9 December, 2022
HomePosts Tagged "Renzo Persico"

[bing_translator]

Si è riunita questa mattina presso il Conference Center di Porto Cervo, presieduta dall’avv. Renzo Persico, l’Assemblea Generale del Consorzio Costa Smeralda – associazione nata nel 1962 per volontà del principe Karim Aga Khan – che ha analizzato attività e programma, bilancio consuntivo e bilancio previsionale e ha proceduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione.

L’Assemblea ha confermato il giudizio positivo in merito all’operato del Consorzio – presieduto dall’Avvocato Renzo Persico – che ha raggiunto un record di consensi con il 90% dei voti favorevoli sul totale dei rappresentati in assemblea, raccogliendo il favore di molti dei più importanti consorziati storici.

L’Assemblea ha quindi proceduto all’elezione del nuovo Consiglio di Amministrazione per il prossimo quadriennio: il cda sarà composto da Mario Ferraro, Franco Mulas, Davide Cerea e Renzo Persico.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione, riunitosi al termine della Assemblea, ha nominato Renzo Persico come Presidente del Consorzio Costa Smeralda e Mario Ferraro come Vice Presidente.  Inoltre è stato riconfermato Massimo Marcialis come Direttore Generale.

Nel suo discorso ai consorziati, il presidente Renzo Persico ha evidenziato come «sempre il Consorzio rappresenti un’istituzione insostituibile per la conservazione e lo sviluppo della Costa Smeralda, garante e tutore della sua immagine e territorio, paradiso naturale conosciuto e apprezzato in tutto il mondo e visto in molti casi come modello di riferimento di sistema turistico. Il suo lavoro e il senso di responsabilità che ha dimostrato nel tempo sono sotto gli occhi di tutti e conferma il nostro centro turistico come riferimento di qualità, grazie all’attività del Consorzio che ha come obiettivo primario quello di far sì che il patrimonio progettato, realizzato e vissuto da ognuno di noi mantenga il suo valore e lo aumenti. Assistenza medica dedicata (anche 24 ore su 24), squadre antincendio equipaggiate, guardiania, parcheggi riservati ai consorziati, depurazione di acque reflue, pulizia delle spiagge, gestione e pulizia delle strade, illuminazione pubblica, gestione del verde pubblico, realizzazione di eventi e la costituzione del Comitato di architettura sono solo alcune delle attività a cui è chiamato il Consorzio Costa Smeralda, per rendere la Costa Smeralda più accogliente, più vivibile e più accessibile, per i consorziati ma anche per i turisti italiani e internazionali».

«Stiamo promuovendo un grande processo di rinnovamento – ha detto Mario Ferraro, vice presidente del Consorzio Costa Smeralda – con investimenti per oltre 6 milioni di euro nel prossimo biennio. Il Consorzio lavora secondo un piano strategico quinquennale avviato nel 2017 che punta a rivitalizzare la Costa Smeralda e favorire la realizzazione di progetti volti allo sviluppo della destinazione, per venire incontro alle le mutate esigenze e i crescenti flussi turistici, rendendo la Costa Smeralda più attrattiva, diversificando e ampliando l’offerta dei servizi erogati a consorziati e turisti.»

L’Assemblea ha inoltre approvato il bilancio consolidato di esercizio 2018, chiuso con ricavi a 11,312 milioni di euro, di cui circa il 62% da quote versate dai 3.889 consorziati.

Il territorio del Consorzio Costa Smeralda si estende su un’area di circa 3.114 ettari e su un confine costiero di oltre 55 chilometri, di cui 96,3% di superficie verde, e i cui membri sono 3.889 persone fisiche o giuridiche: oggi il Consorzio Costa Smeralda rappresenta «l’area gestita da privati» più vasta d’Europa.

«Un’area che, grazie al contributo di tutti – sottolinea Massimo Marcialis, Direttore Generale del Consorzio Costa Smeralda – ha saputo incrementare il proprio valore in maniera molto importante: se nel 2007, ultimo periodo prima della grande recessione, il valore era pari a 10.900 euro al metro quadro, oggi, secondo i più recenti dati 2018 della Banca dati dell’Agenzia delle Entrate, il valore è cresciuto a 13.000 euro al metro quadro, con un aumento rispetto al 2007 del 19,3%, a fronte di un calo medio nazionale di circa il 25%. Crediamo che sia qualcosa di unico, una performance di cui siamo orgogliosi e su cui ha inciso anche la nostra organizzazione consortile

Nel prossimo biennio saranno realizzate infrastrutture, come i parcheggi (Porto Paglia, all’ingresso del villaggio Porto Cervo e alla Marina di Porto Cervo), l’abbattimento di barriere architettoniche nel centro di Porto Cervo e la realizzazione di marciapiedi a Cala del Faro e all’ingresso Liscia Ruja del Cala di Volpe, ma il Consorzio lavora anche a progetti unici come le isole ecologiche a scomparsa, di cui sarà protagonista via Romazzino, unitamente al rinnovamento del verde urbano, come all’ingresso principale di Porto Cervo; inoltre il Consorzio provvederà a consolidare ulteriormente i servizi con una partnership esclusiva con il Mater Olbia.

