28 October, 2021
HomePosts Tagged "Elisabetta Rossu"

19 proiezioni di registe africane che guardano il mondo con gli occhi delle donne; incontri e confronti con scrittori e scrittrici, registe e professoresse esperte di cinema; diverse centinaia di persone che si son fatte prender la mano per guardare parti di mondo che non conoscono, viste da angolazioni inedite; mostre, dibattiti, esibizioni di bambine e bambini che ogni sera hanno dato il benvenuto al pubblico a ritmo della tradizione e infine un suggestivo ed emozionante abbraccio musicale che a ritmo di musica ha fatto incontrare due mondi che non sapevano di essere così vicini. A voler essere sintetici si potrebbe descrivere così la terza edizione della rassegna cinematografica AngoLazioni, «Visioni di Donne tra Sardegna e Africa» che si è svolta a Sant’Anna Arresi da mercoledì 8 a domenica 12 settembre. In realtà è stata molto di più, perché ogni aspetto della rassegna ha saputo far nascere nel pubblico presente, così come negli ospiti e, perché no, negli organizzatori, un’incredibile curiosità, una voglia di conoscere in grado di scavalcare gli stereotipi e i preconcetti che spesso ci vengono proposti e/o imposti. In primis la scelta della proposta cinematografica è stata di altissimo livello, così come più volte sottolineato dal pubblico, in grado di far apprezzare il cinema africano al femminile, in particolare la vocazione documentaristica emersa. Dall’Algeria al Camerun, dall’Egitto al Marocco, passando per Mauritania, Ruanda, Senegal e Tunisia sino ad arrivare alla Sardegna. Tante micro e macro storie che hanno raccontato la vita, la gioia, le sofferenze e la speranza di tantissimi popoli. Ogni pellicola proposta è stata salutata dall’applauso del pubblico che si è fatto coinvolgere nel viaggio proposto dal direttore artistico Mohamed Challouf, regista e fotografo tunisino da sempre impegnato in un percorso di integrazione e contaminazione culturale tra i sud del mondo, che da sempre lo hanno affascinato ed interessato. Ad arricchire ulteriormente la Rassegna AngoLazioni 3 è stata la presenza degli ospiti: la scrittrice Ubah Cristina Ali Farah, la regista di cortometraggi Nadia Rais, Mario Mossa, cugino della compianta regista sarda Maria Piera Mossa, la professoressa ed esperta di cinematografia africana Marie Nadége Tsogo, la regista Maria Grazia Perria e lo scrittore Massimo Dadea. I loro interventi, ciascuno nella sua specificità, hanno arricchito enormemente il programma offrendo nuovi ed altrettanto interessanti spunti di riflessione, che hanno toccato le più disparate tematiche. Una citazione particolare lo spettacolo proposto per l’ultima serata, tanto annunciato dagli organizzatori e che non ha di certo disatteso le aspettative. 6 artiste (Fadimatou Wallet Oumar, Nawal Mlanao, Hanta Gasy, Yagaré Kouyaté, Gisella Vacca e Rosalia Potettu) provenienti da diverse parti della Sardegna e dell’Africa e conosciutesi durante i giorni della Rassegna, hanno proposto uno spettacolo fatto di contaminazioni e di specificità artistiche differenti, che ha saputo coinvolgere e rendere partecipe il pubblico.
La scelta fatta dall’Amministrazione comunale di Sant’Anna Arresi, fortemente voluta dall’assessora della Cultura, Elisabetta Rossu, si è dimostrata quindi ancora una volta vincente così come vincente è la convinzione che anche piccoli Centri dell’Isola possono diventare e confermarsi dei veri e propri motori di evoluzione culturale. La Rassegna, inoltre, così come sottolineato dall’assessora e dalla Sindaca Teresa Diana, ha dato modo di far emergere la creatività al femminile e il ruolo di protagoniste che le donne devono esercitare nella società contemporanea. Va sottolineato, ancora, come anche quest’anno la Rassegna è stata in grado di coinvolgere la popolazione non solo come spettatrice ma anche come e vera propria collaboratrice attiva. Dopo il successo anche di questa edizione, dunque, AngoLazioni  (organizzata dall’Associazione Enti locali per le Attività culturali e di Spettacolo e dall’Amministrazione comunale di Sant’Anna Arresi, il finanziamento della Fondazione di Sardegna, la collaborazione della Società Umanitaria – CSC Carbonia La Fabbrica del Cinema, la sponsorizzazione di “Cantina Mesa” ed il supporto logistico dell’ANSPI di Sant’Anna Arresi) da già appuntamento alla quarta edizione che, attraverso il cinema, vorrà ancora essere strumento di dialogo, confronto ed arricchimento.

 

È stata molto apprezzata dal pubblico la prima serata della terza edizione della Rassegna Cinematografica AngoLazioni – visioni di donne fra Sardegna e Africa, organizzata dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo e dall’Amministrazione Comunale di Sant’Anna Arresi, il finanziamento della Fondazione di Sardegna, con la sponsorizzazione di “Cantina Mesa” ed il supporto logistico dell’ANSPI di Sant’Anna Arresi.

