7 August, 2022
HomePosts Tagged "Maria Antonietta Sorgia"

[bing_translator]

Mercoledì 30 dicembre, in una cornice completamente diversa da quella usuale, si è svolta la quattordicesima edizione della manifestazione “Il Sulcis Iglesiente espone”, organizzata dal Consorzio Fieristico Sulcitano. La scelta è nata dall’emergenza sanitaria che stringe in una morsa, da ormai un anno, tutto il mondo, facendo vivere una pandemia che non si vedeva da un secolo.

L’evento, infatti, si è svolto al Teatro Centrale di Carbonia in diretta streaming su Sardegna Live, con un elegante e simpatico presentatore, Giuliano Marongiu, che ha condotto in maniera egregia l’evento, nel quale arte e spettacolo si sono fusi per allietare un pubblico che da casa ha potuto vedere le eccellenze di alcuni artisti nonché artigiani della nostra amata isola. Al suo fianco, nella presentazione di alcuni artisti espositori, sono intervenute tre splendide bellezze sarde: Luccia Asole, Francesca Ruiu e Cristiana Solinas che hanno indossato abiti e gioielli creati dalle stiliste e dagli artisti presenti con le loro creazioni… L’Atelier Anthea di Maria Antonietta Sorgia di Carbonia, con i suoi abiti da sposa e da cerimonia; l’Atelier di Marinella Staico, modellista sartoriale di Assemini; sempre da Assemini Doriana Usai, con le sue ceramiche artistiche e tradizionali; Anna D’Arte di Anna Catalano, orafa filigranista da Assemini; Sa Sabattera di Aurora Angius, Antica calzoleria di Isili; la Bottega Antica di Paolo Pittiu di Serdiana; L’Isola Del Ricamo di Paola Garau, Arte del ricamo e del cucito di Decimomannu; La Bottega Dell’Intreccio, cestini artigianali da Bonarcado.

Grande varietà di artisti che sul palco si sono esibiti con diverse performance: la cantante Maria Giovanna Cherchi, con la sua splendida voce, ha interpretato brani della musica popolare sarda; Luca Tilocca che con voce intensa e profonda, accompagnandosi con la chitarra, ha cantato “pezzi di vita vissuta”; Roberto Tangianu, con la magica musica delle sue launeddas; Giuseppe Masia, con la sua travolgente comicità, attenta ai temi socioculturali del momento, non ha trascurato di “cantare” pandemia e coronavirus.

Lo stesso Giuliano Marongiu si è esibito in coinvolgenti duetti con la bravissima Laura Spano che ha anche interpretato dei brani come solista. Insieme, hanno animato il palco con una complicità unica e speciale.

Luci e musica hanno ulteriormente messo in luce gli abiti e gli accessori indossati dalle artiste che hanno particolarmente gradito indossare vista la bellezza e la particolarità dei capolavori artistici.

Sul palco sono poi intervenuti Doriana Usai, una delle artigiane che ha esposto e che per la serata ha curato il coordinamento artistico; il presidente del Consorzio Fieristico Sulcitano Mauro De Sanctis, particolarmente soddisfatto della riuscita dello spettacolo, seguito in diretta streaming da migliaia di spettatori; l’assessora dello spettacolo del comune di Carbonia, Sabrina Sabiu,che si è complimentata per la riuscita della serata.

I saluti finali sono stati dedicati all’auspicio che la prossima edizione prevista per giugno 2021 si possa organizzare in presenza.

L’evento si è svolto nel rispetto di tutte le norme anti covid.

Nadia Pische

                                                                                                                                                  

opuscolo G.pdf

Successo per la sfilata di moda di stilisti della Sardegna denominata “#Sardegna in Passerella – Oggi mi sento solidale, sostengo chi sostiene”, organizzata dall’Auser Ula di Carbonia e svoltasi alcune settimane fa nell’anfiteatro di piazza Marmilla, a Carbonia, con lo scopo di dare maggiore visibilità a tutte le associazioni di volontariato che operano a Carbonia e nel territorio.

«L’alta moda – spiega Andrea Piras – si è prestata per una nobile causa a sostegno delle numerose associazioni che quotidianamente offrono i loro servizi in un territorio dall’alto indice di disoccupazione. Durante la serata hanno sfilato le creazioni frutto dell’estro e delle abilità dei noti stilisti sardi Maria Antonietta Sorgia di Carbonia – Maria Conte, Emma Ibba, Daniele Sitzia  di Cagliari – Mariella Staico di Assemini – Paola Tangianu di Sassari – Istimentos di Samugheo, con piacevoli intermezzi artistici a cura della scuola di ballo Magalenha Ro Dance, dei maestri Roberto e Romina e del cantante Matteo Bernardini.»

«La manifestazione – aggiunge Andrea Piras – aveva lo scopo non solo di offrire una serata piacevole e di intrattenimento, ma anche di dare un piccolo sostegno alle 25 associazioni di volontariato che hanno aderito all’iniziativa e che operano fattivamente nel nostro territorio. Alla fine della manifestazione – conclude Andrea Piras – è stata fatta l’estrazione dei biglietti della sottoscrizione a premi che sono stati distribuiti in questi ultimi mesi, il cui ricavato verrà utilizzato per finanziare le attività offerte quotidianamente in modo gratuito dalle associazioni di volontariato.»

manifesto finale tv

Sabato 26 luglio, alle ore 21.30, l’anfiteatro di piazza Marmilla ospiterà una sfilata di moda di stilisti della Sardegna denominata “Sardegna in Passerella – Oggi mi sento solidale, sostengo chi sostiene”, organizzata dall’Auser ULA di Carbonia. L’obiettivo è dare visibilità a tutte le associazioni di volontariato che operano a Carbonia e nel nostro territorio. L’Alta moda si presta per una nobile causa a sostegno delle numerose associazioni che quotidianamente offrono i loro servizi in un territorio dall’alto indice di disoccupazione. Durante la serata sfileranno le creazioni frutto dell’estro e delle abilità dei noti stilisti sardi Maria Antonietta Sorgia di Carbonia – Maria Conte, Emma Ibba, Daniele Sitzia  di Cagliari – Mariella Staico di Assemini – Paola Tangianu di Sassari – Istimentos di Samugheo, con piacevoli intermezzi artistici a cura della scuola di ballo Magalenha Ro Dance, dei maestri Roberto e Romina, e del cantante Matteo Bernardini.

Alla fine della manifestazione verrà fatta l’estrazione dei biglietti della sottoscrizione a premi che sono stati distribuiti in questi ultimi mesi, il cui ricavato verrà utilizzato per finanziare le attività offerte quotidianamente in modo gratuito dalle associazioni di volontariato.