11 May, 2021
HomePosts Tagged "Claudia Sanna"

La decima edizione del festival culturale Liberevento, venerdì 23 aprile in occasione della Giornata mondiale del libro ospita un’autrice d’eccezione: Sveva Casati Modignani.

L’appuntamento è alle 17.00, sempre in streaming sulla pagina Facebook del festival, dove Modignani, una delle penne più amate della narrativa contemporanea, parlerà del suo ultimo libro Il falco, uscito alla fine dello scorso anno per Sperling & Kupfer.

In questa serata, dialogherà con l’autrice, la vicesindaca ed assessora della Cultura del comune di Iglesias, Claudia Sanna.

La Città di Iglesias aderisce alla “Fondazione Sardegna Isola del Romanico”, nata per la gestione degli interventi utili a valorizzare il patrimonio monumentale del Romanico in Sardegna.
La Fondazione nasce grazie all’impegno dei 60 Comuni sardi aderenti alla Rete del Romanico, con lo scopo di rafforzare l’itinerario del Romanico in Sardegna ed inserirlo nel più ampio quadro europeo, in un grande progetto di condivisione e di progettualità strategica nell’ambito culturale e turistico.
Una maniera per fare rete e contribuire allo sviluppo di itinerari turistici che mettano al centro la cultura e la valorizzazione del patrimonio storico.
In quest’ottica è prevista anche la nascita del Parco Monumentale del Romanico in Sardegna, con un itinerario turistico e religioso che si intende iscrivere nel “Registro dei Cammini di Sardegna e degli itinerari turistici, religiosi e dello spirito”.
Un’occasione per far conoscere ai tanti visitatori che scelgono Iglesias monumenti dal grandissimo valore, come la Cattedrale di Santa Chiara e la Chiesa della Beata Vergine di Valverde, inseriti in un itinerario più ampio che abbraccia tutto il territorio, tra cultura, storia e spiritualità.
«L’adesione alla Fondazione rappresenta un’iniziativa di grande importanza, e vuol proseguire nella strada della valorizzazione culturale e turistica della nostra Città e del suo Territorioha sottolineato il sindaco Mauro Usaiin continuità con quanto fatto in questi anni ed in sinergia con la società civile, l’associazionismo, con il terzo settore, il mondo del lavoro, e con le Diocesi della Sardegna.»
«I partenariati sono un importante volano per lo sviluppo di progetti su ampia scala, che oggi consentono di accedere a bandi di carattere regionale, nazionale, ed europeoha spiegato l’assessore della Cultura Claudia Sanna -. Sono soddisfatta di questo primo step, che auspico porti presto a promuovere in maniera concreta il patrimonio Romanico di Iglesias. Fare rete oggi in Sardegna significa sostenerci per promuovere la nostra Terra.»

Questa mattina, alla presenza dei rappresentanti della Soprintendenza Archivistica per la Sardegna e della Polizia locale di Iglesias, è iniziato il trasferimento dell’archivio raccolto dall’Associazione Erminio Ferraris, dalla sede associativa al Palazzo Bellavista di Monteponi, per garantire la fruibilità dell’archivio stesso, in quanto l’immobile sede dell’Associazione, da anni inaccessibile, era chiuso per evidenti problemi strutturali.

L’archivio del Dopolavoro Erminio Ferraris costituisce uno degli esempi, anche a livello nazionale, di complesso documentario prodotto dal dopolavoro di una grande azienda industriale, come la Società Monteponi, e consiste in una raccolta di grande pregio, con una documentazione che parte dal 1915 per arrivare ai giorni nostri.
Permette di conoscere la vita culturale e ricreativa di intere generazioni di lavoratori di miniera, dagli anni della Grande Guerra fino al periodo del regime fascista, al dopoguerra ed agli anni più recenti.
Oltre a questo verrà trasferita la biblioteca dell’Associazione, l’archivio fotografico e la collezione di memorabilia del periodo, con coppe, medaglie e cimeli di grande valore culturale.

