6 February, 2023
HomePosts Tagged "Nicola Sassu" (Page 3)

[bing_translator]

La Sardegna entra nell’itinerario della Carovana dello Sport Integrato, iniziativa organizzata dal CSEN per far conoscere in modo nuovo il mondo della disabilità, del volontariato e dello sport, uniti in nome dell’integrazione sociale. A partire da marzo la Carovana dello Sport Integrato percorrerà 20 regioni italiane, con il coinvolgimento di diversi enti e dei ragazzi delle scuole, con i quali sarà costruita la “Carta dei valori dello Sport Integrato”.

In Sardegna la manifestazione farà tappa a Sennori, il 3 e 4 maggio. L’iniziativa è stata presentata ieri sera nella sala del Consiglio comunale di Sennori, alla presenza del sindaco, Nicola Sassu, la Giunta del responsabile dell’Ufficio progetti nazionale del Csen, Andrea Bruni, del presidente del Csen Sardegna, Francesco Corgiolu e delle squadre di atleti di Roma e di Oristano che compongono il primo equipaggio della Carovana che si prepara a percorrere 6mila chilometri.

«Per noi è un onore ricevere la tappa sarda della Carovana. Un onore conquistato sul campo, visto che Sennori è stata nominata Città italiana del Football Integrato 2017 e scelta come Città europea dello Sport Integrato 2018», ha detto il sindaco. «Faremo del nostro meglio per onorare questo appuntamento e promuovere un tema così importante come l’inclusione sociale», ha aggiunto l’assessore dello Sport, Salvatore Piredda. «Fare tappa a Sennori è stata una scelta quasi obbligata per la Carovana – ha spiegato Andrea Bruni -. Questa città negli ultimi due anni ha sviluppato e curato in maniera lodevole le tematiche dello sport integrato».

Ogni tappa della Carovana dello Sport Integrato, si presenterà con tre appuntamenti: l’accoglienza dell’equipaggio, un evento dimostrativo di Football integrato, e un evento formativo e divulgativo sullo sport integrato e sulla Carta dei valori dello Sport Integrato. La Carovana concluderà il suo percorso lungo le 20 regioni italiane con una manifestazione nazionale che si svolgerà a Roma il 13 e 14 maggio.

 

[bing_translator] 

«La Regione ha tagliato ingiustificatamente e senza preavviso i trasferimenti dovuti al Comune di Sennori per i sussidi in favore dei cittadini che soffrono di patologie gravi, come i nefropatici, talassemici, pazienti oncologici e persone affette da disturbi psichiatrici. Tutte categorie di pazienti che sono assistiti con i fondi per le cosiddette “leggi di settore” e ai quali, a oggi, l’Amministrazione comunale non è in grado di erogare i sussidi relativi ai mesi di novembre e dicembre 2018. Questo perché il finanziamento regionale richiesto, regolarmente comunicato alla Regione secondo le modalità e la tempistica dalla stessa richieste, e quantificato in un fabbisogno di 356.776 euro, è stato inaspettatamente decurtato: i trasferimenti ottenuti ammontano a 301.249,90 euro, con una minore entrata di 55.526,10 euro.»

La denuncia arriva dal sindaco di Sennori, Nicola Sassu.

Per ottenere i 55mila euro «tagliati senza giustificazione dalla Regione», il sindaco di Sennori, Nicola Sassu, ha scritto una lettera all’assessore regionale della Sanità e Assistenza sociale, Luigi Arru, reclamando l’intero finanziamento dovuto al comune di Sennori per far fronte alle legittime richieste dei pazienti. «È assurdo e totalmente ingiustificabile che l’assessorato regionale riduca i finanziamenti destinati a persone fragili, malate e bisognose di assistenza. Provvidenze che spettano loro in base alle Leggi di settore e che quindi dovrebbero essere intoccabili – attacca il primo cittadino di Sennori -. Mi auguro che la Regione ritorni sui suoi passi, e che risolva la situazione al più presto perché stiamo parlando di assistenza sanitaria a categorie di cittadini che necessitano di quei sussidi per poter affrontare le cure mediche di cui hanno bisogno per continuare a vivere», aggiunge Nicola Sassu.

