1 August, 2021
HomePosts Tagged "Roberto Patrizi"

[bing_translator]

«Con l’annunciata liquidazione di Air Italy, ancora una volta la questione trasporti da e per la Sardegna diventa emergenza drammatica da affrontare con urgenza e soluzioni certe, viste anche le imminenti scadenze delle convenzioni attualmente in vigore, sia per la continuità territoriale aerea (16 aprile) che per quella marittima (24 luglio).»

E’ quanto ha dichiarato Serafina Mascia, presidente nazionale della FASI, Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, richiamando l’attualità e concretezza del convegno organizzato a Saronno per sabato 15 febbraio, alle ore 14,30, presso l’Hotel La Rotonda. Sarà una occasione di confronto e di analisi sulla questione della continuità territoriale, tra i sardi emigrati, esperti, imprenditori del turismo e dei trasporti, rappresentanti del Governo, del Parlamento e della Regione.

«Ci auguriamo vivamente ha aggiunto Serafina Mascia – che l’incontro di ieri a Bruxelles del presidente della Regione Solinas con la Commissione Trasporti della UE possa produrre risultati concreti e positivi in tempi rapidi.»

“Continuità territoriale per la Sardegna. L’impegno degli emigrati sardi in Italia”: questo il tema a centro del convegno di Saronno, a cui è stata confermata la partecipazione di Alessandra Zedda, vice presidente Giunta Regione Autonoma della Sardegna e di Salvatore Margiotta, sottosegretario di Stato al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. I lavori si apriranno con i saluti di Serafina Mascia, presidente FASI, Luciano Aru, presidente del Circolo di Saronno e di Alessandro Fagioli, sndaco di Saronno. Sono previsti quindi gli interventi di Tonino Mulas, responsabile trasporti FASI; Gianfranco Fancello, docente di Sistemi dei Trasporti facoltà di Ingegneria, Università di Cagliari su “Modelli di continuità nell’Unione Europea”; Michele Cossa, presidente Commissione Insularità, Consiglio regionale della Sardegna su“Il principio di insularità nella Costituzione”; Paolo Manca, Presidente Federalberghi della Sardegna su “Continuità territoriale e turismo”; Andrea Frailis, Gruppo PD – Camera dei deputati su legge sulla continuità su ”Proposta di legge sulla continuità”; Gianni Marilotti, Gruppo 5 Stelle Senato della Repubblica su “Svantaggi dell’insularità e continuità territoriale”; Roberto Patrizi, Tirrenia; Ermanno Sereni, Sardinia Ferries; Laura Nadalini, Grandi Navi Veloci e Eleni Valoglou, Grimaldi.

Sono 700.000 circa i sardi che vivono con le loro famiglie nella penisola italiana e la questione dei collegamenti con l’isola è al centro dei loro interessi, per questo sono particolarmente sensibili alla questione della Continuità Territoriale e alla condizione di insularità della Sardegna: è una questione che interessa lo sviluppo infrastrutturale ed economico dell’isola e, a livello europeo, il principio di coesione.

«Il diritto alla mobilità dei sardi residenti, in primis – ha sottolineato Tonino Mulas, responsabile trasporti FASI – ma occorre affrontare e risolvere anche lo svantaggio dei sardi emigrati e di tutti coloro che vogliono raggiungere la Sardegna, oltre che per il trasporto delle merci. Richiediamo, pertanto, la massima attenzione della Regione e del Governo Nazionale affinché i sardi emigrati e le loro famiglie siano compresi nella fruizione della continuità territoriale marittima, come avviene attualmente.»

«Per il rinnovo della continuità aerea – ha aggiunto – la FASI resta del parere che la “continuità per tutti” sia la soluzione migliore per incoraggiare anche i segmenti di turismo ambientale e non solo balneare, dentro una riconversione “green”, in linea con la nuova idea di sviluppo della Commissione Ursula von der Leyen. Come pure resta importante la tanto disattesa CT2: la Sardegna è assolutamente sguarnita di voli da numerose regioni di interesse per gli operatori economici sardi, per gli studenti sardi fuori sede e per la presenza di comunità sarde. Per il rinnovo continuità marittima, siamo convinti che mantenere tutte le rotte attuali (Arbatax compresa) a prezzi calmierati sia vitale per la Sardegna.»

La scadenza del 24 luglio è vicina e taglia in due l’alta stagione turistica: la FASI chiede che il governo, per motivi di emergenza stagionale, possa ottenere dall’Unione Europea una proroga adeguata fino alla operatività del nuovo bando. La stesura della nuova convenzione dovrà coinvolgere la Regione Sardegna e con essa le forze politiche, sociali ed economiche dell’isola.

