25 September, 2022
HomePosts Tagged "Lucidosottile"

[bing_translator]

Con lo scrittore Gesuino Nemus e il suo ultimo libro “L’eresia del cannonau” domenica 23 agosto cala il sipario sul IX festival culturale Liberevento, organizzato dall’associazione Contramilonga.

L’appuntamento è alle 21,30, nel Nuraghe Seruci di Gonnesa, dove Nemus ripercorrerà le pagine del suo libro (edito nel 2019 da Elliot) in dialogo con il giornalista Manolo Mureddu.

Dopo l’incontro con l’autore la serata prosegue con Cinquetto tirato a lucido. Il concerto che sconcerta, spettacolo firmato Lucidosottile che vedrà protagoniste le voci di Carla Caredda, Daniela Pibiri, Alessandro Ragatzu e Stefano Onano accompagnati al pianoforte da Federico Melis.

 

[bing_translator]

Nuovo prestigioso riconoscimento internazionale per la compagnia teatrale cagliaritana Lucidosottile. Le attrici e registe Tiziana Troja e Michela Sale Musio parteciperanno infatti dal 7 all’11 novembre in Marocco alla sesta edizione dell’Hourara International Theater Festival, che si terrà nella cittadina di Oulad Teima, a circa cinquanta chilometri da Agadir, nel sud del paese. Al festival, al quale l’Italia rappresentata dalla compagnia sarda sarà ospite d’onore, parteciperanno artisti e compagnie provenienti da Stati Uniti, Algeria, Tunisia ed Egitto. Ad Oulad Teima le due attrici terranno inoltre un seminario a cui parteciperanno attrici e attori marocchini.

Dopo la partecipazione lo scorso mese di aprile negli Stati Uniti al Festival del teatro italiano “In scena!” di New York, Lucidosottile torna ora in Africa a poco più di un anno dalla partecipazione in Algeria alla nona edizione del Festival internazionale di Bejaia. Anche in Marocco la compagnia cagliaritana proporrà al pubblico “Dissacrantemente Lucide… Lucidissime!”. Nello spettacolo, che verrà sovratitolato in francese, Tiziana Troja e Michela Sale Musio portano in scena se stesse, confessando segreti, verità, passioni e idiosincrasie, in un viaggio musicale e narrativo che rivela il percorso della compagnia Lucidosottile.

Attraversando le gioie, le angosce e le soddisfazioni vissute in questi anni di spettacoli, in “Dissacrantemente Lucide… Lucidissime!” le due interpreti coinvolgono il pubblico per novanta minuti di risate. E in Marocco ci saranno anche i personaggi di Tanya & Mara. Ironiche, popolari, esageratamente appariscenti e allo stesso tempo supertecnologiche, Tanya & Mara sono diventate un vero fenomeno del web, l’icona di una sardità che fa i conti con le sfide della modernità e che soprattutto si declina tutta al femminile.

«È per noi una grande soddisfazione poter tornare in Africa, dopo la bellissima esperienza lo scorso anno in Algeria – spiegano Tiziana Troja e Michela Sale Musio -, segno che il nostro teatro si può confrontare a livello internazionale e che il nostro linguaggio è veramente universale. Ma sarà interessante incontrare ancora una volta il pubblico, portando in scena i nostri personaggi femminili in un contesto nuovo e diverso. Sarà ancora una volta una sorpresa e un momento di crescita professionale e umana.»

[bing_translator]

Ancora comicità al femminile, domani (giovedì 8 agosto) a Sarroch, con il terzo appuntamento di Cabaret al Parco 2.0, il “comedy festival” organizzato dalla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz con il contributo del Comune del paese sul golfo di Cagliari. Dopo le LucidoSottile, protagoniste sette sere fa con lo spettacolo “Dissacrantemente Lucide… Lucidissime”, è la volta di Debora Villa con il suo recital “Venti di risate”, in scena nella corte di Villa Siotto (e non più all’Anfiteatro del Parco Pubblico dove era previsto) con inizio alle 21.30.
Artista eclettica, tra televisione, radio, cinema e teatro, l’attrice milanese (di Pioltello, per l’esattezza) è riuscita e riesce sempre ad alternare ruoli comici o di conduttrice brillante, a ruoli drammatici in fiction tv. “Le Iene”, “Colorado”, “Glob”, “I Cesaroni”, “Alex & Co” e, naturalmente “Zelig”, alcuni dei programmi cui ha partecipato e che hanno contribuito alla sua notorietà. Paolo Rossi, Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Biagio Izzo, Aldo Giovanni e Giacomo, Ricky Tognazzi, Stefania Sandrelli, Elena Sofia Ricci, Claudio Amendola, Enrico Bertolino, sono invece alcuni dei grandi artisti con cui ha lavorato.
 