A restare senza i sussidi indispensabili per far fronte alle cure medica e all’assistenza necessaria, sarebbero 115 beneficiari residenti nel comune di Sennori. «Tali soggetti oggi si trovano in parte privati degli strumenti che consentirebbero loro di fronteggiare tutto ciò che ogni malattia cronica comporta. Mi riferisco ai nefropatici che hanno bisogno di un accompagnatore, ai talassemici e ai pazienti oncologici costretti a fare viaggi di cura continui, ai pazienti psichiatrici che hanno in corso progetti terapeutici da rispettare e per i quali, spesso, il sussidio ex Legge 20/97 costituisce l’unica fonte di reddito, che oggi rischiano di non avere mezzi sufficienti per cure adeguate – precisa il sindaco -. Questa situazione è già stata segnalata dall’Ufficio servizi sociali alla Regione il 22 ottobre scorso, ma la segnalazione è rimasta senza alcun riscontro, né chiarimenti in merito ai possibili correttivi da adottare in tempi utili».

[bing_translator]

“Gli Equilibristi” di San Giovanni Suergiu hanno vinto il campionato europeo di football integrato. La manifestazione, organizzata dal Csen, con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna ed il patrocinio del comune di Sennori, si è svolta venerdì e sabato negli impianti sportivi di Montigeddu, a Sennori. Qui quattro squadre si sono contese il titolo di campione d’Europa nella nobile disciplina sportiva che ha come intento l’integrazione sociale delle persone disabili e l’accoglienza delle diversità.

Venerdì la prima semifinale Gli Equilibristi – Asl Roma1 si è conclusa con il successo dei sardi con il punteggio di 9 a 4; la seconda semifinale Sporty Oristano – Activa Guarda (Portogallo), si è chiusa con la vittoria dello Sporty per 8 a 5.

Sabato si sono disputate la finalina per il 3° e 4° posto, fra Asl Roma1-Activa Guarda, con la vittoria dei laziali per 6 a 5, e la finalissima per la conquista del trofeo, Gli Equilibristi – Sporty, finita col punteggio di 8 a 3 per la compagine di San Giovanni Suergiu.

Nel pomeriggio, nei locali dell’hotel Carlo Felice, a Sassari, si è svolta la cerimonia di premiazione cui hanno partecipato il presidente regionale del Csen Sardegna, Francesco Corgiolu, il sindaco di Sennori, Nicola Sassu, il vicesindaco, Mario Tonio Satta, e l’assessore dello Sport, Salvatore Piredda. A tutti gli atleti sono stati consegnati un attestato di partecipazione e una medaglia, e i vincitori del campionato, Gli Equilibristi, hanno sollevato la coppa europea. L’intera manifestazione è stata trasmessa in diretta streaming su internet, sulle pagine social Directa Sport Live Tv e Csen Sardegna.

Il prossimo anno il Csen Sardegna continuerà il suo impegno con il football integrato, coinvolgendo sempre più realtà per veicolare la meglio il messaggio che attraverso lo sport si possano realizzare percorsi di inclusione sociale e si possano educare le persone ad accogliere le disabilità come parte integrante della nostra vita. Il Football Integrato lo ha dimostrato: è una disciplina sportiva ideata per permettere a persone con e senza disabilità di giocare nella stessa squadra, consentendo la partecipazione attiva al gioco di atleti, uomini e donne, con qualsiasi tipo di abilità e disabilità (fisica e/o mentale). Nella squadra il “peso” dell’atleta disabile è pari a quello di ogni altro atleta, grazie alla complementarità dei ruoli che valorizza la diversità delle condizioni fisiche, tecniche e intellettive.

Il prossimo appuntamento con il football integrato sarà ancora a Sennori, univo comune della Sardegna scelto come tappa isolana della “Carovana dello Sport integrato”, progetto realizzato dal Csen nazionale con il contributo del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La Carovana è un viaggio-esperienza che partirà a marzo 2019 per attraversare tutta Italia, facendo tappa in ogni regione, per portare il messaggio dell’integrazione sociale della persona disabile e dell’accoglienza delle diversità attraverso lo sport. 

[bing_translator]

Venerdì 7 e sabato 8 dicembre si svolgeranno a Sennori le finali del Campionato europeo di football integrato. La manifestazione, organizzata dal Csen, con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna e il patrocinio del comune di Sennori, si svolgerà negli impianti sportivi di Montigeddu, e vedrà la partecipazione di quattro squadre: i portoghesi dell’Activa (Associação Distrital de Desporto, Lazer e Cultura para pessoas com Deficiência) di Guarda, Asl Roma 1, Gli Equilibristi di San Giovanni Suergiu e Sporty Oristano.

