24 July, 2024
Home2024Luglio (Page 2)

Venerdì 26 luglio dalle ore 20.00 si svolgerà in piazza Santa Barbara, a Bacu Abis, la “21ª Sagra dei malloreddus con carne di pecora”. L’iniziativa è organizzata dal Coordinamento Associazioni Volontariato Bacu Abis e si inserisce nell’ambito del cartellone di eventi “Estiamoinsieme 2024”, promosso dal comune di Carbonia in collaborazione con Pro Loco Carbonia, associazioni, consorzi, centri commerciali naturali, sodalizi, enti, cittadini, volontari. “Estiamoinsieme 2024” contempla una lunga e fitta serie di manifestazioni e spettacoli che si dipanano dal centro alle periferie e alle frazioni.
Il programma della sagra prevede cena a base di malloreddus con carne di pecora. «Un’occasione di aggregazione, socializzazione e buona cucina per conoscere meglio ed assaporare le nostre ricette tradizionali in una serata all’insegna della musica dal vivo, dei balli di gruppo e dei balli tradizionali sardi con l’esibizione del gruppo folk Santa Giuliana di Serbariu», ha commentato l’assessora dello Spettacolo, Giorgia Meli.

Una passeggiata suggestiva tra natura e cultura, per accarezzare con tutti i sensi le bellezze e i sapori della terra di Sardegna: venerdì 26 luglio in programma un nuovo appuntamento promosso dal Club di Jane Austen: “In cammino… con i libri a Villacidro”, organizzato grazie al sostegno di Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara, Regione di Sardegna e Fondazione di Sardegna e col patrocinio del comune di Villacidro.

Il percorso si snoderà da Villacidro al Parco San Sisinnio riscoprendo a passo lento la bellezza del nostro territorio sulle tracce del Cammino Minerario di Santa Barbara: un itinerario tra mare, monti e miniere, punteggiato dalle testimonianze della millenaria epopea mineraria della Sardegna. All’arrivo, ad accogliere i partecipanti l’ombra e l’abbraccio dei maestosi olivastri centenari del Parco, vero tesoro tra le tante ricchezze del patrimonio ambientale di Villacidro, con alcuni esemplari che raggiungono un’altezza di circa 13 metri e una circonferenza del fusto che supera i 5 metri.

Le esasperate e sinuose forme dei tronchi offrono da tempo un suggestivo e magico scenario alle leggende tramandate da secoli su San Sisinnio, difensore degli abitanti del paese e dei bambini dall’attacco delle streghe che terribili vagano nel territorio; venerdì 26 luglio diverranno invece palcoscenico prima di una passeggiata emozionale, poi di una degustazione di prodotti tipici proposta dal panificio Porta 1918, infine della presentazione del libro noir “Per un’ora d’amore” di Piergiorgio Pulixi, che parteciperà anche alla passeggiata.

 

Il comune di Carbonia informa la cittadinanza che giovedì 25 luglio, alle ore 21.30, si terrà a Bacu Abis lo spettacolo “Nuvolari Canta”. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Culturale Kreanda e si inserisce nel cartellone di eventi “Estiamoinsieme 2024”, promosso dal comune di Carbonia in collaborazione con la Pro Loco Carbonia, associazioni, consorzi, centri commerciali naturali, sodalizi, enti, cittadini, volontari. “Estiamoinsieme 2024” prevede una lunga e fitta serie di manifestazioni e spettacoli che si dipanano dal centro alle periferie e alle frazioni.

A Bacu Abis Francesco Peddoni e Pamela Lorico canteranno i più grandi successi della canzone italiana.

