21 April, 2024
HomePosts Tagged "Andrea Solinas"

A partire da lunedì 6 novembre 2023 l’attività dell’Unità Operativa di Urologia dell’ospedale Sirai di Carbonia verrà temporaneamente integrata nel reparto di Chirurgia Generale. La disposizione organizzativa è stata ufficializzata giovedì 2 novembre dal direttore medico Giovanna Gregu e dal direttore sanitario della Asl Sulcis Iglesiente Giuseppe Piras, ai due medici “superstiti” nel reparto di Urologia, Ignazio Flaviani e Riccardo Farci, dopo il trasferimento del primario Andrea Solinas e di altri quattro medici ad altre strutture ospedaliere della Sardegna, che sono stati pregati di prendere accordi com il responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Antonella Piredda, per l’organizzazione delle attività.

La decisione, nell’aria ormai da alcune settimane, ha provocato la durissima reazione del consigliere regionale Fabio Usai che ha prima presentato un’interrogazione urgente all’assessore regionale della Sanità, Carlo Doria, e poi inoltrato una richiesta di incontro urgente alla Direttrice generale Giuliana Campus, per affrontare la questione. «Considerata l’urgenza delle tematiche afferenti l’accorpamento dei reparti di Urologia e Chirurgia generale, alla luce anche delle conseguenze che tali decisioni stanno ingenerando o potranno ingenerare sui livelli qualitativi di assistenza sanitaria per i cittadini, ovvero alle ripercussioni sociali in ambito territorialeha detto Fabio Usai -, è necessario convocare immediatamente un tavolo di confronto con la dirigenza sanitaria del territorio. Pertanto, ho chiesto un incontro da tenersi il prossimo 6 novembre, nel quale ragionare su ogni iniziativa e azione utili a scongiurare il depotenziamento dei servizi.»

Il direttore generale Giuliana Campus ha nominato con delibera n° 298 del 2 novembre 2022, il dottor Giuseppe Piras nuovo direttore sanitario della Asl n. 7 Sulcis. L’incarico avrà durata quinquennale e decorrerà dalla data di sottoscrizione del relativo contratto di diritto privato stipulato secondo lo schema previsto dalla normativa vigente.

Il dottor Giuseppe Piras è attualmente dirigente medico, referente responsabile della Struttura complessa Direzione Medica Presidio Ospedaliero “A. Cao” – ASL n. 8 Cagliari. L’incarico di direttore sanitario della Asl n. 7 Sulcis, dopo le dimissioni del dottor Giuseppe Pes, è ricoperto dallo scorso 7 settembre, da facente funzioni, dal dottor Andrea Solinas, Direttore della Struttura complessa di Urologia del Presidio Ospedaliero Sirai.

Con delibera n° 299 del 2 novembre 2022, la dottoressa Giuliana Campus ha nominato la dott.ssa Maria Milena Pau, quale Direttore Amministrativo della ASL n° 7 Sulcis, incarico già ricoperto nella veste di facente funzioni dal 1° gennaio 2022. Il suddetto incarico avrà durata quinquennale e decorrerà dalla data di sottoscrizione del relativo contratto di diritto privato stipulato secondo lo schema previsto dalla normativa vigente.

Giampaolo Cirronis

In occasione della Giornata mondiale della salute mentale è stato organizzato oggi pomeriggio un incontro nello spazio adiacente all’ospedale Sirai di Carbonia con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi legati a chi soffre di patologie psichiatriche e nel corso del quale sono state presentate le attività del Centro di Salute Mentale che svolge servizi ad hoc.

All’incontro ha preso parte l’assessore delle Politiche sociali Roberto Gibillini, su invito della referente del Centro di Salute Mentale di Carbonia, Gesuina Intilla.

«Vi è senza dubbio un prezioso lavoro di sinergia tra i nostri uffici ed il Centro ha sottolineato l’assessoreconsiderando che il Comune ha in carico alcune centinaia di persone che beneficiano dei progetti relativi alla legge 20/97.»

