19 August, 2022
HomePosts Tagged "Andrea Cinus"

Prosegue la mobilitazione del movimento pastori sardi e del movimento artigiani commercianti liberi Sulcis. Due giorni fa hanno manifestato a San Giovanni Suergiu, presso l’Unione dei comuni, a fianco dell’aula consiliare, in via Porto Botte, prima iniziativa di una nuova stagione di rivendicazioni, a fronte di una crisi economica che sta mettendo in ginocchio interi settori come quello agropastorale, il commercio e l’artigianato, soprattutto per il vertiginoso aumento dei costi delle materie prime. Tra le rivendicazioni vi è la rimodulazione del Piano Sulcis per l’impiego delle risorse ancora disponibili.

Al termine è stato deciso che la prossima iniziativa verrà messa in atto a Cagliari, in Regione, d’intesa con i sindaci.

Allegate le interviste realizzate con Andrea Cinus, rappresentante del Movimento Pastori sardi ed Ivan Garau, rappresentante del Movimento Artigiani Commercianti liberi Sulcis.

    

Il mancato utilizzo delle risorse ancora disponibili nel Piano Sulcis ed il vertiginoso aumento delle materie prime, ad iniziare da energia elettrica e gas, hanno fatto precipitare la crisi del mondo agropastorale e del settore artigianale e commerciale, in un Sulcis Iglesiente fortemente provato dalla crisi, in piena emergenza pandemica ormai da due anni. Stamane il fortissimo disagio è sfociato in una manifestazione di protesta, messa in atto sulla statale 195, prima tappa di una nuova stagione di mobilitazione destinata ad allargarsi a macchia d’olio, dal Sulcis Iglesiente, al resto della Sardegna.

Movimento pastori sardi, Movimento degli artigiani e commercianti liberi e Movimento delle Partite Iva, si sono dati appuntamento alle 9.00 sotto il ponte che conduce da una parte a Sant’Antioco, dall’altra a Tratalias. Imponente lo schieramento di Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia locale e uomini dell’Anas, per garantire uno svolgimento sereno, nel pieno rispetto delle norme che regolamentano questo genere di manifestazioni.

I manifestanti non riescono a darsi pace del fatto che, a fronte di una crisi così profonda, uno strumento importante come il Piano Sulcis, per il quale hanno lottato e molti di loro hanno avuto anche conseguenze legali, dopo i fatti verificatisi alla Grande Miniera di Serbariu il 13 novembre 2012, il giorno della firma, culminata con la fuga dei ministri in elicottero passata alla storia del territorio, sia praticamente “congelato”, con tante risorse ancora nei “cassetti” inutilizzate, sia per i bandi, sia per la fiscalità di vantaggio. Per quest’ultima, vi sono risorse residue, altre potrebbero essere “recuperate” da quanti non le hanno utilizzate, con le quali potrebbe essere pubblicato un nuovo bando.

L’aumento delle materie prime ha già prodotto conseguenze devastanti ma la convinzione generale è che il peggio, purtroppo, debba ancora arrivare. I pastori, ad esempio, hanno lottato per ottenere il riconoscimento del prezzo del litro di latte a 1 euro ed oggi che finalmente questo è stato raggiunto, di fatto la situazione delle aziende è ancora più critica di quando il latte veniva pagato 60 centesimi al litro, proprio per l’incredibile aumento registrato dai costi delle materie prime, che sembra non conoscere freni.

Terminato il sit-in sotto il ponte, i manifestanti, arrivati anche dal Medio Campidano, si sono spostati con i loro trattori (molti dei quali sono ancora da pagare e rischiano di venire sequestrati in caso di mancato pagamento delle rate), si sono trasferiti a San Giovanni Suergiu, davanti alla sala consiliare e alla sede dell’Unione dei Comuni, dove erano presenti anche alcuni sindaci. Sono intervenuti Andrea Cinus del Movimento dei Pastori, Ivan Garau del Movimento Artigiani e Commercianti liberi, Roberto Congia portavoce del Movimento Pastori sardi, Elvira Usai sindaca di San Giovanni Suergiu, Massimo Impera sindaco di Santadi, Gianluigi Loru sindaco di Perdaxius, Teresa Diana sindaca di Sant’Anna Arresi, Gianluca Trastus assessore dei Lavori pubblici di Piscinas. A sorpresa, nella parte conclusiva, è arrivato ed è intervenuto Felice Floris, leader storico del Movimento Pastori sardi.

