1 July, 2022
Home2015Dicembre (Page 4)

[bing_translator]

Fino al 31 dicembre, presso gli Uffici cup-ticket di Giba e Sant’Antioco, è possibile attivare la tessera sanitaria con funzione di firma digitale in favore degli allevatori del territorio.
Pertanto gli orari dedicati al pagamento del ticket nei suddetti uffici subiranno delle modifiche (limitatamente ai giorni indicati) e termineranno alle ore 11.00.
Lo stesso servizio di attivazione tessera sanitaria sarà erogato nel Distretto a Carbonia il lunedì, giovedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00, e il martedì e mercoledì dalle 12.00 alle 13.00.
L’attivazione della tessera sanitaria può essere effettuata anche presso le strutture private.
Per ciascuna delle sedi indicate saranno serviti 8 utenti a ora per ciascun operatore presente in ufficio.
Nelle tre sedi il servizio di cui sopra dovrebbe concludersi il 31 dicembre 2015, salvo proroga da parte del ministero della Salute.

[bing_translator]

Mercoledì mattina, a Cagliari, verrà celebrato il Giubileo degli operatori della comunicazione, organizzato dall’Ufficio Diocesano per le Comunicazioni sociali e dall’Unione Cattolica Stampa Italiana Regione Sardegna.

Alle 10.00 ci sarà l’accoglienza in episcopio, seguirà alle 10.30 la processione verso la Porta della Misericordia con il percorso spirituale in Cattedrale. Alle 11.00 la Santa Messa presieduta dal vescovo Arrigo Miglio e alle 12.00, infine, scambio degli auguri presso l’episcopio.

Dalle 10.00, in Cattedrale, saranno a disposizione i sacerdoti per le confessioni.

giubileo comunicazioneCattedrale di Cagliari 44 copia

 

 

[bing_translator]
L’assessorato regionale della Pubblica istruzione ha pubblicato la graduatoria dei progetti presentati per l’insediamento e lo sviluppo delle “residenze artistiche”: spazi di creazione artistica e programmazione culturale del territorio, gestiti da professionisti della produzione e della programmazione di spettacoli dal vivo.
La finalità dell’avviso:
a) mobilità degli artisti;
b) valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti attraverso il sostegno alla circolazione delle loro opere;
c) realizzazione di progetti originali per avviare, sviluppare o consolidare la funzione e il valore dello spettacolo dal vivo presso le comunità di riferimento.

[bing_translator]

Maria Carmela Folchetti-02

In Sardegna sono ancora troppe le case prive di isolamento termico: il 61,8% delle famiglie, infatti, risiede in abitazioni prive di intercapedini, cappotti esterni o interni. Ciò significa dispersione di calore in inverno ed accumulo di calore in estate, elevato uso dei sistemi di climatizzazione, e conseguente spreco di carburante o di energia elettrica.

Quindi, nell’isola ancora troppe case vecchie e poco coibentate. E’ questo il patrimonio immobiliare sardo che risulta dal dossier di Confartigianato sull’Isolamento termico e gli impianti di riscaldamento nell’isola.

«In queste giornate di persistente, e insolito, clima primaverile – afferma la presidente di Confartigianato Imprese Sardegna, Maria Carmela Folchetti – le basse temperature sono ancora accettabili e quindi gli impianti di riscaldamento girano ancora al minimo». «Il problema si pone quando il caldo estivo diventa torrido e il freddo invernale di trasforma in gelo allora lì si capisce quanto sia importante vivere in abitazioni sane e poco energivore». «Con un piccolo investimento, la cui maggior parte viene recuperata tramite gli appena riconfermati bonus energia e bonus ristrutturazioni – sottolinea ancora Maria Carmela Folchetti – è possibile tagliare la spesa per riscaldamento e raffrescamento e non inquinare l’ambiente.»

Quello del rifinanziamento dei 2 bonus, è un intervento fortemente sollecitato da Confartigianato che coglie numerosi obiettivi come il rilancio delle imprese che si occupano di costruzioni e ristrutturazioni ma anche di riqualificazione del patrimonio immobiliare, del risparmio energetico, della difesa dell’ambiente e dell’emersione delle attività irregolari.

La Sardegna, con il 95,4% delle abitazioni dotate di sistemi di riscaldamento è la seconda regione italiana, dopo la Sicilia, con il minor numero di impianti. Di questi, ben il 58,9% (record italiano) è costituito da apparecchi singoli fissi o portatili (stufe e pompe di calore indipendenti); di conseguenza solo l’8,9% delle case è dotato di impianti centralizzati (come quelli nei condomini a gasolio o gpl) e il restante 32,2% ha impianti autonomi (a diffusione totale elettrico o gpl).