«Il trasferimento dell’archivioha spiegato il sindaco Mauro Usai rappresenta il primo passo per stipulare una convenzione con l’Associazione, con il fine di musealizzare i beni e permettere il loro inserimento nel circuito museale cittadino, dando loro la dignità che meritano e mantenendo in questo modo ad Iglesias un patrimonio di grandissimo valore storico che rischiava di essere danneggiato o, in quanto tutelato, trasferito coattivamente a Cagliari.»

«Grazie all’archivio del dopolavoroha proseguito l’assessore della Cultura Claudia Sannaproseguiamo sulla strada della valorizzazione della memoria e di un patrimonio storico che ci permette di conoscere la vita della nostra città e degli Iglesienti, anche negli aspetti legati alla vita sociale e al tempo libero.»

Per Roberto Enne, presidente dell’Associazione Erminio Ferraris, «è un passo importante per far rinascere l’Associazione, e per far conoscere agli Iglesiente un archivio di grandissimo interesse storico e culturale».

“Progetto Serena” è una Onlus senza scopo di lucro, che si occupa di preparare i cani per l’allerta nel diabete, una maniera per insegnare agli animali a riconoscere, tramite l’olfatto ed altri indicatori, le variazioni glicemiche dei loro proprietari, prevenendo in questo modo possibili pericoli legati alle variazioni degli zuccheri nel sangue.
Il Progetto si avvale della collaborazione con l’Università di Verona e con Associazioni che riuniscono pazienti diabetici di tutta Italia, e non mira a sostituirsi alle diagnosi tecnologiche, ma vuole rappresentare una misura di sostegno per le persone che convivono con il diabete.
«Il progetto – ha messo in evidenza l’assessore delle Politiche sociali Angela Scarpavanta diversi risultati importanti in tutto il territorio nazionale, ed è diventato un valido supporto a quelle che sono le dinamiche sociali di una persona diabetica.»
Nel corso dell’appuntamento di domenica 21 marzo, organizzato in collaborazione con il comune di Iglesias – assessorato delle Politiche sociali e assessorato della Cultura, verrà consegnato il “diploma” di formazione al cane Chloe, primo “Cane Allerta Diabete” ad Iglesias e secondo in tutta la Sardegna.
«Non posso che essere entusiasta ed orgogliosa ha proseguito l’assessore della Cultura e agli Eventi Claudia Sannadi accogliere questa iniziativa, rivolta ad evidenziare e premiare il lavoro di chi si spende per aiutare le persone che ogni giorno combattono con il diabete. Il lavoro degli addestratori non è facile né scontato, e va dato loro grande merito. Proprio per questo, la nostra Amministrazione non poteva astenersi dal dargli il giusto riconoscimento.

[bing_translator]

Da lunedì 15 febbraio, presso la Biblioteca Comunale “Nicolò Canelles” , verranno riattivati i servizi di prestito e di restituzione dei libri e degli audiovisivi. I servizi saranno attivi dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 19.00. Nel rispetto delle norme di prevenzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, per gli utenti, sarà necessario l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, procedere con l’igienizzazione delle mani e verrà rilevata la temperatura corporea.Gli ingressi saranno contingentati, con un ingresso ogni 15 minuti. Al fine di rendere più agevole il servizio, è consigliabile la prenotazione al numero di telefono 0781.41795 o alla mail: biblioteca@comune.iglesias.ca.it .

«Ringrazio tutto lo staff della Biblioteca per il lavoro svolto, che ha avuto come risultato il riordino totale della stessa, rinnovando i percorsi tematici a fronte dell’acquisizione dei 300 nuovi titoliha detto l’assessore della Cultura Claudia Sanna -. L’auspicio è che presto cessi l’emergenza Covid e che si possa tornare ad usufruire pienamente dei servizi della Biblioteca, dove il lavoro è anche una passione.»

[bing_translator]

Il “Rogo di Norfieddu”, a Iglesias, ritorna in una manifestazione simbolica e senza pubblico. In ottemperanza alle disposizioni in materia di prevenzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, le manifestazioni del Carnevale Iglesiente quest’anno non si terranno.

