20 May, 2024
HomePosts Tagged "Francesco Giammarco"

[bing_translator]

Doppio appuntamento questo fine settimana, a Cagliari, per l’VIII Festival degli Strumenti Antichi, manifestazione organizzata dalla Sezione Interdipartimentale di Musica Antica del Conservatorio di Cagliari, dietro la supervisione del docente Attilio Motzo.
Domani (sabato 26 ottobre) alle 21.00, nella Sala dei ritratti di Palazzo Siotto (in via Dei Genovesi 114), Sabrina Piras e Noemi Mulas, due allieve del laboratorio di pianoforte viennese tenuto dal docente Francesco Giammarco, proporranno un concerto dal titolo “Il pianoforte di Beethoven”: il programma della serata sarà interamente dedicato alle sonate per pianoforte del genio tedesco.
Domenica (27 ottobre) alle 20.00, la manifestazione si sposta nella Chiesa della Purissima, dove sarà eseguita la ”Missa Orbis Factor” di Girolamo Frescobaldi, capolavoro del genio ferrarese pubblicato nel 1635. Il magnifico organo storico “Carlo Mancini, Napoli 1758” suonato da Fabrizio Marchionni accompagnerà i cantori preparati da Luigi Pancrazio Delogu.
I concerti saranno preceduti oggi ( venerdì 25 ottobre) alle 18,30 nella sala Aprea del “Giovanni Pierluigi da Palestrina”, da una conferenza del liutaio Davide Demartis su “Il violino barocco moderno”.

[bing_translator]

Doppio appuntamento questa settimana, a Cagliari, per l’VIII Festival degli Strumenti Antichi, manifestazione organizzata dalla Sezione Interdipartimentale di Musica Antica del Conservatorio di Cagliari, dietro la supervisione del docente Attilio Motzo.
Sabato (26 ottobre), alle 21.00, nella Sala dei ritratti di Palazzo Siotto (in via Dei Genovesi 114), Sabrina Piras e Noemi Mulas, due allieve del laboratorio di pianoforte viennese tenuto dal docente Francesco Giammarco, proporranno un concerto dal titolo “Il pianoforte di Beethoven”: il programma della serata sarà interamente dedicato alle sonate per pianoforte del genio tedesco.
Il giorno dopo ( domenica 27 ottobre) alle 20.00, la manifestazione si sposta nella Chiesa della Purissima, dove sarà eseguita la ”Missa Orbis Factor” di Girolamo Frescobaldi, capolavoro del genio ferrarese pubblicato nel 1635. Il magnifico organo storico “Carlo Mancini, Napoli 1758” suonato da Fabrizio Marchionni accompagnerà i cantori preparati da Luigi Pancrazio Delogu.
I concerti del fine settimana saranno preceduti, venerdì 25 ottobre alle 18,30 nella sala Aprea del “Giovanni Pierluigi da Palestrina”, da una conferenza del liutaio Davide Demartis su “Il violino barocco moderno”.

[bing_translator]

Sabato 19 ottobre prende il via l’ottava edizione del Festival degli Strumenti Antichi, manifestazione organizzata dalla Sezione Interdipartimentale di Musica Antica del Conservatorio di Cagliari, dietro la supervisione del docente Attilio Motzo.

Il primo appuntamento, in programma alle 20.00, nella Chiesa di Sant’Antonio Abate di via Manno, a Cagliari, vedrà protagonista il Bizzarria Ensemble, con gli allievi del laboratorio orchestrale tenuto da Attilio Motzo, che accompagneranno il rinomato solista di tromba barocca Giuseppe Frau, in un programma dedicato ai capolavori del ‘700.

Il giorno successivo (domenica 20 ottobre, stessa ora ancora nella chiesa di via Manno) saranno Attilio Motzo, al violino, e Fabrizio Marchionni, al clavicembalo, a presentare un programma incentrato sul virtuosismo violinistico italiano del ‘600, mentre lunedì 21 ottobre (stesso luogo, sempre alle 20.00) il clavicembalista Fernando De Luca offrirà un concerto monografico dedicato a Johann Christoph Graupner, contemporaneo e grande ammiratore di Johann Sebastian Bach. La serata sarà l’occasione per ascoltare un’anteprima dei 14 CD che la prestigiosa casa discografica Brilliant pubblicherà nella prossima primavera, finalizzando così il lavoro che Fernando De Luca ha svolto in questi anni realizzando la registrazione dell’opera integrale per clavicembalo del compositore tedesco.

Sabato 26 ottobre si prosegue con il quarto concerto: alle 21.00, nella Sala dei ritratti di Palazzo Siotto (in via Dei Genovesi 114), Sabrina Piras e Noemi Mulas, due allieve del laboratorio di pianoforte viennese tenuto dal docente Francesco Giammarco, proporranno l’esecuzione di un programma interamente dedicato alle sonate per pianoforte di Ludwig Van Beethoven.