La giornata di inaugurazione, che ha fatto registrare un’importante partecipazione di pubblico, è stata introdotta dai saluti del direttore Artistico Mohamed Challouf, della sindaca Teresa Diana e dell’assessora della Cultura Elisabetta Rossu. Nel loro intervento tutti e tre hanno condiviso la necessità di far incontrare mondi apparentemente lontani ma che in realtà condividono la voglia di emergere dell’universo femminile. Nell’introduzione è emersa anche l’importanza di come piccoli centri della Sardegna sentano l’esigenza di organizzare eventi culturali che si assumono l’impegno di far conoscere punti di vista e parti del mondo spesso, troppo spesso, sottovalutati. La prima giornata è proseguita con la presentazione del libro di Massimo Dadea ,“Stella”, che nel suo romanzo racconta la storia delle donne sarde della seconda metà del secolo scorso. Nel corso della presentazione lo scrittore ha fatto riferimento al movimento degli anni ’70 ribadendo come, anche se molte lotte di quegli anni sono state perse, ai giorni nostri il movimento delle donne ancora resiste e continua a rivendicare i diritti e l’emancipazione dell’universo femminile. Al termine della presentazione sono stati proiettati i cinque cortometraggi in programma (“La pelote de laine” di Fatma Zohra Zamoun – Algeria; “Into reverse” di Noha Adel – Egitto, “Deweneti” di Dyana Gaye – Senegal,A place for my self” di Marie Clèmentine Dusabejambo – Ruanda e “Brotherhood” di Meryem Joobeur – Tunisia) che hanno suscitato molto interesse e molta curiosità all’attento pubblico presente.

Nella serata di oggi giovedì 9 settembre, alle 21 presso il Centro di Aggregazione Sociale, si inizierà con la presentazione del libro “Le stazioni della luna” della scrittrice Italo-Somala Ubah Cristina Ali Farah. Sarà proprio la scrittrice, presente in sala, ad aiutarci ad entrare nel suo “universo”, conoscere meglio la sua sensibilità e la sua cultura e il suo profilo di “donna creatrice” del continente africano. La serata proseguirà con la proiezione dei cortometraggi di animazione e l’incontro con la loro regista, la Tunisina Nadia Rais. I corti in programma sono: “Ambouba”, “L’Mrayet”, “Sabaa Arwah” e “Briska”. Al termine dell’incontro con la regista si proseguirà con la proiezione del film-documentario “En Attendant les Hommes” di Katy Lena Ndiaye.

La Città di Sant’Anna Arresi è pronta ad ospitare la terza edizione della rassegna cinematografica AngoLazioni, che per il 2021 ha scelto come titolo «Visioni di Donne tra Sardegna e Africa». A partire da Mercoledì 8 settembre, e sino a domenica 12, saranno proposte una ventina di opere cinematografiche tra corti, documentari e fiction che mettono a confronto realizzazioni di donne dell’Algeria, del Camerun, dell’Egitto, del Marocco, della Mauritania, del Ruanda, del Senegal, della Tunisia e della Sardegna, mettendo in risalto le “connessioni” tra un Continente culturalmente molto vivace e un’Isola di antiche culture e tradizioni. La Rassegna darà anche l’occasione per confrontarsi, con registe, scrittrici e musiciste, sarde e africane, che presenteranno le specificità dei loro “mondi artistici”. AngoLazioni 3 (organizzata dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo e dall’Amministrazione comunale di Sant’Anna Arresi, il finanziamento della Fondazione di Sardegna, la collaborazione della Società Umanitaria – CSC Carbonia La Fabbrica del Cinema, la sponsorizzazione di “Cantina Mesa” ed il supporto logistico dell’ANSPI di Sant’Anna Arresi) farà, quindi, scoprire la creatività artistica femminile in diversi ambiti come il cinema, la letteratura, la pittura e tanti altri ancora.

Si inizia mercoledì 8 settembre, alle ore 21.00, presso il Centro di Agregazione Sociale con la presentazione del libro “Stella” di Massimo Dadea che per l’occasione, attraverso la storie delle protagoniste del libro, dialogherà con il pubblico sulle vicende familiari, amicizie, passioni lavorative e l’impegno politico e femminista degli anni ’70. Subito dopo la presentazione del libro sarà la volta di cinque cortometraggi, per la precisione: “La pelote de laine” di Fatma Zohra Zamoun (Algeria), “Into reverse” di Noha Adel (Egitto), “Deweneti” di Dyana Gaye (Senegal), A place for my self” di Marie Clèmentine Dusabejambo (Ruanda ) e “Brotherhood” di Meryem Joobeur (Tunisia). Nella serata di apertura della Rassegna verrà presentato anche il progetto dell’artista sulcitana Carla Cocco Africa Sarda, ovvero uno studio di registrazione/scuola di musica nel cuore del ghetto di Bauleni in Zambia, che funge da strumento per tenere lontani i giovani da droghe, prostituzione, delinquenza e quant’altro, attraverso la musica.