Al fine di mantenere viva la tradizione, pur evitando assembramenti di pubblico, sabato 20 febbraio, alle ore 18.30, nel piazzale dell’Ex Mattatoio in via Crocifisso, il Gruppo Folkloristico Città di Iglesias allestirà il “Rogo di Norfieddu”, alla sola presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione Comunale e del direttivo del Gruppo folkloristico, da anni impegnato nella preparazione e nella realizzazione della manifestazione.

«Ringrazio il Gruppo Folkloristico per l’iniziativa e per aver mantenuto in vita la tradizione spiega l’assessore della Cultura Claudia Sannacon l’auspicio che il rogo di Norfieddu idealmente porti via le cose negative dell’anno passato, in primis il Covid, con tutte le sue ricadute sul lavoro, sul turismo e sulla cultura, arrivate a cascata anche nella nostra Città.»

Il catalogo dei libri della Biblioteca comunale di Iglesias si arricchisce con oltre 300 nuovi titoli, acquistati grazie al finanziamento del MiBACT, fondi attraverso i quali il ministero della Cultura ed il Turismo intende rilanciare il settore dell’editoria, la vendita dei libri, ed incrementare l’attività delle biblioteche statali e non statali.

Attraverso l’importo di 5.000,95 euro ottenuto dal comune di Iglesias, sono stati acquistati più di 300 nuovi libri di narrativa e saggistica, testi di musica, arte e restauro, manuali, raccolte fotografiche ed opere per bambini, con particolare riguardo per i classici, sia italiani che internazionali, per la storia della Sardegna e per gli autori sardi.
I nuovi testi sono in fase di catalogazione, al fine di inserirli nel patrimonio della Biblioteca comunale e renderli disponibili per la consultazione ed il prestito, una volta riprese normalmente le attività interrotte a causa dell’emergenza sanitaria.

«In attesa di poter riaprire al pubblico, la nostra Biblioteca si arricchisce di nuovi titoli ha spiegato il sindaco Mauro Usaiuna maniera per ribadire ancora una volta che la cultura non si ferma, grazie anche al lavoro degli Uffici, che permesso di ottenere questo risultato.»

«Grazie al lavoro dell’Ufficio Cultura, nella persona della dott.ssa Lucina Pani, è stato possibile realizzare un importante investimento destinato alla nostra Biblioteca, una delle più ricche del territorio ed un fiore all’occhiello della Cittàha messo in evidenza l’assessore della Cultura Claudia Sanna -. Buona lettura!»

[bing_translator]

L’assessore dello Sport Claudia Sanna, considerate le disposizioni contenute nel DPCM del 26/10/2020 e precedenti, recanti le misure di prevenzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19, comunica che il comune di Iglesias metterà gratuitamente a disposizione delle aree cittadine all’aperto, nelle quali le società sportive appositamente autorizzate (non gruppi amatoriali), potranno effettuare, nel rispetto delle norme di distanziamento personale e senza alcun assembramento, attività sportiva di base e attività motoria.
A tal fine, le Società sportive interessate, e con sede ad Iglesias, per delucidazioni, potranno contattare l’Ufficio Sport al numero telefonico:
– 0781/274329
Oppure all’indirizzo mail: mariaelena.ferraro@comune.iglesias.ca.it
«L’obiettivo è quello di salvaguardare lo sport nelle sue forme più semplici, nella massima sicurezza e nel pieno rispetto della normativaspiega l’assessore Claudia Sannaper permettere alle persone di allenarsi all’aperto e per garantire quel minimo di attività motoria indispensabile.»

