26 June, 2022
HomePosts Tagged "Hamid Drake" (Page 3)

[bing_translator]

Grande anteprima del XXXII Festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, questa sera a Palmas, con il progetto “Percussion Evolution” di Boni Gnahorè, Aly Keita e Hamid Drake. Per il secondo anno il sagrato della millenaria chiesetta di Palmas Vecchio ospita un concerto organizzato in coproduzione dall’associazione Palmas Vecchio e dall’Associazione Punta Giara.
Aly Keita, suonatore di balafon della Costa d’Avorio nato a Abidjan nel 1969. Fin da piccolo, è stato iniziato allo studio di questo strumento che è l’antenato musicale dello xilofono e del marimba, dal padre, anch’egli a sua volta suonatore di balafon. In altre parole, nella famiglia Keïta il balafon è una cosa seria. Il balafon di Aly è prima di tutto un opera d’arte. In un certo senso, Aly può essere definito il “re” dell’accordatura: egli ha personalizzato le corde ed il corpo in legno del suo strumento aggiungendo zucche di risonanza di diverse dimensioni, il che rende il suono diverso da qualsiasi altro balafon sulla terra. Nelle sue composizioni, Aly parla della vita di tutti i giorni, di orfani e di madri, e della vergogna degli uomini. Il risultato musicale è quello di un virtuoso delle bacchette. Aly diventa parte del suo strumento, accarezzandolo con tenerezza, o colpendolo con forza a grande velocità. Lui è un mago, uno stregone che esprime gioia di vivere attraverso la sua arte. Aly Keita si costruisce da solo i suoi balafon e li suona ininterrottamente al fine di prolungare al massimo il meglio del suono che possano produrre.
Hamid Drake: brillante, sensibile, infinitamente ritmico, intelligente, spirituale e potente batterista di Chicago. Nato a Monroe in Louisiana nel ‘55, la sua famiglia si trasferisce ad Evanston-Chicago qualche anno dopo, proprio mentre un altro musicista, faceva lo stesso tragitto, con la propria di famiglia: Fred Anderson. Hamid si è immerso fin da adolescente nell’ascolto R&B e funk, di tutto il Motown, Stax e Atco. Ha iniziato a suonare in rock and R&B bands, ancor giovanissimo, attirando l’attenzione di Fred Anderson col quale dal 1974 in poi si instaura una collaborazione professionale che diviene sempre più stabile. È lo stesso Fred Anderson che lo introduce presso Douglas Ewart, Gerge Lewis e gli altri componenti dell’AACM ( Chicago’s Association for the Advancement of Creative Musicians). Le sue influenze musicali più significative per quanto riguarda le percussioni risalgono a quel periodo, ovvero ad Ed Blackwell, Adam Rudolph, Philly Joe Jones, Max Roach, Jo Jones. Altro incontro fortunato è quello con Don Cherry da cui scaturirà un’altra avventura musicale duratura. Dopo aver conosciuto Don Cherry, Hamid ha viaggiato molto al suo seguito in Europa, occasione per dedicare più tempo all’esplorazione dell’infinito universo percussivo, condividendo profondamentecon Don Cherry il significato della spiritualità applicata alla musica e delle sue infinite possibilità di trasformazione ed evoluzione. Negli anni è stato inventivo supporto ritmico di lungimiranti artisti tra cui Borah Bergman e Peter Brotzmann, con il quale ha suonato in quartetto con William Parker e Toshinori Kondo, MArylin Crispell, Pierre Dørge, il pianista compositore norvegese Georg Gräwe, Herbie Hancock, Misha Mengelberg, Pharoah Sanders, Wayne Shorter, Malachi Thompson, David Murray, Archie Shepp, Bill Laswell, Gigi, Herbie Hancock, Nicole Mitchell, Michel Portal, M. Zerang con cui celebra dal 1991 il Solstizio d’Inverno, Kent Kessler e Ken Vandermark nel DKV trio. Negli ultimi anni nonostante i molteplici impegni di lavoro, dedica sempre più, parte della sua attività a progetti perso¬nali quali Bindu, Indigo trio (con Nicole Mitchell ed Harrison Bankhead) e collabora con alcuni tra i più interessanti musicisti del panorama italiano (Pasquale Mirra, Antonello Salis, Paolo Angeli).
Boni Gnahorè: Cantante e percussionista della Costa d’Avorio è tra le figure musicali più importanti dell’Africa: interpreta le proprie composizioni in differenti lingue africane – Betè, Fon, Baoulè, Lingala, Wolof, Malinkè, Mina e Bambara, oltre che in francese e in inglese, in una miscela di elementi sonori e ritmici, dalle melodie mandingue alla rumba congolese, dal ziglibiti ivoriano al bikoutsi camerunense, dall’hig-life ghanese ai cori zulu, dai canti betè ai canti pigmei centrafricani. Dispone di una voce calda e possente e di una grande presenza scenica. Le sue performance catturano l’attenzione fin dal primo istante unendo alla forza espressiva della voce e le sonorità delle percussioni.

[bing_translator] 

Definito il programma completo dei concerti della XXXII edizione di “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, a Sant’Anna Arresi fervono i preparativi per l’attesissima nuova edizione del festival che sarà interamente dedicata a Max Roach e all’evoluzione della musica contemporanea e nel particolare al variopinto panorama degli strumenti a percussione. 

Lo straordinario scenario di Piazza del Nuraghe ha ipnotizzato da sempre non solo artisti e pubblico ma anche tantissimi operatori della comunicazione che per quasi sette lustri di questa rassegna e sin dai suoi primordi, con il loro lavoro hanno compreso e testimoniato quella che è stata l’evoluzione della musica e del jazz in particolare di questo ultimo secolo. Gli stessi padri fondatori della rassegna compresero sin da subito l’importanza che per questo festival avrebbe assunto la qualità sonora nell’economia artistico-culturale dell’intero Progetto tanto da trasformare l’incantevole location in una sorta di sala d’incisione a cielo aperto. Considerate poi le pubblicazioni discografiche che negli anni si sono susseguite non desta più meraviglia il fatto che sempre più artisti di caratura internazionale scelgano proprio Piazza del Nuraghe per effettuare registrazioni che poi diventeranno supporti sonori destinati alla distribuzione sul mercato mondiale proprio come hanno fatto artisti come Rob Mazurek con l’Explonding Star Orchestra, Roscoe Mitchell, Lawrence D. “Butch” Morris, Amiri Baraka, Evan Parker solo per citarne alcuni.

L’Associazione Punta Giara, in una nota, nel ringraziare tutto il suo Staff per avere ideato e realizzato ognuno di questi progetti esprime inoltre grande riconoscenza a tutti i tecnici: Live Studio, Rockhaus, Paolo Zucca, Pierpaolo Meloni che hanno reso possibile la concreta realizzazione di ogni singola registrazione. La XXXII edizione di “Ai confini tra Sardegna e Jazz”, apre ancora una volta i suoi confini al mondo e alle nuove esperienze discografiche che durante il prossimo festival verranno presentate in anteprima assoluta con un’apposita conferenza stampa che si svolgerà il 4 settembre 2017, alla presenza dei musicisti, dei tecnici e dell’Associazione Culturale Punta Giara.

Il 2017 rappresenta un anno importantissimo in fatto di registrazioni live che a Sant’Anna Arresi costituiscono da sempre motivo di orgoglio ed elemento fondante della nostra produzione discografica. La prossima edizione sarà occasione attesa per far conoscere il nuovo album dei Summit Quartet. Formazione e progetto ideati e realizzati interamente, durante e per il Festival 2016. Il Summit Quartet si è da subito distinto per la complessità musicale e la ricchezza delle possibilità espressive che hanno esaltato allo stesso tempo le capacità di ogni singolo componente e dell’intero gruppo. Il concerto di questa originale formazione ha incassato da subito ottimi riscontri della critica che lo ha identificato come una delle migliori performances in seno alla XXXI edizione. Nulla da stupirsi se si considera la genialità e la poliedricità musicale dei componenti di questo quartetto. A partire da Mats Gustafsson formatosi nel rock – jazz scandinavo degli anni ’80, una carriera costellata di importanti collaborazioni, incisioni e concerti in ogni angolo di mondo. Dedito all’esplorazione dell’infinito universo delle percussioni, altro componente di spicco del Summit è Hamid Drake, potente batterista dotato di infinita sensibilità ed intelligenza spirituale che lo rendono umano e al contempo geniale. Il quartetto conta poi la presenza di altri due talentuosi esponenti del jazz mondiale, Ken Vandermark, sax tenore forte ed espressivo e grande improvvisatore, che riceve il premio “genius” nel 1999 lasciando a bocca aperta l’intero mondo del jazz, e Luc Ex, versatile componente dei The Ex, che vanta una grande quantità di collaborazioni non convenzionali su diversi stili musicali.

Il progetto del Summit Quartet si presenta come una brillante intuizione creativa della musica contemporanea, originale ma anche ispirata alla grande eredità musicale e jazzistica del passato. Non a caso l’album si presenta come un bellissimo vinile a quattro facce, contenente 7 pezzi originali, che si distingue per la grafica singolare ispirata all’istrionico Frank Zappa protagonista della scorsa edizione del festival che ha troneggiato anche sui manifesti della stessa. Nella stessa conferenza stampa, verranno presentate altre produzioni musicali figlie del Festival, gli album di: Andrea Massaria Octet “Zappa Speech Project” e i Flut3ibe. In vista del 2018 ci sarà una nuova uscita discografica distribuita della RogueArt che presenterà il nuovo lavoro Live in Sant’Anna Arresi ad opera di Roscoe Mitchell con Matthew Shipp. Questa pubblicazione sarà presentata in data 27 gennaio 2018 alla Carnegie Hall di New York, nel corso di una conferenza stampa e di un concerto, alla presenza delle maggiori testate del settore a livello nazionale ed internazionale e dei rappresentanti dell’Associazione Culturale Punta Giara. L’associazione, infine, sta lavorando per realizzare in occasione di questo importante evento, una tre giorni di promozione a carattere culturale e turistica dell’intera nostra isola, con artisti, materiale video e fotografico che saranno presentati prima, durante e dopo il concerto.

1-10/09/16, Sant’Anna Arresi (CI), Piazza del Nuraghe – AI CONFINI TRA SARDEGNA E JAZZ 2016; 10/09/16 – “SUMMIT QUARTET”, Ken Vandermark sax, Hamid Drake batteria, Mats Gustafsson sax, Luc Ex chitarra basso – Luciano Rossetti © Phocus Agency – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

1-10/09/16, Sant’Anna Arresi (CI), Piazza del Nuraghe – AI CONFINI TRA SARDEGNA E JAZZ 2016; 10/09/16 – “SUMMIT QUARTET”, Ken Vandermark sax, Hamid Drake batteria, Mats Gustafsson sax, Luc Ex chitarra basso – Luciano Rossetti © Phocus Agency – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

1-10/09/16, Sant’Anna Arresi (CI), Piazza del Nuraghe – AI CONFINI TRA SARDEGNA E JAZZ 2016; 10/09/16 – “SUMMIT QUARTET”, Ken Vandermark sax, Hamid Drake batteria, Mats Gustafsson sax, Luc Ex chitarra basso – Luciano Rossetti © Phocus Agency – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

1-10/09/16, Sant’Anna Arresi (CI), Piazza del Nuraghe – AI CONFINI TRA SARDEGNA E JAZZ 2016; 10/09/16 – “SUMMIT QUARTET”, Ken Vandermark sax, Hamid Drake batteria, Mats Gustafsson sax, Luc Ex chitarra basso – Luciano Rossetti © Phocus Agency – TUTTI I DIRITTI RISERVATI

[bing_translator]

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno dallo straordinario concerto dei Tenores di Bitti, al debutto della collaborazione tra l’associazione culturale Palmas Vecchio e l’associazione culturale Punta Giara che organizza il festival internazionale “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, anche quest’anno il sagrato della Chiesa Romanica di Santa Maria di Palmas ospiterà l’anteprima della XXXII edizione della prestigiosa rassegna musicale, uno dei festival di jazz più apprezzati e conosciuti a livello internazionale.

Il 31 agosto, dalle ore 21.30, a deliziare il pubblico sarà un trio messo insieme per l’occasione e per il festival dal direttore artistico Basilio Sulis, la Percussion Evolution composta da Boni Gnahorè (percussione, voce), Aly Keita (balafon) e dal grandissimo percussionista Hamid Drake, divenuto quasi un ospite fisso di “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, ormai di casa a Sant’Anna Arresi, che ogni anno riesce a stupire tutti per il grande talento e per l’entusiasmo con il quale si propone al pubblico isolano.

[bing_translator]

E’ stato presentato ieri, nella sala conferenze della Biblioteca regionale, a Cagliari, il XXXII festival internazionale “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, organizzato dall’associazione culturale Punta Giara, sotto l’alto Patrocinio della Presidenza del Consiglio e della Giunta della Regione Autonoma della Sardegna, con l’apporto fondamentale dell’assessorato della Pubblica Istruzione, Sport e Spettacolo, dell’assessorato del Turismo, Commercio e Artigianato della Regione Autonoma della Sardegna e della Fondazione di Sardegna.

Erano presenti alla conferenza stampa e sono intervenuti i rappresentanti delle istituzioni pubbliche, il sindaco di Sant’Anna Arresi Teresa Pintus, il sindaco di San Giovanni Suergiu Elvira Usai, Andrea Dettori che ha portato i saluti dell’assessore della Pubblica Istruzione, Sport e Spettacolo della Regione Sardegna Giuseppe Dessena, il presidente dell’Unione dei Comuni del Sulcis Gianfranco Trullu, e gli sponsor della manifestazione.

Nel corso della conferenza stampa, coordinata dal giornalista Giampaolo Cirronis, sono stati presentati due video sui due comuni che ospiteranno gli spettacoli, San Giovanni Suergiu per l’anteprima del 31 agosto sul sagrato della chiesa di Santa Maria di Palmas (l’assessore del Turismo Camilla Melis si è soffermata sulle iniziative portate avanti da alcuni anni dall’associazione culturale Palmas Vecchio ed ha descritto dettagliatamente tutti gli aspetti del borgo e del sagrato della chiesa) e Sant’Anna Arresi per i dieci giorni del Festival. I due sindaci si sono augurati che le sinergie messe in campo tra soggetti pubblici ed associazioni del territorio possano dare ancora più forza ad un progetto di carattere culturale multidisciplinare e che possano maggiormente valorizzare il territorio. 

Il presidente dell’Unione dei Comuni del Sulcis Gianfranco Trullu ha evidenziato come queste manifestazioni possano vivacizzare tutto il territorio e valorizzarlo in tutti i suoi aspetti.

Ponziana Ledda, in rappresentanza dell’associazione Destinazione Sulcis ha presentato il progetto “I-Dee Madri”, destinato ad arricchire il già sostanzioso cartellone artistico con attività parallele quali escursioni e laboratori.

Superate le premesse, si è entrati nel dettaglio degli aspetti artistici della XXXII edizione, dopo la presentazione video del calendario dei concerti che si susseguiranno dal 31 agosto da San Giovanni Suergiu con l’Anteprima del festival e poi dal 1 al 10 settembre nella storica sede di Piazza del Nuraghe, a Sant’Anna Arresi, il direttore artistico Basilio Sulis ha illustrato le linee guide del prossimo festival passando attraverso la figura di Max Roach, dei diritti civili e delle percussioni moderne evidenziando il numero delle presenze femminili che si esibiranno ai piedi del Nuraghe Arresi. L’Associazione, ha detto il direttore artistico, è riuscita a ritagliarsi uno spazio non solo nazionale ma anche internazionale, sia per quanto riguarda la produzione musicale sia sotto l’aspetto dell’immagine, a seguire Andrea Murgia ha esposto in dettaglio il cartellone artistico della rassegna, illustrando le caratteristiche di tutti i concerti che si susseguiranno dal 31 agosto al 10 settembre, tra esclusive italiane, prime assolute e progetti originali e tutti gli aspetti logistici organizzativi della manifestazione. 

A seguire è intervenuta Adriana Lobina in rappresentanza del circolo Anspi Oratorio di Sant’Anna Arresi che ha illustrato il progetto del laboratorio musicale destinato ai bambini tra i 4 e i 10 anni che farà parte integrante degli eventi del XXXII Festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, i cui elementi fondamentali saranno il rispetto dell’ambiente e l’arte del riciclo.

Al termine, Giampaolo Cirronis ha ringraziato la Cantina Mesa, Automobili Cocco, l’Agenzia Fo.Re.STAS della Regione Sardegna, la Provincia del Sud Sardegna, la RAI e Nieddittas per la loro proficua collaborazione per la realizzazione della XXXII edizione del festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz“, ed ha invitato tutti i presenti a partecipare alla rassegna.

Relazione Artistica

Il festival Ai Confini tra Sardegna e Jazz compie con la XXXII edizione, l’ennesimo atto di amore nei confronti del linguaggio musicale contemporaneo e del jazz in particolare, lo fa con intatto vigore e con l’atteggiamento che da sempre ha caratterizzato questa manifestazione: «La curiosità». Parte dal passato ancora presente per leggere la contemporaneità della vita di uomini e donne, con l’ambizione di scrivere nuove pagine a valore universale, che partendo dalla nostra isola possa delineare il futuro attraverso la lente di questa straordinaria forma d’arte.

L’associazione culturale Punta Giara è da sempre connessa al mondo circostante perché dalla musica trae spunti per parlare della società e la società contribuisce all’utilità della musica stessa.

Nell’ideare, progettare e realizzare la XXXII edizione, dopo lunghe e proficue analisi, la direzione artistica ed i soci dell’Associazione Culturale Punta Giara sono partiti dal rapporto annuale sui diritti civili che Amnesty International ha pubblicato recentemente facendoci rendere conto di come ci troviamo davanti ad un’emergenza umanitaria di proporzioni mondiali.

Dopo le rivoluzioni sociali degli anni ’60 il mondo sembra aver compiuto un passo indietro nei confronti di ciò che parevano diritti acquisiti dell’uomo.

Infatti, come si evidenzia, mai come in quest’ultimo periodo i diritti umani stanno attraversando grandi pericoli. Le violazioni in circa 160 cosiddetti stati democratici intaccano sistematicamente molti dei diritti inalienabili: l’infanzia tradita, le violenze di genere, crimini di guerra, sparizioni forzate, torture e deportazioni di massa ne rappresentano il quadro catastrofico. Nulla avrebbe fatto pensare ad un’involuzione tale rispetto ai diritti acquisiti grazie alle rivoluzioni sociali degli anni 60, e tutto ciò non ha lasciato insensibili i soci dell’Associazione.

Il pensiero è corso automaticamente a quei paesi che non rientrano nel cosiddetto “Occidente Civilizzato” invece è sotto gli occhi del mondo di come le ultime elezioni negli Stati Uniti siano state condotte in maniera “discriminatoria, misogina e xenofoba”. In realtà proprio gli Stati Uniti d’America hanno segnato una delle evoluzioni sociali più importanti del millennio da poco passato.

Sembra quasi che un colpo di spugna abbia cancellato il sudore ed il sangue versato da Malcom X, Martin Luther King e da tutti gli afro-americani sacrificati sull’altare della supremazia bianca.

E’ in questo momento che ritorna con prepotenza la necessità di analizzare un caposaldo sia delle lotte per i diritti civili che dell’evoluzione della stessa musica jazz. Il nostro pensiero si è soffermato inevitabilmente sulla suite “We Insist! Freedom Now” composta dal geniale batterista Max Roach e completata dalle parole del poeta, cantante e scrittore afro-americano Oscar Brown Jr.

