18 June, 2021
Home2021 (Page 79)

I vigili del fuoco del Comando di Cagliari sono intervenuti ad Iglesias con la squadra “5A” di Iglesias, per un incidente stradale verificatosi in località Su Merti, per lo scontro frontale tra due auto. La squadra ha lavorato per estrarre le due persone coinvolte nello schianto che fortunatamente hanno riportato ferite lievi. La dinamica dello scontro è ancora in fase di accertamento da parte delle autorità.

Si è conclusa oggi la sesta tappa di ‘Sardi e sicuri’, 26.116 i test eseguiti nelle trentadue sedi operative distribuite su diciannove comuni del cagliaritano e Sud Sardegna: ai 13.514 tamponi registrati ieri, si aggiungono i 12.602 test del secondo turno.

Dal suo avvio la campagna della Regione, condotta da Ares-Ats, in collaborazione con gli enti locali e le istituzioni del territorio, per il contrasto alla diffusione del Covid-19, ha coinvolto 142 comuni, tra Ogliastra, nuorese, Medio Campidano, città di Cagliari, area del cagliaritano e parte del Sud Sardegna, in particolare Sarrabus-Gerrei, Trexenta e Parteolla. Oltre 230 mila i test eseguiti.

Seguendo la formula già adottata in precedenza, anche questo fine settimana lo screening si è concentrato in un unico weekend con l’impiego dei soli tamponi antigenici ad immunofluorescenza di ultima generazione e alta sensibilità alla rilevazione del virus. ‘Sardi e sicuri’, il più importante progetto di screening mai realizzato nell’Isola dall’inizio dell’emergenza, proseguirà fino alla copertura dell’intero territorio regionale.