A queste attività si aggiungono obiettivi del piano strategico che entro il 2024 punta a un riposizionamento globale dell’immagine della Costa Smeralda, al recupero dell’autorevolezza e alla valorizzazione dell’appartenenza al Consorzio, alla promozione della destinazione con la creazione di una community internazionale, partendo dalla considerazione che Costa Smeralda® non è un toponimo, ma un marchio registrato.

Inoltre, per incrementare il coinvolgimento della community internazionale, nel 2019 il Consorzio ha intrapreso innovative attività di comunicazione, tra cui:

  • – il portale Costa Smeralda (costasmeraldaportal.com), che contiene informazioni aggiornate su tutto ciò che riguarda la Costa Smeralda e la destinazione, con highlights sul mondo del lusso internazionale. Il portale rappresenta il canale di informazione ufficiale per la Costa Smeralda e diventerà nel tempo l’unico riferimento poiché, in virtù della registrazione del marchio, ogni altra fonte non autorizzata sarà progressivamente inibita. Il mondo digitale della Costa Smeralda®, riorganizzato nel portale, raggruppa tutti i siti di proprietà del Consorzio e i siti delle strutture consorziate – la cui adesione aumenta progressivamente (11 alla data attuale) – e rappresenta il veicolo più importante e più potente per la promozione della destinazione, con un potenziale di acquisizione traffico che ha già dato risultati sorprendenti a pochi mesi dalla messa online
  • – il tabloid mensile Costa Smeralda Journal, organo ufficiale del Consorzio, che si occupa dei consorziati e di tutto ciò che avviene nell’area della Costa Smeralda
  • – Handbook, il magazine ufficiale della Costa Smeralda con un’impostazione grafica outstanding ed una linea editoriale che spazia in tutti i campi dell’eccellenza internazionale
  • – un sistema di newsletter con diversi database esclusivi, unici nel loro genere
  • – il restyling del marchio e del logo Costa Smeralda.

[bing_translator] 

La Sardegna entra a far parte del tour letterario dei “Libri d’Acqua” con tre testimonial d’eccezione: la capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Alessandra Zedda, il presidente del consorzio Costa Smeralda, Renzo Persico ed il patron delle tonnare di Carloforte, l’avvocato Pier Greco. L’annuncio è arrivato questa mattina, nel corso di un incontro con la stampa, da Vera Slepoj, psicologa e psicoterapeuta, autrice de “La psicologia dell’amore (Mondadori)” ma, soprattutto, ideatrice della rassegna letteraria che rilancia il legame tra la letteratura e il territorio, promuovendo un vero e proprio tour internazionale che porta scrittori e intellettuali nel mondo, seguendo il filo rosso rappresentato dall’acqua.

Il Sardegna si inizia il 3 agosto, a Porto Cervo, con Salvatore Niffoi nell’appuntamento che, per volontà del consorzio Costa Smeralda, è stato inserito anche all’interno del “Festival dei libri del mare” che si svolge nel pieno della stagione turistica in Gallura.

«Ma è, soprattutto, al cuore della Sardegna, che guardiamo con interesse – ha affermato Alessandra Zedda – nel nostro viaggio culturale che fluidifica, seguendo il percorso dell’acqua e attraversando culture e mondi, una rete di relazioni tra gli autori, i libri, le città e i territori». Diverse le esperienze internazionali, tra le quali spiccano i recenti eventi nelle capitali europee, ad incominciare da quello nella biblioteca Travellers Club di Londra e a Parigi, nonché i confronti in altri continenti come quelli tenuti a Nuova Delhi, Calcutta o New York.

«Libri d’Acqua – ha dichiarato Vera Slepoj – rappresenterà anche un momento di promozione internazionale per l’intera Sardegna, soprattutto per quelle parti dell’Isola che non sono presenti nei tradizionali circuiti turistici ma che costituiscono un inesauribile patrimonio di cultura, ambiente e tradizioni.»