[bing_translator]

Secondo appuntamento, questo giovedì (primo agosto), a Sarroch, con Cabaret al Parco 2.0, il “comedy festival” organizzato dalla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz, con il contributo del comune di Sarroch. Dopo Jacopo Cullin, che ha inaugurato la rassegna due domeniche fa, si ride con altre due artiste cagliaritane, le LucidoSottile, ovvero Michela Sale Musio e Tiziana Troja, e il loro show “Dissacrantemente Lucide… Lucidissime”: un excursus creativo assolutamente originale in cui le due attrici portano in scena se stesse, confessando segreti, verità, passioni ed idiosincrasie, in un viaggio musicale e narrativo che coinvolge il pubblico per sessanta minuti di risate, condividendo con gli spettatori le gioie, le angosce e le soddisfazioni vissute nell’arco della loro carriera, rivelando un universo femminile con dissacrante ironia, in un tourbillon di gag irriverenti.

Direttrici artistiche della compagnia LucidoSottile dal 2003, attrici, coreografe, cantanti, registe con un’esperienza ventennale alle spalle, Michela Sale Musio e Tiziana Troja sono anticonformiste, istrioniche, dissacranti. Il loro intervento nell’arte è trasversale e non convenzionale, spaziando tra il teatro, la danza, il cinema, la fotografia e la musica, tra la comicità più sagace e satirica, e il dramma contemporaneo, senza dimenticare l’impegno sociale e di politica culturale.

Si comincia alle 21.30, all’Anfiteatro del Parco Pubblico, con ingresso a 15 euro. I biglietti si possono acquistare online e nei punti vendita del circuito Box Office Sardegna (a Cagliari in viale Regina Margherita, 43; tel. 070657428), all’Edicola G. Medau a Sarroch (tel. 070900648), e alla Pro Loco di Pula in piazza del Popolo (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 21; tel. 3491679288).

Prossimo appuntamento con Cabaret al Parco 2.0 giovedì 8 agosto: in arrivo a Sarroch Debora Villa con il suo recital “Venti di risate”.

[bing_translator]

Una voce libera nel mondo della cultura italiana, uno spettacolo rivelazione dell’ultima stagione teatrale per ricordare un intellettuale che cambiò il modo in cui l’Italia guardava al mondo Lgbt. Al Family Festival di Cagliari arrivano Vito Mancuso ed Irene Serini, il primo con il suo ultimo libro “La via della bellezza”, la seconda con lo spettacolo “Abracadabra” dedicato a Mario Mieli. Appuntamento all’ExArt di piazzetta Dettori 9, venerdì 31 maggio, nell’ambito della quinta edizione del festival organizzato da Lucidosottile dal tema “Wo.Men: gli uomini raccontano di donne supreme”. Saggista e teologo, Vito Mancuso sarà presentato alle 18.00, dal giornalista Vito Biolchini, mentre lo spettacolo avrà inizio alle 21.00 (ingresso 10 euro). La serata si concluderà alla 22.00, con il dibattito “Gender family”, coordinato da Vito Biolchini e dal portavoce dell’Arc Carlo Cotza, e cui parteciperanno insieme a Irene Serini, il regista Andrea Berto, la presidente del Movimento Omosessuale Sardo Barbara Tetti, l’attore Gianluca Bozzale e Le Lucide.

[bing_translator]

Dopo la trasferta in Corsica, ospite a Bastia e Corte della importante rassegna “Il teatro è mio” organizzata dalla compagnia TeatrEuropa, torna a Cagliari per una replica straordinaria lo spettacolo “Mezzo Toro”. Prodotto dalla compagnia cagliaritana Lucidosottile, scritto e diretto da Tiziana Troja e interpretato da Felice Montervino, “Mezzo Toro” andrà in scena venerdì 15 dicembre all’ExArt di piazzetta Dettori 9, con inizio alle ore 21.00.

In “Mezzo Toro” l’attore Felice Montervino interpreta la figura mitologica del Minotauro, trasformato dall’autrice e regista Tiziana Troja in un serial killer pericoloso e inquietante ma al contempo seduttore e accattivante, maschio e femmina insieme, che aprendo allo spettatore la sua casa, intesa come spazio mentale, mostra senza restrizioni la visionaria e patologica missione e il suo mondo misterioso. Mezzo Toro nel suo labirinto solitario, scimmiotta così le pop star, convinto, nel suo mondo privato, di essere anch’esso una celebrità, e diviene il moderno killer autorizzato, il boia a servizio dello stato per epurare i mali del mondo.