Si è svolta ieri, all’interno di una gremita aula consiliare del comune di Carbonia, la presentazione di “Io sono innocente” il libro scritto da Beniamino Zuncheddu e dal suo avvocato Mauro Trogu ed edito da De Agostini. A introdurre la serata il Sindaco Pietro Morittu e Alessandro Spiga a nome del Direttivo del Circolo Soci Euralcoop, organizzatore dell’evento. Durante la discussione, condotta dallo scrittore e avvocato Paolo Pinna Parpaglia, sono stati descritti i momenti cruciali della vicenda che ha visto Beniamino Zuncheddu condannato all’ergastolo e detenuto ingiustamente per 33 anni. Un pubblico molto partecipe ha mostrato la sua vicinanza alla vicenda umana di Beniamino e la riconoscenza al lavoro dell’avvocato Mauro Trogu, così come il sindaco Pietro Morittu che al termine della presentazione ha consegnato ai protagonisti, a nome dell’amministrazione comunale, delle targhe. A Beniamino Zuncheddu di «felicitazioni per il suo rientro a casa» e all’avvocato Mauro Trogu «come cittadino di Carbonia per il suo preziosissimo lavoro profuso per il perseguimento della giustizia».

Il Consiglio comunale di Sant’Antioco ha approvato all’unanimità un ordine del giorno contro la speculazione energetica e a favore della transizione ecologica giusta. Nella serata di ieri (lunedì 22 luglio), su proposta del sindaco Ignazio Locci che aveva chiesto la convocazione di un Consiglio comunale straordinario con un unico punto in discussione al fine di concentrare il dibattito e accogliere le proposte di maggioranza e opposizione, l’assemblea civica antiochense ha votato compatta un ODG che individua alcuni punti imprescindibili legati al tema delle energie rinnovabili e, soprattutto, dei parchi eolici offshore che potrebbero essere installati nelle acque prossime alle isole di Sant’Antioco e San Pietro e per i quali sono in corso di svolgimento le conferenze di servizi.

«Ho ritenuto doveroso portare il tema al centro del dibattito del Consiglio comunale che è espressione della nostra comunità commenta il sindaco Ignazio Locci perché non possiamo essere tagliati fuori dai processi decisionali, relegati al ruolo di mero organo consultivo, quando in ballo c’è letteralmente il futuro del nostro territorio, i nostri progetti di sviluppo che ci vedono sempre più destinazione turistica. E non intendiamo accettare passivamente le scelte calate dall’alto, tantomeno farne una ragione campanilistica: l’argomento è troppo importante e merita di essere affrontato con la compattezza territoriale di cui ha bisogno. I comuni hanno tutto il diritto di sedersi al tavolo negoziale in rappresentanza delle rispettive comunità. Ed è proprio questo il primo punto che sancisce l’ordine del giorno approvato e dal quale discendono le ulteriori valutazioni.»

In considerazione delle notevoli perplessità diffuse in seno alle comunità locali sui parchi eolici proposti che ricadono nel territorio del Sud Ovest della Sardegna, a forte valenza ambientale e turistica, nello specifico si chiede l’individuazione e la regolamentazione delle aree offshore in cui sia possibile posizionare gli impianti, svincolandosi dunque dall’attuale corsa incontrollata all’accaparramento degli specchi acquei e dalla deregolamentazione; la valutazione approfondita di potenziali effetti negativi degli impianti sulla migrazione dei tonni, sulla pesca in generale e sugli impatti paesaggistici.

«Il Consiglio regionale della Sardegna  prosegue il sindaco Ignazio Locci ha approvato una legge che stoppa per il momento le autorizzazioni ai parchi per i quali ancora non sono stati concessi titoli autorizzativi. Come abbiamo tristemente visto in questi giorni, infatti, la legge non blocca (e non poteva essere altrimenti) le procedure già approvate, tanto che assistiamo quotidianamente a manifestazioni di protesta in altre zone della Sardegna, là dove sono in corso i lavori concreti per il posizionamento di parchi eolici o mega impianti fotovoltaici. E al riguardo, così come sancito nell’ordine del giorno, proponiamo di istituire una Agenzia regionale dell’Energia che governi il settore, lasciando meno spazio alla privatizzazione, impedendo la lottizzazione dei nostri mari, facendo valere i diritti della Sardegna e delle sue comunità, combattendo ogni nuova forma possibile di servitù.»

