18 May, 2022
HomeRegioneEnti localiUta e Villaspeciosa: un progetto condiviso per la riqualificazione dell’ex mattatoio e del deposito comunale

Uta e Villaspeciosa: un progetto condiviso per la riqualificazione dell’ex mattatoio e del deposito comunale

Fanno unione i comuni di Villaspeciosa e Uta per sostenere le aziende che vogliono sviluppare le attività nell’ambito dell’Agrifood. Le due amministrazioni comunali hanno partecipato a un bando, scaduto lo scorso 17 gennaio, della Città Metropolitana di Cagliari che, in qualità di Soggetto responsabile del Patto territoriale Area Vasta di Cagliari, intende presentare una domanda di assegnazione dei contributi a valere sulle risorse residue dei Patti territoriali per realizzare un progetto pilota volto allo sviluppo del tessuto imprenditoriale territoriale, anche mediante la sperimentazione di servizi innovativi.
Grazie a questo, è stato presentato un progetto condiviso che prevede la manutenzione straordinaria dell’ex mattatoio di Uta e del deposito comunale di Villaspeciosa.
Per quanto riguarda l’ex mattatoio, fanno sapere gli amministratori di Uta: «Il layout del nuovo complesso si caratterizza da una parte più pubblica sul fronte principale del fabbricato, nella quale trovano luogo i programmi collettivi come sala conferenze, hall, e caffetteria, direttamente affacciate sul giardino. Attraversando questo buffer di attività, si accede alle aree destinate al coworking e agli spazi di sale riunioni e laboratori, tutte strettamente in relazione fra di loro, ingranaggi di un comune processo di crescita e sviluppo».
«Villaspeciosa spiega invece il sindaco, Gianluca Melis ha puntato su un progetto che prevede la riqualificazione del magazzino comunale e la sua trasformazione in un centro da mettere al servizio delle imprese: uffici per il co-working, sala multimediale per formazione degli imprenditori area mercato per i nostri produttori. Praticamente quella struttura, oggi fatiscente, diventerà, se verrà finanziato il progetto, un gioiellino tecnologico al servizio della nostra comunità e delle comunità limitrofe.»
Antonio Caria
Grande partecipazion
L'emergenza sanitari

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT