9 February, 2023
HomePosts Tagged "Antioca Serafini"

“Ti nau sa berirari: tengu 102 annus ma non mintendu beccia!”

Con queste parole tzia Antioca Serafini saluta le sue 102 primavere circondata dall’affetto della sua famiglia e festeggiata dal sindaco Elvira Usai e dall’amministrazione a nome di tutta la comunità di San Giovanni Suergiu. Un traguardo di vita strabiliante tanto più se raggiunto con una mente ancora lucida e sempre pronta all’ironia.

Nata il 18 ottobre 1920, una vita dedicata alla sua famiglia, tzia Antioca è attualmente la più anziana di San Giovanni Suergiu, ben accompagnata in questo record da altri 3 centenari. Il paese sulcitano si conferma sempre più paese della longevità in attesa di poter festeggiare ancora altri due suoi concittadini entro la fine dell’anno. A Dio piacendo!

 

San Giovanni Suergiu ieri ha festeggiato un’altra concittadina centenaria. Annetta Pisanu, nata il 29 agosto 1922, ha raggiunto il meraviglioso traguardo delle 100 primavere, circondata dall’affetto della sua famiglia e dei suoi compaesani. Sposata con Mario Scarteddu nel 1915, quest’ultimo è scomparso nel 2002, quando rimase vittima di un incidente. Tzia Annetta, figlia di ferroviere e di casalinga, è la primogenita di 6 fratelli, tutti maschi, che ha accudito con amore: Firmino 1928, Pinuccio 1931, Salvatore 1933, Franco 1936, Luciano 1939, Antonio 1941. Il marito ha lavorato come operaio a Sant’Antioco e minatore presso la miniera di Serbariu, per poi passare come operaio all’Enel mentre lei si è sempre occupata della casa. Ha 2 figli, Bruno e Giulia; 3 nipoti, Manola, Alessandro e Cristian; 3 pronipoti, Gabriel, Lavinia e Matilda.
Tzia Annetta è giunta al secolo di vita con un grande spirito, è perfettamente autonoma, cucina e pulisce casa tutti i giorni e possiede una memoria incredibile. Il paese sulcitano si conferma ancora patria di centenari: al momento sono presenti due nonne di 100 ed una nonna prossima ai 102!

Nonna Rosa Viotti sabato 25 giugno ha raggiunto le 100 primavere circondata dall’affetto dei suoi cari, presso la Casa dell’anziano di Sant’Antioco. La sindaca Elvira Usai a nome della comunità di San Giovanni Suergiu, accompagnata dall’assessore Eleonora Spiga in rappresentanza del comune ospitante, ha consegnato a Nonna Rosa una targa ricordo per questo incredibile traguardo di vita. Tanti affettuosi auguri di serenità e salute ancora per tanti anni a Dio piacendo!

Il prossimo 18 ottobre, Antioca Serafini compirà 102 anni. Nata il 18 ottobre 1920, Antioca, si sposò con Giovanni Lindiri, nato il 18 novembre 1917, venuto a mancare il 24 aprile 2002, all’età di 84 anni. Ha avuto due figli: Anna Paola, nata nel 1958, e Virginio, nato nel 1946 e venuto a mancare nel 1983, all’età di 37 anni. Quattro i nipoti: Fabio e Mauro Collu, Francesca e Gianluca Lindiri. Due i pronipoti: Nicolò e Mattia Collu.

Giampaolo Cirronis

Nella foto di copertina Annetta Pisanu. Nelle altre foto: Annetta Pisanu, Rosa Viotti ed Antioca Serafini.

La comunità di San Giovanni Suergiu ha festeggiato ieri Antioca Serafini, arrivata a spegnere le candeline del suo 101esimo  compleanno. Nello scorso mese di marzo San Giovanni Suergiu aveva dato l’estremo saluto ad Edoardo Secchi, spentosi all’età di 104 anni, ma mantiene la sua presenza tra le comunità dei centenari, con Antioca Serafini, arrivata a questo traguardo in buone condizioni, lucida, sostenuta dall’amore e dall’affetto di parenti e amici. Come avvenne già un anno fa, in occasione del suo 100° compleanno, i festeggiamenti sono stati condizionati dalla pandemia ma la sindaca Elvira Usai, non ha mancato di fare visita ad Antioca Serafini per farle gli auguri di tutta la comunità sangiovannese.

Nata il 18 ottobre 1920, Antioca, si sposò con Giovanni Lindiri, nato il 18 novembre 1917, venuto a mancare il 24 aprile 2002, all’età di 84 anni. Ha avuto due figli: Anna Paola, nata nel 1958, e Virginio, nato nel 1946 e venuto a mancare nel 1983, all’età di 37 anni. Quattro i nipoti: Fabio e Mauro Collu, Francesca e Gianluca Lindiri. Due i pronipoti: Nicolò e Mattia Collu.

[bing_translator]

Eraldo Secchi, il nonnino ultracentenario di San Giovanni Suergiu, ha tagliato oggi il traguardo del 104° compleanno, in una condizione di eccellente lucidità. A distanza di poche settimane dai festeggiamenti per i 100 anni di Giovanna Lai ed Antioca Serafini, le restrizioni imposte dal Coronavirus hanno purtroppo impedito di festeggiare il compleanno di Eraldo Secchi come l’evento avrebbe meritato ma la sindaca, Elvira Usai, non ha voluto far mancare a nonno Eraldo il saluto dell’Amministrazione comunale e dell’intera comunità.