Giampaolo Cirronis

   

[bing_translator]

Con l’audizione dei rappresentanti dei pastori è iniziato nel pomeriggio il ciclo di audizioni promosso dalla Commissione Attività produttive del Consiglio regionale sulla vertenza latte.

Il parlamentino presieduto da Pietro Maieli (Psd’Az) ha sentito le delegazioni del Movimento Pastori Sardi, Più Sardegna, Aspi, Pastori autorganizzati e della cooperativa sociale Lait di Ittiri. All’incontro ha partecipato anche la neo assessora all’agricoltura Gabriella Murgia.

«Oggi abbiamo sentito i pastori, domani sentiremo associazioni di categoria, Consorsi di tutela e trasformatori – ha detto il presidente Pietro Maieli – vogliamo avere un quadro complessivo della situazione per poter mettere in campo al più presto azioni a sostegno del settore ovicaprino che in Sardegna conta oltre 18mila aziende.»

I rappresentanti dei pastori hanno sollecitato soluzioni rapide per affrontare la crisi e ottenere prezzi più remunerativi dalla vendita del latte.

Secondo l’MPS occorre mettere mano a una legge che regolamenti il sistema: «Il mercato è in mano ai trasformatori – ha detto Felice Floris – non è possibile che i rischi d’impresa siano scaricati solo sui produttori. Le eccedenze di produzione devono essere gestite da altri soggetti in modo da impedire azioni speculative. La nostra proposta è quella di una legge ad hoc per stabilire, una volta per tutte, regole certe e durature».

Secondo Andrea Cinus (Aspi), un ruolo fondamentale potrebbero svolgerlo le Op (organizzazioni di produttori): «La sovraproduzione di latte va indirizzata verso mercati esteri oppure verso una trasformazione diversificata del prodotto (pastorizzazione o polverizzazione del latte)».

Un contratto certo che stabilisca un prezzo annuale e distribuisca equamente vantaggi e rischi dell’andamento del mercato su pastori e trasformatori è stato invece chiesto dai rappresentanti dell’associazione Più Sardegna: «Non è possibile – ha sottolineato Arturo Marongiu – che ogni anno il prezzo del latte dipenda dalla volontà dei trasformatori. Si utilizzi lo stesso sistema presente nel mercato del latte vaccino».

Il movimento Pastori sardi autorganizzati, infine, ha sollecitato un azzeramento dei vertici dei Consorzi di tutela: «Sono governati da 30 anni dalle stesse persone – ha rimarcato Gianuario Falchi – serve un cambio di rotta. Devono essere i pastori a rappresentare la categoria. A guidare queste strutture serve un manager che studi i mercati e guidi la produzione».

Il vicepresidente della Commissione Gianfranco Satta (Progressisti) ha sollecitato una rapida chiusura del tavolo aperto dal Governo lo scorso 15 marzo: «Bene ha fatto la Commissione ad inaugurare un ciclo delle audizioni, i pastori, però, hanno bisogno di risposte rapide. Il tavolo aperto dal Governo deve dare un segnale».

Massimo impegno ha assicurato l’assessora Gabriella Murgia: «Sono al lavoro da pochi gironi ma stiamo  seguendo da vicino la vertenza per intervenire sulle criticità».

Al dibattito sono intervenuti i consiglieri Stefano Tunis (Sardegna 2OVenti) che ha auspicato la discussione, in tempi rapidi, della mozione da lui presentata per il rifinanzimento della legge 15, Eugenio Lai (Liberi e Uguali), Emanuele Cera (Forza Italia) e Franco Mula (Psd’Az).

.

[bing_translator]

Daniele Serra (lista civica “Teulada in Testa”) è stato confermato sindaco di Teulada. Battuto con ampio margine il consigliere regionale Paolo Luigi Dessì (lista civica “Teulada Adesso”) con 1.348 voti (57,90% sui votanti) contro 980 (42,09% sui votanti).

Daniele Serra s’è imposto in tutte e cinque le sezioni:

Sezione n° 1: Daniele Serra 319 voti; Paolo Luigi Dessì 242 voti.

Sezione n° 2: Daniele Serra 217 voti; Paolo Luigi Dessì 170 voti.