«Auspichiamo l’interesse di enti, istituzioni e amministrazioni – hanno concluso ideatori e testimonial del tour letterario – perché promuovano e valorizzino luoghi e territori anche attraverso gli incontri e gli eventi dei Libri d’Acqua in Sardegna.»   

[bing_translator]

Si è conclusa ieri, ad Escolca, la “Festa de s’ollu et su liori”, evento organizzato dal Comune, dalla Pro Loco e dall’associazione Mariolè con il sostegno della Regione, Fondazione di Sardegna e Laore.

Prima tappa del progetto “Stiddius de Oru”, la partecipata manifestazione è riuscita nell’intento di raggruppare tante personalità che si sono contraddistinte in positivo per la Sardegna, grazie al contributo delle quali si è dato lustro al territorio del Sarcidano e della Barbagia di Seulo, favorendo la promozione della nostra Isola nei settori enogastronomici, turistici ed ambientali.

Il prologo di ieri è stato la firma del Protocollo d’Intesa tra percorso “Stiddius de oru” rappresentato dal sindaco di Escolca Eugenio Lai, ed il Consorzio Costa Smeralda, nella persona del presidente Renzo Persico, finalizzato alla nascita di una collaborazione per la valorizzazione dei prodotti tipici ed enogastronomici locali.

Ad iniziare dalla presentatrice televisiva Licia Colò, amante del territorio sardo tanto da promuoverlo immancabilmente nelle sue trasmissioni, è stata lunga la lista dei premiati, rappresentanti dell’isola in tutte le sue declinazioni: Gilberto Arru – Giornalista, scrittore; Piero Cella – Enologo; Antonello Arrus – Stella Michelin 2014; Don Ettore Cannavera – Comunità La Collina; Laura Accalai – Consorzio Grano Capelli; Francesco Cadoni -Consorzio Olio DOP Sardegna; Giambattista Mureddu – Agriturismo Montiferru; Giuseppe Carboni – Console Onorario Repubblica di Belarus a Cagliari; Luciano Oscar Atzori – RAI, Domenico Bagalà in rappresentanza del Forte Village, Giuseppe Carrus – Gambero Rosso.

Due menzioni d’onore sono state assegnate dall’Amministrazione comunale alle società olivicole escolchesi: Corte Olias e Sa Mola.

Il premio relativo alla rassegna olearia categoria privati è andato invece a Marcello Mulas di Nurri.

[bing_translator]

Costa Smeralda è il nome che Costa Crociere – brand di Carnival Corporation & plc, il più grande gruppo crocieristico al mondo con 10 diversi marchi – ha scelto per “battezzare” la nuova ammiraglia, che – alimentata a gas naturale liquefatto (LNG), entrerà in servizio nell’ottobre 2019.Il nome è stato annunciato il 13 settembre 2017 in  occasione della cerimonia del taglio della prima lamiera presso il cantiere Meyer di Turku, in Finlandia; presente alla cerimonia il Presidente del Consorzio Costa Smeralda Renzo Persico.

L’annuncio del nome è frutto di un accordo di collaborazione tra la compagnia italiana e il Consorzio Costa Smeralda (www.consorziocostasmeralda.com), ente che si occupa dello sviluppo e della promozione della principale area turistica della Sardegna e detentore del marchio Costa Smeralda.

La partnership prevede inoltre una serie di iniziative congiunte che verranno rese note nei prossimi mesi.

La nuova nave di Costa Crociere sarà la prima nave da crociera alimentata a gas naturale liquefatto (LNG) disponibile per il mercato mondiale, in particolare quello europeo, Italia inclusa, e la prima di questo genere per la compagnia italiana, avrà una stazza lorda di oltre 180.000 tonnellate e offrirà più di 2.600 cabine per un totale di circa 6.600 passeggeri e 1600 equipaggio.

Renzo Persico, presidente del Consorzio Costa Smeralda ha dichiarato durante la cerimonia id inizio costruzione in Finlandia: «Siamo molto felici di poter collaborare alla realizzazione di questo bellissimo progetto al fianco di Costa Crociere, un player che è leader nel proprio settore e universalmente riconosciuto come solido e affidabile. Siamo inoltre davvero onorati che la scelta del nome della nuova e moderna ammiraglia sia ricaduta su “Costa Smeralda”, il marchio più prestigioso del sistema turistico internazionale sino ad oggi legato in maniera inscindibile al nostro territorio, ma in virtù dell’eccellenza raggiunta nel campo mondiale dal gruppo Costa Crociere, il Consorzio Costa Smeralda ha voluto affidare il suo nome alla futura ammiraglia che lo porterà in tutti i continenti».