Giornata in chiaroscuro, per le squadre sarde, la quinta di ritorno del girone G del campionato di serie D. Due vittorie e tre sconfitte sono il bilancio, dal quale resta fuori l’Arzachena, che non ha giocato sul campo del Cassino per il rinvio chiesto e ottenuto dalla squadra laziale, alle prese con casi di positività al Covid-19.
Il Carbonia ha perso 2 a 0 sul campo del Savoia, a Torre Annunziata, lo stesso punteggio con il quale la squadra campana si impose al campo Comunale “Carlo Zoboli”, a Carbonia. Il risultato premia il Savoia del neo tecnico Giovanni Ferraro, tornata alla vittoria dopo due mesi, 2 a 0 alla 13ª giornata sul campo dell’Insieme Formia, dopo la quale ha sempre pareggiato, ma punisce oltre i suoi demeriti la squadra di Marco Mariotti.
Il Carbonia, subito il primo goal, autore Dávid Depetris, al 10′ del primo tempo, ha reagito da grande squadra, costruendo tanto e colpendo un palo con Marco Piredda a portiere battuto al 28′. Andata al riposo sullo 0 a 1, la squadra biancoblù ha iniziato la ripresa ancora con grande piglio ma al 12′ una distrazione difensiva ha concesso al Savoia l’opportunità di raddoppiare e di mettere al sicuro il risultato. Autore del goal ancora Dávid Depetris.
Il secondo goal è stato una mazzata, il Carbonia ha provato a riaprire la partita ma, inevitabilmente, si è scoperto in difesa ed ha rischiato di subire anche il terzo goal. Marco Mariotti, ha provato a cambiare qualcosa, con diverse sostituzioni, ma questa volta senza risultati concreti. Il risultato non è più cambiato.
Con i tre punti, il Savoia scavalca il Carbonia al quinto posto e i minerari vengono agganciati al sesto posto, a quota 33 punti, dal Muravera, tornato al successo sul campo del Giugliano, con un goal realizzato da Sergio Nurchi nella ripresa. La squadra di Francesco Loi ha interrotto così una serie negativa di quattro sconfitte consecutive.
Largo successo del Lanusei sull’Afragolese, 6 a 2. Andata al riposo avanti 3 a 0, goal di Mattia Floris e doppietta di Muhamed Varela Djamanca, la squadra di Alfonso Greco nella ripresa ha subito la reazione della squadra campana, che ha trovato il goal con Antonio Energe al 25′. Il Lanusei ha segnato ancora con Muhamed Varela Djamanca, autore del terzo goal personale al 38′, per il 4 a 1. Altra impennata d’orgoglio dell’Afragolese, in goal al 40′ ancora con Antonio Energe, ma il Lanusei, non ancora “sazio”, ha arrotondato il risultato, rendendo il punteggio di dimensioni “tennistiche”, 6 a 2, con altri due goal: di Alessio Virdis al 41′ e Nicola Raimo al 45′.
Hanno perso ancora in casa le due squadre sassaresi. Il Latte Dolce è stato sconfitto dalla Vis Artena, 1 a 0, goal del quasi 37enne Giacomo Iozzi alla mezz’ora del secondo tempo. La sconfitta punisce severamente la squadra di Fabio Fossati, che non ha assolutamente sfigurato al cospetto della terza forza del girone.
La Torres ha perso la 12ª partita stagionale sulle 22 giocate ed ora è penultima in classifica, davanti al solo Giugliano che deve però recuperare tre partite, mentre la squadra di Archimede Graziani ha giocato tutte le partite previste dal calendario.
Passata in vantaggio con Maicol Origlio al 20′, la Torres ha subito il pari laziale di Andrea Giorgini al 32′ ed il sorpasso di Emanuele Allegra al 49′ del primo tempo. Del bomber Luca Di Renzo il terzo goal del Latina, all’11’ del secondo tempo, che ha così regalato la prima gioia al neo tecnico Salvatore Ciullo che in settimana era stato chiamato a sostituire l’esonerato Raffaele Scudieri.
Sugli altri campi, il Gladiator ha superato l’Insieme Formia 2 a 1, goal di Lorenzo Di Finizio e Mario Strianese per i campani nel primo tempo; di Babacar Tounkara per la squadra laziale nella ripresa. Le due squadre hanno concluso la partita rispettivamente in 9 uomini il Gladiator, in 10 l’Insieme Formia.
Nola e Nocerina hanno pareggiato 2 a 2, con il Nola avanti di due goal con Antonio D’Angelo e Gennaro Acampora, raggiunto dagli ospiti con goal di Fayssal El Bakhtaoui e Salvatore Sandomenico, rispettivamente a 10′ e a 2′ dal 90′.
La capolista Monterosi, infine, ha espugnato il campo del Team Nuova Florida con il minimo scarto, 1 a 0.
La partita Cassino-Arzachena è stata rinviata causa Covid-19.
Giampaolo Cirronis

Cresce il numero dei nuovi positivi al Covid-19 in Sardegna, 176, ma su ben 16.280 test eseguiti, con una percentuale di positività che scende all’1,08%.

Salgono a 43.257 i casi di positività dall’inizio dell’emergenza. In totale sono stati eseguiti 913.093 tamponi.
Si registrano 4 nuovi decessi (1.209 in tutto). Sono 178 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+3), 21 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 12.817. I guariti sono complessivamente 28.847 (+54), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 185.
Sul territorio, dei 43.257 casi positivi complessivamente accertati, 10.726 (+92) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.842 (+6) nel Sud Sardegna, 3.571 (+17) a Oristano, 8.493 (+20) a Nuoro, 13.625 (+41) a Sassari.

Dopo la giornata di sosta, con una settimana coperta con lo svolgimento di alcuni recuperi, il girone G del campionato di serie D riparte con le partite della quinta giornata del girone di ritorno. Le partite in programma questo pomeriggio, con inizio alle 14.30, sono otto, in quanto la nona, Cassino-Arzachena, è stata rinviata per la presenza di casi di positività al Covid-19 tra i calciatori della formazione laziale che già prima di quella odierna, doveva recuperare ben quattro partite.