«Se l’assessorato delle Politiche socialiha aggiunto Roberto Gibillinivaluta la casistica dal punto di vista sociale, c’è poi tutta una analitica operazione a livello sanitario che di fatto indica i soggetti che hanno diritto ai contributi delle misure in essere. Il lavoro di collaborazione è quindi fondamentale.»

Le attività proposte dal Centro di Salute Mentale sono orientate alla prevenzione, cura e riabilitazione delle persone, grazie a un’equipe composta da tante professionalità, supportate anche dal mondo del volontariato.
All’incontro assai partecipato dai pazienti, in un clima di solidarietà e amicizia, hanno preso parte anche la direttrice generale della Asl 7 Giuliana Campus, il direttore sanitario Andrea Solinas, la psichiatra Giuliana Carta ed Anna Carla Loche, direttrice del reparto psichiatrico.

Gli orari del Centro sono: lunedì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e dal martedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 14.00. Per informazioni 0781 6683372.

Si chiama Biopsia Prostatica Fusion e consente di eseguire prelievi bioptici a carico della prostata seguendo le indicazioni fornite dalla Risonanza Magnetica Multiparametrica precedentemente eseguita. Con la Biopsia Prostatica Fusion si è in grado di sommare le immagini ottenute con la Risonanza Magnetica Multiparametrica con quelle dell’Ecografia, per poter eseguire prelievi mirati nelle zone sospette per processi tumorali. Questo procedimento comporta molti benefici rispetto alla Biopsia Prostatica Tradizionale:

  • minor numero di prelievi bioptici rispetto ad una biopsia ecoguidata tradizionale, con riduzione delle complicanze correlate alla consueta procedura (ematuria, infezioni delle vie urinarie, proctorragia);
  • maggiore sensibilità nella diagnosi di tumori maggiormente aggressivi;
  • minore necessità di dover eseguire più biopsie nel corso del tempo;
  • migliore valutazione nella gestione chirurgica del paziente affetto da neoplasia prostatica.

L’Unità operativa di Urologia dell’ospedale Sirai diretta dal dottor Andrea Solinas, tra le poche strutture in Sardegna, si è dotata di questa tecnologia con apparecchiatura di ultima generazione: il 29 luglio scorso si è svolta la prima seduta su 6 pazienti con sospetta neoplasia della prostata. Il prossimo intervento è previsto per il 27 settembre.

«La metodica Fusion consente la “fusione” delle immagini della Risonanza magnetica, che evidenziano l’area sospetta, con le immagini ottenute con l’ecografo ottenendo delle immagini ecografiche tridimensionali e permettendo, pertanto, di eseguire le biopsie in maniera mirataha precisato il Direttore del Reparto di Urologia, dottor Andrea Solinas -. Ogni anno, in Italia, vengono riscontrati 36.000 nuovi casi di carcinoma prostatico: la diagnosi precoce e la caratterizzazione del tumore sono elementi fondamentali per pianificare un percorso terapeutico adeguato ed efficace per il paziente.»

Lettera aperta di una cittadina del Sulcis, Liliana Piras, al neo direttore sanitario della Asl Sulcis, Andrea Solinas, sullo stato di grave crisi in cui versa il sistema sanitario pubblico, nello specifico per la drammatica carenza dei medici di base.

Il testo integrale.

Questa mail l’ho inviata alla direzione sanità sarda e desidero informarne anche Lei, dott. Andrea Solinas che, subentra nella sanità del Sulcis e si fa carico delle incombenze di questo territorio, non ho altro da aggiungere se non augurarle un buon lavoro, e per buono intendo responsabilità dei bisogni delle persone non dei numeri, di vero servizio, perché chi è grande e non si piega al piccolo in realtà è un misero.

***

Spett.le Regione Sardegna

Mi rivolgo a Lei, direttore della sanità sarda, come semplice assistita da questo ente sanitario nazionale.