La fonte di alimentazione degli impianti in Sardegna, non essendoci il metano, è per il 40,2% la biomassa (legna, pellet o energia prodotta dagli scarti di lavorazione). Seguono il GPL per il 21,1%, l’energia elettrica per il 19,7% e il gasolio per il 18,9%.

Tra gli impianti di condizionamento caldo/freddo (ovvero sistema di climatizzazione unico per estate e inverno), il record lo ha la nostra regione: ben il 47,5% delle case utilizza questo sistema (media italiana 29,4%). All’interno di questa percentuale, l’82,9% sono pompe di calore fisse o portatili, il 13,2% sono condizionatori utilizzati solo per raffreddamento e il 3,9% è costituito da impianti centralizzati).

Il dossier mette in luce anche come il sistema dell’installazione di impianti in Sardegna (3.066 imprese con 5.988 addetti), abbia retto maggiormente alla crisi rispetto al resto delle altre regioni. Infatti, raffrontando i dati del 3° trimestre 2015 con quelli dello stesso periodo dell’anno scorso, si scopre che nell’isola il calo dello 0,9% è di molto inferiore a quello nazionale del -1,5%; ciò pone l’isola al 4°posto tra le regioni con la minore contrazione.

Tra le oltre 3mila imprese che trattano l’impiantistica, 1.744 si occupano di installazione di impianti elettrici, 1.140 di idraulica, riscaldamento e aria condizionata e 152 di altri tipi di installazione. Tutte queste imprese costituiscono il 22,1% del settore edile.

Tra le vecchie province sarde, il maggior numero di imprese si registra a Cagliari-Sulcis-Medio Campidano 1.204 imprese e 4.385 addetti. Segue Sassari-Gallura con 1.116 e 2.857, Nuoro-Ogliastra con 495 e 892 e Oristano con 251 e 681 addetti.

«C’è anche da dire che dietro al comparto del caldo e del freddo – aggiunge Maria Carmela Folchetti – si muove un importante indotto fatto di imprese artigiane che nel 2015, anche se in contrazione, ha retto maggiormente rispetto ad altri comparti grazie ai bonus del governo (ristrutturazioni e riqualificazione edilizia) e grazie al vecchio e nuovo Piano Casa. In ogni caso è un segno che per la ripresa c’è ancora da soffrire e lavorare.»

«Purtroppo – sottolinea la presidente Folchetti – dobbiamo constatare che l’aumento delle tariffe energetiche, luce e gas in primis, scattato lo scorso ottobre pesa su famiglie e imprese che stanno continuando ad affrontare la difficile congiuntura economica.» «E’ pesante perché, l’aumento della spesa energetica in un momento come questo sta avendo un doppio effetto negativo, visto che da una parte riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, e dall’altro aumenta anche i costi delle imprese, in particolare delle Pmi e delle artigiane. Occorre poi tenere conto che artigiani e piccole imprese italiane pagano l’energia elettrica il 34,2% in più rispetto ai loro colleghi europei.»

«Un gap pesantissimo – conclude la presidente di Confartigianato Imprese Sardegna – motivato dal peso del fisco che incide per il 44,9% sul costo della bolletta elettrica dei piccoli imprenditori.»

[bing_translator]

Si chiude con un bilancio più che positivo il 2015 per i volontari di “Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga”. Con circa 200 iniziative ed oltre 80.000 libretti “La Verità sulla Droga” distribuiti in numerosi centri della Sardegna (partendo da Cagliari ed hinterland per arrivare sino ad Iglesias, Orosei, Olbia e Nuoro), i volontari hanno coinvolto oltre 500 commercianti nella distribuzione dei libretti nei loro locali, diffondendo così il messaggio di vivere liberi dalla droga e dall’abuso di farmaci prescritti ed antidolorifici in ben 35 comuni.

Non solo i commercianti hanno aderito prontamente alle iniziative, anche amministratori comunali, assistenti sociali, associazioni di volontariato, educatori ed insegnanti, società sportive ed altre Istituzioni di vario genere, hanno dato manforte, riconoscendo la validità dei materiali collaborando attivamente in numerose occasioni.

«Ci mancavano dei materiali così chiari ed esaustivi sulle conseguenze causate dalle singole droghe. Il messaggio contenuto in questi libretti e nei video arrivano direttamente ai giovani perchè, oltre alle informazioni scientifiche, contengono le storie vere raccontate dai diretti interessati che parlano il loro stesso linguaggio». Questo il giudizio di alcuni educatori che operano quotidianamente per le strade dei quartieri più a rischio di Cagliari, con lo scopo di educare e prevenire l’uso di stupefacenti.

I libretti “La Verità sulla Droga” sono conosciutissimi soprattutto tra i giovanissimi, che sono il pubblico a cui si rivolge in particolar modo.