L’opposizione consiliare ha naturalmente partecipato alla seduta. Presenti i consiglieri Mariano Gala, Daniela Dessena, Ester Fadda, Mattia Uccheddu e Alberto Fois, che hanno offerto un importante contributo al dibattito: «Dobbiamo certamente garantire la transizione energetica, ma senza finire come al solito nelle mani della speculazione economica  commenta il consigliere Alberto Foisnessuno può pretendere dai sardi che come sempre diano tutto se stessi per coltivare interessi degli altri. La discesa delle grandi multinazionali dell’energia assomiglia molto alla discesa dei grandi concessionari delle miniere dei primi del Novecento, quando i minatori sardi morivano all’età di 33 anni e invece qualcun altro dall’altra parte del mondo si arricchiva. Dobbiamo imparare a pensare che un sacrificio sulla nostra casa, in Sardegna, debba essere fatto per noi e non per gli altri perché non può essere accettabile che ancora una volta qualcuno venga a lucrare sulla nostra terra. E questo partendo dal presupposto che saremo comunque costretti a sacrificare parte del nostro territorio, perché è la storia che ce lo chiede. Il nostro gruppo saluta positivamente questo ordine del giorno, che è solo una goccia del nostro mare: la speranza è fare fronte comune, facendo sentire la nostra voce».

Intanto, giovedì 25 luglio, alle 19.00, presso il giardino della Torre Canai, il comune di Sant’Antioco organizza un incontro aperto a tutti per parlare di transizione ecologica giusta e contro la speculazione energetica, con la partecipazione dell’attrice Caterina Murino, nata a Sant’Antioco, tra le animatrici del movimento sardo e trasversale che si oppone alla speculazione.

Interverranno: Ignazio Locci, Stefano Rombi e Antonello Puggioni, rispettivamente sindaci di Sant’Antioco, Carloforte e Calasetta; Graziano Bullegas – Presidente di Italia Nostra, e Salvatore Obino – Comitato no speculazione energetica Carloforte.

Modera Maria Grazia Demontis, del Coordinamento Gallura contro la speculazione eolica e fotovoltaica.

 

Venerdì 26 luglio, alle 12.00, presso l’aula consiliare di Sant’Antioco, verrà presentata la prima edizione del “Solki Music Festival”, rassegna che vanta la direzione artistica del pianista antiochense Matteo Cabras.

Un Festival di musica da camera che dal 27 agosto al 4 settembre vedrà a Sant’Antioco la partecipazione di artisti già affermati e impegnati in carriere internazionali, insieme a delle giovani promesse della musica classica che si stanno affermando nel panorama musicale.

Alla conferenza di presentazione del Festival verranno resi noti i nomi degli artisti e i programmi dei concerti.

Interverranno: Matteo Cabras, pianista e direttore artistico di Solkimusica; Orietta Murroni, vicepresidente di Solkimusica; Lucia Pittau, consigliere di Solkimusica; Ignazio Locci, sindaco di Sant’Antioco; Luca Mereu, assessore della Cultura.

Intorno alle 2.00, i vigili del fuoco di Cagliari sono intervenuti per un incidente stradale che, per cause ancora da accertare, ha coinvolto due autovetture sulla strada statale 130, all’altezza della rotatoria di Elmas.

Gli operatori hanno messo in sicurezza i mezzi e dello scenario, alla stabilizzazione dei mezzi ed all’estricazione degli occupanti delle due vetture. Sei persone sono state portate in ospedale dal 118. Sul posto sono intervenute anche le Forze dell’Ordine.