Il disagio che stiamo vivendo da anni si è via via trasformato in un grido di aiuto da parte nostra. Il Sulcis è ormai un territorio privo di risorse, di speranza, di futuro, privo di giovani. Siamo una popolazione di anziani, di vecchi, di persone che hanno lavorato una vita e che molto spesso si ritrovano malati, portatori di tante patologie. In questo quadro desolante che, possiamo ben capire dati i tempi che viviamo; virus vari, guerre e varie malattie che si ripresentano a reclamare una prevenzione che non c’è stata o, se c’è stata, è ormai scaduta, dato che, i nostri tempi sono tempi in cui le razze e i popoli si sono spostati in cerca di fortuna. In questo quadro capiamo le difficoltà a trovare soluzioni eque, capiamo che è difficile reperire risorse, ma lasciare un territorio senza medici di base, è a dir poco scandaloso, non perché non capiamo, ma perché non capite il nostro disagio. Io e mio marito abbiamo settant’anni, siamo fortunati, non soffriamo di patologie gravi, ma tanti e tanti nostri conoscenti hanno questa difficoltà. Tanti anziani non hanno mezzi per spostarsi, tanti non hanno internet, perché non lo sanno usare, tanti non hanno telefonini all’ultimo grido, sono spaventati, sono preoccupati. Non basta dire andate in quel dato paese, o in quell’altro, spostarsi per loro è difficile, andare distanti da Carbonia per loro è problematico, perché magari lasciano a casa l’altro coniuge che magari è allettato, che ha difficoltà a muoversi. Io mi faccio carico di questo loro grido, anche stamattina alla guardia medica; dove mio marito si è recato per la mia ricetta, un ultro ottantenne era in fila dalle sette del mattino, è arrivato col pulmino cittadino, stanco, demotivato, per avere le sue medicine salvavita. Non si può chiedere a quest’uomo che a Giba o a Narcao o dove ti pare c’è un medico, è assurdo, non lo capite l’assurdità di uno Stato che non è in grado di prendersi cura dei deboli? Dei fragili? Spero vivamente che facciate il possibile per sopperire a questo grande disagio, vi ringrazio se lo farete, se come Stato vi sentirete responsabili di un popolo che è stato affidato alle vostre capacità ma anche, perché no, al vostro cuore, alla vostra coscienza civile.

Con rispetto

Liliana Piras

Il dottor Andrea Solinas è il nuovo direttore sanitario facente funzioni della Asl Sulcis, subentra al dimissionario Beppe Pes.
Andrea Solinas, nominato ieri, si unisce al gruppo della Direzione Strategica per la gestione degli aspetti sanitari dell’Azienda.

Direttore della Struttura complessa di Urologia del Presidio Ospedaliero Sirai, Andrea Solinas è in possesso di tutti i requisiti previsti dalla normativa e la sua nomina – si legge in una nota della direzione aziendale – potrà garantire l’efficacia e l’efficienza della gestione sanitaria, integrandosi così alle altre funzioni della Direzione strategica.

Venerdì 18 marzo, alle ore 20.30, torna ad esibirsi al Teatro Centrale di Carbonia, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Il secondo atteso appuntamento rientra nella manifestazione “Un’Isola di Musica 2022”, la rassegna musicale itinerante del Teatro Lirico di Cagliari, con il patrocinio del comune di Carbonia.
Pronta a replicare gli apprezzamenti e il grande successo di pubblico di venerdì 4 marzo, l’orchestra, diretta da Andrea Solinas, esordirà con la Sinfonia n. 5 in Si bemolle maggiore di Franz Schubert e proseguirà con Wolfgang Amadeus Mozart e la sua Sinfonia n. 29 in La maggiore.
Posto unico al costo di 3 euro. Per prenotarsi si può telefonare al 338.9838142.
In ottemperanza alle disposizioni vigenti, è necessario presentarsi con super green pass e muniti di mascherina FFP2. Al fine di consentire lo svolgimento dei servizi di verifica in tempo per l’inizio dello spettacolo, il pubblico dovrà presentarsi all’ingresso con un certo anticipo rispetto all’orario d’inizio dello spettacolo.

