17 May, 2021
HomePosts Tagged "Joao Pedro" (Page 2)

[bing_translator]

E’ un Cagliari che fa sognare i suoi tifosi, battuto il Bologna 3 a 2 in rimonta, agganciato il quinto posto alla pari di Napoli e Lazio. Come non era stato difficile prevedere, è stata una partita molto complicata, contro un Bologna che vive un periodo assai positivo, gioca bene e complica i piani delle squadre avversarie. La squadra di Sinisa Mihajlovic s’è portata in vantaggio allo scadere del primo tempo, con un calcio di rigore trasformato da Santander, ma nella ripresa ha dovuto fronteggiare la reazione rabbiosa del Cagliari che ha prima pareggiato con Joao Pedro, poi s’è portata in vantaggio con uno stupendo goal di Giovanni Simeone, sempre più convincente in un attacco che, non bisogna dimenticarlo, è orfano dall’inizio della stagione del suo centravanti titolare, Leonardo Pavoletti, infortunato; ed ha fatto tris ancora con Joao Pedro. Nel finale il Bologna ha generosamente tentato di tornare in partita, ha dimezzato lo svantaggio con un autogoal del portiere del Cagliari Robin Olsen, ma non è andato oltre, perché il Cagliari ha difeso con una certa tranquillità il meritato successo che, con i 3 punti, lo porta a quota 18 punti, assolutamente inimmaginabile, il 1° settembre, al termine della partita persa alla Sardegna Arena con l’Inter. Da allora, il Cagliari non ha più perso, collezionando 5 vittorie e 3 pareggi, una media da quartieri alti della classifica…

Il Cagliari vola, Rolando Maran sorride, i tifosi sognano…

 

[bing_translator]

Trasferta durissima, questa sera, per il Cagliari, al San Paolo di Napoli, nel turno infrasettimanale della quinta giornata di andata del campionato di serie A 2019/2020 (fischio d’inizio ore 21.00, dirige Marco Di Bello di Brindisi, assistenti di linea Giorgio Schenone di Genova e Pasquale De Meo di Foggia, quarto ufficiale Ivano Pezzuto di Lecce, addetti al VAR Federico La Penna di Roma1 e Salvatore Longo di Paola).

Il Napoli arriva a questo appuntamento lanciatissimo, con un bilancio ampiamente positivo in questo primo scorcio di stagione: 9 punti in campionato, frutto di tre vittorie (due esterne) ed una sconfitta (sul campo della Juventus) e di una splendida vittoria sui campioni d’Italia del Liverpool nella prima giornata del girone di Champions League. La squadra di Carlo Ancelotti s’è rivelata fin qui una macchina da goal, 13 realizzati in 4 partite, anche se la difesa non è stata proprio imperforabile (8 goal subiti, alla media di 2 a partita).

Rolando Maran rispetto alla partita vinta con il Genoa, ha perso Luca Cigarini, la cui assenza va ad aggiungersi a quelle di Alessio Cragno, Leonardo Pavoletti, Radja Nainggolan e Paolo Faragò, ma non si fascia la testa ed è pronto a giocare la partita a viso aperto, cosciente di non aver niente da perdere. considerato che sulla carta l’esito dell’incontro dovrebbe essere scontato. Il Cagliari sarà guidato da Nahitan Nández, già idolo della tifoserie rossoblu, a centrocampo, e dalla coppia formata da Giovanni Simeone e Joao Pedro in attacco.

Giovanni Simeone.

 

 

Cagliari 3-1 3-1. La squadra di Rolando Maran ha bissato alla Sardegna Arena, contro il Genoa, il 3 a 1 del Tardini di Parma, cancellando definitivamente le due sconfitte casalinghe iniziali subite ad opera di Brescia ed Inter. Il tutto assume un valore notevole se si considera che il tecnico rossoblù contro Parma e Genoa ha dovuto fare a meno contemporaneamente di tre colonne del suo organico: Alessio Cragno, Leonardo Pavoletti e Radja Nainggolan. La vittoria di ieri, com’era già avvenuto a Parma, è stata frutto di una prestazione convincente. La squadra, trascinata dall’uruguaiano Nahitan Nandez, ha dominato il Genoa per tutto il primo tempo, senza riuscire a sbloccare il risultato, cosa che ha fatto in avvio di ripresa con Giovanni Simeone. Ma il meglio è arrivato nel finale, quando ha subito il goal del pari di Kouame’ all’83’ e, con una reazione rabbiosa, si è riportata subito in vantaggio in meno di un minuto, su autogol di Christian Zapata ed ha arrotondato il risultato di lì a poco con Joao Pedro. Con i 3 punti conquistati, il Cagliari sale a quota 6 in classifica ed attende in piena serenità la prossima trasferta di Napoli, in programma mercoledì sera, alle 21.00.

