 4.0;
  • offrire assistenza, orientamento e formazione sull’innovazione digitale;
  • illustrare le opportunità d’investimento connesse a Impresa 4.0

Prenderanno parte all’incontro Barbara Argiolas, assessore del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna e Agostino Cicalò, presidente della Camera di Commercio di Nuoro.

[bing_translator]

Terzo appuntamento a Nuoro, dopo quelli di Cagliari e Sassari, per far conoscere il bando Resto al Sud, il programma del Governo che sostiene la nascita di nuove iniziative imprenditoriali in cinque Regioni del Mezzogiorno, tra cui anche la Sardegna. All’appuntamento, organizzato alla Camera di Commercio nuorese da Regione, Invitalia e Aspal, erano presenti l’assessore dell’Industria, Maria Grazia Piras, il responsabile nazionale del bando, Gianmarco Verachi, di Invitalia, il presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Agostino Cicalò, il sindaco di Nuoro, Andrea Soddu, e centinaia di giovani interessati al bando.

«Le domande partite dalla Sardegna per Resto a Sud sono oltre 200. Si tratta di un ottimo risultato che può e deve ancora crescere. Ecco perché – ha detto l’assessore dell’Industria, Maria Grazia Piras – supportiamo con impegno incontri come questo di oggi a Nuoro, in un territorio che la Giunta sta sostenendo con numerosi strumenti legislativi e finanziari. Con Resto al Sud, ai giovani stiamo dicendo una cosa importante: coltivate il vostro sogno di fare impresa in Sardegna. Contate su voi stessi, accettate la sfida dell’autoimpiego, portate avanti le vostre idee imprenditoriali. Noi, la Regione, l’Aspal e Invitalia siamo e saremo al vostro fianco perché questo sogni si realizzi. Dare vita a un’impresa, farla crescere e stimolare la creazione di posti di lavoro oggi è più semplice. L’autoimpiego in Europa è già una realtà importante – ha aggiunto l’assessore dell’Industria – il numero di imprese individuali cresce di anno in anno e molti giovani in cerca di lavoro hanno trovato una sistemazione grazie all’autoimprenditorialità. Le testimonianze ascoltate oggi a Nuoro di chi questo percorso l’ha già fatto o lo sta facendo sono significative, e sono convinta che possano incoraggiare altri giovani a fare un passo decisivo verso la richiesta di adesione al Bando. Il messaggio è: impegnatevi e scommettete su un percorso imprenditoriale da compiere qui, in Sardegna, nella nostra terra. Non c’è solo Resto al Sud – ha sottolineato l’assessore Piras – la Giunta in questi 4 anni ha profuso un impegno notevole per costruire un contesto favorevole alla nascita e lo sviluppo delle imprese. Dal programma Talent Up ai bonus alle aziende per assumere nel 2018, il microcredito, gli investimenti nell’istruzione, gli incentivi per le micro, piccole e medie imprese e il Programma per l’Internazionalizzazione. Inoltre i nuovi centri per l’impiego, sempre più efficienti, possono offrire assistenza completa per i progetti di autoimpiego».

Resto al Sud ha una dotazione finanziaria complessiva di 1 miliardo e 250 milioni di euro. L’obiettivo è sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani in Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia. Le agevolazioni riguardano gli under 36 e ciascun imprenditore può ottenere 50mila euro, fino a un massimo di 200mila nel caso di più imprenditori. Le agevolazioni coprono il 100% delle spese e prevedono un contributo a fondo perduto pari al 35% del programma di spesa e un finanziamento bancario pari al 65%, garantito dal Fondo di Garanzia per le Pmi. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi. Per sensibilizzare i giovani sardi, l’Aspal ha organizzato finora 120 seminari che hanno coinvolto 800 persone interessate al bando.

[bing_translator]

Al via la dodicesima edizione della Primavera nel cuore della Sardegna: dal 21 aprile al 24 giugno 2018 dieci week end di eventi tra i paesi delle zone del Marghine, Planargia, Ogliastra e Baronia.

20 i Comuni che hanno aderito alla manifestazione promossa dalla Camera di Commercio di Nuoro e dalla sua azienda speciale ASPEN, a testimonianza del notevole sviluppo di un evento che ha oramai catalizzato su di sé le attenzioni di un panorama sempre maggiore. Ecco l’elenco dei paesi in calendario: Girasole, Bosa, Loceri, Bortigali, Lodè, Birori, Loculi, Siniscola, Triei, Lotzorai, Arbatax, Osini, Sindia, Baunei, Gairo, Bari Sardo, Silanus, Urzulei, Dualchi e Lanusei.