Bisogna anche prevedere (nell’ambito dell’utilizzo dei fondi europei per le politiche di riconversione ambientale) misure concrete per non far ricadere ulteriormente sul costo dei biglietti e del trasporto merci il nuovo obbligo europeo di sostituzione dei carburanti più inquinanti.

«La continuità marittima – ha detto ancora Tonino Mulas – è stata da sempre oggetto di lotta, è ancora oggi la più utilizzata per i rientri estivi e festivi dei sardi emigrati e delle loro famiglie. Ricordiamo che il contributo dei sardi emigrati, in termini economici, alla terra di origine continua in particolare con le ristrutturazioni delle seconde case nelle zone interne e delle case al mare, oltreché con la presenza nelle vacanze estive e con il consumo dei prodotti tipici regionali. Per questo è essenziale che si possa mantenere aperta una possibilità di ritorno anche più volte l’anno.»

  

[bing_translator]

È stata un successo, a Rimini, la partecipazione alla Fiera del Turismo del Consorzio Sardegna Costa Sud, presente nello stand della Regione insieme ai comuni di Cagliari e Dolianova e del Consorzio Costiera Sulcitana. Per la prima volta il Sud Sardegna si è presentato in maniera unitaria, proponendo agli operatori presenti all’iniziativa di settore più importante d’Italia un volto nuovo della nostra regione, capace cioè di coniugare concretamente le bellezze delle nostre spiagge con le eccellenze enogastronomiche del territorio e le attrattive artistiche e naturali della città capoluogo. 

Una esperienza importante che avrà ricadute positive in termini di presenze nella prossima stagione estiva e che ora verrà replicata: sempre sotto l’egida del Consorzio Sardegna Costa Sud, il Sud Sardegna sarà infatti presente dal 5 al 7 novembre alla Fiera WTM di Londra e dal 22 al 24 novembre alla TTW di Varsavia.

«Siamo stati protagonisti della più importante fiera italiana del settore turistico, convinti che la sinergia fra la destinazione Cagliari e tutto il territorio del Sud Sardegna, presentata a giornalisti, tour operator, compagnie aeree e crocieristiche, abbia rafforzato la proposta di un percorso esperenziale – spiega l’assessore del Turismo del comune di Cagliari Marzia Cilloccu -. La stessa sinergia ci ha premiato come migliore destinazione turistica sostenibile in Europa e ci vedrà impegnati a breve in altri due appuntamenti di rilevanza mondiale nel settore del turismo: le fiere di Londra e Varsavia.»

Il clou delle attività organizzate durante la Fiera di Rimini si è avuto durante l’evento che si è svolto presso l’agriturismo “La Pecora Nera”, i cui proprietari (due sardi da tempo residenti in Emilia Romagna) con grande passione, attenzione e professionalità hanno supportato il Consorzio per garantire un alto livello di accoglienza e ricreato ad hoc un angolo di Sardegna.

Lo spazio, infatti, è stato impreziosito dalle gigantografie delle immagini di Cagliari e della spiaggia di Tuerredda, mentre la cena ha visto protagonisti i prodotti enogastronomici di Dolianova offerti dalla Cantina sociale di Dolianova, da Argiolas Formaggi, Cannavera, Myrsine, La casa del Grano e Copar. L’evento ha visto la partecipazione di operatori olandesi, polacchi, canadesi, italiani, nonché blogger e responsabili di agenzie di viaggio emiliane che offrono la destinazione Sardegna ai propri clienti. 

Tutti gli operatori che hanno partecipato hanno potuto apprezzare la genuinità dei cibi confezionati dalle sapienti mani dello chef e soprattutto hanno potuto vivere l’emozione dei profumi prodotti dalle piante di lavanda, mirto, asfodelo che ornavano i tavoli.

L’evento è stato animato dal suono delle launeddas e intervallato dai video del territorio e dagli interventi dell’assessore del Turismo del comune di Cagliari Marzia Cilloccu, e di quello del direttore commerciale e marketing dell’aeroporto di Cagliari David Crognaletti e del responsabile commerciale di Tirrenia Roberto Patrizi, i quali hanno illustrato le potenzialità del territorio del Sud Sardegna, supportate dall’azione forte e strategica dello scalo cagliaritano e dalla compagnia di navigazione.