[bing_translator]

Due spettacoli in un’unica serata all’insegna delle risate e della musica. Venerdì 6 gennaio va in scena all’Auditorium comunale di piazzetta Dettori a Cagliari “Doppio colpo alla Befana”: alle ore 18.30 il duo comico Umami sarà protagonista dello spettacolo “Improvvisa all’improvviso” e alle ore 21.30 sarà la volta del gruppo vocale Cinquetto con “Cinquetto tirato a lucido: il concerto che sconcerta”. Il biglietto di ingresso per entrambi gli spettacoli, organizzati da Lucidosotile, costa 15 euro, 10 invece se si vuole assistere ad un unico spettacolo. I biglietti saranno ritirabili esclusivamente il 3, il 4 e il 5 gennaio dalle 16.30 alle 20.00 presso la sede della compagnia LucidoSottile all’ExArt di piazzetta Dettori 9. 

“Improvvisa all’improvviso: per talenti del dopodomani”, scritto e interpretato dal duo comico Umami (composto da Silvia Loche e Consuelo Melis) è una gara, un match sul filo del rasoio che vede le protagoniste coinvolte in una sfida dai tempi serrati. Uno strampalato presentatore e le sue “girls” conducono le protagoniste e il pubblico di una discutibile emittente televisiva attraverso la finale del programma “Improvvisa all’improvviso” che le vede combattere a colpi di comicità. Il colpo di scena finale lascerà tutti di stucco!

Adatto ai bambini e agli adulti, questo stravagante talent condurrà il pubblico tra gag e riflessioni sul nostro tempo, un tempo farcito di televisione e di momenti trash, per talenti che non un domani, ma forse in un lontano dopodomani, troveranno spazio per una possibile carriera. Lo spettacolo (allestito con la supervisione de Le Lucide) si avvale della voce registrata di Felice Montervino, dei costumi di Sami Lo Giudice, del light design di Luca Carta e delle musiche di Davide Sardo.

È invece un viaggio musicale tra swing, pop, rock, gospel, soul e classico quello che verrà proposto a partire dalle ore 21.30 nello spettacolo “Cinquetto tirato a lucido: il concerto che sconcerta”, scritto da Tiziana Troja e Maurizio Temporin e diretto da Tiziana Troja, con i costumi di Filippo Grandulli e il light design di Luca Carta. In scena il gruppo vocale Cinquetto (composto da Carla “Dottoredda” Caredda, Federico “Federique” Melis, Stefano “Oni” Onano, Daniela “La Riccia” Pibiri e Alessandro “Panda” Ragatzu), è protagonista di un concerto scoppiettante continuamente interrotto da incidenti, gag, baruffe fra i protagonisti che, brano dopo brano, scopriranno i loro caratteri, i loro vizi, le loro manie, le idiosincrasie attraverso dialoghi ironici e dissacranti. Un mescolarsi di voci e pianoforte, melodie e cori, con un ensemble che già con il nome esprime il suo carattere carico di brio e leggerezza.

Il Cinquetto nasce nel 2008 dall’idea di Carla Caredda, Daniela Pibiri, Alessandro Ragatzu e Stefano Onano i quali, cresciuti artisticamente insieme in ambito corale, decidono di unirsi per creare un gruppo vocale. Il gruppo si consolida in una formazione a cappella e nel 2012, con l’ingresso del pianista Federico Melis, consolida il proprio progetto musicale. Ora questo nuovo spettacolo segna un nuovo passo in avanti nella ricerca artistica del gruppo.

[bing_translator]

  montervino-1

Nell’insolito spazio delle Ex stalle Ceconi, in via Lamarmora ad Assemini, ospita venerdì 28 ottobre, con inizio alle ore 21.00, lo spettacolo “Mezzo Toro”, la nuova produzione della compagnia Lucidosottile. Liberamente ispirato al racconto “La casa di Asterione” di Borges, e ideato, scritto e diretto da Tiziana Troja, lo spettacolo vede in scena l’attore Felice Montervino. I costumi, le scenografie e la grafica sono firmate da Filippo Grandulli e Daniele Coppi, il disegno luci è di Michela Sale Musio, l’assistenza tecnica di Luca Carta.

L’appuntamento è organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Assemini ed è ad ingresso gratuito.

In “Mezzo Toro” l’attore Felice Montervino interpreta la figura mitologica del Minotauro, trasformato dall’autrice e regista Tiziana Troja in un serial killer pericoloso e inquietante ma al contempo seduttore e accattivante, maschio e femmina insieme, che aprendo allo spettatore la sua casa, intesa come spazio mentale, mostra senza restrizioni la visionaria e patologica missione e il suo mondo misterioso. Mezzo Toro nel suo labirinto solitario, scimmiotta così le pop star, convinto, nel suo mondo privato, di essere anch’esso una celebrità, e diviene il moderno killer autorizzato, il boia a servizio dello stato per epurare i mali del mondo.