[bing_translator]

Ieri la vittoria sul Chievo all’esordio in Coppa Italia, oggi la firma di Luca Pellegrini, a 6 giorni dal debutto in campionato contro il Brescia di Massimo Cellino. Il Cagliari Calcio questa sera ha annunciato di avere acquisito dalla Juventus le prestazioni sportive del calciatore Luca Pellegrini che arriva in prestito sino al termine della stagione 2019-20.

«Un gradito ritorno nell’Isola: il giovane laterale sinistro indosserà nuovamente la maglia del Cagliari dopo la felice esperienza della stagione scorsa. Arrivato in Sardegna nella sessione invernale di mercato, nelle sue 12 apparizioni in rossoblù ha suscitato unanimi consensi: dinamismo, combattività, folate sulla fascia sinistra concluse spesso con precisi cross a beneficio degli attaccanti.»

Luca Pellegrini vanta due presenze con l’Under 21, ed ha partecipato ai Mondiali Under 20, giocando 6 partite.

La squadra di Rolando Maran ieri ha mostrato segnali di crescita incoraggianti in avvio di partita, quando ha realizzato due goal nei primi 17 minuti con Joao Pedro e Marko Rog. La partita è stata condizionata dall’espulsione del portiere Rafael, determinata da un tocco di mano fuori dall’area, al 39′ del primo tempo e sugli sviluppi dell’azione la squadra veneta ha dimezzato lo svantaggio con Manuel Pucciarelli. Il Cagliari, comunque, ha controllato il gioco anche in 10 uomini ed ha rischiato poco. La squadra proseguirà la preparazione nei prossimi giorni e Rolando Maran conta di avere la squadra in buona condizione per l’esordio in campionato con il Brescia.

Luca Pellegrini. Fonte: www.cagliaricalcio.com

 

[bing_translator]

Dopo quello per Radja Nainggolan, nuovo bagno di folla questa sera all’aeroporto di Elmas per l’arrivo di Nahitan Michel Nández Acosta, centrocampista del Boca Junior e della nazionale uruguayana. Il Cagliari ha chiuso la lunga trattativa e il calciatore domani effettuerà le visite mediche, al termine delle quali firmerà il contratto.

Nato a Punta del Este il, 28 dicembre 1995, Nahitan Michel Nández Acosta, 172 cm per 70 kg di peso forma, è cresciuto nel Penarol, nelle cui fila ha disputato 76 partite, realizzando con 8 goal. Passato al Boca Juniors, con la squadra di Buenos Aires ha disputato 36 partite, con 6 goal. Il Cagliari aveva messo gli occhi su di lui già l’anno scorso, senza riuscire la trattativa. Tornato alla carica quest’anno, dopo un lungo tira e molla il presidente Tommaso Giulini ha chiuso nelle ultime ore, riuscendo a metterlo a disposizione di Rolando Maran.

Con il nazionale croato Marko Rog, 24 anni, 180 cm per 73 kg di peso forma, prelevato in prestito dal Napoli, e Radja Nainggolan, Nahitan Michel Nández Acosta costituisce un nuovo tassello di un centrocampo di grande qualità che promette di non far rimpiangere la partenza di Nicolò Barella e anzi di far fare alla squadra rossoblu un grande salto di qualità.

La squadra, intanto, oggi ha brillato nell’amichevole disputata a Istanbul, sul campo del Fenerbahçe, terminata 2 a 2, che ha visto l’esordio di Radja Nainggolan. Chiuso il primo tempo sotto di due goal, il Cagliari ha avuto una grande reazione in avvio di ripresa, realizzando due goal in 9′, tra il 54′ ed il 63′, con l’attaccante nordcoreano Kwang-Song Han, subentrato a Valter Birsa, su assist di Radja Nainggolan, e con Joao Pedro, su calcio di rigore, concesso per un fallo commesso dal messicano Diego Antonio Reyes Rosales sullo stesso attaccante brasiliano. Nel finale il Cagliari ha sfiorato anche la vittoria con Alberto Certi.

Il Cagliari tornerà in campo venerdì per affrontare il Catania allo stadio “Massimino”, nell’ultimo test amichevole prima dell’impegno di Coppa Italia.