Il contributo che ha dato questo lavoro ai diritti civili è sintetizzato nel punto esclamativo all’interno del titolo stesso, non più una richiesta ma una volontà che durante gli anni 60 è diventata sempre più pressante e doverosa. Una presa di posizione non più contrattabile né procrastinabile come testimonia la storica copertina della meravigliosa, fondamentale e rivoluzionaria suite.

E sarà proprio lo spirito di Max Roach che caratterizzerà questa edizione. Max Roach è considerato, a pieno titolo, uno degli innovatori più importanti del suo strumento e di conseguenza della musica jazz, una pietra miliare nei confronti della quale ogni musicista ha l’obbligo di confrontarsi.

Max Roach è riuscito a trasformare la batteria da semplice strumento d’accompagnamento in una macchina creativa in grado di suggerire la via da percorrere agli strumenti che fino ad allora avevano caratterizzato la composizione jazzistica. La sua capacità di trasferire lo stile bebop alla batteria ne ha fatto il padre delle moderne percussioni facendole diventare uno strumento di espressione personale.

La sua capacità tecnica, apprezzata da musicisti del calibro di Charlie Parker, Miles Davis, Eric Dolphy e Sonny Rollins fra i tanti, è andata ad unirsi alla consapevolezza politica legata sempre più alla pressante disuguaglianza sociale che purtroppo allora come oggi caratterizza l’organizzazione umana.

Questa edizione sarà connotata oltre che dalle percussioni e la loro evoluzione, anche da una fortissima presenza femminile.

La disuguaglianza passa anche attraverso la discriminazione sessuale e gli abusi fisici e mentali che le donne subiscono a causa di una inesistente superiorità maschile. E’ intenzione degli organizzatori indagare l’estrema potenza creativa delle donne unita anche alla dimensione creatrice. Guarderemo attraverso gli occhi di una figura che unisce dentro di sé infinite esistenze capaci di avvolgere e proteggere l’universo. Non solo creazione di vita ma anche creatrici di visioni artistiche, culturali e sociali. Lo sguardo delle Muse ci aiuterà e ci guiderà attraverso una profondità che riuscirà forse a destabilizzare preconcetti millenari privi di ogni fondamento.

Il festival aprirà il sipario il 31 agosto per un’anteprima nella suggestiva cornice della chiesa di Palmas a San Giovanni Suergiu. Sul palco suonerà il progetto Percussion Evolutions. L’omaggio alle percussioni inizierà con un grande amico della nostra associazione, Hamid Drake, che suonerà con il balafonista Aly Keita ed il cantante e percussionista Boni Gnahorè.

Il giorno successivo, 1 settembre, segna l’inizio ufficiale del festival con una formazione tutta africana. La cantante della Costa d’Avorio Dobet Gnahorè presenta un concerto di melodie e suoni tipicamente africani con una formazione che prevede ancora Hamid Drake, Boni Gnahorè, Aly Keita e Mike Dibo (batteria), Valery Assouan (basso). Si partirà con un caos percussivo che segna quasi la nascita di una Venere Nera fino alla chiusura con due brani dedicati a Nelson Mandela.

Il 2 settembre sul palco della Piazza del Nuraghe avremo due concerti, il primo vede la partecipazione del duo Courvasier-Wollesen ed il secondo è il progetto Lean Left. Sylvie Courvasier è una pianista svizzera di grande rispetto in ambito jazzistico e si presenta con l’eclettico batterista Kenny Wollesen. Insieme svilupperanno un dialogo percussivo fra la melodia ritmica del piano e la potenza musicale della batteria.

Il secondo set sarà tutto di un’ ottima formazione sospesa tra improvvisazione, ritmo, melodia e rumore. Il sax di Ken Vandermark guiderà i due chitarristi Andy Moore e Terry Ex ed il batterista Paal Nilssen-Love.

Il giorno successivo saliranno nuovamente sul palco Hamid Drake ed il balafonista ivoriano Aly Keita per farci immergere in un incontro tra due culture africane ed americane mentre il secondo set sarà affidato a David Virelles (piano), che con Vicente Archer (basso), Romàn Dìaz (percussioni), Eric McPherson (batteria) ci regaleranno la prima esclusiva del festival. Il pianista cubano porta sulla scena La Voce (Mbokò) che rappresenta la parola della divinità tesa fra Africa e Cuba.

Il maestro Joe Chambers sarà protagonista di un solo di piano il giorno 4 settembre primo set che poi lascerà il campo alla formazione che l’anno scorso ci ha regalato uno dei concerti più entusiasmanti della passata edizione. Il Summit Quartet di Gustafson, Vandermark, Luc Ex e Drake si esibiranno in una produzione originale che sarà anche l’occasione per presentare il meraviglioso disco registrato nel 2016 proprio sul palco del nostro festival e prodotto dall’Associazione Culturale Punta Giara.

Il giro di boa è un’altra esclusiva del festival, M’Boom Repercussion. Lo spirito di Max Roach prenderà forma sul palco con una riproposizione di uno dei suoi capolavori. A questo straordinario concerto oltre a Marc Abrams (basso), Pietro Tonolo (sax), Eli Fountain (batteria), Diego Lopez (percussioni) parteciperanno anche Joe Chambers (vibrafono), Ray Mantilla (percussioni) e Warren I. Smith (batteria). Chambers, Mantilla e Smith sono i musicisti originali che accompagnarono Roach nella registrazione del disco. A questa formazione si aggiungerà anche un quartetto d’archi proveniente dal Conservatorio di Cagliari, ad inizio serata in prima assoluta Tiziano Tononi con Susie Ibarra con il progetto Drums, Gongs & Bamboo, un esaltante dialogo tra percussioni.

David Vireless salirà nuovamente sul palco di piazza del nuraghe in un solo di piano ed aprirà la settima giornata della manifestazione introducendoci ad uno spettacolo che si presenta come eccezionale. Shamania di Marilyn Mazur. La Mazur è un’artista poliedrica che ha suonato con Miles Davis e Gil Evans. Per questa occasione ha allestito uno spettacolo di sole donne che ci regaleranno uno dei concerti più attesi di questa edizione.

Il 7 settembre il primo concerto della serata sarà affidato ad un solo di Tyshawn Sorey, un giovane batterista americano che ha collaborato con Zorn, Wadada Leo Smith, Anthony Braxton. Sorey è musicista e compositore con una carriera superlativa.