«Abbiamo deciso di chiamare la nuova ammiraglia della flotta Costa con il nome di una delle località più incantevoli e rinomate d’Italia. La Costa Smeralda è un luogo di straordinaria bellezza che racchiude l’eccellenza delle meraviglie italiane con il fascino glamour che negli anni si è affermato – ha dichiarato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere -. Ma la scelta non è stata solo guidata da queste motivazioni. L’impegno del Consorzio verso i temi e le pratiche di sostenibilità ci hanno portato a trovare un’intesa perfetta sotto molti punti di vista. È con grande onore, dunque, che Costa Smeralda rappresenterà la bellezza di questo luogo nel mondo e sarà ambasciatrice di tutto quello che di magnifico ha l’Italia da raccontare.»

«Sono molto soddisfatto – dichiara Mario Ferraro, vicepresidente del Consorzio Costa Smeralda – di questo accordo che ci consente di esportare i valori e le bellezze di questa nostra splendida area di Sardegna sulle acque di tutto il mondo: grazie a questo accordo due eccellenze nel turismo, Costa Crociere e la Costa Smeralda, viaggeranno portando nel mondo una parte di Italia. Ci inorgoglisce sapere – considerata l’estrema attenzione al territorio e all’ambiente – che il nome Costa Smeralda sia attribuito alla prima nave alimentata a gas naturale liquefatto, il combustibile fossile più “pulito” al mondo.»

[bing_translator]

Sotto la presidenza dell’avv. Renzo Persico si è riunita venerdì 28 luglio 2017, presso il Conference Center di Porto Cervo, l’assemblea annuale dei soci del Consorzio Costa Smeralda, per analizzare attività e programma del Consorzio, bilancio consuntivo e bilancio previsionale ed elezione del nuovo componente del Consiglio di Amministrazione.

Presente all’assemblea il nuovo sindaco di Arzachena Roberto Ragnedda, che ha rivolto il suo saluto ai soci ed illustrato le linee guida del programma dell’Amministrazione.

Con il 97,6% dei voti favorevoli, l’Assemblea ha confermato il giudizio positivo sull’operato del Consorzio – guidato dall’avvocato Renzo Persico e dal vice presidente, Mario Ferraro – ha inoltre approvato attività e programma, bilancio consuntivo, bilancio previsionale e nominato Davide Cerea, già direttore finanziario del Gruppo Smeralda Holding, come nuovo componente del Consiglio di Amministrazione.

Il presidente Renzo Persico, nella sua relazione ai Consorziati, ha evidenziato come il sistema turistico di Arzachena/Costa Smeralda, frutto della lungimiranza e della grande passione creativa del principe Aga Khan, confermi ancora oggi la sua validità, rimanendo legato ai criteri ispiratori della sua fondazione quali l’ambiente, la cultura e la identità storica.

«Spetta a noi, che abbiamo la fortuna di gestire questo straordinario patrimonio, farci carico degli oneri che accompagnano tale dono – ha affermato Renzo Persico -. Questo sentimento di rispetto assoluto non può che rafforzare il concetto di responsabilità, che è strettamente collegato alla difesa del territorio, delle acque, delle coste, dell’ambiente e di tutto quell’universo costituito da esperienze ed equilibri che sono alla base del nostro lavoro. Ecco perché il nostro impegno si è concretizzato sempre di più da una parte nella difesa dell’ambiente, degli aspetti paesaggistici, edilizi e, dall’altra, nella gestione di un attento sistema di servizi ambientali e di sicurezza di alto profilo. È bene ricordare come il nostro Consorzio, per poter essere protagonista e fortemente competitivo in campo internazionale, debba investire sempre di più nel miglioramento delle infrastrutture e nel potenziamento delle sue attività in generale, in un costante dialogo e collaborazione con l’intero sistema che circonda il Consorzio.»

Mario Ferraro, vice presidente del Consorzio Costa Smeralda e AD della società operativa – la Servizi Consortili Spa – ha illustrato le linee strategiche del piano di progetti in fase di definizione con il comune di Arzachena: «Grazie al potenziamento di energie e investimenti, il Consorzio vuole ribadire il suo ruolo di tutore del territorio, preservando questo splendido ambiente, con progetti sostenibili e iniziative compatibili con la modernità richiesta dalle strategie di sviluppo, affinché il mito della Costa Smeralda sia sempre ai primi posti nel mercato del turismo mondiale. La nostra missione è rendere questo paradiso ancora più unico e piacevole, intensificandone i servizi e creando infrastrutture per migliorarne la fruibilità, la viabilità e l’accessibilità e favorire la scoperta, la conoscenza e l’interazione con il territorio e le sue ricchezze, nel massimo e costante rispetto dell’ambiente».