«Abbiamo deciso di svolgere i Campionati europei qui perché Sennori è stata scelta come Città europea dello sport integrato 2018 – spiega il presidente regionale del Csen Sardegna, Francesco Corgiolu -. Qui abbiamo trovato piena collaborazione da parte dell’amministrazione comunale e del sindaco, Nicola Sassu, che ha dimostrato una grande sensibilità ai temi delle persone più deboli e dello sport come mezzo di inclusione sociale.»

Sennori sarà anche l’unica tappa sarda della “Carovana dello Sport integrato”, progetto realizzato dal Csen nazionale con il contributo del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La Carovana è un viaggio-esperienza che partirà a marzo 2019 per attraversare tutta Italia, facendo tappa in ogni regione, per portare il messaggio dell’integrazione sociale della persona disabile e dell’accoglienza delle diversità attraverso lo sport.

Il Football Integrato è una disciplina sportiva ideata per permettere a persone con e senza disabilità di giocare nella stessa squadra, consentendo la partecipazione attiva al gioco di atleti, uomini e donne, con qualsiasi tipo di abilità e disabilità (fisica e/o mentale). Nella squadra il “peso” dell’atleta disabile è pari a quello di ogni altro atleta, grazie alla complementarità dei ruoli che valorizza la diversità delle condizioni fisiche, tecniche e intellettive. Tutto questo è possibile grazie a tre soluzioni tecniche previste dal regolamento Csen:

1) I ruoli: ogni giocatore ha un ruolo definito dalle sue competenze motorie e si confronterà sportivamente con un avversario dello stesso livello; questi ruoli sono numerati da 1 a 5 e hanno regole proprie;

2) lo spazio: introduzione di porte laterali in aggiunta a quelle di fondo campo e zone protette previste per garantire il tiro nelle porte laterali;

3) il materiale: la possibilità di sostituzione della palla regolamentare con una palla di dimensione e peso ridotti in determinate situazioni di gioco.

Le partite del Campionato europeo 2018 si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Venerdì 7 dicembre:

– 1ª semifinale h.10:00

ASL ROMA 1 – GLI EQUILIBRISTI 

– 2ª semifinale h.11:00

SPORTY – ACTIVA

Sabato 08 dicembre:

Finali 3° e 4° posto h. 10:00

Finali 1° e 2° posto h. 11:00

Premiazioni: sabato dalle h. 15.00 Hotel Carlo Felice – Sassari.

[bing_translator]

Si è insediata ieri pomeriggio la nuova Giunta comunale dopo che il sindaco, Nicola Sassu, ha ridistribuito le deleghe assessoriali nel rispetto degli accordi politico e programmatico definiti in seno alla maggioranza in occasione delle consultazioni elettorali del 5 giugno 2016, che hanno visto l’elezione dell’attuale Consiglio comunale. In base a quegli accordi a metà legislatura il sindaco ha provveduto a un ricambio di incarichi nell’esecutivo, al fine di garantire una crescita politica e amministrativa a tutti i componenti del gruppo di maggioranza.

La nuova Giunta guidata dal Nicola Sassu è così composta:

Mario Tonio Satta, vice sindaco e assessore con deleghe all’Urbanistica, Manutenzioni, Agro, Edilizia privata;

Giovannino Mannu, assessore con deleghe alla Polizia municipale, barracelli, rapporti con le associazioni, Patrimonio;

Antonella Piana, assessora con deleghe al Verde, Ambiente, Decoro urbano;

Elena Cornalis, assessora con deleghe alla Cultura, Archeologia, Agricoltura, Attività produttive, Turismo.

Il sindaco tiene per sé le deleghe al Personale, Protezione civile, Programmazione, Bilancio e Servizi sociali.

Il quinto assessore che dovrebbe completare la Giunta è, secondo gli accordi, in quota Pd, ed il sindaco ha nominato Antioco Lampis, il quale non ha ancora accettato l’incarico. Se Antioco Lampis ed il Pd non scioglieranno le riserve entro la settimana, il sindaco nominerà il quinto componente della Giunta scegliendolo fra gli assessori uscenti, in modo da non rallentare l’attività amministrativa e rispettare il mandato elettorale di governo affidatogli dai cittadini.