Il secondo set ci introdurrà in una nuova forma di approccio jazzistico. Infatti il progetto Odd Time di Kassa Overall (batteria), Kool A.D. (voci & dj), Dada Powell (voci) ci porterà attraverso una lettura elettronica della musica. Una lettura che vuole attualizzare un discorso musicale che non è mai finito ovvero la libertà espressiva del jazz contemporaneo.

Kassa Overall ed il suo Trio apriranno il primo set del giorno successivo per poi lasciare spazio al batterista Tyshawn Sorey con una formazione (Corey Smithe al piano e Chris Tordini al basso) che alterna composizione ed improvvisazione.

Ci si avvia alla conclusione del festival e la penultima serata sarà qualcosa di difficile da dimenticare. La Burnt Sugar con i suoi 17 portentosi musicisti ci offrirà una rilettura dell’album Freedom Now! di Max Roach. Il concerto è una produzione originale creata appositamente per questa edizione del festival.

La chiusura della manifestazione, il 10 settembre, vedrà sul palco una giovane formazione italiana, il Liquid Stone Trio. Michele Uccheddu (percussioni), Caterina Genta (cantante, performer), Emanuele Balia (elettronica) ci porteranno in un universo di suoni creati per spingere più in là i confini delle strutture musicali.

Il saluto all’anno prossimo sarà affidato al secondo pirotecnico concerto della Burnt Sugar. Questo gigantesco ensemble si esibirà in una personale rilettura dei grandi successi della musica nera da Hendrix a Prince passando per la Motown ed il jazz. Sarà un omaggio ai 30 anni di carriera dell’orchestra che festeggerà con una produzione originale l’arrivederci al prossimo anno.

Attraverso lo svolgimento del tema riteniamo che ancora una volta il jazz possa e debba affermare la sua valenza sociale divincolandosi dalla superficialità che vorrebbe la musica l’arte solamente come puro intrattenimento per favorire la creazione di un pensiero unico, controllabile ed incapace di scegliere tra ciò che è sopraffazione e ciò che diritto.

Ecco perché anche noi, prendendo spunto dal capolavoro di uno dei musicisti più importanti della storia della musica contemporanea, ci uniamo a quel grido che dice “Noi Insistiamo! Libertà Adesso”.

   

IMG_7213      IMG_7191      

 

[bing_translator]

Si è conclusa ieri sera, con due straordinari concerti, in una piazza del Nuraghe piena e particolarmente coinvolta, la XXXI edizione del festival internazionale “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”.

Ha aperto la serata il Summit Quartet, composto da Mats Gustafsson, Ken Vandermark, Hamid Drake e dal bassista Luc Ex. Tutti e quattro già protagonisti di questa edizione del festival, hanno proposto un progetto originale che ha prodotto un concerto che per gli appassionati sarà difficile dimenticare.

La chiusura della serata e del festival è stata affidata a Daniele Sepe, sassofonista italiano molto conosciuto che ha sviluppato un’enormità di progetti in diversi campi della musica. Un talento multiforme che non ha mai nascosto la passione per Frank Zappa, infatti il suo progetto per questa serata si chiama Direction Zappa. Daniele Sepe ha analizzato i risvolti della musica zappiana e le sue enormi potenzialità, per fare questo ha allestito un sestetto che oltre lui vede Dean Bowman (voce) Davide Castigliola (piano) Gio Cristiano (chitarra) e dallo straordinario ed instancabile Hamid Drake alla batteria.

Questo concerto pieno di ritmi, melodie e suggestioni zappiane ha dato l’arrivederci alla XXXII edizione di “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”.

«E’ presto per fare bilanci ma l’edizione che sta per concludersi è stata densa di grandissime soddisfazioni e grandissima musica – si legge in una nota dell’associazione culturale Punta Giara -. Il programma di quest’anno è stato considerato dai giornalisti internazionali uno dei più affascinanti e creativi di tutto il panorama mondiale, lo dimostra la fitta presenza dei media al nostro festival cosa che ci onora ma al tempo stesso ci consegna grandi responsabilità per l’edizione che verrà. Per questo motivo l’assemblea dei soci di Punta Giara ed il suo direttore artistico Basilio Sulis, visto il successo della manifestazione e ritenendo che ci siano le precondizioni che lo permettono, possono annunciare date e tema per l’anno prossimo. Il festival si svolgerà dall’1 al 10 settembre 2017 ed avrà come titolo “Bum Bum Bum-Tutte le Muse del Batterista”. L’associazione Punta Giara ha deciso di bandire un concorso di idee sul tema dell’anno prossimo e per questo selezionerà giornalisti, critici e studenti di giornalismo che vorranno partecipare al progetto. Le iscrizioni saranno aperte dal 1/10/2016 e dovranno essere presentate entro e non oltre il 30/12/2016.»

Tutte le modalità, i dettagli ed i premi saranno disponibili dal 1/10/2016 nel nostro sito www.santannarresijazz.it .

IMG_7487

IMG_7409  IMG_7402 IMG_7401 IMG_7400 IMG_7397 IMG_7396 IMG_7396 copia IMG_7389 IMG_7383  IMG_7377 IMG_7376 IMG_7373 IMG_7372 IMG_7365 IMG_7364 IMG_7363 IMG_7362 IMG_7361  IMG_7358 IMG_7355 IMG_7351 IMG_7348 IMG_7347 IMG_7346 IMG_7345 IMG_7344 IMG_7342 IMG_7341IMG_7334 IMG_7313 IMG_7312 IMG_7307 IMG_7299 IMG_7298 IMG_7297  IMG_7295 IMG_7294  IMG_7292 IMG_7289  IMG_7286   IMG_7282 IMG_7281 IMG_7276 IMG_7272 IMG_7271  IMG_7257 IMG_7251 IMG_7250  IMG_7246 IMG_7244 IMG_7243 IMG_7242 IMG_7241  IMG_7215   IMG_7184 IMG_7183 IMG_7182  IMG_7176 IMG_7504 IMG_7502 IMG_7500 IMG_7497 IMG_7493 IMG_7487 IMG_7484  IMG_7476 IMG_7467 IMG_7461 IMG_7460 IMG_7459 IMG_7458 IMG_7457 IMG_7456 IMG_7451 IMG_7450 IMG_7444 IMG_7443 IMG_7442 IMG_7441  IMG_7438 IMG_7437  IMG_7431 IMG_7426  IMG_7424 IMG_7423   IMG_7419  IMG_7416 IMG_7410 IMG_7399 IMG_7391 IMG_7387 IMG_7380 IMG_7379 IMG_7378  IMG_7355 IMG_7354 IMG_7342 IMG_7339 IMG_7331 IMG_7330 IMG_7329 IMG_7328 IMG_7327 IMG_7326   IMG_7302  IMG_7457 IMG_7456 IMG_7455 IMG_7454 IMG_7453 IMG_7452 IMG_7451 IMG_7450 IMG_7449 IMG_7448 IMG_7447 IMG_7446 IMG_7445 IMG_7444 IMG_7443 IMG_7442 IMG_7437  IMG_7413 IMG_7412  IMG_7410 IMG_7280 