La Rassegna “AngoLazioni 3” proseguirà giovedì 9 settembre quando, sempre alle 21 presso il Centro di Aggregazione Sociale, si inizierà con la presentazione del libro “Le stazioni della luna” della scrittrice Italo-Somala Ubah Cristina Ali Farah. Sarà proprio la scrittrice, presente in sala, ad aiutarci ad entrare nel suo “universo”, conoscere meglio la sua sensibilità e la sua cultura e il suo profilo di “donna creatrice” del continente africano. La serata proseguirà con la proiezione dei cortometraggi di animazione e l’incontro con la loro regista, la Tunisina Nadia Rais. I corti in programma sono: “Ambouba”, “L’Mrayet”, “Sabaa Arwah” e “Briska”. Al termine dell’incontro con la regista si proseguirà con la proiezione del film-documentario “En Attendant les Hommes” di Katy Lena Ndiaye.

Il giorno successivo, venerdì 10 settembre, si proseguirà, sempre a partire dalle 21.00, presso il Centro di Aggregazione Sociale con un omaggio alla regista sarda Maria Piera Mossa e la proiezione del suo documentario “Una fabbrica inventata su un paese reale, Bitti” . Maria Piera Mossa, la prima donna regista in Sardegna negli anni Settanta, intraprende la sua attività di ricerca collaborando con la Cineteca Sarda-Società Umanitaria, per affermarsi dal 1976 nel suo ruolo di programmista e regista negli studi della RAI-Sardegna. Ad omaggiarla sarà presente la figlia Martina Pilleri. A seguire saranno proiettati cinque film alla presenza della professoressa camerunese Marie Nadége Tsogo che avrà il compito di introdurre al pubblico presente i film in programma, realizzati dalle donne del continente africano. Le pellicole in proiezione sono: “Lyiza” di Marie Clèmentine Dusabejambo (Ruanda), “Aya go to beach” di Maryam Touzani (Marocco), “Tu seras mon allié” di Rosine Mfetgo Bakam (Camerun), “Soubresauts” di Leyla Bouzid (Tunisia) e “Sur la route du paradis” di Uda Benyamina (Marocco).

Per le due giornate conclusive la Rassegna si trasferirà, sempre a Sant’Anna Arresi, nella splendida Piazza del Nuraghe. Sabato 11 settembre, alle ore 21.00, Maria Grazia Perria presenta il suo ultimo lavoro: “Cercando Grazia”. Il film racconta la storia di undici ragazze che hanno partecipato al Casting per realizzare un film sulla scrittrice sarda e Premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda, facendo emergere sia il ritratto della Deledda da giovane sia scorci della vita delle 11 protagoniste del casting. A seguire saranno presentati due nuovi cortometraggi di registe africane: “Quand ils dorment” di Maryam Touzani (Marocco) e “Zakaria” di Leyla Bouzid (Tunisia 2013)

La serata di chiusura, Domenica 12 settembre, inizierà alle 21 con le proiezione del filmSaint Louis Blues” di Dyana Gaye (Sénégal). A seguire ci sarà un momento simbolico di dialogo musicale, in scena per la prima volta in assoluto, tra donne dall’Africa e dalla Sardegna con la partecipazione di Fadimatou Wallet Oumar (Tuareg del Mali), Nawal Mlanao (Isole Comore), Hanta Gasy (Madagascar), Yagaré Kouyaté (Burkina Faso) e Gisella Vacca e Rosalia Potettu (Sardegna).

Come dichiara l’assessora della Cultura del comune di Sant’Anna Arresi Elisabetta Rossu «La rassegna cinematografica AngoLazioni nasce per leggere la contemporaneità da un luogo piccolo, ma importante, come il paese di Sant’Anna Arresi. Il mondo attraverso gli occhi del cinema, descrive problemi e opportunità. Per l’assessorato alla cultura, la rassegna è un modo per rappresentare il suo impegno nei confronti di temi importanti e significativi e, nel contempo, fare del nostro centro, un luogo di scambio e crescita culturale. In questa edizione del 2021, lo sguardo al mondo femminile è il centro della riflessione e l’angolo da cui il mondo è descritto e rappresentato».

Nel pensare e programmare il Festival il confermato direttore artistico Mohamed Challouf si è concentrato sulle donne che «in Africa come in Sardegna si battono quotidianamente per avere più spazio e partecipare alla vita culturale e produrre opere artistiche con le loro sensibilità, così da contrastare la dominazione del punto di vista maschile che prevale in tutti i campi culturali e non solo».

Dopo le dominazioni coloniali poche erano le donne che avevano accesso alla creatività e alle arti, negli ultimi vent’anni, “assistiamo finalmente – continua Mohamed Challouf – ad un emergere di donne africane nei vari campi artistici. Sono sempre di più le donne che frequentano scuole di cinema e che prendono le cineprese per raccontare storie dei loro paesi con impegno e grande talento. Un esempio per tutte è Kouther Ben Hnia, giovane regista tunisina che dopo aver vinto il premio Orizzonti al festival di Venezia 2020 con il suo film «L’uomo che ha venduto la sua schiena» si è trovata tra i candidati finalisti per l’oscar del miglior film internazionale”.

