10 May, 2021
Home2020Agosto (Page 2)

[bing_translator]

«Mentre, purtroppo, per varie cause, il Coronavirus ha ripreso a diffondersi e si avvicina l’apertura dell’anno scolastico, ai cittadini e alle cittadine del Sulcis Iglesiente, un bacino di circa 150mila persone più i turisti, è ancora impossibile fare nelle strutture sanitarie territoriali locali, gli esami medici di cui abbiano necessità.»

Lo scrive, in una nota, Giacomo Guadagnini, dirigente regionale del Partito democratico, che aggiunge: «Nel marzo scorso, l’assessorato regionale della Sanità ha deliberatamente escluso il Sulcis Iglesiente dalla rete regionale dei laboratori attrezzati per gli esami Covid-19. Già questo fatto è di per sé molto grave. Successivamente, come è noto, la Fondazione di Sardegna ha meritoriamente provveduto, con sue risorse, a finanziare l’acquisto dei macchinari, supplendo alle deficienze dell’assessorato. Ma, a mesi di distanza dal finanziamento, questi – acquistati alcune settimane fa – non sono stati ancora messi in funzione. Le motivazioni addotte sono quelle tipiche del “campa cavallo”. Servono fatti e non chiacchiere e rinvii».

«I consiglieri regionali del territorio hanno reagito alla denuncia di questa inaccettabile situazionesottolinea Giacomo Guadagnini chiamando in causa la precedente Giunta regionale. Dovrebbero però  ricordarsi che hanno vinto le elezioni ormai da diciotto mesi e che in questo periodo la situazione è peggiorata in tutti i sevizi sanitari e che le liste d’attesa si sono ulteriormente allungate e non accorciate – conclude Giacomo Guadagninimentre concentravano la loro attenzione sulla moltiplicazione delle poltrone, cosa che interessa solamente qualche centro di potere e non migliora i servizi.»

[bing_translator]

Tutti esauriti i posti disponibili previsti dal piano di sicurezza anti Covid-19 per la presentazione della seconda edizione in italiano e in inglese della guida del Cammino Minerario di Santa Barbara.

Il Santuario ed il Monastero della Beata Vergine del Buon Cammino e la spettacolare visione notturna della città di Iglesias e della Valle del Cixerri, hanno fatto da cornice ad una serata carica di suggestioni, durante la quale sono stati consegnati i Testimonium e le Torri a 14 pellegrini provenienti da diverse regioni che hanno percorso il Cammino Minerario di Santa Barbara.

Nell’occasione è stato presentato il prototipo di mascherina ecosostenibile donato al Cammino Minerario di Santa Barbara da un gruppo di volontarie denominato “protezione a chilometro zero” e personalizzato con il ricamo della Torre dalla Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara.

L’evento è stato concluso con un magico concerto di Elena Ledda “Amaiuscon Mauro Palmas, Simonetta Soro, Silvano Lobina e Marcello Peghin che ha diffuso gioia e armonia sul Colle del Buon Cammino.

[bing_translator]

E’ l’ultimo arrivato nel nuovo Carbonia di Marco Mariotti, è in città da martedì scorso e giovedì e sabato ha già avuto modo di giocare con i nuovi compagni due spezzoni di partita nelle amichevoli disputate allo stadio Comunale “Carlo Zoboli” con due squadre di Eccellenza regionale, Sant’Elena Quartu e Guspini. Roberto Cappai, 31 anni, cagliaritano, è arrivato a vestire la maglia del Carbonia con una lunga esperienza alle spalle iniziata alla Villacidrese a soli 17 anni e sviluppatasi tra serie C2 (80 presenze e 6 goal) e serie D (251 presenze e 75 goal). Nelle ultime tre stagioni ha vestito la maglia del Casale, in serie D.

Ieri pomeriggio lo abbiamo intervistato, al termine dell’amichevole con il Guspini.

Giampaolo Cirronis

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10223858190790617

 

[bing_translator]

«Grazie ai cantieri comunali avviati col progetto Lavoras, opere importanti sono rimaste a Carbonia, dando lavoro a 40 cittadini

Lo ha detto il sindaco di Carbonia, Paola Massidda.