E proprio l’intervento di David Crognaletti ha segnato un punto importante per l’attività di sviluppo del Sud Sardegna quando ha illustrato le nuove destinazioni programmate per la stagione invernale, l’apertura nel 2019 della base del vettore Volotea e soprattutto l’impegno di Ryanair che per la prima volta durante questa prossima stagione avrà più voli e destinazioni rispetto al passato periodo estivo.

Insomma, il quadro che è emerso per gli operatori è che il Sud Sardegna è ben organizzato, pronto ad affrontare la sfida nel mercato europeo.

[bing_translator]

IMG_8660   IMG_8665 IMG_8676   IMG_8687

Si rinnova l’appuntamento con la manifestazione Autunno in Barbagia, mostra itinerante della tradizione barbaricina, divenuta ormai la bandiera dell’autunno in Sardegna.

Il circuito comprende 32 paesi della provincia di Nuoro, che si occuperanno di organizzare tanti eventi dedicati ad arte, storia, folklore, artigianato ed enogastronomia, in vetrina nelle tipiche “corti” delle antiche dimore isolane. Gli eventi si articoleranno durante sedici week end da settembre a dicembre. Quattro i nuovi centri che da quest’anno arricchiranno il circuito: Ottana, Orotelli, Oniferi ed Ortueri.

Alla conferenza stampa di presentazione dell’evento, che si è svolta oggi presso gli uffici dell’assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio, hanno presenziato l’assessore Barbara Argiolas, il presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Agostino Cicalò, ed il Presidente dell’Azienda Speciale Aspen, Vincenzo Cannas. Presenti anche gli altri partner ufficiali della manifestazione, che hanno confermato il proprio supporto a questa importante iniziativa: Banco di Sardegna, Tirrenia e Moby e Grimaldi Lines.

«Nonostante le difficoltà legate alle ipotesi di accorpamento del sistema camerale regionale, anche quest’anno siamo riusciti ad organizzare questa importante manifestazione, punto di riferimento per il turismo fuori stagione, e non solo nel territorio regionale» ha dichiarato il presidente della CCIAA di Nuoro, Agostino Cicalò.

«Autunno in Barbagia – dice l’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Barbara Argiolas – nell’arco dei suoi quattro mesi, riesce a integrare l’offerta balneare per i mesi di settembre e ottobre, e lo fa creando un collegamento ormai strutturato tra coste e zone interne. Per novembre e dicembre invece si rivolge per lo più al mercato interno turistico sardo, soprattutto del sud Sardegna, ottenendo riscontri importanti. Autunno in Barbagia è soprattutto un progetto culturale, che mette in risalto l’identità e l’eccellenza dei territori, grazie all’apporto e al grande lavoro di tutti i Comuni coinvolti: le comunità aprono le porte di casa ai visitatori, in un progetto di autentica sussidiarietà che coinvolge un pezzo importante di Sardegna. La sfida, e siamo al lavoro per coglierla già dal prossimo anno, è quella di anticipare e riuscire a programmare per tempo perché prodotti come Autunno in Barbagia, grazie a tutte le forze coinvolte e all’esperienza di questi anni, hanno tutte le caratteristiche per essere attrattori.»

Rispetto alle precedenti edizioni vanno registrate alcune novità- ha dichiarato il Presidente dell’Azienda Speciale ASPEN, Vincenzo Cannas, come la crescita del numero dei paesi del circuito: sono ben 32 i Comuni che hanno aderito alla manifestazione, a differenza dei 28 degli anni scorsi, testimonianza del notevole sviluppo dell’evento.

«In alcuni paesi abbiamo riscontrato, con soddisfazione, un miglioramento tra le attività proposte, dove il cuore delle iniziative sono sempre gli antichi cortili, che per l’occasione ospitano le tradizioni secolari. Le amministrazioni comunali hanno sempre un occhio di riguardo alla riscoperta dei valori e dei riti quotidiani di una volta: le massaie impastano il pane e i dolci per la famiglia, ricamano con maestria gli abiti tradizionali, mentre gli uomini pigiano le uve appena raccolte, gli artigiani lavorano con precisione e cura la ceramica, il ferro battuto e la filigrana, e i falegnami si dedicano all’intaglio del legno. Tutte queste attività rappresentano ciò che il pubblico ama di Autunno in Barbagia».