Le serate saranno introdotte da un intervento musicale a cura del Gruppo folk San Domenico Savio. Durante la rassegna sarà visitabile, presso il centro di aggregazione sociale, la mostra “Ritratti di Madam Frida” dell’artista Daniela Madeddu. L’ingresso agli spettacoli sarà libero e gratuito nel rispetto delle vigenti normative anti covid.

 

Sant’Anna Arresi si appresta ad ospitare, da mercoledì 8 a domenica 12 settembre, la terza edizione della Rassegna Cinematografica AngoLazioni, organizzata dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo e dall’Amministrazione Comunale di Sant’Anna Arresi, il finanziamento della Fondazione di Sardegna, con la sponsorizzazione di “Cantina Mesa” e il supporto logistico dell’ANSPI di Sant’Anna Arresi.

Il tema scelto per l’edizione 2021 «Visioni di Donne tra Sardegna e Africa» offrirà l’occasione per scoprire la creatività artistica femminile in diversi ambiti come il cinema, la letteratura, la pittura e tanti altri ancora.

La Rassegna propone una ventina di opere cinematografiche tra corti, documentari e fiction che mettono a confronto realizzazioni di donne dell’Algeria, del Camerun, dell’Egitto, del Marocco, della Mauritania, del Ruanda, del Senegal, della Tunisia e della Sardegna, mettendo in risalto le “connessioni” tra un Continente culturalmente molto vivace e un’Isola di antiche culture e tradizioni. La Rassegna darà anche l’occasione per confrontarsi, con registe, scrittrici e musiciste, sarde e africane, che presenteranno le specificità dei loro “mondi artistici”.

Come dichiara l’Assessora alla Cultura del Comune di Sant’Anna Arresi Elisabetta Rossu «La rassegna cinematografica AngoLazioni nasce per leggere la contemporaneità da un luogo piccolo, ma importante, come il paese di Sant’Anna Arresi. Il mondo attraverso gli occhi del cinema, descrive problemi e opportunità. Per l’assessorato alla cultura, la rassegna è un modo per rappresentare il suo impegno nei confronti di temi importanti e significativi e, nel contempo, fare del nostro centro, un luogo di scambio e crescita culturale. In questa edizione del 2021, lo sguardo al mondo femminile è il centro della riflessione e l’angolo da cui il mondo è descritto e rappresentato».

Nel pensare e programmare il Festival il confermato direttore artistico Mohamed Challouf si è concentrato sulle donne che «in Africa come in Sardegna si battono quotidianamente per avere più spazio e partecipare alla vita culturale e produrre opere artistiche con le loro sensibilità, così da contrastare la dominazione del punto di vista maschile che prevale in tutti i campi culturali e non solo».

Dopo le dominazioni coloniali poche erano le donne che avevano accesso alla creatività e alle arti, negli ultimi vent’anni, «assistiamo finalmente – aggiunge Mohamed Challouf – ad un emergere di donne africane nei vari campi artistici. Sono sempre di più le donne che frequentano scuole di cinema e che prendono le cineprese per raccontare storie dei loro paesi con impegno e grande talento. Un esempio per tutte è Kouther Ben Hnia, giovane regista tunisina che dopo aver vinto il premio Orizzonti al festival di Venezia 2020 con il suo film «L’uomo che ha venduto la sua schiena» si è trovata tra i candidati finalisti per l’oscar del miglior film internazionale.

Partendo da queste linee guida “AngoLazioni 3 – Visioni di Donne tra Sardegna e Africa”, dopo il successo fatto registrare dall’anteprima con le esibizioni artistiche dell’Associazione “Identitari”, della Cantautrice Claudia Aru, del Bluesman Matteo Leone e il dibattito con la giornalista Tiziana Ferrario, avrà come principale scopo quello di far viaggiare il pubblico nel mondo artistico creativo femminile tra Africa e Sardegna attraverso proiezioni di film, incontri letterari e interventi musicali molto colorati.

Si inizia mercoledì 8 settembre, alle ore 21.00, presso il Centro di Agregazione Sociale con la presentazione del libro “Stella” di Massimo Dadea che per l’occasione, attraverso la storie delle protagoniste del libro, dialogherà con il pubblico sulle vicende familiari, amicizie, passioni lavorative e l’impegno politico e femminista degli anni ’70. Subito dopo la presentazione del libro sarà la volta di cinque cortometraggi, per la precisione: “La pelote de laine” di Fatma Zohra Zamoun (Algeria), “Into reverse” di Noha Adel (Egitto), “Deweneti” di Dyana Gaye (Senegal), A place for my self” di Marie Clèmentine Dusabejambo (Ruanda ) e “Brotherhood” di Meryem Joobeur (Tunisia). Nella serata di apertura della Rassegna verrà presentato anche il progetto dell’artista sulcitana Carla Cocco Africa Sarda, ovvero uno studio di registrazione/scuola di musica nel cuore del ghetto di Bauleni in Zambia, che funge da strumento per tenere lontano i giovani da droghe, prostituzione, delinquenza e quant’altro, attraverso la musica.