Domenica 27 ottobre, alle 20.00, nella Chiesa della Purissima, gli appassionati potranno godere dell’esecuzione della ”Missa Orbis Factor” di Girolamo Frescobaldi, capolavoro del genio ferrarese pubblicato nel 1635. Il magnifico organo storico “Carlo Mancini, Napoli 1758” suonato da Fabrizio Marchionni accompagnerà i cantori preparati da Luigi Pancrazio Delogu.

 

[bing_translator]

Nuovo appuntamento domani, martedì 28, e mercoledì, 29 maggio, nel Conservatorio di Cagliari con I talenti del Conservatorio, un’occasione per gli studenti di mostrare davanti a un pubblico le capacità acquisite durante i loro studi.

Si parte alle 17, sempre nel prestigioso scenario dell’Auditorium (in piazza Porrino), con le esibizioni di Sabrina Piras e Narciso Mazzeo (della classe di pianoforte guidata da Francesco Giammarco) che si misureranno con musiche di L. V. Beethoven e F. Chopin.

Sarà poi la volta degli allievi della classe di violino della docente Maria Elena Runza: Francesco Pes ed Alice Bergamo proporranno brani di F.J. Haydn e J. Massenet.

La serata prosegue con Stefania Ruiu, Gianluca Bernardi e Christian Cadelano, della classe di Pianoforte di Aurora Cogliandro, che proporranno un programma costruito su brani da L.V. Beethoven a J. Brahams. Ancora pianoforte protagonista nelle esibizioni di Alessia De Prezzo, Alice Porcu, Martina Piroddi ed Alessandro Perra, studenti della classe di pianoforte capitanata da Giulio Biddau che suoneranno musiche di L. V. Beethoven, F. Chopin e J. Brahms.

La serata si chiude con gli allievi della classe di corno guidata da Mario Seoni: Serena Flore, Maria Grazia Piccardi, Kara Cosal ed Edoardo Perniciano, accompagnati al pianoforte da Nicola Guidotti, proporranno musiche di R. Strauss e C. Saint-Saens.

Il giorno dopo (mercoledì 29 maggio) ancora un appuntamento all’insegna del pianoforte. Si comincia, sempre alle 17, con gli studenti della classe di Pianoforte di Marcella Murgia. Si tratta di Michele Calia, Michelangelo Congiu e Maria Josè Palla che affronteranno brani di F. Chopin, C. Debussy e F. Liszt. Salgono poi sul palco Eleonora Chigine, Sara Sulis e Tommaso Vargiu, della classe di pianoforte di Maria Teresa Zanda, che proporranno musiche da J. S. Bach a F. Chopin.

La serata si chiude sulle note di A. Kacaturian e B. Bartòk suonate da Alessandro Spada e Nicola Madeddu, della classe di pianoforte guidata da Elisabetta Dessì.

Dopo la due giorni di esibizioni, I talenti del Conservatorio ritornano ancora venerdì 31 maggio.

[bing_translator]

Domani, venerdì 18 maggio, al Conservatorio di Cagliari, proseguono gli appuntamenti con “I talenti del Conservatorio”, la rassegna che dà ai migliori studenti dell’istituzione musicale la possibilità di mostrare le capacità acquisite suonando davanti a un pubblico.

Alle 18.00, negli spazi dell’Auditorium, si comincia con gli allievi della classe di pianoforte guidata da Francesco Giammarco: Angelo Tramaloni, Noemi Mulas, Mirko Atzori e Nina Krokos affronteranno partiture di Chopin, Listz e Rachmaninov.

Si prosegue con i migliori allievi della classe di violino guidata Sandro Medda: Nicoletta Giuffrida e Greca Puddu proporranno musiche di Mozart e Thaikowsky.

L’ingresso è libero e gratuito.

[bing_translator]

 

Concerti, conferenze, masterclass e seminari per riscoprire tutta la bellezza del repertorio barocco e non solo. Da giovedì 19 ottobre entra nel vivo il VI Festival degli strumenti antichi, attesissimo appuntamento organizzato dalla sezione interdipartimentale di Musica antica del Conservatorio di Cagliari.

Numerose sono le novità dell’edizione 2017. Tra tutte, c’è la nutrita presenza di esperti di fama internazionale: da Roberta Invernizzi e Rebeca Ferri, protagoniste delle masterclass di Canto barocco e di Violoncello barocco, a Paolo Grazzi e Carlo Ipata che terranno (alcuni sono stati svolti nelle passate settimane) dei seminari sull’oboe barocco e classico e sul traversiere.