«Questa è l’ultima edizione della Primavera alla quale parteciperò in qualità di presidente dell’Aspen – ha dichiarato Vincenzo Cannas -. Il mio mandato si concluderà a breve, dopo 10 anni di presidenza, e voglio fare i migliori auguri al mio successore, sperando che porti nuovi progetti e nuove idee in continuità con quanto realizzato in questi anni dalla nostra Azienda Speciale per la promozione del territorio.»

«Il circuito della Primavera ci sta dando delle grandi soddisfazioni – ha dichiarato Agostino Cicalò, presidente della Camera di commercio di Nuoro -. Le Amministrazioni Comunali, con buona volontà e tanto lavoro, hanno disegnato un bel percorso nel quale accogliere curiosi e visitatori, raccontando le proprie bellezze naturali e paesaggistiche, le antiche tradizioni, la cultura identitaria e il ricco patrimonio enogastronomico. Tutto ciò ha inoltre consentito di raccogliere importanti risultati, anche di natura economica, per i territori interessati. Stimiamo che a fronte di ogni euro speso, ne siano stati guadagnati trenta:»

Ancora una volta il viaggio nel Cuore della Sardegna, tra gli elementi di una natura che in Primavera si mostra in tutto il suo fascino, sarà un’esperienza indelebile, capace di attrarre turisti ai quali verranno svelati i segreti e i costumi di questa terra unica.

L’attività di comunicazione promossa dall’Aspen e dalla Camera di Commercio si articola in strumenti tradizionali e strumenti innovativi, con una forte e costante presenza sul web, affiancando al sito ufficiale della manifestazione (www.cuoredellasardegna.it) i canali social (Facebook, Twitter e Instagram “Primavera nel Cuore della Sardegna”) attraverso i quali coinvolgere in maniera diretta i visitatori e tutti coloro che abbiano interesse a scoprire questa importante manifestazione.

[bing_translator]

Attraverso il “Workshop Impresa 4.0” che si terrà il 28 febbraio, la Camera di Commercio di Nuoro intende illustrare le applicazioni digitali a disposizione di Imprese ed Imprenditori:

  • La Fatturazione Elettronica, che consente gratuitamente in un’unica soluzione online la compilazione, la trasmissione, la gestione e la conservazione delle fatture;
  • Il Cassetto Digitale dell’Imprenditore, come punto di accesso gratuito ad informazioni e documenti ufficiali e aggiornati come visure, atti, bilanci del Registro delle Imprese e fascicoli elettronici;
  • Il servizio di gestione dei Libri Digitali, pensato per aiutare le imprese a gestire in totale sicurezza e con pieno valore legale tutto il processo di digitalizzazione dei libri d’impresa, facendo risparmiare tempo e risorse.

I lavori verranno aperti, alle 11.00, dall’intervento di Agostino Cicalò, presidente Camera di Commercio di Nuoro. Seguiranno i servizi digitali per l’imprenditore: Andrea Deplano e Francesco Coco – Infocamere. Concluderà i lavori il dibattito.

[bing_translator]

Si è svolta ad Aosta il 30 gennaio 2018 per l’Assemblea generale dell’Associazione “Les CCI Alpmed” presieduta dal Presidente della Chambre Valdôtaine Nicola Rosset.

L’incontro ha rappresentato l’occasione per i presidenti della CCI Provence Alpes Côte-d’Azur, Jacques Bianchi, della CCI della Région Auvergne-Rhône-Alpes, Guy Métral, di Unioncamere Sardegna, Agostino Cicalò e di Unioncamere Piemonte, Ferruccio Dardanello di visitare la millenaria Fiera di Sant’Orso e di confrontarsi su possibili nuove azioni sinergiche da portare avanti nei settori del turismo, della cultura e dell’artigianato di tradizione.

In questo senso l’assemblea generale ha discusso a proposito di possibili progetti comuni per la promozione del turismo esperienziale e del turismo d’impresa nei territori di Alpmed e ha preso in esame la partecipazioni delle Camere di Commercio ad alcuni progetti europei dedicati ai temi dell’innovazione e della formazione.

L’assemblea ha inoltre approvato la rinnovata veste grafica del sito internet www.cci-alpmed.eu che sarà al più presso messo on line con l’obiettivo di rilancia l’azione e l’immagine dell’associazione.

L’Euroregione Alpmed si estende su di un territorio di circa 142.000 km² con una popolazione di circa 20 milioni di abitanti, 2 milioni di imprese ed un PIL di circa 550 miliardi di euro. L’associazione senza fini di lucro «Les CCI Alpmed Asbl» vede l’adesione di diverse regioni italiane e francesi: Auvergne-Rhône-Alpes, Liguria, Piemonte, Provence-Alpes-Côte d’Azur, Corsica, Sardegna e Valle d’Aosta.