La società, intanto, non ha ancora concluso la campagna acquisti e altri due colpi potrebbero essere definitivi nei prossimi giorni.

Sta nascendo un grande Cagliari!

[bing_translator]

E’ stato sufficiente un calcio di rigore trasformato da Joao Pedro, al Cagliari, per superare il Frosinone alla Sardegna Arena e porre così le basi per poter chiudere già dalla prossima giornata i conti con la salvezza matematica. Non è stata una bella partita, il Cagliari una volta sbloccato il risultato, l’ha controllata abbastanza agevolmente ed ha rischiato poco anche nel finale, quando è rimasto in dieci uomini per l’espulsione di Paolo Faragò, per doppia ammonizione.

Con i 3 punti odierni, il Cagliari ha portato a  ben 11 punti il margine di vantaggio sul terz’ultimo posto ed ha agganciato al decimo posto la Fiorentina al decimo posto, impegnata in serata sul campo della Juventus (sta perdendo 2 a 1 a una dozzina di minuti dal termine).

«Virtualmente siamo salvi, non lo dico io, lo dite voi giornalisti – ha commentato a fine partita Rolando Maran -. Siamo felici, tocchiamo quota 40 con merito, dopo aver attraversato e superato bene un periodo difficile, con l’impegno, il lavoro e la grande compattezza. Festeggiamo un grande risultato che ci porta in alto in classifica ed è la dimostrazione di quanto siamo cresciuti: una gratificazione per noi stessi, per la Società, per i tifosi, per la città intera. La storia dimostra quanto sia difficile il campionato di Serie A. Non vogliamo fermarci qui: guardiamo avanti, in vista delle prossime partite, e continuiamo a correre.»

[bing_translator]

Una Juventus troppo forte, nonostante le numerosissime assenze, per il Cagliari di Rolando Maran, ha violato la Sardegna Arena con i goal di Leonardo Bonucci e Moise Kean, uno per tempo. E’ vero che non è stato il solito Cagliari formato casalingo, ma alla base di una prestazione inferiore alle attese, c’è la forza della capolista, autentica dominatrice del calcio italiano ormai da otto stagioni consecutive.

Della partita di ieri sera restano, soprattutto, le polemiche seguite al secondo goal, per l’esultanza di Moise Kean sotto la curva Nord e la reazione di alcuni tifosi che ha fatto gridare ad un nuovo episodio di razzismo, contestato in casa rossoblu per l’esultanza, giudicata inopportuna, del giovane talento bianconero.

Rolando Maran a fine partita ha riconosciuto i meriti agli avversari: «Proprio perché era decimata e reduce da una sconfitta nell’ultima trasferta, oggi abbiamo trovato una Juventus che ha messo tanta cattiveria e attenzione. Ha concesso poco, rimanendo sempre compatta dietro; sugli esterni abbiamo spinto meno perché ci siamo trovati davanti due giocatori molto forti fisicamente che ricevevano l’aiuto da parte dei centrocampisti centrali. Noi abbiamo provato a mettere in campo l’aggressività delle ultime partite alla Sardegna Arena ma non siamo riusciti a dare il ritmo che volevamo alla gara. Abbiamo sbagliato molto quando eravamo in possesso di palla, cercando di forzare certe situazioni. Non era facile andare a prenderli, con la loro tecnica e gamba spesso ci hanno mandato a vuoto».

«La partita è rimasta in bilico sino a cinque minuti dalla fine, nel primo tempo abbiamo avuto un’occasione per parte, quella di Joao Pedro è stata nitidissima, avremmo potuto pareggiarla subito – ha aggiunto Rolando Maran -. Siamo stati ingenui sul primo gol di Bonucci, dando troppo spazio alle nostre spalle e permettendo all’avversario di saltare indisturbato. Non abbiamo fatto complessivamente una brutta partita ma contro la Juventus bisogna sperare che loro giochino con meno voglia e concentrazione rispetto a quanto hanno fatto oggi. Potevamo fare meglio se non è successo, lo si deve principalmente della prova della Juventus.»

«Ho provato ad inserire giocatori freschi, con certe caratteristiche, per cercare di recuperare il risultato. Artur Ionita era il giocatore che sino a questo momento aveva accumulato più minuti nelle gambe, sostituirlo dopo 70’ era quasi in preventivo, lo stesso Joao Pedro era affaticato – ha concluso Rolando Maran -. Ho quindi provato a mettere un attaccante al fianco di Leonardo Pavoletti e Simone Padoin in mezzo al campo per avere più spinta».