Il Carbonia, prima tra le sei squadre sarde in classifica, con i 33 punti conquistati nelle 20 partite disputate, torna in campo a distanza di tre settimane, perché prima della sosta del campionato, aveva dovuto saltare la partita interna con il Team Nuova Florida per casi di positività tra i calciatori della squadra laziale. Il tecnico biancoblù, Marco Mariotti, ne ha approfittato per recuperare Fabio Mastino, assente da diverse settimane per un fastidioso infortunio (ha accusato una ricaduta dopo il primo recupero), ma deve rinunciare ancora al portiere titolare Werther Carboni che anche oggi sarà sostituito tra i pali dall’esperto Marco Manis.

L’avversario odierno, il Savoia, arriva da otto pareggi consecutivi e vuole tornare al successo, contro quel Carbonia che ha battuto all’andata, nella partita disputata al Comunale “Carlo Zoboli”, 2 a 0, con una doppietta di Giovanni Kyeremateng. In panchina avrà il suo terzo allenatore stagionale, Giovanni Ferraro, chiamato una decina di giorni fa al posto di Mauro Chianese che, a sua volta, era subentrato a Salvatore Aronica. Il Carbonia, da parte sua, non ha alcuna intenzione di fermarsi ed insegue un nuovo successo esterno, dopo quelli conseguiti sui campi di Cassino, Giugliano, Afragolese e Gladiator.

Savoia-Carbonia sarà diretta da Emanuele Bracaccini di Macerata, assistenti di linea Fabio Cantatore e Giovanni Francesco Massari di Molfetta.

Il Muravera, reduce da quattro sconfitte consecutive, tre delle quali interne (con Latina, Nola e Monterosi), la quarta maturata ad Artena, gioca sul campo del fanalino di coda della classifica Giugliano che avrà in panchina il sesto allenatore stagionale, Antonio Maschio, giunto alla vigilia sulla panchina occupata nelle ultime settimane dall’allenatore della Juniores Giuseppe Iacolare, che aveva rilevato Eduardo Imbimbo. La società in estate aveva ufficializzato l’affidamento della guida tecnica a Guglielmo Tudisco, sostituito ancora prima dell’inizio del campionato con Roberto Carannante, al quale dopo alcune settimane è subentrato Mauro Agovino. I cambi di guida tecnica sono proseguiti prima con il tecnico della Juniores Giuseppe Iacolare, poi con il ritorno di Roberto Carannante e, infine, come già ricostruito, con Eduardo Imbimbo, ancora Giuseppe Iacolare ed ora Antonio Maschio.

Giugliano-Muravera sarà diretta da Vittorio Emanuele Teghille di Collegno, assistenti di linea Francesco Tragni di Matera e Gennantonio Martone di Monza.

Il Latte Dolce cerca una conferma, dopo la bella vittoria ottenuta sul campo del Giugliano con una doppietta del bomber Gigi Scotto, contro un avversario molto forte, la Vis Artena. Dirigerà Costantino Cardella di Torre del Greco, assistenti di linea Dario Maione di Nola e Domenico Castaldo di Frattamaggiore.

La Torres, reduce da un periodo negativo dopo la bella vittoria ottenuta nel derby casalingo con il Carbonia, ospita la vicecapolista Latina, nella quale è all’esordio il nuovo allenatore Salvatore Ciullo, chiamato al posto di Raffaele Scudieri dopo la sconfitta subita nel big match con il Monterosi che le è costato il primato in classifica. Dirigerà Marco Sicurello di Seregno, assistenti di linea Salvatore Nicosia di Saronno e Francesco Marrazzo di Bergamo).

Il Lanusei ospita l’Afragolese, avversario sulla carta alla sua portata ma da non sottovalutare. Dirigerà Andrea Zoppi di Firenze, assistenti di linea Leonardo Umbrella di Nichelino e Mattia Morotti di Bergamo.