Tra i progetti realizzati per questa stagione, parte di un più ampio piano strategico, ci sono: venti nuovi parcheggi nel centro di Porto Cervo, la Passeggiata Porto Paglia, un percorso pedonale lungo un chilometro e mezzo vista mare, che parte dal centro del borgo smeraldino e conduce alla spiaggia, riqualificando l’ingresso di Porto Cervo; la creazione dei percorsi naturalistici-benessere “Pevero Health Trail”, in linea con la valorizzazione delle risorse naturali del territorio e favorire così la destagionalizzazione e un più ampio calendario di eventi culturali e di intrattenimento anche nei mesi di bassa stagione.

Ha chiuso i lavori il direttore Massimo Marcialis, che, nella sua relazione, ha illustrato ai Soci i principali dati economici e finanziari, evidenziando il lavoro svolto dal Consiglio che ha saputo migliorare i conti finanziari del Consorzio Costa Smeralda elevando al contempo gli standard dei servizi offerti.

[bing_translator]

Quest’estate clienti, turisti e residenti avranno a disposizione due incantevoli percorsi creati da Sardegna Resorts, in collaborazione con il Consorzio Costa Smeralda e il Pevero Golf Club, appositamente per chi ama il fitness, la natura e la Costa Smeralda.

Mario Ferraro, amministratore delegato del Gruppo Smeralda Holding, capofila di Sardegna Resorts e Pevero Golf Club e vice presidente del Consorzio Costa Smeralda presenta la novità della stagione estiva 2017: «La realizzazione del Pevero Health Trail rientra nella nostra visione di valorizzazione del territorio in cui la sostenibilità ambientale è il presupposto imprescindibile dell’ampio piano industriale di cui fa parte – spiega Mario Ferraro -. Gli itinerari che abbiamo ideato sono i percorsi salute della Costa Smeralda, unici per le bellezze naturali che attraversano, per la scelta dei materiali, per la qualità e la selezione delle dotazioni. Chiunque li frequenti ritroverà lo stesso livello qualitativo di tutte le nostre strutture: Pevero Health Trail è un servizio che, oltre ad ampliare l’offerta di intrattenimento, rappresenta un invito a visitare la Costa Smeralda anche fuori stagione, dato che le attività previste nei percorsi sono praticate generalmente in primavera e in autunno».

Pevero Health Trail è formato da due percorsi (con una segnaletica distinta, gialla per quello Energy e rossa per quello Relax) che si snodano tra le aree del Pevero e di Romazzino fino a lambire le baie di Porto Liccia e del Grande Pevero. Gli ingressi sono quattro, tutti in corrispondenza di aree di sosta raggiungibili in auto: Club House del Pevero Golf Club, Spiaggia del Grande Pevero (utilizzando l’accesso e i parcheggi del Piccolo Pevero), Piccolo Romazzino e Romazzino, accedendo tramite il parcheggio posto dopo l’hotel in zona Porto Liccia. «Il progetto rientra nel Piano strategico con il quale il Consorzio Costa Smeralda intende sviluppare un’offerta di maggior valore per i consorziati e i visitatori, un’alternativa al solo turismo balneare, con l’obiettivo di allungare la stagione – conferma Mario Ferraro -. In quest’ottica il Consorzio Costa Smeralda ha organizzato un calendario di eventi che inizia ad aprile e si conclude a metà ottobre». Il taglio del nastro all’ingresso di uno dei percorsi davanti al Pevero Golf Club si è svolto alla presenza del sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, insieme alla giunta comunale al gran completo e a tutta la maggioranza consiliare. Insieme alle autorità civili e militari, Mario Ferraro, amministratore delegato del Gruppo Smeralda Holding e vicepresidente del Consorzio Costa Smeralda ed il presidente del Consorzio Costa Smeralda, Renzo Persico e Marco Maria Berio, direttore del Pevero Golf Club.

«Il progetto è una perfetta sintesi tra natura, sport e benessere per rispondere alla sempre crescente domanda del target salutista mondiale anche in vacanza – spiega Marco Maria Berio, direttore del Pevero Golf Club -. Creiamo in questo modo anche delle opportunità per far conoscere la macchia mediterranea e le bellezze naturalistiche di questo magnifico territorio.»