Antonio Caria

È un periodo di grande fermento per il Centro “Lo Specchio Dan” di Domusnovas. Dopo aver festeggiato il quinto anniversario dalla sua apertura, questa realtà di Casa Emmaus non si limita a curare le proprie “ferite” bensì si apre all’esterno. E lo fa proponendo una serata a favore degli ospiti della Comunità alloggio anziani di via Roma 24, nello stesso paese. Venerdì 26 luglio, dalle 17.00 alle 18.00, le pazienti dello Specchio che partecipano all’attività di canto sotto la guida del Maestro Vittorio Orrù, allieteranno la serata degli anziani, restituendo una piccola parte delle attenzioni che la comunità di Domusnovas ha dedicato loro in questi anni. Successivamente, le ragazze scriveranno un articolo con il quale racconteranno l’esperienza e che verrà pubblicato su un periodico della diocesi di Iglesias.
Non ci sarà tempo per le vacanze estive perché, durante il week end 27-28 luglio, partirà il progetto “Volare si può”, che prevede nove incontri (un fine settimana al mese) e si concluderà con uno spettacolo in coincidenza con la tradizionale festa annuale di Casa Emmaus, tra il 24 e il 26 aprile 2025. Il percorso prevede lo studio di cinque coreografie, con l’impiego di tecniche e strumenti differenti della danza orientale, accompagnato da un laboratorio artistico-narrativo volto a consolidare l’esperienza della danza. Tutti gli incontri si terranno allo Specchio.
Ogni weekend prevede due giornate, in cui si inseriscono: un seminario dedicato alla danza, all’uso del corpo e allo studio delle coreografie; un laboratorio con attività creative (scrittura, riflessioni, creazione di oggetti di scena). Inoltre, le pazienti che parteciperanno al seminario, saranno inserite nel gruppo guidato dalla psichiatra Sara Coloccini, “Il risveglio del corpo”: un’ora di movimento soft, preceduto da riscaldamento corporeo, con ripasso delle coreografie studiate. Il progetto, guidato e diretto da Maria Strova con la direzione artistica di Martinica Ferrara, vede la coreografia e la didattica affidate all’esperienza delle stesse Strova e Ferrara.

Si terranno nel fine settimana dal venerdì 2 al lunedì 5 agosto le festività dedicate a San Sisinnio, che coinvolgeranno la comunità villacidrese.

Una tradizione che si rinnova da oltre quattro secoli, e che ha visto il riconoscimento, dal 2022, della Festa di San Sisinnio tra i principali eventi identitari della Sardegna. La “Festa Manna”, capace di attrarre visitatori da gran parte dell’Isola è celebrata dalla comunità villacidrese con un rito che mantiene inalterati i suoi tratti distintivi.

«Abbiamo cercato di affiancare alla centralità della figura di San Sisinnio – ha spiegato il presidente di turno del Comitato organizzatore, Angelo Mascia – una serie di proposte culturali e di intrattenimento che preservano la tradizione e al contempo mantengono attrattiva la Festa anche alla partecipazione giovanile, sempre importante per noi, come testimonia la presenza di ragazzi e ragazze che operano nel Comitato».

«Quest’anno si aggiungono due motivi ad aumentare l’orgoglio per la Festa di San Sisinnio: la recente ultimazione dei lavori di conservazione e restauro alla Chiesetta campestre dedicata al Martire, che ha restituito il giusto decoro al monumento tanto amato dai villacidresi, e il termine del triennio che ha visto annoverare la festa tra gli Eventi identitari della Sardegna da parte dell’assessorato regionale del Turismo, Artigianato e Commercio: l’auspicio è che il salto di qualità, visibilità e promozione di Villacidro compiuto in questi anni dall’organizzazione della “Festa Manna” possa divenire strutturale e continuare negli anni», ha sottolineato alcune peculiarità di questa edizione della Festa, il sindaco di Villacidro, Federico Sollai.

Le celebrazioni religiose

Le celebrazioni religiose prenderanno avvio con la tradizionale processione con la reliquia del Santo verso la chiesa campestre di San Sisinnio, che partirà venerdì 2 agosto alle 18,45 dalla chiesa di S. Barbara, preceduta, alle 18.00, dalla Santa messa.
Sabato 3 agosto è prevista una messa e una processione locale tra gli Ulivi del Parco di San Sisinnio.
Domenica 4 agosto sul sagrato della chiesa di San Sisinnio, alle 7.00 si terrà la messa solenne. Alle 18.00, prenderà avvio dalla chiesa campestre la processione di rientro con la reliquia del Santo.
Lunedì 5 agosto, alle 19.00, la messa seguita dalla tradizionale processione “S’Inserru”, tra le vie del centro storico, chiuderà i festeggiamenti religiosi.