[bing_translator]

Il count down in vista dell’edizione 2020 del Giro delle Miniere è quasi terminato. Stamani, nella sede dell’assessorato del Turismo della Regione Sardegna, è stata presentata la corsa ciclistica a tappe organizzata dalla SC Monteponi, che anche quest’anno è stata scelta dalla FCI per l’assegnazione dei campionati italiani master a cronometro. A presentare le novità della manifestazione è stato l’organizzatore Luigi Mascia: «Ci siamo nonostante tuttoha dichiaratoci sarebbe piaciuto addirittura rilanciare proponendo una quinta giornata dedicata alle donne, ma l’emergenza Covid ci ha costretti a rimandare di un anno questa novità. Rimaniamo dunque sul format di quattro tappe, con la prova di campionato italiano master a cronometro che rappresenterà un bel fiore all’occhiello anche dal punto di vista della promozione turistica, visto che si disputerà sugli incantevoli scenari del Golfo del Leone. Anche nei giorni successivi attraverseremo altri luoghi di grande valore paesaggistico e storico, come il sito minerario di Monteponi, il castello di Acquafredda, il tempio di Antas e tanto altro ancora, a testimonianza della nostra volontà di essere un volano turistico per il territorio. Ringrazio l’assessorato del Turismo e l’assessorato dello Sport per il loro sostegno, la Fondazione di Sardegna, la Prefettura e tutti i Comuni che verranno attraversati dal Giro. Il tema della sicurezza sarà fondamentale: i protocolli sono molto rigidi e noi li rispetteremo alla lettera».

A fare gli onori di casa l’assessore del Turismo della Regione Sardegna Gianni Chessa: «In un momento di emergenza la Sardegna offre un segnale di ripartenza attraverso lo sport ha dichiarato la nostra Isola riesce sempre più a essere un catalizzatore di eventi, e noi ci impegneremo per sostenerli tutti. Il Giro delle Miniere ci sta a cuore, perché porta l’attenzione su un territorio meraviglioso come quello dell’Iglesiente. Chi non potrà essere presente seguirà la gara in streaming, e sono certo resterà talmente affascinato da voler visitare i luoghi del Giro non appena la situazione sanitaria lo consentirà. La SC Monteponi ha il grande merito di lavorare per gli aspetti sociali dello sport, e questa è una ragione in più che ci porta a sostenerla. Iniziative come il Giro delle Miniere ci aiutano a rendere il brand Sardegna sempre più riconoscibile. Siamo l’Isola dello Sport e l’Isola in cui si vive più a lungo: non può essere un caso. Il ciclismo Pro? Abbiamo perso per un soffio l’organizzazione dei Campionati del Mondo, ma non molliamo e l’anno prossimo ci riproveremo».  

Presente anche Claudia Sanna, vice sindaca di Iglesias: «La nostra città è la casa della SC Monteponi – ha evidenziatoper noi è un grandissimo onore supportare una realtà che riesce a distinguersi in positivo nonostante la carenza di risorse e strutture. Siamo giunti alla 21esima edizione, e non si può che rivolgere un grande applauso all’organizzazione per aver raggiunto questo importante traguardo. La Sardegna ha grandi potenzialità, ma necessita di promozione. Ed è qui che entrano in gioco gli amministratori: il nostro compito è incentivare manifestazioni di questo genere affinché portino dei risvolti economici positivi sul territorio».

Dello stesso avviso anche Francesco Spiga, sindaco di Vallermosa: «Il nostro rapporto con il Giro delle Miniere è nato per casoha affermatoma negli anni è diventato sempre più solido. Avremo il piacere di ospitare tanti atleti che, a margine delle gare, potranno visitare il nostro paese. Anche le città dell’interno, infatti, hanno tanto da offrire in termini di storia, cultura e tradizioni. Pensavamo che la pandemia avesse portato all’annullamento del Giro delle Miniere, ma la determinazione di Luigi Mascia è stata troppo forte».

A Imola per seguire da vicino i Campionati del Mondo, il presidente FCI Sardegna Stefano Dessì ha voluto comunque salutare il Giro delle Miniere inviando un video messaggio: «Desidero ringraziare l’assessore Gianni Chessa, che ospita un evento diventato ormai riferimento a livello nazionale. L’organizzatore Luigi Mascia merita un grande plauso per non essersi arreso nonostante la situazione difficile sul fronte Covid».

Presente, nelle vesti di testimonial, anche Patrizia Spadaccini, atleta pluridecorata a livello nazionale: «Qui respiro un’aria leggera accanto a persone meravigliose ha ammessoda tre anni sono orgogliosamente tesserata con la SC Monteponi: ciò che si fa in questa società è unico, anche in termini sociali. Non potevo mancare, la Sardegna è meravigliosa e merita tanto».