Completano il programma della quinta giornata del girone di ritorno, le partite Team Nuova Florida-Monterosi, Nola-Nocerina e, infine, Gladiator-Insieme Formia.

 

Dopo Marcello Angheleddu, Gioele Zedda ed Alessio Figos, trasferitisi al Muravera (i primi due la scorsa estate, il terzo a fine febbraio) e Suku Kassama Sariang, passato all’Arzachena in estate, un altro dei protagonisti della straordinaria stagione 2019/2020 del Carbonia, culminata con la promozione in serie D e la conquista della Coppa Italia di Eccellenza, approda in serie D, Luigi Pinna, tesserato in settimana dall’Arzachena. Il centrale difensivo, 35 anni il prossimo 2 maggio, aveva iniziato la stagione con la maglia dell’Atletico Uri, ambiziosa squadra del campionato di Eccellenza (2 vittorie nelle 2 partite disputate prima dell’interruzione del campionato per l’emergenza sanitaria), ma nonostante la squadra di Massimiliano Paba si appresti a tornare in campo nel minicampionato cui hanno aderito 8 squadre, non ha saputo resistere alla possibilità di tornare a giocare in serie D ed ha accettato la chiamata dell’Arzachena. Altri tre protagonisti del Carbonia 2020/2021 sono pronti a tornare in campo con la maglia del Guspini di Giampaolo Murru, in Eccellenza, dove trovano Antonio Fortuna: Samuele Curreli, Federico Boi e Stefano Demurtas.

In occasione della giornata internazionale della felicità che si celebra oggi 20 marzo, l’Associazione culturale Argonautilus ha annunciato che la nuova edizione de La Fiera del Libro Iglesias – Gonnesa – Portoscuso – Zeddiani si terrà dal 29 settembre al 4 ottobre 2021 ed avrà come tema e titolo: “Quando siete felici fateci caso”.
“Quando siete felici fateci caso” è la citazione di una frase di Kurt Vonnegut, tratta da una serie di conferenze che il geniale autore di distopie fantascientifiche come “Mattatoio n. 5” e “Ghiaccio nove” ha voluto dedicare al motore universale delle nostre vite: la felicità. Il tema della Fiera del 2021 diviene un invito da mettere in pratica immediatamente: questa frase evocativa ha il potere di riportare l’attenzione sulla somma di piccole cose che – pur in momenti complessi e indecifrabili come quelli che ci troviamo a vivere – devono orientare il nostro agire ed il nostro essere su tutta la bellezza da cui siamo circondati.
Come dice Vonnegut, quando le cose vanno bene e tutto fila liscio, fermatevi un attimo, per favore, e dite a voce alta: «Cosa c’è di più bello di questo».
Alla “Felicità” saranno orientati gli incontri con gli autori de La Fiera del Libro Iglesias – Gonnesa – Portoscuso – Zeddiani. Il programma de La Fiera del Libro si svolge dal 29 settembre al 4 ottobre con “Le colazioni d’Autore”, gli appuntamenti di RadioFiera, le Masterclass e gli incontri serali con gli Autori. Ci saranno mostre, approfondimenti, tavoli tecnici, laboratori e workshop per le scuole.
I luoghi de La Fiera del Libro 2021: Il centro storico di Iglesias, l’Antica Tonnara su Pranu di Portoscuso, S’Olivariu e Nuraghe Seruci di Gonnesa e Zeddiani.
ArgoNautilus nasce nel 2015 dalla passione dei Fondatori per il patrimonio culturale e naturalistico italiano, al fine di promuovere i libri e la lettura, contrastare la povertà culturale e creare una nuova coscienza ambientale. Grande importanza nelle azioni di ArgoNautilus è data al coinvolgimento dei Comuni partner; degli Istituti Scolastici del territorio; delle Reti di Biblioteche, delle strutture museali e istituzioni culturali; delle Associazioni, e di tutti coloro che si adoperano attivamente per la promozione della lettura, ma anche dell’accoglienza, dell’inclusione sociale, del rispetto per l’Ambiente.
La Direzione Artistica è affidata a Maurizio Cristella, il coordinamento generale ad Eleonora Carta.
I partner istituzionali de La Fiera del Libro sono: Arma dei Carabinieri, Regione Autonoma della Sardegna, Fondazione di Sardegna, Comune di Iglesias, Comune di Gonnesa, Comune di Portoscuso, Comune di Zeddiani.