Anche nell’ultima settimana dell’anno, per cercare di arginare il solito abuso in occasione delle festività, i volontari saranno impegnati a Serramanna, San Sperate e a Cagliari nei quartieri di San Michele e Is Mirrionis e nei negozi di via Alghero e via della Pineta.

L’impegno dei volontari per il 2016 è quello di coinvolgere il maggior numero possibile di Associazioni, Amministratori, scuole e singoli cittadini, per allargare il raggio d’azione a tutto il territorio della Sardegna, per illuminare i ragazzi e arrestare il consumo di droghe che il filosofo e umanitario americano L. Ron Hubbard definiva come le sostanze che: «Privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere».

conferenza Droga lazzaretto 12 12 2015

[bing_translator]

BandieraPace_MovimentoPartiteIvaSulcisIglesiente

Il Movimento Partite Iva chiama a raccolta tutto il Sulcis Iglesiente per partecipare alla Marcia della Pace che si svolgerà mercoledì 30 dicembre a Carbonia, con partenza dalla Grande Miniera di Serbariu, alle ore 15.00.

«In questo momento storico, vincere l’indifferenza è un atto dovuto. Respingere ogni forma di violenza è un atto necessario per la sopravvivenza dell’umanità. Niente può giustificare la guerra». Con questo monito il Movimento Partite Iva Sulcis Iglesiente invita tutti a partecipare a questo momento di aggregazione e raccoglimento, affinché sia visibile la volontà di pace del territorio.

Le Partite Iva del Sulcis ringraziano il Comitato organizzatore per aver scelto la città di Carbonia per la XXIX Marcia della Pace. «Puntare i riflettori nella città simbolo di un territorio in grande sofferenza, centra perfettamente il titolo di questa edizione: “Vinci l’indifferenza e conquista la pace” – ha affermato Paolo Bullegas, presidente del Movimento Partite Iva. Nel Sulcis Iglesiente – aggiunge il presidente Bullegas – intervenire sulla disoccupazione, deve considerarsi un atto umanitario di pace. Qui dove è palpabile la tensione legata al progressivo impoverimento economico e sociale, dove la disperazione può costituire un potenziale innesco destabilizzante dell’ordine pubblico, le istituzioni devono avvertire il richiamo di aiuto della popolazione, in particolare quella giovanile, in gran parte senza prospettive occupazionali.»

«Di fronte alla drammaticità delle sofferenze determinate dall’inoccupazione – aggiungono Corrado Di Bartolo e Elio Cancedda, vicepresidenti del Movimento -, deve emergere la forte responsabilità delle istituzioni di governo per restituire dignità ai lavoratori attraverso un intervento tempestivo sul lavoro, al fine di scongiurare qualsiasi forma violenta di protesta.»

Con la partecipazione a questa marcia il Movimento Partite Iva intende riaffermare la propria azione, assolutamente non violenta, ma determinata a raggiungere gli obiettivi di serenità e pace nel Sulcis Iglesiente, così come in ogni angolo del mondo.

[bing_translator]

Municipio Carbonia 1 copia

Per le festività natalizie, l’Informagiovani di Carbonia (Piazza 1 Maggio) sarà chiuso sino al 6 gennaio e riprenderà l’attività regolarmente giovedì 7 gennaio, con i seguenti orari: martedì e giovedì, dalle 9.00 alle 12.00; mercoledì e giovedì, dalle 15.00 alle 18.00.

L’Informagiovani, servizio sovracomunale, inserito nel PLUS, di cui Carbonia è Comune capofila, ha anche una sede a San Giovanni Suergiu, presso il Centro di aggregazione di via Di Vittorio – locali Ex Esmas. Anche questo sportello rimarrà chiuso sino al 6 gennaio 2016. Riaprirà regolarmente giovedì 7 gennaio, con i seguenti orari: lunedì dalle 14.30 alle 18.30.

[bing_translator]

Teatro Centrale Carbonia copia

Va in scena martedì 29 dicembre 2015, alle ore 21.00, al Teatro Centrale in piazza Roma a Carbonia, lo spettacolo “Clicca che ti Passa”. Lo spettacolo, direttamente dal Salone Margherita di Roma, vede come suoi protagonisti il cabarettista Demo Mura e l’attrice Manuela Zero.

Lo spettacolo è patrocinato dal comune di Carbonia.

[bing_translator]

Le famiglie di Elmas con figli studenti pendolari che abbiano frequentato la scuola secondaria superiore di secondo grado (compreso l’Istituto Tecnico Agrario Duca degli Abruzzi) nell’anno scolastico 2014/15, possono presentare domanda per ottenere un contributo per spese viaggio studenti pendolari.

Per usufruire dello stesso, il reddito familiare deve essere pari o inferiore ad un ISEE di 16mila euro in corso di validità.

I moduli sono disponibili presso l’Ufficio Pubblica istruzione del Comune.