Per otto mesi tre squadre di lavoratori, complessivamente 40 unità lavorative, hanno lavorato per 20 ore settimanali, restituendo alla città opere di messa in sicurezza, quali fasce di parafuoco nelle zone limitrofe a strade comunali ed i lavori di manutenzione degli impianti sportivi del complesso di via Balilla.
«Due settimane fa è stato chiuso il primo cantiere di 14 lavoratori dedicati alla realizzazione delle fasce parafuoco, mentre ieri si sono conclusi i due cantieri che operavano nella Cittadella sportiva di via Balilla spiega il sindaco, Paola Massidda -. Uno di questi ultimi due cantieri, di 13 lavoratori ciascuno, ha realizzato la manutenzione e riqualificazione dei muri esterni della pista di atletica per 400 metri lineari; l’altro ha portato avanti i lavori di riqualificazione dell’area di pertinenza della pista di pattinaggio e ripristino della balaustra della pista di pattinaggio.»
«La cura nella realizzazione dei lavori e l’attenzione anche nelle piccole cose di contorno, come la realizzazione di piccoli giardinetti nelle aree diserbate, testimonia amore e attenzione per la città e per il lavoro da parte di questi nostri concittadiniconclude Paola Massidda –. A loro tutti i miei ringraziamenti personali e di tutta l’amministrazione, che lavora già per l’apertura di nuovi cantieri Lavoras.»

[bing_translator]

Calano sensibilmente i nuovi casi positivi al Coronavirus in Sardegna, 22 quelli accertati nelle ultime 24 ore. Salgono a 2.114 i casi di positività dall’inizio dell’emergenza. Resta invariato il numero delle vittime, 134. In totale sono stati eseguiti 134.534 tamponi, con un incremento di 1.134 test rispetto all’ultimo aggiornamento. Sono 28 (+4 rispetto al bollettino di ieri) i pazienti ricoverati in ospedale. Si registra un paziente in più in terapia intensiva, 3 attualmente nell’Isola. Le persone in isolamento domiciliare sono 681. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.264 pazienti guariti (+1 rispetto al precedente bollettino), più altri 4 guariti clinicamente.
Sul territorio, dei 2.114 casi positivi complessivamente accertati, 383 (+5) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 217 (+2) nel Sud Sardegna, 65 a Oristano, 125 (+3) a Nuoro, 1.324 (+12) a Sassari.

[bing_translator]

Un goal del giovane Daniele Cannas, realizzato con un preciso colpo di testa a metà del secondo tempo, ha fissato il risultato di 1 a 0 nella seconda amichevole precampionato disputata ieri pomeriggio dal nuovo Carbonia di Marco Mariotti, allo stadio Comunale “Carlo Zoboli”, contro il Guspini di Giampaolo Murru. Rispetto alla prima uscita di 48 ore prima con il Sant’Elena, che aveva visto il Carbonia imporsi per 7 a 0, il Guspini ha mostrato buone potenzialità per una squadra di Eccellenza regionale e, nel primo tempo, ha avuto anche una ghiotta opportunità per sbloccare per primo il risultato, con un calcio di rigore che il bomber Mattia Caddeo non ha sfruttato, cogliendo un palo.

Marco Mariotti anche ieri ha alternato i calciatori a disposizione (come ha fatto anche Giampaolo Murru per il Guspini), per le prime verifiche del duro lavoro svolto fin qui, anche con due sedute giornaliere. Come era avvenuto già con il Sant’Elena, le buone indicazioni non sono mancate.

La presenza di circa 200 spettatori sulla tribuna del “Carlo Zoboli”, in un caldissimo pomeriggio di fine agosto (il direttore di gara, Salvatore Castronovo, ha dato il fischio d’inizio alle 17.00), conferma il grande interesse intorno al nuovo Carbonia, a tre settimane dall’inizio della nuova stagione con la Coppa Italia (in programma il 20 settembre) e a poco meno di un mese dal via del campionato (27 settembre).

                                                  

[bing_translator]

Si è svolta ieri, a Guspini, la prima giornata dell’VIII edizione del Festival di letteratura per ragazzi “Bimbi a Bordo”. Bambini, ragazzi, adulti e docenti hanno avuto l’imbarazzo della scelta tra le molteplici proposte presenti in programma. Dopo la Lectio Inauguralis del direttore scientifico della manifestazione Mara Durante, si sono alternati sui vari palchi illustratori, scrittori, operatori culturali che hanno saputo coinvolgere tutte e tutti.
 