La Rassegna “AngoLazioni 3” proseguirà giovedì 9 settembre quando, sempre alle 21 presso il Centro di Aggregazione Sociale, si inizierà con la presentazione del libro “Le stazioni della luna” della scrittrice Italo-Somala Ubah Cristina Ali Farah. Sarà proprio la scrittrice, presente in sala, ad aiutarci ad entrare nel suo “universo”, conoscere meglio la sua sensibilità e la sua cultura e il suo profilo di “donna creatrice” del continente africano. La serata proseguirà con la proiezione dei cortometraggi di animazione e l’incontro con la loro regista, la Tunisina Nadia Rais. I corti in programma sono: “Ambouba”, “L’Mrayet”, “Sabaa Arwah” e “Briska”. Al termine dell’incontro con la regista si proseguirà con la proiezione del film-documentario “En Attendant les Hommes” di Katy Lena Ndiaye.

Il giorno successivo, venerdì 10 settembre, si proseguirà, sempre a partire dalle 21, presso il Centro di Aggregazione Sociale con un omaggio alla regista sarda Maria Piera Mossa e la proiezione del suo documentario “Una fabbrica inventata su un paese reale, Bitti” . Maria Piera Mossa, la prima donna regista in Sardegna negli anni Settanta, intraprende la sua attività di ricerca collaborando con la Cineteca Sarda-Società Umanitaria, per affermarsi dal 1976 nel suo ruolo di programmista e regista negli studi della RAI-Sardegna. Ad omaggiarla sarà presente la figlia Martina Pilleri. A seguire saranno proiettati cinque film alla presenza della professoressa camerunese Marie Nadége Tsogo che avrà il compito di introdurre al pubblico presente i film in programma, realizzati dalle donne del continente africano. Le pellicole in proiezione sono:Lyiza” di Marie Clèmentine Dusabejambo (Ruanda), “Aya go to beach” di Maryam Touzani (Marocco), “Tu seras mon allié” di Rosine Mfetgo Bakam (Camerun), “Soubresauts” di Leyla Bouzid (Tunisia) e “Sur la route du paradis” di Uda Benyamina (Marocco).

Per le due giornate conclusive la Rassegna si trasferirà, sempre a Sant’Anna Arresi, nella splendida Piazza del Nuraghe. Sabato 11 settembre alle ore 21 Maria Grazia Perria presenta il suo ultimo lavoro: “Cercando Grazia”. Il film racconta la storia di undici ragazze che hanno partecipato al Casting per realizzare un film sulla scrittrice sarda e Premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda, facendo emergere sia il ritratto della Deledda da giovane sia scorci della vita delle 11 protagoniste del casting. A seguire saranno presentati due nuovi cortometraggi di registe africane: “Quand ils dorment” di Maryam Touzani (Marocco) e “Zakaria” di Leyla Bouzid (Tunisia 2013)

La serata di chiusura di “AngoLazioni – Visioni di Donne tra Sardegna e Africa”Domenica 12 settembre, inizierà alle 21.00, con le proiezione del film Saint Louis Blues” di Dyana Gaye (Sénégal). A seguire ci sarà un momento simbolico di dialogo musicale, in scena per la prima volta in assoluto, tra donne dall’Africa e dalla Sardegna con la partecipazione di Fadimatou Wallet Oumar (Tuareg del Mali), Nawal Mlanao (Isole Comore), Hanta Gasy (Madagascar), Yagaré Kouyaté (Burkina Faso) e Gisella Vacca e Rosalia Potettu (Sardegna).

Le serate saranno introdotte da un intervento musicale a cura del Gruppo folk San Domenico Savio. Durante la rassegna sarà visitabile, presso il centro di aggregazione sociale, la mostra “Ritratti di Madam Frida” dell’artista Daniela Madeddu. L’ingresso agli spettacoli sarà libero e gratuito nel rispetto delle vigenti normative anti covid.

 

[bing_translator]

Si è conclusa domenica sera, a Sant’Anna Arresi, la prima edizione della rassegna AngolAzioni, organizzata dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Maria Teresa Diana, con la collaborazione della Fondazione Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana di Lucca e dell’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu”, con il patrocinio dell’assessorato regionale della Pubblica Istruzione, incentrata sul tema delle migrazioni. Dal 12 al 15 dicembre, le proiezioni sono accompagnate da una mostra sulla migrazione italiana, un laboratorio e da eventi musicali. In sala due registi Andrea Castoldi e Mohamed Challouf. Venerdì 15 dicembre si è tenuta una Masterclass con il regista Andrea Castoldi.
Le proiezioni dei film e dei documentari e gli incontri, si sono svolti presso il Centro di aggregazione sociale e la Sala consiliare.
Sono stati numerosi i momenti di grande riflessione sul fenomeno delle migrazioni, proposti dalle proiezioni e dagli incontri, tra i quali ne segnaliamo tre:

  • la proiezione del film documentario “Italia addio, non tornerò”, un docufilm di 50 minuti che raccoglie le testimonianze di giovani che vivono e lavorano all’estero: da Barcellona a Londra fino a Los Angeles e New York. Prodotto dalla “Fondazione Cresci per la storia dell’emigrazione italiana” di Lucca, il lungometraggio è stato presentato alla Camera dei deputati il 12 febbraio 2019. Per realizzare il documentario, la Fondazione Cresci ha contattato tramite i social circa 350mila persone;
  • il film “Il sole dentro”, la storia di Yaguine e Fodè, due adolescenti guineani che scrivono, a nome di tutti i bambini e i ragazzi africani, una lettera indirizzata “alle loro Eccellenze, i membri responsabili dell’Europa”, chiedendo aiuto per avere scuole, cibo e cure;
  • il documentario “Italiani dell’altra riva”. Fino agli anni cinquanta la comunità degli italiani in Tunisia contava più di 120.000. Gli ultimi sopravvissuti di questa antica comunità presente nel paese nord africano evocano la storia straordinaria di coabitazione pacifica tra le diverse culture e religione che la Tunisia ha accolto per più di un secolo. il film racconta a traverso rare testimonianze e molto materiale d’archivio l’immigrazione italiana in Tunisia che è durata più di un secolo e che ha contributo molto allo sviluppo della vita nel paese e alla consolidazione dell’identità mediterranea della Tunisia.

Domenica sera, dopo l’esibizione del Coro Voci di Sant’Anna Arresi e la proiezione del film “Benvenuti al Sud“, abbiamo intervistato l’assessore della Cultura Elisabetta Rossu e la scenografa Daniela Madeddu.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10221255583247055/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/pcb.10221255658128927/10221255623808069/?type=3&theater

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/pcb.10221255658128927/10221255642808544/?type=3&theater

        

[bing_translator]

Anna Maria Teresa Diana sindaco di Sant’Anna Arresi, 29 anni dopo. Si è insediato questa sera il nuovo Consiglio comunale eletto il 16 giugno scorso (la lista “Arresinus” ha eletto Anna Maria Teresa Diana con 1.083 voti, il 68,24%, contro 504 voti, il 31,76%, del suo avversario, Antonio Costantino Granella, che guidava la lista “Insieme per Sant’Anna Arresi”). In una sala consiliare gremita, la neo sindaco, alla terza esperienza da primo cittadino, dopo i due mandati consecutivi del decennio 1980-1990, ha prestato giuramento e presentato la squadra dei quattro assessori della sua Giunta, con i quali amministrerà “il paese della musica e del vino” nei prossimi cinque anni.

La Giunta Diana rispetta in pieno la parità di genere, due uomini e due donne, ma con il sindaco donna, a prevalere è il “sesso debole”.

La Giunta è così composta:

• Claudio Mei, 43 anni, vice sindaco ed assessore dei Lavori pubblici, Urbanistica, Manutenzione territoriale, Gestione rifiuti, Patrimonio comunale, Illuminazione pubblica;

• Maurizio Antonio Podda (noto Titti), 54 anni, assessore dello Sport, Bilancio, Programmazione e Volontariato;

• Adriana Lobina, 50 anni, assessore della Promozione territoriale, Attività produttive, Associazioni, Commercio, Pesca, Agricoltura e Pastorizia;

• Elisabetta Rossu, 45 anni, assessore della Pubblica Istruzione, Politiche sociali, Cultura, Università e Lingua sarda.

Anna Maria Teresa Diana ha poi elencato i settori in cui saranno impegnati gli altri quattro consiglieri eletti, pur senza delega assessoriale:

Damiano Cruccu: Consulta giovani, Programmazione, Lingua sarda, Volontariato e Politiche giovanili;

Antonello Scano: Pubblica istruzione e Progettazione scolastica;

Cristiana Caredda: Sanità, 118 e Politiche sociali per la terza età;

Samuele Mei: Pastorizia, Pesca, Agricoltura.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10219752957922361/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10219756264885033/

                         

[bing_translator]

Il nuovo Consiglio comunale di Sant’Anna Arresi si insedia mercoledì 3.07.2019, alle ore 18.30. Al primo punto all’ordine del giorno figura l’insediamento del Consiglio comunale con la convalida dei consiglieri eletti il 16 giugno scorso. Seguirà il giuramento del sindaco eletto, Anna Maria Teresa Diana, che comunicherà poi gli assessori che faranno parte della sua Giunta.

Al quarto punto figura l’elezione della commissione elettorale, al quinto ed ultimo la presentazione al Consiglio comunale delle linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato quinquennale 2019/2024.

Ricordiamo la composizione del nuovo Consiglio comunale scaturito dalle elezioni del 16 giugno 2019.

Maggioranza (Arresinus), 8 consiglieri: Titti Podda, Damiano Cruccu, Claudio Mei, Samuele Mei, Adriana Lobina, Cristiana Caredda, Antonello Scano, Elisabetta Rossu.

Minoranza (Insieme per Sant’Anna Arresi), 4 consiglieri: Antonio Costantino Granella (candidato sindaco non eletto), Mariella Pistis, Renzo Argiolas, Armando Linzas.