[bing_translator]

Sono stati attivati lo scorso 28 febbraio, i nuovi ambulatori di Chirurgia ed Urologia della Casa della Salute di Giba. Il progetto è nato un anno fa, su iniziativa del consigliere di maggioranza Francesco Uccheddu, sostenuto dalla Giunta guidata dal sindaco Andrea Pisanu.

Per il raggiungimento del risultato, sono stati di fondamentale importanza l’impegno e la disponibilità del direttore generale della ASSL di Carbonia, dott.ssa Maddalena Giua, e dei primari dei reparti di Urologia, dottor Andrea Solinas, e di Chirurgia, dottoressa Antonella Piredda, dell’Ospedale Sirai. Il progetto porterà grossi benefici non solo ai cittadini di Giba, ma anche a quelli di tutto il Basso Sulcis. Diminuiranno, infatti, i tempi d’attesa per le visite chirurgiche ed urologiche, sarà possibile per coloro che hanno difficoltà a spostarsi, curarsi nel loro paese, realizzando la cosiddetta “dislocazione dei servizi”. Il servizio è finalizzato anche a combattere la mobilità passiva, in quanto molti cittadini che fino ad oggi si sono recati a Cagliari per curare le loro patologie, avranno la possibilità di farlo nel loro territorio.

«L’Amministrazione comunale di Giba – commenta Francesco Uccheddu – ha creato un servizio che ha una grande importanza sociale. Questa è la dimostrazione di come un obiettivo che inizialmente sembrava irraggiungibile, con la sensibilità e la competenza delle persone possa essere raggiunto.»

[bing_translator]

Il 12 gennaio scorso si è svolto a Giba l’incontro dibattito sui servizi attualmente erogati nella Casa della Salute di Giba e sull’imminente apertura dei nuovi ambulatori, promosso dal sindaco di Giba Andrea Pisanu e dal consigliere comunale di maggioranza Francesco Uccheddu.

All’incontro, moderato dal consigliere Francesco Uccheddu, hanno partecipato il Direttore di Area Socio Sanitaria di Carbonia Maddalena Giua, il Direttore della Struttura Complessa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (NIPIA) di Sanluri e Carbonia Silvio Maggetti, il Direttore della Struttura Complessa di Urologia del P.O. Sirai Andrea Solinas, il Direttore della Struttura Complessa di Chirurgia Antonella Ivana Piredda ed il Dirigente medico della SC di Chirurgia del P.O. Sirai Nicola Pulix.

Il consigliere Francesco Uccheddu, aprendo i lavori ha presentato l’iniziativa quale momento di partecipazione e confronto con  l’obiettivo di presentare  ai cittadini del comune di Giba le attuali prestazioni sanitarie erogate dagli specialisti presenti all’incontro, al fine di favorire una maggior diffusione delle prestazioni erogate, non sempre conosciute dagli utenti.

il primo relatore, il Direttore della Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (NPIA,) ha illustrato l’attività di questa branca specialistica della medicina, che si occupa della presa in cura dei minori con disturbi dello sviluppo neuropsichico (neurologici e psichici), e garantisce  l’assistenza dei bambini e agli adolescenti in età fra zero e diciotto anni ed alle loro famiglie.

Si tratta di un servizio, ha precisato Silvio Maggetti, che eroga prestazioni di neuropsichiatria dell’età evolutiva, psicologia, riabilitazione ed educative. Per quanto concerne le modalità di accesso al  Servizio, è stato precisato che questo può avvenire chiamando direttamente  la Segreteria (situata presso il PO Santa Barbara di Iglesias) al numero 0781 3922325 (fax: 0781 3922321) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 14.00. Successivamente, il paziente verrà richiamato per avere la data del primo appuntamento e,  in tale circostanza, verrà informato che dovrà presentare l’impegnativa del pediatra o del medico di medicina generale.