Entrambi i percorsi, di andata a San Sisinnio e di ritorno al centro abitato, saranno accompagnati dalla cavalleria e da una rappresentanza di gruppi folcloristici e musicali provenienti da tutta l’Isola.

Spettacoli e intrattenimenti civili

Ricco il calendario degli intrattenimenti di spettacolo che da sempre si affiancano alla festa, con musica, teatro e proposte culturali all’insegna della tradizione e della socialità.

Venerdì 2 agosto, a San Sisinnio, alle 20,45, ci sarà l’esibizione musicale dei gruppi Rockin Hertz e Malutonu, seguiti, alle 21,30, dallo spettacolo comico di Benito Urgu.

Sabato 3 agosto la suggestiva proposta, alle 7.00 del mattino, di un concerto all’alba, sempre in località San Sisinnio, con Zoe Pia & Tenores di Orosei “Antoni Milia” in “Indindara“. Alle 18.00, a cura del Comitato San Sisinnio, “I giochi della tradizione”, con Il “Battesimo della Sella”, la “Caccia al tesoro” e il secondo torneo di murra “Sa murra de Santu Sisinni”.
Chiuderà la giornata, sempre a San Sisinnio, alle 21,30, la rappresentazione teatrale “Sa contienda de s’arrelichia de Santu Sisinni“, rievocazione della contesa della reliquia tra le popolazioni di Villacidro e Serramanna scritta e recitata dalla Compagnia teatrale Sa Spendula di Villacidro.

Domenica 4 agosto, doppio appuntamento nel centro abitato, in piazza XX settembre: alle 22.00, con la musica di Dreams of Rock e alle 23.00 con l’intrattenimento di Antonio Mezzancella – Live Show.

Lunedì 5 agosto, serata finale di chiusura, al parco di via Farina, alle 22.00 dove andrà in scena Caos 90 Live: il festival anni 90 più grande in Italia con Eifell 65 – Marvin & Prezioso – Carolina Marquez – Dj Kubik – Cire.

Aspettando San Sisinnio

Quest’anno la Festa sarà anticipata da Aspettando San Sisinnio, una serie di proposte culturali e di spettacolo curate dall’assessorato della Cultura del comune di Villacidro. Tre appuntamenti che offrono, tra storia leggenda e tradizione ulteriori spunti di approfondimento attorno alla figura del Santo, SI partirà martedì 30 luglio con la presentazione del libro Sisinnio di Leni. L’uomo chiamato Cigno di Efisio Cadoni. Mercoledì 31 luglio si terrà la presentazione. con narrazione ed esecuzione musicale del libro Cogas, edito dall’associazione culturale Artecetra e giovedì 1 agosto si terrà Sonos in Cumpanzia una serata di balli sardi in piazza, a cura dei gruppi folk Gippi Villacidro e Città di Villacidro.

Hanno collaborato all’organizzazione della Festa di San Sisinnio: Comune di Villacidro, Parrocchia di Santa Barbara, Comitato Parrocchiale San Sisinnio Martire, Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato al Turismo Artigianato e Commercio, Fondazione Cammino Minerario di Santa Barbara

In allegato: foto dell’edizione 2023 della Festa, foto di repertorio e foto di gruppo Comitato organizzatore 2024

Sarà un ricco programma quello che accompagnerà le celebrazioni del secondo appuntamento annuale dedicate al Patrono massimo di Sardegna, Antioco Martire, giunte alla 665° edizione. Dopo “Sa Festa Manna”, ecco i festeggiamenti estivi che, come ogni anno, ruotano attorno al primo agosto, giorno della suggestiva processione del Santo per le vie della città. La festa prenderà il via il 31 luglio e proseguirà l’1 e il 2 agosto con un programma variopinto capace di coniugare la celebrazione della Fede nel Patrono di Sardegna con gli appuntamenti di gusto e intrattenimento per tutti.