Giovedì 19 (tranne gli ultimi due, tutti i concerti si terranno alle 21.00, nella Chiesa di San Michele, in via Ospedale) si comincia con un concerto dal titolo “Nuova Musica- Musica ritrovata”: gli allievi dell’“Officina delle voci”, il laboratorio corale guidato dal docente del Conservatorio Michele Napolitano, proporranno al pubblico un programma che spazierà da W.A. Mozart a T. Tuveri.

Si prosegue sabato 21 ottobre con “Il caro Sassone e le sue opere”, un omaggio a Georg Friedrich Händel, che vedrà in scena il soprano Elisabetta Scano, il controtenore Ettore Agati e il Bizzarria Ensemble. Venerdì 27 ottobre sarà la volta di richiami d’amore nella canzone italiana del XVII secolo con l’ensemble Musici di Castello che proporrà il concerto “Ninfe, zefiri e cicale”. Il cavicembalo sarà protagonista, il 4 novembre, della serata intitolata “Händel, Scarlatti e le loro sfide tra spade e cembali”: si esibirà al clavicembalo Fernando De Luca. Giovedì 9 novembre le musiche di N.A. Porpora e J.S. Bach saranno al centro della serata intitolata “Vocalità italiana e virtuosismo tedesco”, con il soprano Roberta Invernizzi, Carlo Ipata al traversiere, Attilio Motzo e Luca Persico ai violini, Sara Meloni alla viola, Fabrizio Meloni al violoncello, Alessio Povolo al contrabbasso e Fabrizio Marchionni al clavicembalo.

Il ciclo di concerti si chiude con i due appuntamenti “Mozart – Hummel, il maestro e l’allievo” e “Dal classicismo al romanticismo: Parigi e Vienna”, in programma l’11 e il 18 novembre nel Palazzo Siotto, organizzati in collaborazione con l’associazione Mozart Italia.

Ricco è anche il cartellone delle conferenze: le prime, partite già a settembre, proseguono il 25 ottobre alle 18.30 nell’aula magna del Conservatorio con un incontro curato dal musicologo Roberto Milleddu dal titolo “La registrazione sonora e la riscoperta della musica antica”, mentre l’8 novembre Carlo Ipata, esperto internazionale di traversiere, parlerà di “Il traversiere: lo strumento e il suo repertorio”.

I seminari si avvarranno della collaborazione di Paolo Grazzi, uno dei maggiori esperti internazionali di Oboe barocco e classico. Di Franca Floris, direttrice del complesso vocale di Nuoro. Di Rebeca Ferri, che terrà anche in questa edizione il seminario di Flauto dolce e la Masterclass di violoncello barocco. Di Carlo Ipata, altro esperto internazionale di traversiere che terrà un seminario di musica da camera e traversiere. Di Roberta Invernizzi, tra le maggiori interpreti di musica barocca a livello internazionale, protagonista di una Masterclass di canto barocco. Chiude l’elenco dei corsi il seminario tenuto da Fernando De Luca, titolare della cattedra di clavicembalo e Tastiere storiche al Conservatorio di Cagliari, dal titolo “Il clavicembalo” mentre Francesco Giammarco, docente di pianoforte nell’istituzione musicale cagliaritana, proporrà un incontro sul “Il pianoforte viennese”.

L’ingresso ai concerti nella Chiesa di San Michele e alle conferenze è libero e gratuito.  Per i concerti in programma al Palazzo Siotto il costo dei biglietti è di 8 euro.

 

[bing_translator]

 

Dopo la pausa estiva domani (venerdì 22 settembre) riprendono nel Conservatorio di Cagliari gli appuntamenti con le “32 Sonate per pianoforte” di Ludwig Van Beethoven, una delle più importanti raccolte della letteratura pianistica.  

Sino al 22 dicembre in nove distinti incontri saranno ripercorse altre 10 sonate (sino all’opera 90), quelle scritte dal grande compositore tedesco tra 1802 e il 1814.

Dopo un’introduzione a cura del Maestro Mario Carraro, che proporrà un’analisi storica e critica, come di consueto le sonate saranno eseguite dagli stessi studenti del Conservatorio, e in qualche occasione dai suoi docenti.

Domani il ciclo di incontri (tutti in programma nell’Aula Magna alle 18) si apre con la prima delle tre sonate Op. 31, scritte da Beethoven in un momento di grande pienezza inventiva. Protagonista sarà il maestro Francesco Giammarco. Si prosegue il 29 settembre, con Noemi Mulas che affronterà la seconda, mentre il 6 ottobre sarà di fronte al pubblico Francesco Ghiglieri, che eseguirà la terza.

Si va avanti sino al 22 dicembre, serata in cui, con la Sonata op. 90 calerà il sipario su questa nuova tranche di appuntamenti.

Figura chiave della musica colta ottocentesca, Beethoven scrisse le sue Sonate per pianoforte tra il 1795 e il 1822. Inizialmente i brani non costituivano un insieme unico, tuttavia oggi fanno parte delle più importanti collezioni dell’intera letteratura pianistica.