[bing_translator]

Si conclude questa sera la XXXI edizione del festival internazionale “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz”. Alle 21.00 andrà in scena il Summit Quartet. Il quartetto è composto da Mats Gustafsson, Ken Vandermark, Hamid Drake e dal bassista Luc Ex. Conosciamo singolarmente il valore dei musicisti in programma, già protagonisti di questa edizione, ma non li abbiamo mai sentiti in questa formazione che potrà solo stupirci per le potenzialità messe in campo. L’ensemble è un progetto originale creato per il nostro festival e siamo sicuri che stasera regalerà un concerto difficile da dimenticare.

La chiusura della serata e del festival è affidata a Daniele Sepe, sassofonista italiano molto conosciuto che ha sviluppato un’enormità di progetti in diversi campi della musica. Un talento multiforme che non ha mai nascosto la passione per Frank Zappa, infatti il suo progetto per questa serata si chiama Direction Zappa. Sepe analizzerà i risvolti della musica zappiana e le sue enormi potenzialità, per fare questo ha allestito un sestetto che oltre lui vede Dean Bowman (voce) Davide Castigliola (piano) Gio Cristiano (chitarra) ed Hamid Drake (batteria).

Questo concerto pieno di ritmi, melodie e suggestioni zappiane, ma non solo, sarà il nostro arrivederci alla XXXII edizione di “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz”.

Per questo motivo l’assemblea dei soci di Punta Giara ed il suo direttore artistico Basilio Sulis, visto il successo della manifestazione e ritenendo che ci siano le precondizioni che lo permettono, possono annunciare date e tema per l’anno prossimo. Il festival si svolgerà dall’1 al 10 settembre 2017 ed avrà come titolo “Bum Bum Bum-Tutte le Muse del Batterista”.

L’Associazione Punta Giara ha deciso di bandire un concorso di idee sul tema dell’anno prossimo e per questo selezionerà giornalisti, critici e studenti di giornalismo che vorranno partecipare al progetto. Le iscrizioni saranno aperte dal 1/10/2016 e dovranno essere presentate entro e non oltre il 30/12/2016. Tutte le modalità, i dettagli ed i premi saranno disponibili dal 1/10/2016 nel nostro sito www.santannarresijazz.it .

L’edizione del 2016 ha anche segnato un impegno importante del festival per la raccolta fondi dedicata alla ricostruzione del teatro “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice e per la solidarietà in genere, per dare un contributo attivo e per sensibilizzare artisti e pubblico come testimonia lo speciale “Il jazz per ricostruire” che raccoglie le testimonianze registrate durante il festival e andato in onda il 9 settembre su RAI 5.

Inoltre, in collaborazione con l’Associazione Diomira, per tutta la durata del festival, l’associazione Punta Giara ha ospitato 12 migranti provenienti dall’Africa devastata dalle guerre. A loro è stata offerta la possibilità di vivere il festival in tutte le sue declinazioni con la speranza che la musica possa alleviare in modesta misura le sofferenze terribili che hanno vissuto e continuano a vivere.

La manifestazione è stata resa possibile dai contributi della Regione Sardegna, assessorati del Turismo, Pubblica Istruzione, Sport e Spettacolo, la nuova provincia del Sud Sardegna, il comune di Sant’Anna Arresi, la Fondazione Banco di Sardegna, Automobili Cocco, Nieddittas la Cantina Mesa.

E ancora dal lavoro assicurato dai soci e tutti coloro che hanno colaborato per e con il festival a partire dai tecnici di Giovanni Carlini “Live Studio”, Mokkes’s Backline, gli albergatori e ristoratori di Sant’Anna Arresi e tutti coloro che si sono impegnati nell’offrire ospitalità a musicisti e pubblico presente quest’anno.

Allegato l’album della serata di ieri, con il piano solo di Cooper Moore e il progetto originale di Mats Gustafsson.

IMG_7213IMG_7220 IMG_7216 IMG_7215 IMG_7214 IMG_7212 IMG_7211 IMG_7205 IMG_7201 IMG_7195 IMG_7222IMG_7194 IMG_7191 IMG_7189 IMG_7188 IMG_7184 IMG_7180 IMG_7179 IMG_7176 IMG_7166 IMG_7160 IMG_7159 IMG_7158 IMG_7154 IMG_7153 IMG_7141 IMG_7138 IMG_7136 IMG_7135 IMG_7134 IMG_7131 IMG_7130 IMG_7128 IMG_7127 IMG_7126 IMG_7126 2 IMG_7123 IMG_7123 2 IMG_7120 IMG_7119 IMG_7118 IMG_7117 IMG_7117 2 IMG_7115 IMG_7114 IMG_7114 2 IMG_7113 IMG_7113 2 IMG_7112 IMG_7109 IMG_7108 IMG_7106 IMG_7105 IMG_7104 IMG_7103 IMG_7101 IMG_7100 IMG_7099 IMG_7098 IMG_7097 IMG_7096 IMG_7095 IMG_7089 IMG_7087 IMG_7085 IMG_7081 IMG_7077 IMG_7071 IMG_7071 2 IMG_7068 IMG_7063 IMG_7058 IMG_7057 IMG_7051 IMG_7046 IMG_7045 IMG_7045 2 IMG_7043 IMG_7042 IMG_7040 IMG_7039 IMG_7038 IMG_7035 IMG_7034 IMG_7033 IMG_7032 IMG_7031 IMG_7030

 

[bing_translator]

Dopo l’entusiasmante e potentissimo concerto di ieri “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz” prosegue offrendo al suo pubblico altri due concerti che promettono di stupire.

Ingrid Laubrock (sax tenore), Matt Moran (vibrafono), Sylvie Courvoisier (piano) guidati dalla tromba di Nate Wooley proporranno il loro progetto chiamato Battle Pieces. Tutti i musicisti sono di comprovata esperienza e portano avanti il verbo dell’improvvisazione jazzistica quasi facendo a pezzi il concetto di band fino ad elaborare la tecnica del solo estrapolato al massimo livello. Una battaglia di pezzi insomma che segnano la messa a punto di un linguaggio ancora più liberamente estremo. 