 

«Dopo le segnalazioni di alcuni nostri cittadini, questo pomeriggio siamo andati a fare un sopralluogo e come si può vedere dalle foto, purtroppo, regna il totale degrado.
Oltre ad immondizie di ogni genere, panchine e barbecues vandalizzati da anni, abbiamo trovato tantissimi alberi abbattuti con la motosega.»

La nuova denuncia di disastro ambientale arriva dal Comitato di quartiere di Cortoghiana.

«Abbiamo visto diverse radure ormai prive di alberi e ci chiediamo per quanto tempo debba durare ancora questo scempio? Come è possibile che un patrimonio boschivo di questo valore possa essere lasciato abbandonato a se stesso, deturpato e violato quotidianamente nell’indifferenza di tutti, soprattutto di chi dovrebbe invece valorizzarlo e custodirlo con rispetto. Bisogna intervenire immediatamenteconclude il Comitato di quartiere di Cortoghiana e, mettere la parola fine a questa vergogna.»

 

«Non solo i fieristi ma anche gli organizzatori di eventi non lavorano ormai da un anno e dei soldi promessi dal Governo Conte II e nel Decreto Rilancio, la cui graduatoria dei beneficiari è uscita il primo dicembre, molti non hanno ancora ricevuto nulla e non riescono ad avere  spiegazioni in merito.»

La denuncia arriva dal deputato di Fratelli d’Italia Salvatore Deidda che, con il collega Marco Osnato, ha presentato un’interrogazione per sapere i motivi del ritardo e quando, chi ne ha diritto, riceverà i soldi. I due parlamentari di FdI hanno raccolto le proteste degli operatori durante gli incontri virtuali e le iniziative di piazza.

Una bottiglia in faccia, la ferita ad un occhio e sette giorni di infortunio. E’ successo ieri ad un infermiere della clinica psichiatrica dell’Ospedale Sirai di Carbonia, aggredito da un paziente, accompagnato dalle forze dell’ordine al nosocomio, durante un TSO.

«Una situazione ormai insostenibile per noiha detto Marco Zurru, dirigente del NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, e rappresentante RSU e RSL -. Abbiamo più volte segnalato la realtà nella quale siamo costretti a lavorare: siamo un numero insufficiente di professionisti e siamo impauriti, senza tutele, ripetutamente aggrediti dai pazienti. Abbiamo chiesto più volte che ci venisse assegnata almeno una guardia giurata: niente è stato fatto. Siamo inascoltati. Ieri è avvenuta l’ennesima aggressione ai danni di un infermiere, colpito – durante un TSO – con un violento colpo di bottiglia in faccia, con conseguente trauma al viso e all’occhio e la rottura degli occhiali. Tutto questo è gravissimo, e poteva andare molto peggio.»

Gli infermieri, attraverso il rappresentante del NurSind, si dichiarano sotto pressione e tensione psicologica per la situazione al limite della tolleranza. «Siamo soli, isolati, e trattiamo pazienti aggressiviha concluso Marco Zurru siamo anche in piena emergenza Covid ed aggiungo che molto personale è andato in pensione, non sostituito. Altri si sono licenziati ed altri ancora avevano contratti a tempo determinato. Mi chiedo, dopo tutto questo e tutte le nostre lettere, cosa stia aspettando la dirigenza ad intervenire».