«L’edizione 2016 ci ha regalato tante soddisfazioni – aggiunge Cicalò -. Siamo arrivati a circa 500mila visitatori, con oltre il 20% di visitatori nazionali ed esteri, con una crescita di quasi il 10% rispetto al 2015, il coinvolgimento di più di 1.750 imprese e circa 8,5 milioni di vendite dirette. L’obiettivo che ci siamo posti per questa nuova edizione, insieme alle amministrazioni comunali, è quello di attrarre un numero sempre maggiore di visitatori presentando prodotti di alta qualità, all’insegna della tradizione.»

Giannina Balia, Capo Area Nuoro Banco di Sardegna: «La nostra è la banca del territorio, e siamo ben felici di essere partner dell’iniziativa per il terzo anno consecutivo, sostenendo il circuito con una parte attiva all’interno degli eventi. Realizzeremo anche quest’anno la carta di credito ricaricabile con la grafica di Autunno in Barbagia, che l’anno scorso ha avuto molto successo. Inoltre saremo presenti in alcuni dei paesi con un nostro camper, dove si potranno ricevere informazioni sui prodotti bancari e sulle agevolazioni per le imprese. Anche quest’anno, inoltre, realizzeremo alcuni incontri incentrati sulle tematiche care ai nostri imprenditori».

Roberto Patrizi, direzione commerciale Onorato armatori (Moby e Tirrenia) ha dichiarato: «Continuiamo a sostenere il circuito di eventi barbaricini mettendo a disposizione sui siti web delle nostre compagnie le informazioni promozionali. Anche sulle nostre navi sono presenti dei servizi informativi a favore dei turisti che vogliano saperne di più su questa importante manifestazione, che consente di far conoscere ai visitatori anche le zone interne della Sardegna in mesi diversi da quelli dedicati al turismo balneare».

Elena Bilardi, in rappresentanza del partner Grimaldi Lines ha dichiarato: «Proseguiamo volentieri la partnership con il circuito di Autunno in Barbagia, ci piace l’idea di investire in un evento importante e amato come questo. La nostra compagnia sta crescendo, insieme al flusso di passeggeri, e speriamo che, anche in occasione degli appuntamenti di ottobre e novembre si confermi un buon numero di presenze. Noi forniamo ai turisti informazioni dirette sulle navi e attraverso i canali social e il sito web e a bordo consegniamo con piacere i pieghevoli informativi con i programmi delle manifestazioni».

L’intensa attività di comunicazione promossa dalla Camera di Commercio e dall’Aspen si suddivide tra strumenti tradizionali e strumenti innovativi, con una forte e costante presenza sul web, affiancando al sito ufficiale della manifestazione i vari canali social (Facebook, Twitter e Instagram) attraverso i quali coinvolgere in maniera diretta i visitatori e tutti coloro che abbiano interesse a scoprire questa importante manifestazione.

«La scorsa edizione – continua il presidente Cicalò – abbiamo rilevato un’ottima risposta sui canali social della manifestazione: esiste una vera e propria community di appassionati che, attraverso fotografie e racconti real-time, è riuscita a rendere interessante Autunno in Barbagia anche per il target dei giovani-giovanissimi e raggiungibile con uno smartphone da tutto il mondo. Sempre più di frequente ci si da appuntamento nel web, magari scambiando qualche commento sulle foto pubblicate, e poi ci si incontra ad Austis o Belvì, per esempio, per passare insieme il weekend, scoprendo nuovi sapori e chiacchierando con gli artigiani dei nostri paesi. Abbiamo pubblicato su Facebook alcuni video che mostrano in diretta la realizzazione de ‘sos durchicheddos nugoresos’ (i dolci nuoresi), per esempio, raggiungendo più di 100.000 visualizzazioni, oppure ‘is caschettes’ di Belvì, o la preparazione della ricotta, la vendemmia, l’artigiano al lavoro, il rito del matrimonio: insomma, la tradizione, nel senso più ampio del termine, è sempre una ricetta vincente.»

Autunno in Barbagia anche quest’anno parla in limba, con uno slogan che invita a conoscere il cuore della Sardegna: «A lu connosches su coro de sa Sardigna?». Andiamo a scoprirlo insieme, in autunno!

[bing_translator]

Alta qualità del servizio offerto ogni giorno, in ogni stagione, con l’obiettivo di soddisfare sempre di più i clienti e garantire loro una traversata all’insegna del comfort e della tranquillità.

Sono queste alcune delle caratteristiche che hanno permesso a Moby, Compagnia del Gruppo Onorato Armatori, di conquistare per il secondo anno consecutivo l’Italia Travel Awards, il riconoscimento più̀ prestigioso nel settore dei viaggi e del turismo, l’appuntamento annuale per eccellenza, una vera e propria notte degli Oscar dedicata all’industria turistica italiana.