L’associazione è consapevole del grande potenziale del suo territorio, legato alla sua morfologia e al suo posizionamento geografico privilegiato, tra mare e montagna, nel cuore del Mediterraneo e delle Alpi. Proprio questo posizionamento strategico apre il campo a diverse opportunità di sviluppo per le imprese e per gli abitanti che animano questi territori.

In questo senso il turismo è uno dei settori essenziali sui quali concentrare l’attività dell’associazione così come quelli dell’innovazione, della digitalizzazione, della valorizzazione del territorio e dell’elaborazione di progetti europei comuni. In questo contesto essa si pone l’obiettivo di favorire e promuovere la cooperazione e gli scambi tra i suoi membri.

[bing_translator] 

Orosei e i comuni della Valle del Cedrino (Galtellì, Loculi, Irgoli e Onifai) lanciano la sfida e si presentano agli operatori turistici europei con un educational tour e un workshop, con l’obiettivo concreto di allungare la stagione turistica e conquistare nuovi mercati. L’appuntamento con il progetto “L’altra stagione della Valle del Cedrino” è da oggi fino al 18 gennaio, quattro giorni durante i quali venti tra tour operator, giornalisti e travel blogger rappresentativi di sette importanti direttrici turistiche (sei provengono dalla Polonia, cinque dalla Germania, quattro dal Regno Unito, due dalla Francia ed uno rispettivamente da Austria, Spagna e Svizzera) assisteranno alla Festa di Sant’Antonio e conosceranno più in generale Orosei e il suo territorio, oggi leader in provincia di Nuoro con il 58 per cento delle presenze turistiche complessive.

L’iniziativa è stata presentata stamattina ad Orosei dal sindaco Nino Canzano, dall’assessore regionale al Turismo Barbara Argiolas, da Tonino Serusi (in rappresentanza del commissario della provincia di Nuoro Costantino Tidu), dal presidente della Camera di Commercio di Nuoro Agostino Cicalò e dall’assessore al Turismo del comune di Orosei Giovanni Vardeu.

«L’obiettivo del progetto è quello di venire incontro agli operatori turistici locali con una iniziativa mirata – ha spiegato il sindaco di Orosei e presidente dell’Unione dei Comuni Nino Canzano -. Vogliamo che l’intero territorio sia protagonista, per dare una alternativa all’offerta balneare che da noi è già molto forte.»

Un progetto apprezzato dal presidente della Camera di Commercio di Nuoro Agostino Cicalò, intervenuto ad Orosei anche in rappresentanza di Unioncamere Sardegna: «Generalmente sono gli operatori economici a farsi carico delle iniziative di promozione, in questo caso siamo invece davanti ad una amministrazione locale che pende a cuore il comparto. È un segno che fa ben sperare, per andare verso una maggiore sinergia tra tutti i soggetti che compongono il sistema turistico».

In rappresentanza del commissario della provincia di Nuoro, Tonino Serusi ha ricordato gli sforzi dell’amministrazione per integrare la proposta balneare con quella dell’entroterra: «Stiamo lavorando ad un piano di rilancio, provando a sperimentare nuovi prodotti che hanno ad esempio il vino al centro dell’offerta. Per farlo serve la disponibilità di tutti e anche un miglioramento della professionalità. Solo riorientando e riqualificando l’offerta è infatti possibile vendere un prodotto nuovo».

Per l’assessore al Turismo del comune di Orosei Giovanni Vardeu «l’iniziativa mira a far conoscere un territorio circoscritto in un periodo che coincide con quello della festa di Sant’Antonio Abate, molto sentita dalle nostre comunità. In questo modo vogliamo far vivere ai nostri ospiti un’esperienza unica, anche dal punto di vista enogastronomico».

 «Orosei è una delle punte di diamante del turismo balneare dell’isola – ha detto l’assessore del Turismo Barbara Argiolas -. Con questa iniziativa cerca di attivare nuovi attrattori per nuove stagionalità, ponendo l’accento sul patrimonio storico, archeologico, identitario ed enogastronomico del territorio. Il concetto di allungamento della stagione è superato; in realtà ciò che serve è la capacità di creare nuovi prodotti turistici in grado di generare picchi di presenze al di fuori del periodo estivo. Sotto questo aspetto, è necessario lavorare a stretto contatto con il mondo ricettivo perché per aprire gli alberghi fuori dalla stagione estiva servono motivazioni di vacanza forti ed è questo il compito dei territori e della Regione. Lavorare sulla qualità di servizi e infrastrutture, mettere a punto nuovi prodotti e presentarli sui mercati: questa è la direzione, perché  i punti di forza della Sardegna non sono solo le spiagge e il mare, ma la comunità che la vive, la sua identità autentica e la sua cultura unica e originale.»