[bing_translator]

Venerdì 23 novembre, alle 18.00, nel Centro culturale “Antonio Pazzola”, in via Farina a Sennori, sarà presentato alla cittadinanza il progetto “In Mare Sicuri”. Si tratta di un’iniziativa cui il comune di Sennori partecipa come partner, insieme con i Comuni di Sassari e Macomer, per consentire a 210 ragazzi tra i 10 e i 16 anni di età, che si trovano in situazioni di disagio sociale o economico, di emarginazione, disabilità, o siano a rischio sociale, di avvicinarsi alle discipline acquatiche del nuoto, salvamento e vela.

Il progetto, arrivato terzo nella graduatoria nazionale di un bando del ministero dello Sport, è curato da Eleonora Palmas, che ne è anche l’ideatrice, da Asd Sporter Sassari Nuoto e Asd Centro velico Asinara. Tutti i ragazzi che aderiranno all’iniziativa potranno usufruire di un anno di attività gratuite che si svolgeranno a Macomer, nella piscina comunale, e a Sassari, nelle piscine di Lu Fangazzu, Latte Dolce e Canopoleno.

All’incontro di presentazione parteciperanno il sindaco, Nicola Sassu, l’assessore dello Sport e politiche giovanili, Salvatore Piredda, la consigliera con delega alla Cultura, Elena Cornalis, la coordinatrice del progetto, Eleonora Palmas, ed i rappresentanti della Sporter Sassari Nuoto e del Centro velico Asinara.

[bing_translator]

Sennori ha una nuova farmacia. La nuova struttura è stata inaugurata sabato pomeriggio dal sindaco, Nicola Sassu, alla presenza delle autorità civili militari e religiose del paese. La Farmacia Santa Vittoria ha aperto i battenti oggi, in via Santa Vittoria 15, di fronte al cimitero e rappresenterà un servizio molto atteso e gradito dai cittadini. La Farmacia, di proprietà della dottoressa Loredana Chessa, oltre ad offrire il tradizionale servizio di vendita dei farmaci, ha un angolo per i piccini, una sala beauty per la cura del corpo, una per la cosmesi ed una sezione dedicata alla veterinaria. In occasione dell’inaugurazione dei locali la proprietà ha voluto omaggiare il paese allestendo due vetrine con l’abito tradizionale di Sennori e con alcuni prodotti tipici locali.

[bing_translator]

La Scuola di musica del comune di Sennori riparte da una nuova sede, nel piano seminterrato del Municipio. I locali che ospiteranno le lezioni della Scuola di musica sono stati inaugurati dal sindaco, Nicola Sassu e dalla Giunta comunale, con il direttore artistico della Scuola, il maestro Giuseppe Ruiu. Per il nuovo anno scolastico, gli 83 allievi di quella che è diventata un’importante realtà formativa del territorio, potranno disporre di tre aule, di cui una insonorizzata, e di una strumentazione che comprende, tra l’altro, una batteria, diversi pianoforti, due tastiere elettroniche, chitarre, strumenti a fiato ed apparecchiatura professionale per il canto.

«Siamo orgogliosi di poter offrire un panorama formativo di ottimo livello, annoverando tra i nostri insegnanti maestri di talento molto noti ed apprezzati nel panorama musicale sardo», commenta il sindaco, Nicola Sassu.

La Scuola non pone limiti d’età per i suoi allievi, ai quali fornisce lezioni individuali, in modo che il maestro si dedichi totalmente all’apprendista e che il ritmo dell’insegnamento si uniformi alle capacità e agli interessi dell’allievo stesso.

 

[bing_translator]

Grande successo per Habitat in Blues domenica 1 luglio a Sennori dove il suggestivo scenario della Cava di tufo, ex sito estrattivo ora trasformato in spettacolare terrazza e originale teatro all’aperto che dalle alture del paese domina il Golfo dell’Asinara, ha ospitato il concerto dei Bayou Moonshiners Collective.

L’evento riuniva l’anteprima del Narcao Blues Festival e la prima serata di Aspettando Calici di Stelle, manifestazione promossa dal comune di Sennori in collaborazione con la Pro Loco e le cantine del territorio, che punteggerà con altre tre serate l’estate del vivace centro della Romangia fino alla serata clou del 10 agosto; Habitat in Blues ha inoltre inaugurato Cavart- Extrazioni Culturali, progetto con cui il Theatre en vol si candida a fare della Cava uno spazio dedicato allo spettacolo, all’arte e alla cultura con la consueta creatività e gusto per le contaminazioni che caratterizza la compagnia teatrale sassarese.