Moby ha ricevuto il premio come “Migliore Compagnia di Traghetti” in virtù del voto dato dalla categoria dei viaggiatori, che sono stati chiamati a comunicare la loro preferenza. Un riconoscimento che conferma il grande lavoro che la Compagnia della Balena Blu realizza per assicurare alla clientela servizi fortemente orientati alla loro soddisfazione.

Con Moby la vacanza inizia a bordo, grazie ai tanti servizi offerti nelle navi: dall’area shopping alla show lounge, passando per le aree bambini, le sale giochi, oltre a ristoranti e self service che offrono menu con i prodotti tipici della cucina Mediterranea, con lo speciale bimbi dedicato ai più piccoli.

«Questo premio è molto importante per Moby e per tutto il nostro Gruppo, e testimonia l’impegno che ogni giorno i dipendenti profondono per garantire la massima soddisfazione dei nostri clienti – afferma Roberto Patrizi, della Direzione Commerciale di Onorato Armatori –. Il nostro obiettivo è andare avanti in questa direzione, e migliorare ulteriormente lo standard di qualità dei servizi che offriamo ai passeggeri.»

Un altro importante riconoscimento per la Compagnia della Balena Blu dunque, che pochi mesi fa ha ricevuto il Primo posto Oro, attestato che l’Istituto tedesco Qualità e Finanza ha conferito alla Compagnia per la qualità del servizio offerto. Una garanzia per i consumatori e di successo per le aziende.

[bing_translator]

Moby e Tirrenia sono partner del Meet Forum 2016 (Mediterranean European Economic Tourism), in una tre giorni di lavori e confronti tra le massime autorità del settore per discutere sulle linee guida che potranno incidere sul sistema turistico dell’area del Mediterraneo, che si svolge da oggi al 29 ottobre nello splendido scenario del Geovillage di Olbia.

Le due compagnie del Gruppo Onorato Armatori saranno dunque presenti a un’iniziativa che vedrà coinvolti vari operatori del settore turistico come vettori aerei e navali, tour operator, agenzie di viaggio retail e albergatori.

Onorato Armatori sarà rappresentato dall’amministratore delegato di Tirrenia Massimo Mura, che prenderà parte al dibattito finale il 29 ottobre al quale parteciperanno anche il vice ministro con delega dei Trasporti Riccardo Nencini, il direttore generale del Banco di Sardegna Giuseppe Cuccurese, l’assessore del Turismo Francesco Morandi, il direttore esecutivo dell’Enit Gianni Bastianelli.

Presente per Tirrenia anche il Direttore commerciale passeggeri, Roberto Patrizi, che domani 28 ottobre prenderà parte al tavolo il cui focus sarà incentrato sulle politiche di sviluppo del trasporto, e che sarà coordinato da Pere Padrosa Pierre, Director General de Transports i Mobilitat de Catalunya.

«Siamo felici di aver supportato questa iniziativa, essere presenti a questo appuntamento per noi è motivo di assoluto interesse – dichiara Roberto Patrizi -.Vogliamo essere parte integrante e fattiva del percorso di sviluppo e crescita del turismo in Sardegna, e questa è un’occasione importante per discutere con gli operatori del settore.»

Moby 3 copiaNave Tirrenia Janas

[bing_translator]

Nave Tirrenia Janas

Anche quest’anno Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione sarà presente al TTG di Rimini, la più importante fiera internazionale del settore turistico in Italia, che si terrà dal 13 al 15 ottobre prossimi.

Per la Compagnia del Gruppo Onorato Armatori sarà presente il Direttore Commerciale Passeggeri di Tirrenia, Roberto Patrizi, che insieme al suo staff presenterà i prodotti e le promozioni attualmente in vigore, oltre che tutte le novità delle Compagnie del Gruppo.

Alla kermesse di Rimini Tirrenia accoglierà le agenzie, che rappresentano un canale di vendita strategico per l’intero Gruppo, nel Padiglione A3, stand 33. Un’importante occasione di dialogo e confronto, che conferma la grande attenzione che tutte le Compagnie del Gruppo Onorato Armatori riservano al settore del trade.

In occasione del TTG, gli agenti di viaggio potranno viaggiare gratuitamente con Tirrenia e Moby. La promozione include una cabina per due persone (andata e ritorno) più un posto auto sulle seguenti linee:

  • Olbia-Livorno
  • PortoTorres-Genova
  • Olbia-Civitavecchia
  • Cagliari-Civitavecchia
  • Palermo-Napoli