[bing_translator]

Missione compiuta per il Cagliari a Verona: 3 a 0 al Chievo e 3 punti che profumano tanto di salvezza anticipata! Com’era prevedibile, nonostante il risultato finale, non è stata una partita facile. Nel primo quarto d’ora, la formazione allenata da Domenico Di Carlo ha tenuto il controllo del gioco, creando anche alcune favorevoli occasioni per sbloccare il risultato, trovando sulla sua strada un super Alessio Cragno.

Al 16′, il Cagliari è andato a segno al primo affondo nella difesa del Chievo, con un gran colpo di testa di Fabio Pisacane, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Luca Cigarini e perfezionato con un assist perfetto da Luca Cigarini. Il Cagliari si conferma spietato sui colpi di testa nonostante l’assenza forzata di Leonardo Pavoletti, squalificato, autore finora di ben 7 goal di testa.

La partita dopo il vantaggio del Cagliari è cambiata completamente, il Chievo si è sgonfiato, soprattutto nel morale, è per i rossoblu da lì in avanti è stata quasi una passeggiata…

Poco dopo la mezz’ora il raddoppio: al 33’ su grande iniziativa di Nicolò Barella, appena ristabilitosi da una brutta botta che aveva fatto temere dovesse abbandonare il campo, perfetto l’assist per Joao Pedro, impeccabile nel colpo finale che ha spedito il pallone alle spalle di un incolpevole Stefano Sorrentino (40 anni compiuti giovedì 28 marzo). E 10 minuti più tardi, prima del riposo, Artur Ionita ha messo la ciliegina sulla torta, con una splendida deviazione di testa in tuffo, su cross di Paolo Faragò. E’ il 12° goal di testa del Cagliari in 29 partite, come è riuscita a fare solo l’Atalanta, uno in più della Juventus.

Il secondo tempo, inevitabilmente, non ha avuto storia, quasi una formalità.

Il Cagliari con questi 3 punti è salito a quota 33, ora veramente ad un passo dal traguardo della salvezza a 9 giornate dalla conclusione del campionato. In attesa delle altre partite in programma oggi e domani, sono 9 i punti di vantaggio sul Bologna, terz’ultimo, 8 quelli sulla coppia formata da Udinese ed Empoli, 7 sulla Spal.

«Ho visto dei bei segnali che devono darci ulteriore forza e fiducia sul lavoro che stiamo facendo – ha detto a fine partita Rolando Maran -. Abbiamo sviluppato diverse ottime azioni e costruito molte palle gol, i gol sono stati di pregevole fattura. Siamo stati bravi, contro una squadra non facile da affrontare e che nelle ultime partite aveva messo in difficoltà avversarie di valore.»

Fabio Pisacane

[bing_translator]

Un Cagliari in versione dottor Jekill, lo stesso che due settimane fa aveva piegato l’Inter, ha battuto questa sera la Fiorentina alla Sardegna Arena on un secondo tempo straordinario, centrando una vittoria pesantissima per 2 a 1 in chiave salvezza, che solo per una serie di casualità non ha assunto proporzioni ben più nette. Il primo tempo è stato di studio, sostanzialmente equilibrato, con una palla goal a testa (bellissima quella del debuttante Fabrizio Cacciatore, con un tiro dalla lunga distanza, neutralizzata dal portiere viola Pietro Terracciano). Nel secondo tempo il Cagliari ha cambiato marcia, schiacciando la Fiorentina nella sua metà campo, costruendo tante palle goal, finalizzandone due con Joao Pedro (tornato al goal dopo nove giornate) e Luca Ceppitelli, una terza con Luca Cigarini con un calcio di punizione da oltre metà campo, vanificata dal calcio diretto mentre l’arbitro aveva concesso il calcio a due, una traversa interna a portiere battuta centrata da Joao Pedro e ancora alcune occasioni sfumate d’un soffio! E la Fiorentina? A tratti inesistente, quasi annichilata dal Cagliari, ha dato un segnale di vita solo all’88’ con Federico Chiesa, pronto ad approfittare ad una distrazione del Cagliari che, avanti di due goal, s’è fatto trovare scoperto in difesa con un fulmineo contropiede, finalizzato con un diagonale che non ha lasciato scampo ad Alessio Cragno (fresco di nuova candidatura in Nazionale con Nicolò Barella, autore di un’altra prestazione straordinaria, e Leonardo Pavoletti). Il goal gigliato avrebbe potuto riaprire la partita ma la difesa del Cagliari è stata brava a farsi perdonare l’ingenuità commessa, chiudendo tutti gli spazi a Chiesa, Muriel e Simeone, ed il Cagliari ha così portato in porto una vittoria importantissima e meritatissima!