Si inizia mercoledì 31 luglio, alle 19.00, in piazza Ferralasco con l’apertura del villaggio food, mentre alle 20.00 taglio del nastro degli stand che compongono la fiera artigianale nel Corso Vittorio Emanuele. Chiuderà questa prima giornata il concerto in piazza Umberto, alle 22.00, “Time out 883 tribute band”.

Momento clou della Festa sarà come sempre la tradizionale processione solenne per le vie della città del 1° agosto (partenza dalla Basilica alle 19.30), con gruppi folk, cavalieri e traccas, preceduta dalla Santa Messa (18.30). Anche il primo agosto si rinnova l’appuntamento con le fiere di piazza Ferralasco e del Corso Vittorio Emanuele e, naturalmente, non mancherà il momento musicale: in piazza Umberto, alle 21.30, si esibirà “Andrea Casta The Space Violin Visual Concert”. Chiuderanno la giornata i classici fuochi d’artificio in Laguna (alle 23.30).

Ancora festa il 2 agosto: alle 19.00, in piazza Ferralasco, apertura del villaggio food, mentre alle 20.00 quella degli stand della fiera artigianale nel Corso Vittorio Emanuele. E poi due appuntamenti musicali: all’Arena Fenicia, alle 21.30, va in scena Serena Brancale, spettacolo rientrante in FestArtes, mentre alle 23.00, in Piazza Umberto, spazio alla musica “Nostalgia 90”.

«Saranno giornate all’insegna della Fede nel Patrono di Sant’Antioco e della Sardegna spiega il sindaco Ignazio Loccicon tanti momenti di intrattenimento e spettacolo. La processione per le strade di Sant’Antioco del Santo e delle sue reliquie sarà ancora una volta un omaggio alla tradizione, una Festa dedicata al nostro amato Antioco. Auguro  a tutti gli antiochensi, ai sardi e ai numerosi ospiti della nostra isola, di trascorrere delle piacevoli giornata di festa».

«Per l’Amministrazione comunale anche la Festa di Sant’Antioco Martire del primo agosto è il momento nel quale la nostra comunità si veste a festa e celebra il culto del Patrono della Sardegna commenta l’assessore della Cultura Luca Mereu -. Anche nella celebrazione estiva terremo in sapiente equilibrio i due elementi cardine dei festeggiamenti: la rievocazione della nostra identità spirituale, della devozione nel Santo Patrono e nella sua protezione con la celebrazione delle sante messe e della Processione per le vie del paese e una ricca programmazione civile, rivolta ai turisti e ai nostri concittadini. Quest’ultima sarà fatta di momenti musicali di alto livello come gli imperdibili concerti del “violinista Jedi” Andrea Casta e della trendy cantante e polistrumentista Serena Brancale. Senza dimenticare l’imperdibile spettacolo di fuochi pirotecnici sulla Laguna e gli stand con proposte artigianali ed enogastronomiche capaci di promuovere e valorizzare il nostro territorio.»

«Abbiamo lavorato ad una edizione della festa estiva che avesse la capacità di intrattenere ed emozionare visitatori,  locali e attrarre turisti commenta l’assessora del Turismo e delle Attività produttive Roberta Serrenti i festeggiamenti si terranno in più punti del centro cittadino, da piazza Ferralasco a piazza De Gasperi, da piazza Italia a Piazza Umberto. A fare da cornice il villaggio food e il mercato dell’artigianato e delle tradizioni. Anche per questa edizione non è mancata la proposta promozionale strutturata per la continuità nel segmento regionale e per l’ampliamento verso mercati nazionali ed europei. Ad oggi le persone raggiunte con la campagna social sono 200mila e le interazioni raggiungono quasi le 30 mila. E, ancora, oltre all’utilizzo di piattaforme come YouTube, Google, Instagram, ripartirà la promozione capillare sui Ctm e con altre azioni specifiche. Risultati oggettivi di crescita turistica che non sono frutto solo di un “miracolo di Sant’Antioco”, ma di scelte politiche e amministrative, di fatica e coraggio. Dobbiamo esserne orgogliosi, sempre e tutti.»

 

 

 

RispondiInoltra