Il Direttore della Struttura di Chirurgia del Sirai, con una interessante comunicazione sull’evoluzione della chirurgia, ha proseguito gli interventi affermando che, nel corso degli anni, la chirurgia e la medicina in generale hanno conosciuto un notevole sviluppo, al punto che la moderna chirurgia non solo cerca di porre rimedio alla patologia del paziente ma allo stesso tempo cerca di minimizzare i disagi dovuti all’intervento e massimizzare il successo terapeutico. Si sta evolvendo, quindi, come una disciplina sempre meno invasiva, che tende a limitare la traumaticità dell’intervento stesso.

Il dirigente della Chirurgia ha, poi, illustrato la casistica generale degli ultimi anni con una particolare attenzione alla chirurgia oncologica e all’aumento della sopravvivenza di questi pazienti, alcuni dei quali presenti in sala. Il Direttore della Struttura di Urologia ha, invece, descritto le diverse patologie che afferiscono alla Struttura di Urologia. Fra i problemi più diffusi,  è stata citata l’iperplasia prostatica benigna, un ingrossamento della prostata che colpisce molti utenti della nostra zona  causando disturbi urinari che minano la qualità della vita, come minzione notturna con interruzione del sonno, elevata frequenza diurna, urgenza ma difficoltà ad iniziare la minzione, gocciolamento post-minzionale e getto urinario di intensità ridotta. Tra le ulteriori patologie che richiedono l’intervento dell’urologo, estremamente frequenti sono poi i calcoli urinari, problemi contro i quali la prevenzione rappresenta un’arma fondamentale. Infine, fra le patologie con cui hanno più spesso a che fare gli uomini sono inclusi il cancro della prostata, l’infertilità e la disfunzione erettile.

Grazie all’introduzione del percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA) sul tumore della prostata, ha chiosato il dottor Andrea Solinas, ci sono stati indubbi vantaggi e il coinvolgimento dei medici di Medicina Generale con l’obiettivo finale di garantire a tutti i pazienti una Medicina personalizzata che tiene conto da un lato delle caratteristiche biologiche del tumore, e dall’altro, dei bisogni del singolo paziente, così da ottenere, come ricaduta, la migliore sopravvivenza e qualità di vita dell’individuo.

Il dottor Nicola Pulix ha concluso  le relazioni su tema preordinato, parlando della sua esperienza di chirurgo in assistenza domiciliare a supporto dalle cure domiciliari e dei medici di medicina generale, con particolare enfasi sull’integrazione ospedale territorio. Il manager dell’Area Socio Sanitaria Maddalena Giua, ha chiuso i lavori comunicando l’imminente apertura dei due ambulatori specialistici di urologia e chirurgia e dell’ambulatorio infermieristico, con l’obiettivo di ridare spessore della Casa della Salute di Giba che dovrà diventare il fulcro della sanità territoriale integrata, per una risposta completa e appropriata al cittadino.

I diversi interventi, dei cittadini presenti in sala, hanno richiamato l’attenzione sulla necessità di garantire anche un punto unico di accesso (PUA), capace di ricomporre il processo del cittadino, e di assicurare  le promesse di sviluppo e apertura dei nuovi servizi già fatte dal 2014.

Il Direttore di Area ha, infine, affermato che le Case della Salute non sono tutte uguali, ma si basano su un modello flessibile, capace di adattarsi alle caratteristiche delle diverse realtà territoriali.

Antonello Cuccuru

[bing_translator]

Si svolgerà domani, lunedì 12 febbraio, alle ore 16.30, presso la Sala Conferenze della provincia del Sud Sardegna (in via Mazzini a fianco ex scuola media Pascoli), a Carbonia, l’incontro pubblico dal titolo “Urologia, un’eccellenza della sanità al Sirai. L’ innovativa tecnologia con laser a Tullio“, con l’intervento del dott. Andrea Solinas, direttore del Reparto di Urologia dell’Ospedale Sirai di Carbonia.
L’evento è promosso da Unisulky S’Ischiglia Network – Università Popolare del Sulcis.