Per gli studenti di pianoforte, le sonate del genio tedesco sono parte fondamentale del loro percorso formativo.

[bing_translator]

Dopo la pausa estiva, riprendono al Conservatorio di Cagliari, gli appuntamenti con le “32 Sonate per pianoforte” di Ludwig Van Beethoven, una delle più importanti raccolte della letteratura pianistica.  

Dal 22 settembre al 22 dicembre in nove distinti incontri saranno ripercorse altre 10 sonate (sino all’opera 90), quelle scritte dal grande compositore tedesco tra 1802 e il 1814.

Come di consueto le sonate saranno eseguite dagli stessi studenti del Conservatorio, e in qualche occasione dai suoi docenti. Ciascun appuntamento musicale sarà introdotto da un’analisi storica e critica a cura del maestro Mario Carraro.

Il ciclo di incontri (tutti in programma nell’Aula Magna del Conservatorio alle 18.00) si apre il 22 settembre con la prima delle tre sonate Op. 31, scritte da Beethoven in un momento di grande pienezza inventiva. Protagonista sarà il Maestro Francesco Giammarco. Si prosegue il 29 settembre, con Noemi Mulas che affronterà la seconda, mentre il 6 ottobre sarà di fronte al pubblico Francesco Ghiglieri, che eseguirà la terza.

Si va avanti sino al 22 dicembre, serata in cui, con la Sonata op. 90 calerà il sipario su questa nuova tranche di appuntamenti.

Figura chiave della musica colta ottocentesca, Beethoven scrisse le sue Sonate per pianoforte tra il 1795 e il 1822. Inizialmente i brani non costituivano un insieme unico, tuttavia oggi fanno parte delle più importanti collezioni dell’intera letteratura pianistica.

Per gli studenti di pianoforte le sonate del genio tedesco sono parte fondamentale del loro percorso formativo.

[bing_translator]

Due appuntamenti da non perdere lunedì 5 giugno al Conservatorio di Cagliari, in piazza Porrino. Alle 18.00, per il VII Festival pianistico, l’aula magna ospiterà una lezione aperta del docente di pianoforte Francesco Giammarco dal titolo “L’ispirazione poetica nella musica di Beethoven”. L’incontro sarà affiancato dall’esecuzione della “Sonata in re minore op. 31 n. 2 La Tempesta“, che vedrà impegnata la pianista Noemi Mulas.

Alle 18.30, invece, nell’Auditorium si chiudono i saggi degli studenti. Per l’occasione è in programma un concerto dell’Orchestra junior del Conservatorio, diretta dal maestro Pio Salotto: si tratta dell’esito finale del Laboratorio dell’Orchestra junior under 16, una costante nella proposta formativa del Conservatorio, che offre ai giovani studenti la preziosa opportunità del suonare in orchestra.

Il programma prevede musiche del periodo barocco (Haendel, Clarke), romantico (Tchaikovsky, Grieg, Strauss) e colonne sonore cinematografiche (Williams, Doyle, Hooper).

Oltre a esibire il proprio lavoro nei concerti finali, l’Orchestra Junior ha partecipato alla manifestazione per l’apertura di “Sa Die de sa Sardigna 2012” (Teatro Verdi di Sassari ed Auditorium del Conservatorio di Cagliari); GiovaniInMusica, in collaborazione col comune di Cagliari, Sa Die de sa Sardigna 2013. Nel novembre 2013 ha concluso il Convegno Nazionale del Fondo per L’Ambiente Italiano, nel Teatro Massimo di Cagliari; nel giugno 2015 è stata inserita tra gli eventi  della “Festa Europea della Musica” organizzata dal comune di Cagliari.

L’ingresso agli appuntamenti è libero e gratuito.

[bing_translator]

Doppio appuntamento con la musica classica domani, venerdì 26 maggio, al Conservatorio di Cagliari.

Alle 18.00, nell’aula magna, proseguono gli incontri dedicati all’esecuzione delle “32 Sonate per pianoforte” di Ludwig Van Beethoven: Federico Manca e Chiara Columbu affronteranno rispettivamente la Sonata op. 27 n. 1 e la Sonata op. 27 n. 2.

Come di consueto, l’esecuzione sarà preceduta da un momento di racconto e analisi, curato dal docente di Fondamenti di composizione Mario Carraro.

Alle 18,30, invece, nell’Auditorium proseguono i Saggi del Conservatorio, l’occasione per i migliori studenti di dare prova delle capacità acquisite durante i loro studi. Si esibiranno gli allievi delle classi di Pianoforte tenute dai maestri Maria Lucia Costa, Francesco Giammarco, Manuela Piras e Anna Sanfilippo. Il programma della serata proporrà musiche da Bach a Chopin, fino a Debussy.