Orosei e gli altri Comuni della Valle del Cedrino vantano numeri di tutto rispetto: nel 2016 anno le presenze sono state oltre 750mila, concentrate soprattutto nei mesi tra maggio e settembre. Gli arrivi invece, in netta crescita rispetto al 2015, sono stati 115mila (per il 56 per cento dall’Italia e il restante 44 dall’estero).

I turisti stranieri che amano maggiormente Orosei ed il suo territorio sono i tedeschi, seguiti dagli svizzeri, dai francesi, dagli austriaci e dagli slovacchi. Per quanto riguarda invece le presenze italiane, il flusso maggiore riguarda i turisti provenienti da Lombardia, Lazio e Toscana, ed è significativa anche una quota di sardi che scelgono la Valle del Cedrino per le loro vacanze.

Il programma dell’iniziativa “L’altra stagione della Valle del Cedrino” parte oggi con il via all’educational tour. Al termine della conferenza stampa, gli ospiti si sono recati ad Onifai per visitare le zone di Badde Ortos, su Vrangone e Locherie, dove in uno scenario unico si trovano una Tomba dei Giganti e una Domus de Janas. Da qui il gruppo proseguirà ad Irgoli dove è prevista la visita al sito archeologico Janna ‘e Pruna.
Dopo il pranzo a Galtellì presso l’agriturismo Sa Tanca ‘e Gaia, nel pomeriggio gli ospiti visiteranno il centro storico del paese, sede del parco letterario dedicato a Grazia Deledda, e visiteranno alcune strutture ricettive.

Orosei sarà protagonista del programma di martedì 16. La mattina sarà dedicata all’oasi naturalistica di Bidderosa, alla spiaggia di Cala Liberotto, al nuraghe Osalla, e alla visita ad alcune strutture ricettive.
Nel pomeriggio tour operator, giornalisti e travel blogger visiteranno il centro storico e il Museo Don Nanni, prima di immergersi nel clima della Festa di Sant’Antonio. Gli ospiti parteciperanno ad una cena con degustazione di prodotti tipici locali offerti dal comitato organizzatore.

Il programma di mercoledì 17 prevede nella prima parte della mattinata la visita ad alcune strutture ricettive e dalle 11 in poi il workshop con gli operatori locali, che si concluderà alle 18. Per gli operatori dei comuni di Orosei, Galtellì, Loculi, Irgoli e Onifai sarà questa l’opportunità da non perdere: l’iniziativa consentirà loro infatti di entrare direttamente in contatto con gli ospiti stranieri, un’occasione per farsi conoscere e per creare nuove, importanti, relazioni commerciali. Per questo motivo gli operatori sono invitati ad iscriversi al workshop tramite il sito http://valledelcedrino.marketingturisticosardegna.com .

L’iniziativa, organizzata dall’assessorato del Turismo del comune di Orosei in collaborazione con i Comuni della Valle del Cedrino, è aperta ovviamente a chi gestisce strutture come alberghi, residence, bed and breakfast e camping, ma anche a tutti coloro che offrono servizi importanti per l’offerta turistica come ristoranti, tour operator, agenzie di viaggi, società di servizi e associazioni culturali.

 

L’intento del workshop è dunque quello di consentire ai soggetti economici locali di entrare direttamente in contatto con i tour operator internazionali, in una prospettiva di confronto e crescita, con l’obiettivo di incrementare la redditività di un settore, quello turistico, di importanza prioritaria per il territorio.

   

[bing_translator]

Dal 15 al 18 gennaio Orosei e i comuni della Valle del Cedrino si presentano ad una ventina di operatori turistici, giornalisti e travel blogger provenienti da sette diversi paesi europei, con l’obiettivo concreto di allungare la stagione turistica e conquistare nuovi mercati. 

L’iniziativa ricade nel progetto “L’altra stagione della Valle del Cedrino” che sarà presentato nel corso di una conferenza stampa che si terrà domani, lunedì 15 gennaio, presso l’Hotel Baia Marina di Orosei, in via del Mare 122, a partire dalle ore 10.00. Alla conferenza stampa interverranno il sindaco di Orosei Nino Canzano, l’assessore regionale del Turismo Barbara Argiolas, il commissario della provincia di Nuoro Costantino Tidu, il presidente della Camera di Commercio di Nuoro Agostino Cicalò e l’assessore del Turismo del comune di Orosei Giovanni Vardeu.