[bing_translator]

Anna Maria Teresa Diana, 69 anni, candidata della lista “Arresinus”, è il nuovo sindaco di Sant’Anna Arresi. Ha battuto con larghissimo margine Antonio Costantino Granella, candidato della lista “Insieme per Sant’Anna Arresi”. Anna Maria Teresa Diana ritorna alla guida del comune di Sant’Anna Arresi a distanza di 29 anni. E’ stata sindaco del paese dal 1980 al 1990. Il risultato non è mai stato in discussione fin dall’inizio dello spoglio. Anna Maria Teresa Diana s’è imposta con 1.083 voti, il 68,24%, contro 504 voti, il 31,76%, di Antonio Costantino Granella.

Voti di lista per sezione.

Sezione n° 1: Anna Maria Teresa Diana 424 – Antonio Costantino Granella 122.

Sezione n° 2: Anna Maria Teresa Diana 318 – Antonio Costantino Granella 189.

Sezione n° 3: Anna Maria Teresa Diana 341 – Antonio Costantino Granella 193.

Questa la composizione del nuovo Consiglio comunale.

Sindaco Anna Maria Teresa Diana.

Maggioranza (8 seggi): Titti Podda 256, Damiano Cruccu 111, Claudio Mei 105, Samuele Mei 104, Adriana Lobina 78, Cristiana Caredda 78, Antonello Scano 69, Elisabetta Rossu 57.

Non eletti: Daria Uccheddu 26, Elisabetta Cosa 20, Francesco Scano 8, Luca Culurgioni 3.

Minoranza (4 seggi): Antonio Costantino Granella (candidato sindaco non eletto), Mariella Pistis 113, Renzo Argiolas 57, Armando Linzas 49.

Non eletti: Valerio Lecca 37, Susanna Potettu 34, Simona Zanda 28, Nando Uccheddu 24, Valter Caschili 21, Angelo Romano 21, Maura Piras 16, Alessandro Gallus 16, Filippo Atzori 16.

[bing_translator]

Il Municipio di Calasetta.

Il Municipio di Sant’Anna Arresi.

Urne aperte dalle 7.00 in 28 Comuni sardi, tra i quali Sant’Anna Arresi e Calasetta, per l’elezione dei sindaci e dei Consigli comunali. Ricordiamo che si vota fino alle 23.00. Sono previste tre rilevazioni dell’affluenza, alle 12.00, alle 19.00 e alla chiusura dei seggi.

Ricordiamo che sia a Sant’Anna Arresi sia a Calasetta, le liste in campo sono due.

A Sant’Anna Arresi si confrontano la lista “Insieme per Sant’Anna Arresi”, con candidato alla carica di sindaco Antonio Costantino Granella, 68 anni, già consigliere ed assessore nell’ultima Giunta Dessì ed assessore tecnico nella Giunta Pintus; e la lista “Arresinus”, con candidata sindaco Maria Teresa Diana, 69 anni, già sindaco del paese per un decennio, dal 1980 al 1990, oggi presidente della Coop Mediterranea.

A Calasetta la lista “Noi per Calasetta”, espressione della maggioranza uscente, è guidata dal candidato sindaco Remigio Scopelliti, 64 anni, dipendente AIAS, vicesindaco nelle ultime due consiliature con Antonio Vigo sindaco (oggi candidato alla carica di consigliere) ma già sindaco dal 2004 al 2009; la lista “Calasetta 250”, ha come candidata sindaco Claudia Mura, 35 anni, avvocato, dipendente del comune di Carbonia, e candidati alla carica di consigliere comunale molti debuttanti (il solo Roberto Sinzu si candidò anche cinque anni fa nella lista “Calasetta cambia” guidata dal candidato sindaco non eletto Gian Luca Boy).

Le liste in campo nei due Comuni.

Lista civica “Insieme per Sant’Anna Arresi”.
Candidato alla carica di sindaco: Antonio Costantino Granella noto “Tonino”.
Candidati alla carica di consigliere comunale: Renzo Argiolas, Filippo Atzori, Valter Caschili, Alessandro Gallus, Valerio Lecca, Armando Linzas, Maura Piras, Mariella Pistis, Susanna Potettu, Angelo Romano, Nando Uccheddu, Simona Zanda.

Lista civica “Arresinus”.

Candidato alla carica di sindaco: Maria Teresa Diana.

Candidati alla carica di consigliere comunale: Titti Podda, Claudio Mei, Adriana Lobina, Elisabetta Rossu, Francesco Scano, Elisabetta Cosa, Samuele Mei, Antonello Scanu, Luca Culurgioni, Daria Uccheddu, Damiano Cruccu, Cristiana Caredda.

Lista civica “Noi per Calasetta”.

Candidato alla carica di sindaco: Remigio Scopelliti.

