14 June, 2024
HomePosts Tagged "Yuri Donno"

[bing_translator]

Giovedì 8 giugno, alle ore 9.30 presso la sala del Consiglio comunale di La Maddalena, si svolgerà la tavola rotonda dal titolo: “I comuni costieri della Sardegna e la protezione dei mammiferi marini” promossa dal Reparto Ambientale Marino del Ministero dell’Ambiente nell’ambito delle attività del “Santuario Pelagos”.

Il programma dei lavori, dopo i saluti delle autorità, prevede i seguenti interventi:

 C.V. (CP) Aurelio Caligiore: presentazione giornata

 C.C. (CP) Santo Altavilla:  Il Santuario “Pelagos” ed il ruolo della Guardia Costiera.  I dati statistici raccolti ed elaborati dal Reparto Ambientale Marino

 Dott. Yuri Donno: Il ruolo del parco dell’Arcipelago di La Maddalena nella conservazione dei cetacei

Dott. Luca Bittau – Dott.ssa Mattia Leone: Le principali specie di cetacei presenti nel nord Sardegna dell’area “Pelagos”; Attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale sul “Pelagos del Nord Sardegna”

 Dott. Antonio Pintore: Emergenza spiaggiamenti cetacei: gestione degli interventi nella regione Sardegna nell’ambito delle attività della Rete Nazionale spiaggiamenti mammiferi marini

Dott. Andrea Rotta: Il progetto «Sardegna nord cetacei» La conservazione dei cetacei aspetti di sostenibilità economica ed ambientale

Arch. Silvia Cera: L’adesione alla Carta di Partenariato Pelagos del comune di La Maddalena. Attività svolte ed obiettivi da raggiungere

Dott.ssa Cristina Biancu: L’adesione alla Carta di Partenariato Pelagos del comune di Porto Torres. Attività svolte ed obiettivi da raggiungere

[bing_translator]

Il commissario straordinario del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena Leonardo Deri ha affidato a Yuri Donno, naturalista-biologo marino e responsabile dell’area ambiente dell’Ente Parco l’incarico di Direttore facente funzioni. Donno aveva già rivestito il ruolo di Direttore facente funzioni traghettando l’Ente nel corso della difficile stagione estiva.

[bing_translator]

Isola de La Maddalena 84 copia

Nella giornata di ieri è mancato Francesco Nardini: un giornalista serio, garbato e gentile, sempre discreto e rispettoso del lavoro altrui, la comunità di La Maddalena perde un importante riferimento. Il presidente dell’Ente Parco di La Maddalena Giuseppe Bonanno, il direttore Yuri Donno, il personale dell’ufficio stampa che con lui hanno collaborato in questi anni e di lui conservano un bellissimo ricordo, hanno accolto la notizia della prematura ed improvvisa scomparsa con profondo dispiacere e sono vicini alla famiglia in questo momento di grande dolore.

Il ricordo del presidente Bonanno: «La Maddalena perde un giornalista, un professionista, dai modi gentili contraddistinto da una serietà indiscussa. Ricorderò di lui la gentilezza, l’equidistanza, la capacità di tirarsi fuori dalle logiche della rissa di paese e la grande capacità di raccontare gli eventi, come solo un vero cronista sa fare».

Alla moglie Anna e ai figli Marco e Fabrizio giungano le più sentite condoglianze da parte di tutto il personale dell’Ente Parco.

La scomparsa del giornalista Francesco Nardini rappresenta un momento di profondo cordoglio per tutta la comunità maddalenina. Il vice presidente Andrea Rotta e il Consiglio direttivo esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia: alla moglie Anna e ai figli Fabrizio e Marco.

«Ho rilasciato la mia prima intervista a Francesco Nardini: le emozioni e la gratitudine provate quel giorno mi accompagnano ancora – ricorda il vice presidente Andrea Rotta -. Ero uno studente universitario che sognava di trasformare la ricerca sui delfini dell’Arcipelago in un percorso professionale. A bordo del motopeschereccio di Michele Aversano, Nardini si approcciò a me con il suo tipico atteggiamento rispettoso, interessato all’attività che facevo per mare. Quando si è giovani è difficile imporsi e farsi riconoscere dal mondo accademico e civile: percepire la sua attenzione mi fece sentire importante, mi diede forza e coraggio in un momento cruciale della mia vita. Domande discrete, curiosità e stima reciproca  sono stati un punto di forza nel nostro rapporto che si è poi sviluppato oltre l’aspetto giornalistico. Mi piaceva condividere con lui il gusto della scoperta che ha sempre caratterizzato le mie ricerche. Le sue domande non erano mai banali e scontate come capita solo ai grandi giornalisti. Alla famiglia dedico le mie condoglianze più sincere nella speranza che il suo stile di vita e la sua professionalità siano un esempio per tutti».

[bing_translator]

Domani, giovedì 15 settembre, alle ore 15.00, presso il CEA – Centro di educazione del Parco a Stagnali sull’Isola di Caprera, è in programma un momento di accoglienza dei giovani studenti della Scuola media di Mosso promotori dell’iniziativa: “Non si s-Budelli l’Italia” campagna di crowdfunding attivata dai ragazzi a supporto dell’acquisizione al patrimonio pubblico dell’Isola di Budelli e a tutela del patrimonio ambientale dell’Arcipelago. Interverranno alla manifestazione di benvenuto il presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena Giuseppe Bonanno, il sindaco di La Maddalena Luca Montella, il direttore FF Yuri Donno, il vice sindaco Fabio Lai.

Isola di Budelli 2

[bing_translator]

pulizia_cavaliere_2 pulizia_cavaliere_3 pulizia_cavaliere_5

Nel corso della giornata di ieri il personale estivo dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena coordinato dal direttore F.F., Yuri Donno ha provveduto alla pulizia del litorale e del sottobosco antistante la spiaggia del Cavaliere nell’Isola di Budelli dai cumuli di rifiuti abbandonati dai turisti che affollano il lido durante l’estate.

Il materiale raccolto è stato differenziato per essere poi conferito presso l’Isola ecologica, così come previsto dagli accordi presi con l’Amministrazione comunale di La Maddalena. Colpiscono agli occhi della squadra che ha operato sul litorale di Budelli non solo le ingenti quantità di plastica che purtroppo vengono trasportate dalle correnti marine ma moltissimi rifiuti “personali” come pannolini per i bimbi, prodotti di igiene intima, fazzoletti ma anche lattine, confezioni di insaccati, buste di patatine e cicche di sigarette. Materiale frutto dell’incuria e dell’inciviltà delle persone che transitano per le isole dell’Arcipelago durante l’estate.

Nelle prossime settimane le operazioni di pulizia continueranno in altre spiagge delle isole minori per cercare di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti che avviene in maniera selvaggia e incivile, comporta notevoli danni all’ambiente e non è un bel biglietto da visita per chi calca le spiagge del Parco per la prima volta.