[bing_translator]

È di un morto e quattro feriti, questi ultimi trasportati in codice rosso negli ospedali cittadini, il bilancio di un tragico incidente avvenuto questa notte nella rotonda di Decimomannu.

Secondo la ricostruzione, una Bmw avrebbe speronato la Citroen C1. Sul posto è intervenuta la squadra dei vigili del fuoco di Cagliari per estrarre dalle lamiere i ragazzi, tutti ventenni. Sul posto anche Anas ed i carabinieri di San Sperate.

Antonio Caria

[bing_translator]

Cala il sipario, questa sera, sulla trentesima edizione del festival Narcao Blues. L’ultima serata, solitamente occasione per salutare in bellezza ogni edizione del festival, quest’anno non potrà ospitare la consueta festa, ma offrirà al pubblico la musica di due punte di diamante del blues in Sardegna. L’apertura, alle 21.00, è affidata a Vittorio Pitzalis, che grandi consensi ha raccolto con la sua prima pubblicazione, il disco “Jimi James, prodotto dall’etichetta MGJR Records nel 2017 (vincitore del premio Mario Cervo come migliore produzione discografica in Sardegna nel 2018). L’album, acclamato al Delta Blues di Rovigo nel giugno 2018, gli ha permesso di volare negli Stati Uniti, dove nel 2019 ha concorso alla trentacinquesima edizione dell’IBC International Blues Challenge. Nel corso della sua carriera, Vittorio Pitzalis si è esibito su alcuni tra i palcoscenici più importanti della scena nazionale. Nel 1994 ha guadagnato la prima posizione al concorso indetto dal Narcao Blues Festival e nel 1995 si è aggiudicato il primo gradino del podio nel contest organizzato dal festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz.

Chiusura in bellezza, alle 23.00, con Francesco Piu, bluesman che può essere definito uno dei figli del festival di Narcao: l’artista sassarese presenterà il suo nuovo album, “Crossing” (Appaloosa, 2019), in cui porta idealmente Robert Johnson e i suoi brani leggendari nel Mediterraneo, attraverso la sua voce e lo slide della sua chitarra elettrica, colorandoli con le percussioni africane e mediorientali, le corde arabe, greche, l’elettronica e i suoni ancestrali della Sardegna (launeddas e canto a tenore). Sul palco, insieme a Francesco Piu, ci saranno Francesco Ogana (bouzouki, oud, guitalele, chitarra elettrica), Gavino Riva (basso), DJ Cris (samples, scretches), Paolo Succu (batteria, darbuka, djembè) e Bruno Piccinnu (calebasse, djembè, bongos).

 

_MG_4364 _MG_4367 _MG_4376 _MG_4377 _MG_4381 _MG_4385 _MG_4391     _MG_4505      _MG_4632    IMG_6505 IMG_6511  IMG_6594 IMG_6595

 

[bing_translator]

Crescono ancora i casi positivi al Covid-19 in Sardegna, 70 nelle ultime 24 ore, 50 dei quali nella sola provincia di Sassari. Salgono a2.092 i casi di positività dall’inizio dell’emergenza. 65 dei 70 nuovi casi, sono stati identificati in seguito all’attività di screening e 5 per sospetto diagnostico. Resta invariato il numero delle vittime, 134. In totale sono stati eseguiti 133.400 tamponi, con un incremento di 1.796 test eseguiti rispetto all’ultimo aggiornamento (il numero più alto dall’inizio dell’emergenza). Sono invece 24 (uno in più rispetto al bollettino di ieri) i pazienti ricoverati in ospedale. Invariato il numero di pazienti in terapia intensiva, due attualmente. Le persone in isolamento domiciliare sono 665. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.263 pazienti guariti (+1 rispetto al precedente bollettino), più altri 4 guariti clinicamente.
Sul territorio, dei 2.092 casi positivi complessivamente accertati, 378 (+16) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 215 (+3) nel Sud Sardegna, 65 (+1) a Oristano, 122 a Nuoro, 1.312 (+50) a Sassari.