Un Cagliari in versione dottor Jekill, dicevamo all’inizio, in netto contrasto con quello in versione Mister Hyde che la scorsa settimana ha perso male a Bologna. Questa doppia veste del Cagliari tra partite in casa e partite in trasferta resta il grande cruccio, perché una squadra capace di giocare il calcio visto oggi e due settimane fa con l’Inter, non dovrebbe avere problemi di classifica. Unica nota stonata della serata, l’ammonizione subita nel finale da Leonardo Pavoletti che, essendo diffidato, salterà per squalifica la prossima partita, sul campo del Chievo, l’ex squadra di Rolando Maran, in programma dopo la pausa per gli impegni della Nazionale. Sarà comunque una partita importantissima che, in caso di vittoria, scrivere una pagina quasi decisiva nella corsa verso la salvezza!

Il goal di Joao Pedro.

I festeggiamenti per il goal di Luca Ceppitelli.

Un contrasto tra Luca Cigarini e Luis Muriel.

[bing_translator]

Bologna-Cagliari, alla vigilia, era la partita delle grandi occasioni per le due protagoniste. Per il Cagliari, che con una vittoria avrebbe relegato il Bologna, terz’ultimo, a 12 punti, con una grossissima ipoteca sulla salvezza; per il Bologna, che con i tre punti avrebbe ridotto il ritardo dal Cagliari e, soprattutto, dalle più vicine concorrenti nella lotta per la salvezza. Alla fine è maturata questa seconda ipotesi, e con pieno merito per la squadra di Siniša Mihajlović, che era in credito con la fortuna, dopo le ultime belle prestazioni, non coronate dai risultati che avrebbe meritato.

Il Bologna s’è imposto con un goal per tempo: al 33′ del primo tempo, ha sbloccato il risultato Pulgar, trasformando un calcio di rigore concesso per un fallo di mano di Bradaric su cross di Orsolini; al 32′ del secondo tempo, con Soriano, su assist di Sansone.

Il Cagliari ha colpito una traversa con Joao Pedro a portiere battuto, alcuni minuti dopo il goal dell’1 a 0 del Bologna, ma nel secondo tempo la squadra emiliana avrebbe potuto segnare ancora, ma le conclusioni di Sansone hanno trovato l’opposizione di Alessio Cragno.

La sconfitta, come già sottolineato, riduce da 9 a 6 lunghezze il margine del Cagliari sulla terz’ultima posizione, occupata sempre dal Bologna, mentre rimane invariato il vantaggio di due punti sull’Udinese, travolta dalla Juventus nell’anticipo di venerdì, e di quattro punti sulla Spal, battuto dall’Inter, mentre l’Empoli giocherà il posticipo di domani all’Olimpico di Roma con la squadra del neo allenatore Claudio Ranieri.

«Sino al colpo di testa di Joao Pedro respinto da Skorupski abbiamo fatto le cose per bene, direi anzi che le occasioni migliori per segnare le avevamo avute noi. Poi per forzare la situazione e cercare di recuperare abbiamo cambiato qualcosa e per assurdo sono venuti meno gli equilibri – ha commentato Rolando Maran -. Peccato perché nel primo tempo la squadra ha fatto quel che doveva fare, l’unica occasione nella quale abbiamo rischiato è stata sull’uscita di Cragno su Santander. L’episodio del rigore ha senz’altro influito: il rammarico è che sia arrivato da una situazione non pericolosa, la retroguardia era posizionata bene.»

«Il Bologna teneva la linea di difesa molto alta, avevo bisogno di un giocatore che andasse in profondità. In quel momento però si sono abbassati e a quel punto attaccarli si è fatto più complicato. Abbiamo cercato di forzare certe situazioni, pur mantenendo sempre lo schieramento del trequartista dietro le due punte, ma i risultati non sono stati quelli che speravamo. Ci tenevamo a dare continuità e a fare risultato in trasferta: l’assenza di risultati lontano da casa sta diventando un peso. Il Bologna è un avversario in salute – ha concluso il tecnico del Cagliari -, stava giocando bene ma non era stato assistito dalla fortuna: oggi invece gli episodi per loro hanno girato tutti dalla parte giusta.»