A chiudere il quadro degli interventi è stato Claudio Chiappucci, che per il quarto anno consecutivo aggiungerà lustro alla kermesse: «Non sono andato al Mondiale di Imola per rispondere alla chiamata degli amici del Giro delle Miniere – ha rivelato – questo è un evento cui tengo particolarmente e che ha tanto da offrire sia dal punto di vista sportivo che turistico. Io per primo confesso di aver scoperto il patrimonio minerario del Sud della Sardegna solo grazie al Giro. Sono sicuro che si tratterà di quattro giorni divertenti e che tutto andrà per il meglio».

Il programma. Il Giro delle Miniere scatterà sabato 26 settembre con l’11ª Coppa Città di Gonnesa – Cronometro del Nuraghe, frazione valida per l’assegnazione delle maglie tricolori di specialità. In seconda giornata, invece, spazio alla tradizionale Gran Fondo delle Miniere – Trofeo Parco Geominerario Memorial Roberto Saurra, tappa di 119 chilometri con partenza e arrivo nel suggestivo sito minerario di Monteponi. Lunedì 28 settembre il Giro delle Miniere vivrà l’ormai consueta ‘escursione’ nei territori del Medio Campidano, con la 4ª Coppa Città di Pabillonis – Memorial Pietro Espis, mentre in ultima giornata si tornerà nell’Iglesiente per la quarta edizione della Coppa Città di Vallermosa – Memorial Giancarlo Rinaldi.

Sui media. La corsa potrà godere di visibilità nazionale e internazionale grazie all’ormai consolidata partnership con l’emittente Directa Sport, che curerà a 360 gradi la comunicazione legata all’evento. Non solo comunicati stampa, ma anche dirette streaming e resoconti video su ogni singola frazione con tanto di interviste ai protagonisti.

[bing_translator]

Ieri, martedì 22 settembre, il Rotary Club di Iglesias ha assegnato il Premio Mariella Maggio Slavik, intitolato alla professoressa tragicamente scomparsa a Portopaglietto il 1° giugno scorso.
Il Premio è stato istituito per poter commemorare la professoressa associando la commemorazione ad un evento che lei avrebbe certamente ritenuto meritevole di essere promosso.
Alla cerimonia di consegna, tenutasi nella sala Blu del Centro Culturale di Iglesias, nel totale rispetto delle norme anti Covid (con la sola eccezione del padre e del fratello del premiato che hanno avuto l’autorizzazione a sedersi accanto a lui), erano stati invitati tutti gli amici e, soprattutto, le amiche sarde della professoressa, e praticamente tutti hanno risposto all’invito.
La consegna del premio è stata pertanto preceduta dal commosso ricordo della professoressa da parte della presidente del Rotary Monica Mameli, del Vicesindaco di Iglesias Claudia Sanna, del sindaco di Portoscuso Giorgio Alimonda e del marito Marco Slavik. Su invito di quest’ultimo, è intervenuta anche un’amica della professoressa per aggiungere i suoi ricordi.
La presidente del Rotary Club di Iglesias ha poi proceduto alla premiazione del vincitore, alla presenza della prof.ssa Maria Cristina Atzei, in rappresentanza della preside dell’Istituto di appartenenza del vincitore, impossibilitata ad intervenire.
La Commissione giudicatrice del Premio aveva ritenuto che, fra i 4 diplomati con 100 e lode che avevano presentato la prevista domanda, il più meritevole fosse Riccardo Carboni, diplomato al Liceo Scientifico, opzione scienze applicate, dell’Istituto Fermi di Iglesias, che ha quindi ricevuto l’assegno di 1.000 euro previsto dal bando ed una pergamena ad attestazione dei suoi meriti.

Nella foto di copertina la consegna del premio al vincitore.

Nelle altre foto: la presidente Monica Mameli e la vicesindaco di Iglesias Claudia Sanna; il sindaco di Iglesias Giorgio Alimonda; la Sala Blu del Centro cultuyrale di Iglesias.