Francesco all’anagrafe, ma conosciuto e chiamato da tutti Eraldo, è nato a Tratalias il 23 novembre del 1916, la mamma si chiamava Grazia Pinna, il padre Antonio, agente della Guardia di Finanza in servizio all’Isola d’Elba, poi impiegato come daziere nel comune di Narcao, finché non si trasferirono a San Giovanni Suergiu. Otto i figli da sfamare, oltre Eraldo, altri due fratelli e cinque sorelle. Dario il più grande, sacerdote molto noto in paese, poi Delia, Anna, Bruna, Fausta, Mario e Maria.

Eraldo ha frequentato le scuole elementari in paese con ottimi voti, a metà degli anni ’30. Ha trovato lavoro nello stabilimento Samis, in un’officina elettrica, dove ha conosciuto il signor Arturo Manca, maestro operaio elettromeccanico di quel periodo, che lo ha accompagnato nel percorso, come lavoratore dipendente prima, poi come socio in diverse altre iniziative.

Nel 1938 la chiamata alle armi, un servizio militare durato sette anni, il congedo nel 1945. Eraldo è stato arruolato nell’82° Reggimento Fanteria di Civitavecchia, ha partecipato all’occupazione lampo della Dalmazia, poi è stato impegnato sul fronte occidentale. La vera prova di guerra, il sergente maggiore Eraldo Secchi l’ha avuta sul fronte russo, 18 lunghi mesi, trascorsi in prima linea sulle rive del Don, impegnato al comando del Reggimento, al servizio carburanti delle auto carrette, poi come staffetta motociclista.

Rientrato in Italia nel 1943, Eraldo ha trascorso altri due anni da militare, nel Battaglione Costiero di Muravera, partecipando alla guerra di liberazione dai tedeschi svoltasi in Sardegna. Ha ricevuto il riconoscimento dallo Stato Italiano, è stato decorato con la Croce al Merito di Guerra.

Finito il periodo di ferma, al suo rientro, Eraldo ha aperto una piccola officina con Arturo Manca. Eraldo ha lavorato poi in officina, alle dipendenze della Carbonifera Sarda per un anno, successivamente è stato alle dipendenze di Benigno Brai (l’imprenditore agricolo rapito il 19 settembre 1979 e mai tornato a casa), ha fatto il trasportatore ed il tassista a Cagliari, sino all’avvio del Mulino Pastificio Brai, dove è stato impiegato per dieci anni, dal 1950 al 1960, come collaboratore stretto, uomo di fiducia.

Ha cambiato ancora lavoro, gli è stata offerta la possibilità di gestire la stazione Agip, un’opportunità che Eraldo non si è lasciato sfuggire. Ha gestito l’impianto di rifornimento per quasi trent’anni. E’ proprio lì che ha messo a frutto le sue potenzialità imprenditoriali.

Ritornando indietro nel tempo, ai primi anni ’50, si scopre un’avventura ancora più coinvolgente che ha segnato la vita di Eraldo Secchi. Il fatto è accaduto durante un’escursione nei poderi agricoli, alla ricerca del grano, quando lavorava con Benigno Brai. E’ lì, a Santadi, che ha conosciuto Maria Langiu, giovane ragazza del posto, che è diventata sua moglie nel 1955 e dalla quale ha avuto quattro figli, tre femmine ed un maschio: Valeria, Marta, Marcella ed Antonello. Eraldo e Maria oggi hanno 8 nipoti, il più grande è Luca, 38 anni, la più giovane Greta, 25 anni; e quattro pronipoti (l’ultima arrivata, Nina, figlia di Luca, ha 6 mesi).

Giampaolo Cirronis

[bing_translator]

Domenica 18 ottobre, nella chiesa di San Giovanni Battista, a San Giovanni Suergiu, don Tonino Bellu ha avuto il piacere di benedire la signora Antioca Serafini, recatasi in chiesa insieme a parenti ed amici, in occasione del suo centesimo compleanno.

Presente anche la sindaca Elvira Usai che ha colto l’occasione per donarle una targa da parte dell’Amministrazione comunale, omaggiandola anche di una rosa bianca. Un dono anche da parte anche della comunità ecclesiastica, con una dedica speciale, un quadro con la Madonna e Gesù Bambino, in rilievo, simbolo della maternità.

Una nonna arzilla ed ancora lucida, simpatica, sorridente e dallo sguardo dolcissimo, che ha salutato tutti con affetto, posando per innumerevoli foto e qualche filmato ricordo di una giornata importante.

Nata il 18 ottobre 1920, Antioca, si sposò con Giovanni Lindiri, nato il 18 novembre 1917, venuto a mancare il 24 aprile 2002, all’età di 84 anni. Ha avuto due figli: Anna Paola, nata nel 1958, e Virginio, nato nel 1946 e venuto a mancare nel 1983, all’età di 37 anni. Quattro i nipoti: Fabio e Mauro Collu, Francesca e Gianluca Lindiri. Due i pronipoti: Nicolò e Mattia Collu.

Una vita fatta di sacrifici, vissuta in campagna a lavorare la terra, tanta fatica che però non le ha mai tolto il sorriso che ancora oggi conserva e regala a chi le vuole bene. Sana, ci tiene a precisare che non prende medicine se non «mezza pastiglietta per la pressione», senza pretese, intervistata racconta...«mangio quello che c’è»!

Sorride, dichiarando ancora una volta di non essere «neanche troppo stanca», «sto invecchiando, ma sto bene in salute e questo mi basta».

Un grande esempio di donna forte, curata e coccolata dalla sua famiglia, nel concludere l’intervista, preoccupata di non essere in ordine chiede di «aggiustarle il fazzoletto». Sorride agli applausi, ai brindisi e agli auguri e non perde occasione, per ringraziare dispensando amabili sorrisi.

Lunga vita nonna Antioca!

Nadia Pische