Successivamente sarà il turno di uno dei contrabbassisti fondamentali della storia del jazz ed un caro amico del nostro festival, William Parker. Parker, già protagonista dello straordinario concerto con Brotzmann e Drake si esibirà domani con una formazione di giganti, Mixashawn Lee Rozie (percussioni e sax tenore), Rob Brown (sax alto), Steve Swell (trombone), Cooper Moore (piano), Hamid Drake (batteria). La spiritualità del polistrumentista Parker si riflette in ogni suo progetto e stile di vita, così anche in questo In Order To Survive che unisce improvvisazione libera ed al tempo stesso una meravigliosa cura ed attenzione al lato melodico ed armonico del jazz.

IMG_6790

IMG_6700 IMG_6699 IMG_6698 IMG_6697 IMG_6696 IMG_6695 IMG_6694 IMG_6693 IMG_6692  IMG_6689 IMG_6690 IMG_6646 IMG_6688 IMG_6687 IMG_6645 IMG_6644 IMG_6685 IMG_6646 2 IMG_6645 2 IMG_6644 2 IMG_6834 IMG_6833 IMG_6832 IMG_6830 IMG_6827 IMG_6828 IMG_6826 IMG_6825 IMG_6824 IMG_6823  IMG_6821 IMG_6819 IMG_6820 IMG_6818 IMG_6817 IMG_6816 IMG_6814 IMG_6815 IMG_6813IMG_6808 IMG_6807 IMG_6803 IMG_6798  IMG_6794 IMG_6792 IMG_6790 IMG_6789 IMG_6788 IMG_6785 IMG_6784  IMG_6782 IMG_6779 IMG_6759 IMG_6752 IMG_6746 IMG_6744 IMG_6743 IMG_6741IMG_6742

[bing_translator]

Dopo le suggestioni di viaggio del Lok trio, condizionato dall’assenza della pianista Aki Takase, vittima di un malore poco prima di salire sul palco di Piazza del Nuraghe, e gli influssi interstellari del Solar Sound il festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz” ospiterà questa sera l’avanguardia più sfrenata di tutto il panorama jazzistico mondiale.

La sesta serata del festival, infatti, vedrà come protagoniste due formazioni differenti fra loro ma capaci di utilizzare un linguaggio libero ed innovativo, Serenus Zeitblom Oktett con Ingrid Laubrock ed il Brotzmann/Parker/Drake Trio.

L’ottetto tedesco aprirà alle 21.00 la serata con una miscela di improvvisazione tesa fra classica contemporanea ed improvvisazione jazzistica. Sembra quasi che la Germania e l’Europa in generale sia il terreno fertile per l’eredità zappiana come in fondo aveva riscontrato anche Frank nei suoi numerosi viaggi e collaborazioni nel vecchio continente. L’ottetto spinge un passo in avanti la commistione fra elettrico ed acustico cercando di mischiare le carte dell’approccio melodico europeo ed il ritmo americano. La presenza della sassofonista Laubrock conferma questa tendenza e volontà. La Laubrock ha collaborato con alcuni musicisti che hanno fatto la storia del jazz (Braxton, Parker, Douglas) diventando un punto di riferimento in Europa.

La seconda parte della serata prevede un’esplosione di una delle imprese più importanti della storia del jazz d’avanguardia. Il trio composto da Peter Brotzmann, William Parker e Hamid Drake sarà un momento unico ed irripetibile dove si fonderanno il sax estenuante e totale di Brotzmann con la tensione ritmico-melodica di Parker e Drake. La furia distruttrice del padre del free europeo trova nei musicisti afroamericani la sponda giusta per esprimere tutta la sua poetica di improvvisazione radicale.

Allegato l’album fotografico della quinta serata vissuta ieri sera in Piazza del Nuraghe.

IMG_6459 IMG_6458 IMG_6445 IMG_6443 IMG_6442 IMG_6249 IMG_6440 IMG_6439 IMG_6248 IMG_6438 IMG_6247 IMG_6437 IMG_6436 IMG_6435 IMG_6246 IMG_6245 IMG_6244 IMG_6243 IMG_6433 IMG_6242 IMG_6241 IMG_6240 IMG_6239 IMG_6238 IMG_6237 IMG_6236 IMG_6235 IMG_6234 IMG_6231 IMG_6432 IMG_6431 IMG_6430 IMG_6424 IMG_6423 IMG_6422 IMG_6421 IMG_6420 IMG_6419 IMG_6418 IMG_6417 IMG_6416 IMG_6415 IMG_6413 IMG_6414 IMG_6411 IMG_6408 IMG_6410 IMG_6407 IMG_6406 IMG_6404 IMG_6403 IMG_6402 IMG_6401 IMG_6394 IMG_6393 IMG_6391 IMG_6390 IMG_6389 IMG_6388 IMG_6387 IMG_6386  IMG_6382 IMG_6381 IMG_6380 IMG_6379 IMG_6377 IMG_6375 IMG_6374 IMG_6373 IMG_6372 IMG_6371 IMG_6369 IMG_6368  IMG_6364 IMG_6363 IMG_6362 IMG_6360 IMG_6358 IMG_6357 IMG_6356 IMG_6354 IMG_6352 IMG_6353 IMG_6351 IMG_6350 IMG_6349 IMG_6347 IMG_6346 IMG_6345 IMG_6344 IMG_6343 IMG_6338 IMG_6342 IMG_6337 IMG_6336 IMG_6335 IMG_6334 IMG_6333 IMG_6332 IMG_6329 IMG_6328 IMG_6324 IMG_6323 IMG_6322 IMG_6321 IMG_6320 IMG_6319 IMG_6318 IMG_6316 IMG_6315 IMG_6313 IMG_6312 IMG_6455 IMG_6454 IMG_6310 IMG_6303 IMG_6221 IMG_6212 IMG_6209 IMG_6208 IMG_6299 IMG_6297 IMG_6294 IMG_6295 IMG_6291 IMG_6206 IMG_6290 IMG_6204 IMG_6203 IMG_6195    IMG_6283 IMG_6189  IMG_6181 IMG_6280 IMG_6279 IMG_6278 IMG_6274 IMG_6267  IMG_6262 IMG_6261 IMG_6260 IMG_6258IMG_6259

[bing_translator]

Il trio formato dal contrabbassista William Parker, il sassofonista John Dikeman e il batterista Hamid Drake, ha entusiasmato il pubblico di Piazza del Nuraghe, nel concerto che ha aperto la quinta serata della XXX edizione del Festival “Ai confini tra Sardegna e Jazz”. Se il talento straordinario di William Parker e Hamid Drake, vecchie conoscenze del festival arresino, era a tutti ben noto, è stata una piacevole sorpresa scoprire quello del 32enne sassofonista originario degli Stati Uniti residente ad Amsterdam che ha regalato un’esibizione di straordinaria intensità oltre che di qualità. Al termine, l’esibizione dei tre è stata salutata dal più lungo applauso del festival 2015.