La serata ha preso il via con la degustazione dei vini delle cantine Sorres, Fara e Viticoltori Romangia che ha dato un saggio degli ottimi livelli raggiunti dalle aziende del sennorese. Le note blues della cantante Denise Fatma Gueye e del chitarrista Paolo Corda hanno accompagnato l’aperitivo nella magia del tramonto con l’incantevole vista sul mare del nord-ovest.

All’imbrunire è stata la volta del concerto dei Bayou Moonshiners. Il duo, vocato al blues e al soul di New Orleans e composto dal pianista Max Lazzarin e dalla cantante Stephanie Ghizzoni, si è per l’occasione trasformato in quintetto con Giacomo Scanavini al trombone, Alessandro Arcuri al basso e Corrado Battorti alla batteria.

La formazione ha coinvolto e trascinato il pubblico con pezzi della tradizione della Big Easy, quella New Orleans crogiolo di culture, celebre per la sua storica ma ancora oggi intensa scena musicale, di cui quest’anno si celebra il trecentesimo anniversario della fondazione e a cui il Narcao Blues Festival dedica la sua XXVIII edizione in programma nel centro sulcitano dal 18 al 21 luglio. Classici come Saint James Infirmary, Freedom and Justice e Amazing Grace hanno fatto ballare e sognare gli spettatori insieme alle videoproiezioni Paesaggi in Blues a cura del Theatre en vol.

«La sinergia fra Amministrazione comunale, Theatre en Vol e Narcao Blues Festival – ha sottolineato il sindaco di Sennori, Nicola Sassu – si è rivelata vincente e, con questi partner, prevediamo future collaborazioni. E vincente si è dimostrata anche l’idea di trasformare la Cava in un inedito palcoscenico per vivere le notti d’estate immersi in uno straordinario paesaggio che racchiude in un unico sguardo il centro storico del paese e i suoi caratteristici pendii incastonati fra cielo e mare a perdita d’occhio.»

[bing_translator]

La festa patronale della Beata Vergine della Difesa si conferma solennità religiosa che unisce. Una festa che ogni anno richiama un altissimo numero di fedeli, segno della grande devozione alla Madonna. Una ricorrenza che unisce anche il territorio e la presenza, anche quest’anno, degli amministratori comunali in rappresentanza dei componenti della Rete metropolitana è stato l’esempio di questo stretto legame.

La festa si è da subito preannunciata partecipata, quando le autorità civili e militari si sono ritrovate prima davanti alla sede della Confraternita e poi davanti al monumento ai caduti in armi. Nella piazza del Municipio, accanto al sindaco Antonio Diana c’erano il sindaco di Sennori Nicola Sassu, il sindaco di Valledoria Paolo Spezziga, quindi il vicesindaco di Porto Torres Marcello Zirulia, l’assessora agli Affari generali del Comune di Sorso Giovanna Maria Pulino, il presidente del consiglio comunale di Sassari Esmeralda Ughi. Accanto agli amministratori comunali i rappresentanti delle forze dell’ordine presenti sul territorio e il vice questore aggiunto Gianluca Pallaoro.

A seguire la precessione numerosi fedeli, molti dei quali, dai bastioni del lungo mare Colombo, hanno assistito alla processione a mare, partita dal porto Minori. Tante le imbarcazioni a mare che hanno seguito la motonave Ausonia, con a bordo il simulacro della Vergine. È stato forse questo il momento più toccante della processione con i fedeli che, a bordo di piccoli e grandi natanti, non hanno voluto mancare al consueto rito del lancio della corona di fiori per i caduti in mare. E con la barca in rada, rivolta verso il paese, a lanciare a corona in mare sono stati il sindaco Diana e la moglie del priore Agostino Maddau. La confraternita si è presentata con un alto numero di componenti, molti dei quali giovani. Anche quest’anno, accanto al priore c’erano i rappresentanti della Confraternita della Santa Croce di Bastia gemellata con il sodalizio stintinese.

La festa, finita la processione, è proseguita nella piazza del Municipio con il rinfresco offerto dal priore, l’esibizione del gruppo sbandieratori Città dei Candelieri e del gruppo Giudicato di Torres.

La notte è stato un vero e proprio spettacolo quello dei fuochi d’artificio, che hanno incantato il pubblico assiepato sul lungomare. Il concerto di Ivana Spagna, in una piazza dei 45 al gran completo, ha confermato il successo della festa.