Candidati alla carica di consigliere comunale sono i seguenti: Salvatore Altadonna, Maria Carla Armeni, Giovanni Battista Barabino noto Gianni, Sandro Dessì, Marilisa Granara, Roberto Lusci noto Robi, Giovanna Manunza, Cristiano Mercenaro noto Kicco, Alessandro Murru, Maurizio Sedda, Angelo Serrenti, Antonio Vigo (sindaco uscente).

Lista civica “Calasetta 250“.

Candidata alla carica di sindaco: Claudia Mura.

Candidati alla carica di consigliere comunale: Matteo Cabras, Giuseppe Scopelliti noto Peppino, Ambra Cincotti, Roberto Sinzu, Igor Lobascio, Roberto Casula, Laura Farris, Claudio Mercenaro, Sergio Lai, Anna Cuneo, Simone Baghino, Diego Fisanotti.

Giampaolo Cirronis

I candidati di Sant’Anna Arresi, Antonio Costantino Granella e Maria Teresa Diana.

I candidati di Calasetta, Remigio Scopelliti e Claudia Mura.

[bing_translator]

Il Municipio di Sant’Anna Arresi.

Il Municipio di Calasetta.

Si chiude a mezzanotte la campagna elettorale per le Amministrative di domenica 16 giugno. Sono 28 i Comuni sardi chiamati all’elezione dei nuovi sindaci e dei Consigli comunali, tra questi ci sono Cagliari, Sassari, Alghero e due dell’ex provincia di Carbonia Iglesias: Sant’Anna Arresi e Calasetta. A Sant’Anna Arresi si confrontano la lista “Insieme per Sant’Anna Arresi”, con candidato alla carica di sindaco Antonio Costantino Granella, 68 anni, già consigliere ed assessore nell’ultima Giunta Dessì ed assessore tecnico nella Giunta Pintus; e la lista “Arresinus”, con candidata sindaco Maria Teresa Diana, 69 anni, già sindaco del paese per un decennio, dal 1980 al 1990, oggi presidente della Coop Mediterranea. Gli elettori di Sant’Anna Arresi tornano alle urne un anno prima della scadenza naturale, per lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale. Dal 28 giugno 2018 il Comune è guidato da un commissario nominato dalla Giunta regionale.

Anche a Calasetta le liste in campo sono due: la lista “Noi per Calasetta”, espressione della maggioranza uscente, guidata dal candidato sindaco Remigio Scopelliti, 64 anni, dipendente AIAS, vicesindaco nelle ultime due consiliature con Antonio Vigo sindaco (oggi candidato alla carica di consigliere) ma già sindaco dal 2004 al 2009; e la lista “Calasetta 250”, con candidata sindaco Claudia Mura, 35 anni, avvocato, dipendente del comune di Carbonia, e candidati alla carica di consigliere comunale molti debuttanti (il solo Roberto Sinzu si candidò anche cinque anni fa nella lista “Calasetta cambia” guidata dal candidato sindaco non eletto Gian Luca Boy).

Domani, sabato 15 giugno, è prevista la giornata di riflessione, si voterà domenica 16 giugno, dalle 7.00 alle 23.00.

Le liste in campo nei due Comuni.

Lista civica “Insieme per Sant’Anna Arresi”.
Candidato alla carica di sindaco: Antonio Costantino Granella noto “Tonino”.
Candidati alla carica di consigliere comunale: Renzo Argiolas, Filippo Atzori, Valter Caschili, Alessandro Gallus, Valerio Lecca, Armando Linzas, Maura Piras, Mariella Pistis, Susanna Potettu, Angelo Romano, Nando Uccheddu, Simona Zanda.

Lista civica “Arresinus”.

Candidato alla carica di sindaco: Maria Teresa Diana.

Candidati alla carica di consigliere comunale: Titti Podda, Claudio Mei, Adriana Lobina, Elisabetta Rossu, Francesco Scano, Elisabetta Cosa, Samuele Mei, Antonello Scanu, Luca Culurgioni, Daria Uccheddu, Damiano Cruccu, Cristiana Caredda.

Lista civica “Noi per Calasetta”.

Candidato alla carica di sindaco: Remigio Scopelliti.

Candidati alla carica di consigliere comunale sono i seguenti: Salvatore Altadonna, Maria Carla Armeni, Giovanni Battista Barabino noto Gianni, Sandro Dessì, Marilisa Granara, Roberto Lusci noto Robi, Giovanna Manunza, Cristiano Mercenaro noto Kicco, Alessandro Murru, Maurizio Sedda, Angelo Serrenti, Antonio Vigo (sindaco uscente).

Lista civica “Calasetta 250“.

Candidata alla carica di sindaco: Claudia Mura.

Candidati alla carica di consigliere comunale: Matteo Cabras, Giuseppe Scopelliti noto Peppino, Ambra Cincotti, Roberto Sinzu, Igor Lobascio, Roberto Casula, Laura Farris, Claudio Mercenaro, Sergio Lai, Anna Cuneo, Simone Baghino, Diego Fisanotti.

Giampaolo Cirronis

I candidati di Sant’Anna Arresi, Antonio Costantino Granella e Maria Teresa Diana.

I candidati di Calasetta, Remigio Scopelliti e Claudia Mura.