A seguire, la seconda performance della Nublu Orchestra, l’ultima creazione del maestro Butch Morris, anche ieri diretta dal batterista Kenny Wollesen, in alcuni frangenti, quando si è spostato alla batteria, sostituito prima dal cornettista Graham Haynes, poi dal chitarrista Brandon Ross.

La XXX edizione del festival “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz” si conclude questa sera. Il palco del Nuraghe Arresi ospiterà, per il primo set, il duo sperimentale Wildbirds and Peacedrums. I musicisti Mariam Wallentin e Andreas Werliin si produrranno in un concerto di forte stampo classico tra rock, blues e folk, sospeso tra percussioni e voce. Subito dopo i due svedesi si uniranno ad uno dei concerti più attesi dal pubblico, quello della Fire! Orchestra. Il gigantesco ensemble diretto dal sassofonista Matt Gustafsson infiammerà l’ultima notte del festival con un magma sonoro teso tra improvvisazione, jazz e rock. Dinamismo ed energia che contribuiranno, ancora una volta, a rendere unico un avvenimento come la rassegna “Ai confini tra Sardegna e Jazz” che, a buon diritto, nei suoi primi 30 anni di vita, si è guadagnata un posto centrale nel panorama musicale mondiale.

A fine concerto, il piacevole ritorno di una delle migliori marching band italiane, la Bandakadabra. Ormai affezionata al nostro festival, la banda offrirà uno spettacolo trascinante ed irresistibile che accompagnerà gli spettatori verso una dimensione di gioia e musica fino a tarda notte all’interno della Piazza del Nuraghe.

La Bandakadabra sarà presente nella Piazza del Nuraghe anche lunedì 7 settembre, per la meravigliosa festa di arrivederci che vuole essere un auspicio per le edizioni successive della rassegna.

IMG_8906

_MG_7261 _MG_7263 _MG_7319 _MG_7320 _MG_7321 _MG_7323 _MG_7326 _MG_7327 _MG_7328 _MG_7334 _MG_7347 _MG_7353 _MG_7356 _MG_7357 _MG_7358 _MG_7373 _MG_7374 _MG_7408 IMG_8873 IMG_8875 IMG_8877 IMG_8878 IMG_8879 IMG_8880 IMG_8882 IMG_8888 IMG_8889 IMG_8890 IMG_8891 IMG_8897 IMG_8899 IMG_8900 IMG_8902 IMG_8904 IMG_8906 IMG_8909 IMG_8910 IMG_8911 IMG_8915 IMG_8916 IMG_8924 IMG_8926 IMG_8929 IMG_8932 IMG_8935 IMG_8940 IMG_8941 IMG_8943 IMG_8956 IMG_8959 IMG_8961 IMG_8965 IMG_8966 IMG_8969 IMG_8970 IMG_8971 IMG_8972 IMG_8973 IMG_8974 IMG_8977 IMG_8978 IMG_8980 IMG_8982 IMG_8983 IMG_8987 IMG_8990 IMG_8994 IMG_8995 IMG_8996 IMG_8998 IMG_8999 IMG_9000 IMG_9007 IMG_9011 IMG_9012 IMG_9015 IMG_9016 IMG_9017 IMG_9018 IMG_9019 IMG_9020 IMG_9021 IMG_9023 IMG_9026 IMG_9031 IMG_9032 IMG_9035 IMG_9037 IMG_9038 IMG_9043 IMG_9046 IMG_9051 IMG_9053 IMG_9062 IMG_9065 IMG_9071 IMG_9072 IMG_9076 IMG_9077 IMG_9084 IMG_9085 IMG_9090 IMG_9093 IMG_9095 IMG_9108 IMG_9110 IMG_9112 IMG_9113 IMG_9117 IMG_9118 IMG_9120 IMG_9124 IMG_9126IMG_9101

 

[bing_translator]

La prima esibizione della Nublu Orchestra, l’ultima creazione di Butch Morris, ieri sera ha segnato uno degli eventi simbolo della XXX edizione del Festival “Ai confini tra Sardegna e Jazz”, interamente dedicato all’indimenticato musicista californiano, una delle personalità più innovative del jazz degli ultimi decenni, ma soprattutto è una delle menti più immaginifiche della musica improvvisata nell’accezione più ampia del termine, sfociando nel più vasto bacino delle musiche d’oggi. E per rappresentare il suo personale approccio alla materia sonora, Butch Morris ha coniato il termine di conduction, esplicativo di un modo di dirigere organici di ampie dimensioni nel quale la gestualità ricopre un ruolo determinante.

Ieri il suo ruolo nell’orchestra è stato interpretato magistralmente dal batterista Kenny Wollesen. Ed oggi la Nublu Orchestra concederà il bis, con il sassofonista Ilhan Ersahin, il chitarrista Doug Wieselman, lo stesso batterista-direttore Kenny Wollesen, il cornettista Graham Haynes, figlio del leggendario batterista Roy Haynes ed apprezzato sia per varie incisioni a proprio nome che per collaborazioni con Cassandra Wilson, David Murray, Vernon Reid, Bill Laswell e molti altri.

L’esibizione di ieri della Nublu Orchestra è stata preceduta da quella del quartetto di Evan Parker, protagonista di oltre un’ora di ottimo jazz con Barry Guy, Paul Lytton e Peter Evans. Ad aprire la serata odierna, quinta e penultima del XXX Festival “Ai confini tra Sardegna e Jazz”, sarà il trio formato da William Parker, John Dikeman e Hamid Drake.

_MG_7224_MG_7165 _MG_7168 _MG_7170 _MG_7172 _MG_7184 _MG_7194 _MG_7195 _MG_7196 _MG_7199 _MG_7201 _MG_7205 _MG_7211 _MG_7212 _MG_7214 _MG_7215  _MG_7226 _MG_7227 _MG_7231 _MG_7235 _MG_7240 _MG_7251 _MG_7253 IMG_8712 IMG_8714 IMG_8729 IMG_8736 IMG_8739 IMG_8742 IMG_8749 IMG_8750 IMG_8752 IMG_8757 IMG_8760 IMG_8766 IMG_8773 IMG_8776 IMG_8779 IMG_8783 IMG_8795 IMG_8799 IMG_8805 IMG_8813 IMG_8818 IMG_8827 IMG_8829 IMG_8831 IMG_8835 IMG_8846 IMG_8849 IMG_8856 Nublu Orchestra 1