Sezione n° 3: Daniele Serra 265 voti; Paolo Luigi Dessì 195 voti.

Sezione n° 4: Daniele Serra 318 voti; Paolo Luigi Dessì 288 voti.

Sezione n° 5: Daniele Serra 229 voti; Paolo Luigi Dessì 85 voti.

La lista civica “Teulada in Testa” elegge 8 consiglieri, la lista civica “Teulada Adesso” 4.

Tutte le preferenze dei candidati alla carica di consigliere comunale.

Lista n° 1 “Teulada Adesso”:

Marina Lai 157

Ruggero Cossu 100

Gian Luca Urru 99

Francesca Monni 83

Alessia Madeddu 81

Beniamino Melis 47

Grazia Manca 37

Valeria Garau 37

Nicola Meloni 36

Gianfranco Boi 35

Veronica Mangiamele 32

Silvia Albai 24

Lista n° 2 “Teulada in Testa”:

Alessandro Serafini 201

Francesco Zedda 146

Giacomo Piras 146

Antonio Frongia 103

Gloria Addis 94

Andrea Cinus 88

Massimiliano Arrus 86

Stefano Urru 85

Silvia Selis 78

Giovanni Loi 46

Massimo Ignazio Etzi 51

Emanuela Melis 21

Il nuovo Consiglio comunale.

Sindaco: Daniele Serra.

Maggioranza: Alessandro Serafini, Francesco Zedda, Giacomo Piras, Antonio Frongia, Gloria Addis, Andrea Cinus, Massimiliano Arrus, Stefano Urru.

Minoranza: Paolo Luigi Dessì (candidato sindaco non eletto), Marina Lai, Ruggero Cossu, Gian Luca Urru.

[bing_translator]

A mezzanotte si conclude la campagna elettorale per le Amministrative che in Sardegna interessa 38 Comuni (inizialmente erano 43 ma in cinque Comuni non sono state presentate liste e qualche giorno fa sono stati la Giunta regionale ha nominato i commissari straordinari. Nel Sulcis Iglesiente i Comuni chiamati alle urne sono tre: Iglesias, Fluminimaggiore e Teulada.

A Teulada i candidati alla carica di sindaco sono due. Il sorteggio ha definito la posizione nella scheda elettorale.

Al primo posto c’è Paolo Dessì, 57 anni consigliere regionale del gruppo Misto, ex sindaco di Sant’Anna Arresi, che guida la lista “Teulada Adesso”. Di seguito i 12 candidati alla carica di consigliere comunale: Silvia Albai, Gian Franco Boi, Ruggero Cossu, Valeria Garau, Marina Lai, Alessia Madeddu, Grazia Manca,Veronica Mangiamele, Beniamino Melis, Nicola Meloni, Francesca Monni, Gian Luca Urru.

Al secondo posto nella scheda elettorale c’è il sindaco uscente Daniele Serra, 42 anni, che guida la lista “Teulada in Testa”. Di seguito i 12 candidati alla carica di consigliere comunale: Alessandro Serafini, Francesco Zedda, Giacomo Piras, Gloria Addis, Stefano Urru, Massimiliano Arrus, Silvia Selis, Antonio Frongia, Giovanni Loi, Massimo Ignazio Etzi, Emanuela Melis, Andrea Cinus.

[bing_translator]

Daniele Serra, 42 anni, sindaco uscente, guida la lista “Teulada in testa”, per le elezioni Amministrative del prossimo 10 giugno. La lista, depositata come prima ieri mattina, comprende ben sette consiglieri uscenti (cinque della lista di maggioranza “Teulada protagonista”, due della lista seconda classificata alle elezioni del 2013 “Trasparenza e Rinnovamento”) e i quattro candidati più votati, tra i quali i due consiglieri eletti, della lista “Trasparenza e Rinnovamento”.

Di seguito l’elenco dei 12 candidati alla carica di consigliere comunale:

Alessandro Serafini (1974)

Francesco Zedda (1974)

Giacomo Piras (1970)

Gloria Addis (1964)

Stefano Urru (1974)

Massimiliano Arrus (1986)

Silvia Selis (1983)

Antonio Frongia (1972)

Giovanni Loi (1964)

Massimo Ignazio Etzi (1963)

Emanuela Melis (1979)

Andrea Cinus (1958).