7 October, 2022
HomePosts Tagged "Foiso Fois" (Page 2)

[bing_translator]

Le sarde e i sardi hanno diritto a pari opportunità col resto d’Italia e d’Europa. Da tale assunto, semplice quanto fondante, è partita la campagna culturale, sociale e politica per l’inserimento del principio di insularità in Costituzione. Il concetto di “isola” è da troppo tempo associato a quello di “isolamento”, al punto che, per una sorta di determinismo geografico, chi nasce in un’isola come è la Sardegna, si trova in una “naturale” condizione di esclusione e di marginalità. Talmente pervasiva è stata tale percezione che gli stessi sardi, spesso, fanno di ciò una caratteristica naturale.

Il Comitato per l’insularità in Costituzione ha voluto, fin dalle prime attività, tematizzare in termini istituzionali la questione: pari opportunità e diritti significa veder riconosciuto un principio; tale principio non può realizzarsi solo attraverso regimi di vantaggio negli spostamenti (continuità territoriale etc.); tale principio non è una novità, giacché si tratta di declinare a favore delle giovani e dei giovani sardi (a loro soprattutto ci si rivolge) l’articolo 3 della Costituzione.

Se è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli economici e sociali che fissano punti di partenza differenti, in Italia, a seconda del luogo di nascita, è evidente come la richiesta di pari dignità geografica sia non già pretendere privilegi, bensì vedere riconosciuti diritti fondamentali. Anche perché il processo attivato dal Comitato promotore vuole davvero essere il coronamento della riscoperta e messa in valore dei caratteri dell’isola, e non esaurirsi nel tempo di una campagna elettorale.

I principi alla base della campagna referendaria hanno stimolato la costante dialettica tra cittadini, intellettuali, studiosi; l’affermarsi di buone prassi e comportamenti collaborativi e inclusivi; la promozione di concetti quali Costituzione, insularità, pari opportunità, interdipendenza, reciprocità, coesione, la raccolta di migliaia di firme (92.000) a significare una partecipazione popolare reale.

La presa di coscienza dell’insularità positiva potrà radicarsi definitivamente solo se passerà attraverso l’azione delle studentesse e degli studenti sardi. A tal fine il comitato promotore ha attivato un percorso di alternanza scuola-lavoro con il Liceo Scientifico Leon Battista Alberti, I.I.S. Tecnico Nautico Buccari – Marconi, Liceo Classico Giovanni Maria Dettori, I.I.S. (Liceo linguistico, Liceo scienze umane, Istituto tecnico tecnologico) De Sanctis – Deledda, Liceo Artistico Foiso Fois, Liceo Scientifico Antonio Pacinotti,Liceo Classico Giovanni Siotto Pintor.

L’obiettivo di tale progetto è appunto la presa di coscienza, da parte di studentesse e studenti delle scuole secondarie di II grado del concetto stesso di insularità e della necessità di superare le condizioni ostative del riconoscimento di una parte dell’identità nazionale – costituita dalla Sardegna e dalle sue isole – negli aspetti storici, geografici, insediativi, storico culturali, economici. Il disconoscimento del concetto di insularità, sottraendo opportunità di sviluppo per i residenti nell’isola, temporanei o definitivi, rappresenta, infatti, una visione da modificare, a partire appunto dal mondo giovanile.

Gli studenti e le studentesse coinvolti approfondiranno precisi argomenti (economici, ambientali, storici, culturali, sociali) riguardanti la Sardegna; da ciò partiranno per la creazione di “moduli” da sviluppare nel corso di conferenze durante le quali dialogheranno con studiosi, esperti, professionisti e pubblici decisori. I risultati delle attività saranno diffusi dai media partner L’Unione Sarda, Videolina online e Radiolina. Lungo il loro percorso di ricerca saranno supportati dal comitato promotore, che farà dei materiali prodotti la base per le sue future azioni di promozione, conoscenza e diffusione.

[bing_translator]

Dalla performance del Cada die teatro che racconta le peripezie di un giovane richiedente asilo prima di giungere in Sardegna, all’incontro tra danze e musiche di diverse culture. Sino al dj set finale, in compagnia del dj siriano Zanko El Arabe Blanco.

E’ una giornata ricchissima quella che domani, sabato 30 dicembre, chiude “La città che viaggia”, il festival della creatività giovanile organizzato a Cagliari da Carovana SMI.

Alle 16.00, negli spazi dell’Exma l’appuntamento è con “InterNation Disco”, danze e musica partecipate, di diverse culture, guidate da artisti di differenti nazionalità.

Alle 19.00, la sala conferenze del centro culturale ospita “Agiuda, e as’essiri agiudau”, spettacolo che vedrà in scena il giovane richiedente asilo Inza Fonfana e Mauro Mou del Cada Die Teatro, in cui si racconta la storia (vera) del ragazzo immigrato.

Alle 19.30 si prosegue con la performance di musica elettronica “Years&Flowers”, mentre alle 20.00 arriva il rapper siriano (da tempo residente a Milano) Zanko El Arabe Blanco che insieme a diversi colleghi da tutta l’isola sarà il protagonista di “Lab e Jam”.

La giornata si apre, alle 9.00, con l’esposizione dei lavori realizzati per il festival dai ragazzi del liceo artistico Foiso Fois, all’interno di un progetto di alternanza scuola-lavoro.

Ci sarà spazio anche per “Sapori e Incontri. Cucinare insieme fa bene”, una installazione di cibi di varie culture, e per il “Caffè interlinguistico”, scambi di parole in lingue diverse, dove i partecipanti riceveranno una bevanda gratuita e la possibilità di conoscere “Ear2memory”, un metodo per imparare le lingue con il cellulare a cura di Bernd Kamps.

Dalle 11.00 alle 13.00 nei Campi dell’Ossigeno, in viale Cimitero 29, si disputerà invece “Calcio senza confini”, un’insolita partita di calcio con tanto di accompagnamento musicale, in cui le squadre sono miste per genere, provenienza ed età.

[bing_translator]

I problemi che affliggono l’area mediterranea e il ruolo dell’arte nei luoghi dei conflitti saranno al centro giovedì 28 dicembre del nuovo appuntamento con “La città che viaggia”, il festival della creatività giovanile organizzato a Cagliari da Carovana SMI.

Alle 17.00, nella sala conferenze del centro culturale Exma, è in programma “Gli artisti siriani: le forme di resistenza in un reale esploso”, incontro con cui Carovana prosegue il suo lavoro dedicato alle tematiche del Mediterraneo e delle migrazioni, partito nel 1996.

Accanto a contribuiti come quelli della direttrice artistica di Carovana, Ornella d’Agostino, che parlerà di “Gettare le  basi per un progetto a lungo termine” o di Alessandra Marchi del GramsciLab dell’Università di Cagliari che interverrà su “L’arte come resistenza politica. Suggestioni Gramsciane”, ci saranno gli interventi (via Skype) da Tunisi e da Damasco di  Nabeel Al-Aswad, direttore del Dipartimento di Canto dell’Istituto Superiore di Musica di Damasco, Salem Hajjo, fotografo e  drammaturgo, e di Nora Mourad, attrice e direttrice artistica del Leish Troupe for physical theatre, che affronteranno il tema “Scegliere nel momento della resistenza”. Mentre Rafael Tservenis parlerà di “Futuri possibili e convivenza pacifica nei piccoli comuni rurali del Sud Europa”.

L’incontro proporrà anche “Siamo tutti in viaggio”, letture, canti, musiche e video di alcuni giovani richiedenti asilo, frutto del recente workshop con i registi Wu Wenguang e Mengqi Zhang, e letture sul tema della migrazione a cura di G.R.E.C.A.M Sardegna.

La manifestazione è condivisa con la compagnia Tecnologia Filosofica di Torino, che presenta il progetto “Siria_tell me the story” e l’installazione “Presente infinito”, un’opera che nasce dall’esigenza di colmare l’assenza di narrazioni condivise sulla situazione siriana.

La giornata si aprirà alle 9.00, con l’esposizione dei lavori di alcuni studenti del liceo artistico “Foiso Fois”, coinvolti in “La città che viaggia” grazie a un progetto di alternanza scuola-lavoro. Per tutto il giorno, inoltre, gli studenti guideranno i visitatori in un percorso di arte condivisa dove, chi vorrà potrà creare la propria opera artistica sotto l’occhio vigile dei giovani.

Dalle 20.00 alle 22.00, invece, chiusura affidata alla musica con il concerto dei Talkloid e DJ set con Madita e live di $8.

 

[bing_translator]

Commercianti e liceali del Foiso Fois uniti per rilanciare la strada e dare risalto a uno dei licei più importanti della città. In arrivo palline realizzate intrecciando fili di lana e alberelli bianchi. Arte protagonista dal 17 dicembre all’Epifania. Natale artistico in via Alghero: nelle vetrine arrivano le opere degli studenti del liceo artistico e musicale Foiso Fois. Palline di Natale realizzate con cartoncini e intrecciando fili di lana e mini alberelli tutti bianchi. Si chiama “Artì” l’iniziativa che vede in prima linea gli studenti del liceo artistico cagliaritano Foiso Fois ed i commercianti di via Alghero. Da domenica 17 dicembre e fino al 6 gennaio, tutte le vetrine saranno addobbate con creazioni davvero speciali. I giovani liceali, infatti, hanno deciso di ispirarsi all’arte di Maria Lai e alla tradizione della Sardegna. Come per le palline natalizie, con gli intrecci che ricordano il fondo dei tipici cestini sardi.

L’iniziativa è solo la prima di una lunga collaborazione tra l’istituto e i negozianti di via Alghero. In agenda tanti altri eventi lungo il 2018. A gennaio, inoltre, è previsto il “taglio del nastro” della nuova associazione dei commercianti della via e delle strade limitrofe. Il commercio si apre alla cultura e alla scuola, in questo caso il liceo artistico, dando la possibilità ai ragazzi di mostrare le proprie opere.

[bing_translator]

Sabato 16 dicembre, a partire dalle 9,30, a Cagliari, gli studenti dell’Istituto Professionale Pertini del Liceo Artistico Foiso Fois e del liceo Classico Dettori, inaugureranno con una performance guidata da Roberta Locci, la mostra della terza edizione di “Museo in Transito” – Quadri da vivere. Un percorso che partirà dalla pensilina di piazza Yenne e si svolgerà lungo il percorso del bus 7 per arrivare fino alla Galleria Comunale, sede della mostra, visitabile dal 16 dicembre fino al 27 gennaio.

Il progetto, proposto dall’associazione ArCoEs nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro (ASL), ha trasformato il territorio periferico cittadino in un centro di attività che ha visto protagonisti gli studenti, affiancati da esperti e divulgatori di arte contemporanea e arte pubblica, per confrontarsi creativamente con i quadri della Collezione Ingrao.

Agli studenti del Corso PIA dell’Istituto Professionale Pertini, la sfida di ricreare una galleria d’arte all’interno del bus della linea 7, rivestendo pareti e sedute del bus con motivi su tessuto stampato liberamente tratti dai quadri della Collezione.

Gli allestimenti saranno posizionati nelle diverse fermate in successione fino a concludere l’allestimento al capolinea di piazza Yenne.

Al capolinea, i ragazzi del Dettori intervisteranno passanti e passeggeri su quanto sta avvenendo e registreranno le loro impressioni. Nel frattempo Roberta Locci inviterà a visitare la mostra sul pullman e alla partenza accompagnerà i passeggeri interpretando una guida museale.

Alle 10.30 il bus 7 porterà gli studenti dell’Istituto Pertini fino al viale dei giardini della Galleria Comunale, dove, con un cambio di consegne con il Liceo artistico Foiso Fois, l’allestimento del pullman verrà posizionato su delle sedie bianche che introdurranno alla successiva performance che vede coinvolte le sedie realizzate dagli studenti dell’artistico prendendo spunto dalla collezione Ingrao.

Sedie scolastiche che, acquisita nuova vita, verranno inserite all’interno della Galleria Comunale d’Arte rappresentando una modalità alternativa di lettura dell’opera e un tramite con altri oggetti già presenti all’interno del museo.

Alle 11,00, a conclusione della giornata,l’incontro con studenti, insegnanti, dirigenti, con la direttrice della galleria Paola Mura e Simona Campus, docente storia dell’Arte e Museologia dell’Università di Cagliari che riporterà l’impatto che l’iniziativa avrà sui cittadini e fornirà ai ragazzi strumenti per acquisire consapevolezza sulla collocazione della loro azione nell’ambito dell’arte contemporanea.

Il Liceo Classico Dettori ha curato la comunicazione del progetto svolgendo le funzioni di ufficio stampa,  gestendo la pagina Facebook del progetto e i contatti con i radio, riviste online e stampa. Gli stessi alunni, sotto la guida di Simone Mereu hanno anche realizzato dei brevi video sulla vita e le opere dei principali artisti della Collezione.

Il progetto, nel suo complesso, si configura come un intervento di arte pubblica ed è stato realizzato dall’associazione Arcoes con il contributo dell’assessorato della Cultura di Cagliari, della Fondazione di Sardegna, dell’Istituto Professionale Sandro Pertini e del CTM in collaborazione ANISA, Liceo artistico Foiso Fois, Liceo Classico G. M.  Dettori, Unica Radio e Associazione Effezero,  

[bing_translator]

Segni e colori dalla Grecia nella seconda serata di Nues, il festival internazionale dei fumetti e cartoni nel Mediterraneo, quest’anno alla sua 8ª edizione, in programma a Cagliari fino a venerdì prossimo (24 novembre). Domani, alle 18.00 all’Hostel Marina (in cima alle scalette di piazza San Sepolcro), si inaugurano le mostre “Street Art: Atene Europa” e “Il ladro di giallo”.

Curata dal giornalista e critico Aris Malandrakis, la prima offre uno sguardo, attraverso settanta fotografie, sui graffiti presenti in una delle capitali europee più interessanti nell’ambito di questo genere d’espressione. Culla dell’arte occidentale, Atene si è trasformata in un’imponente e coloratissima galleria di graffiti a cielo all’aperto, con centinaia di opere sparse in vari quartieri della città. Complice la crisi economica, il fenomeno ha avuto un notevole incremento negli ultimi anni grazie a una nuova generazione di artisti di strada greci e a molti stranieri che hanno voluto esprimere la loro solidarietà lasciando la loro “impronta” in numerosi luoghi pubblici della capitale. Parte dell’esposizione sarà itinerante: diversi locali del quartiere Marina – tra cui il ristorante ManàManà ed il Caffè Savoia – ospiteranno, infatti, le fotografie.

L’altra mostra, “Il ladro di giallo” propone invece le tavole dell’omonima “graphic novel” di Yiorgos Botsos: una narrazione lirica raffigurata nello stile pittorico e originale dell’artista ateniese, che torna a Cagliari per presentare, per la prima volta in Italia, questo lavoro, storia di un terribile ladro che ruba tutto ciò che è giallo, anche solo con lo sguardo. Pittore, illustratore e fumettista, Yiorgos Botsos (classe 1960) partecipa alla serata con una performance artistica dal vivo. Previsti anche un buffet di ispirazione greca e la presentazione di un murale realizzato dagli studenti del Liceo Artistico “Foiso Fois” nell’ambito del laboratorio Parlare con i muri, a cura dell’illustratrice Carol Rollo e dell’educatore Ciro Francioso.

In mattinata, intanto, Nues partecipa a un’iniziativa del comune di Cagliari: l’inaugurazione della piazza (tra via Spanedda e viale Marconi, nel quartiere di Genneruxi) intitolata ad Aurelio Galleppini nel centenario dalla nascita del papà del celebre fumetto “Tex Willer”. Appuntamento alle 11 alla presenza dell’assessore alla Cultura Paolo Frau. Con il direttore artistico di Nues Bepi Vigna, interviene l’attore  Fausto Siddi che proporrà una lettura sulla vita di Galleppini. Al disegnatore toscano di origine sarde il festival dei fumetti dedica la mostra “Nel segno di Galep”, che si inaugura questa sera – sabato 18 alle 18.00 – allo spazio SEARCH insieme a quella incentrata invece su Sherlock Holmes (titolo: “221B Baker Street”), il celebre personaggio nato dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle, nel centotrentesimo anniversario della pubblicazione di “Uno studio in rosso”, il romanzo in cui il mitico detective fa il suo debutto.

 

[bing_translator]

Giovedì 12 gennaio, a partire dalle ore 9.00, presso la Sala Eventi del Secondo Piano della Mediateca del Mediterraneo di Cagliari, gli studenti del Liceo artistico e musicale Foiso Fois saranno protagonisti del progetto EUMAN, dedicato agli studenti dei Licei Artistici e dei Licei Musicali e Coreutici italiani (inclusi i relativi indirizzi all’interno di Istituti secondari di secondo grado che offrono più indirizzi), che mira a sperimentare un modello virtuoso di educazione alla cittadinanza europea.

Il programma della giornata.

It’s EUMAN!

9.00-9.15: Gli Europe Direct: cosa sono, cosa fanno e le opportunità per i ragazzi. Introduzione a cura dello Europe Direct Sardegna

9.15-9.40: presentazione del concorso nazionale “It’s EUMAN!” e del progetto di CesUE

9.40-11.00: “Europa: che Passione! Storia di un amore tormentato”

Visione e discussione a seguire sul Recital musicale di Daniela Martinelli e Francesco Pigozzo, con Paolo Barillari, Davide Magnabosco e Michela Ciusani. Proiezione del filmato realizzato da RAI CULTURA, per la regia di Sandro Vanadia, in occasione della rappresentazione al teatro dell’Opera di Firenze nel novembre 2015. Trailer italiano qui, trailer inglese qui.

11.00-11.15: pausa.

11.15-13.00: “Migrazioni e Unione Europea”

a cura di Valentina Usai, CesUE, Movimento Federalista Europeo Cagliari

Lezione dialogica basata su metodologia dialettica: la lezione partirà dalle conoscenze effettive dei partecipanti, stimolerà domande e risposte provenienti direttamente da loro a complemento della trasmissione di conoscenze da parte del relatore. Tema centrale le problematiche connesse ai fenomeni migratori verso l’Unione Europea.

[bing_translator]

Doppio appuntamento a Cagliari per Nues. Giovedì e venerdì (24 e 25 novembre) alla MeM (in via Mameli 164), la settima edizione del festival internazionale dei Fumetti e dei Cartoni nel Mediterraneo si concentra di nuovo sui comics italiani e dedica uno spazio all’immaginario femminile, dopo aver archiviato, sabato scorso, la sezione intitolata “Mediterraneo_Immaginario” con la sigla di un accordo di collaborazione tra il Cntro Internazionale del Fumetto, padrone di casa della manifestazione, e l’Institut Nationall des Beaux-Arts de Tétouan, per promuovere nei rispettivi territori la produzione marocchina e sarda di fumetti e film d’animazione.

Protagonista dell’incontro in programma giovedì alle 18.00 è Luca Enoch, un “autore unico” che scrive, sceneggia e disegna le sue storie a fumetti. Creatore delle celebri serie “Gea”, “Sprayliz”, “Lilith” e “Dragonero”, la prestigiosa firma milanese, classe 1962, ripercorre la sua carriera insieme a Bepi Vigna, con un approfondimento anche sul suo romanzo “Dragonero – Il risveglio del Potente” (Mondadori, 2015) e sull’evoluzione dell’immaginario fantasy tra fumetto e letteratura. 

Venerdì (25 novembre), nella ricorrenza della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il festival Nues propone la sua sezione intitolata “Donna, Immagina!, con una serie di interventi e contributi in programma dalle 10.00 alle 13.00 e la sera dalle 18.00 alle 20.00.  

La mattinata prevede una tavola rotonda sull’immaginario femminile moderata dalla giornalista Ornella Demuru: vi partecipano Assia Petricell e Sergio Riccardi, rispettivamente sceneggiatrice e disegnatore della graphic novel“Cattive ragazze. 15 storie di donne audaci e dreative, Luca Enoch con un contributo sulle sue eroine a fumetti protagoniste delle serie “Gea”, “Sprayliz” e “Lilith”, la giornalista Federica Ginesu, co-autrice del volume “Sardegna al femminile. Storie di donne speciali”, e Elena Calorio, psicologa del Centro antiviolenza Donna Ceteris. Prevista anche la proiezione di contributi video sull’immaginario femminile nel cinema, nel fumetto e nella fotografia, con particolare riferimento alla street photography dell’americano Garry Winogrand (1928-1984) e al suo lavoro “Women are beautiful”, accompagnato da brani tratti dai racconti della scrittrice canadese Alice Munro (premio Nobel per la letteratura nel 2013). 

In serata, Assia Petricell e Sergio Riccardi presentano la loro graphic novel “Cattive ragazze. 15 storie di donne audaci e dreative” (Sinnos – 2015); Premio Andersen 2014 come Miglior libro per ragazzi a fumetti, è dedicata a quindici biografie eccellenti: scrittrici, condottiere, scienziate, attiviste, filosofe, cantanti, pittrici più o meno note, donne coraggiose e anticonformiste che, in periodi e luoghi diversi, hanno segnato la storia, come Olympe De Gouges, Marie Curie, Angela Davis e Miriam Makeba, tra le altre.

Il compito di chiudere la giornata è affidato alla cantante e attrice Rossella Faa con “Riflessioni sfuse”, una performance musicale dedicata all’immaginario femminile in Sardegna.

Momenti e protagonisti di Donna, Immagina! verranno immortalati su carta da un gruppo di ragazzi del Liceo Artistico “Foiso Fois” di Cagliari e dalle disegnatrici Giovannella Monaco, Stefania Costa e Laura Congiu, che coglieranno le suggestioni della giornata dal vivo.

luca-enoch-locandina-mcattive-ragazze-m donna-immagina-locandina-upd rossella-faa

[bing_translator]

Danza, cinema, installazioni, ricerca sociale, benessere, azioni partecipate dove tutti, non solo gli artisti, possono contribuire a indagare la realtà e a valorizzare un quartiere ai margini. Dal 22 al 25 ottobre, con alcune code anche nei mesi di novembre e dicembre, a Cagliari, nel borgo Sant’Elia, torna “Approdi”, festa d’arte e comunità giunta quest’anno alla terza edizione.

Organizzata dall’associazione culturale Carovana SMI (Suono Movimento Immagine),  in collaborazione con Indisciplinarte e la cooperativa Sant’Elia 2003, la rassegna anche stavolta si avvarrà di importanti contributi internazionali, ribadendo così la sua peculiarità di trasformare i luoghi che la ospitano in un punto di riferimento per la trasmissione di processi creativi.

Già illustrata a Roma lo scorso giugno, insieme agli altri progetti della rete Finestate festival, Approdi 2015 prende le mosse giovedì 22 ottobre dal quartiere La Marina. Qui sarà presentato un originale progetto che arriva dalla Svizzera: “12parole7pentimenti”, di Rubidori Manshaft: un’installazione sociale spiazzante in cui in quattro distinte postazioni (partendo dall’Hostel Marina) si  potranno ascoltare storie sui temi dell’amore, della morte, del sesso e del denaro. Conversazioni che Manshaft ha registrato furtivamente nei bar, nelle fermate della metropolitana, nei taxi, e in altri contesti, per indagare gli argomenti maggiormente battuti. L’itinerario, riservato a partecipanti dai 16 anni in su, sarà proposto per tre giornate consecutive, con tre repliche giornaliere (il 22 e il 23 ottobre ore 17.30; 19.00; 20.30, il 24 ottobre alle ore 12.00; 16.00 e 17.30). Potranno accedere, dietro prenotazione, 16 persone per volta. 12parole7pentimenti è inserita nel progetto Swiss time con la rete Finestate Festival.

Venerdì 23 ottobre, alle 18.00, ci si sposta nel centro culturale Il Lazzaretto, a Sant’Elia, per “La promessa del mare”, di Pauline Fondevila, secondo dei tre progetti della rassegna che animeranno la programmazione di ottobre. Si tratta di un’installazione, al suo debutto in Italia, in cui una flotta di piccoli velieri con affissi poemi e aforismi, faranno bella mostra di sé (dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00) sino a domenica 25 ottobre, giorno in cui, alle 11.00, alcuni di questi saranno calati in mare per una breve navigazione da parte dei bambini dello Yatch club di Cagliari. Prodotta dall’associazione l’Entorse, con sede a Lille, nella Francia settentrionale, l’installazione (che ispira diverse attività rivolte ai bambini e ragazzi che partecipano al progetto di Scuola CreAttiva) vuole mettere in comunicazione due mondi di solito poco propensi a dialogare tra loro: quello dell’arte e quello dello sport. Domenica 25 ottobre, alle 12.00, il progetto si arricchisce con “A loro che sono in mare”, azione partecipata che vedrà i pescatori e gli abitanti di Sant’Elia protagonisti di una processione laica sul lungomare con i velisti della Regata Regionale Approdi a cura del Yacht Club di Cagliari.

“La Promesse de la mer” sarà accompagnata anche da diversi incontri in programma al Lazzaretto: venerdì 23 ottobre alle 18, in occasione dell’inaugurazione dell’installazione, Mario Marongiu, ingegnere appassionato di vela, presenterà il suo libro “Navigare oggi come il popolo Shardana”, frutto di una lunga e attenta ricerca su reperti archeologici. L’appuntamento è curato dallo Yatch Club Cagliari.  Sabato 24, alle 18.00, l’appuntamento è  con “I giganti del Mediterraneo. L’amore disperato per gli squali e le balene”: parlerà il grande conoscitore di squali Alberto Luca Recchi, conosciuto per la sua partecipazione a diverse puntate del programma tv Superquark. Domenica 25 (ore 16.30) l’appuntamento è con “Sardegna mari e coste – Le identità più profonde del paesaggio costiero sardo” e “Salvato dal mare”, incontri, rispettivamente con il fotografo esperto di paesaggi marini Luca Tamagnini, e con l’ex  campione olimpionico di windsurf Gigi Barrella. Modera il giornalista Sergio Benoni. In chiusura di programma c’è Milonga del mare, serata danzante rivolta agli amatori del tango a cura di Tangosardinia. “La promesse de la mer” crea anche l’occasione per lanciare un concorso di scrittura creativa rivolto a persone dagli otto anni in su.

Prende spunto dal film “L’arbitro” di Paolo Zucca, “La partida” spettacolo in programma sabato 24 ottobre alle 21.00 nell’impianto comunale di via Schiavazzi. Vincitrice a settembre dell’Award Moritz come , questa coreografia dell’artista catalana , che lo scorso inverno ha indagato il tema in occasione di una sua residenza artistica a Sant’Elia, è una vera e propria disputa calcistica che vedrà fronteggiarsi una squadra di cinque danzatrici e una di cinque calciatori. Un modo per raccontare la vita attraverso il calcio, la musica, la danza. Le musiche originali portano la firma di Adele Madau.  In occasione dello spettacolo sarà organizzato un “coro di tifosi” a cui tutti, senza distinzione di età e sesso, possono partecipare.

Di grande impatto, e con una forte ricaduta sociale, è anche la proposta (le date sono ancora in via di definizione) che Approdi presenterà nei mesi di novembre e dicembre: si va dall’atto performativo “Mancanza-Purgatorio” (Olanda), i cui protagonisti sono i 17 abitanti di Sant’Elia che hanno partecipato alla realizzazione dell’omonimo film di Stefano Odoardi, sulla condizione del riscatto (quella girata a Cagliari è la seconda parte di una trilogia cinematografica partita con “Mancanza- Inferno”, girata all’Aquila) a “TENUE_radiodramma tattile”, da un’idea di Caterina Poggesi, per la regia della stessa Poggesi e di Cesare Torricelli, interpretato da attori non professionisti non vedenti dopo un percorso di ricerca e studio sul gesto fisico e vocale. In collaborazione con Unicoop Firenze sarà proposta “Giro di Stile”, a cura di Fosca, una installazione performativa dedicata alle donne, sui temi del consumo e della cura del sé.

Coinvolge artisti non udenti, e altri disabili, “Gertrude McFuzz”, del Signdance Collective International, performance di teatro-danza dei segni che trascendono barriere linguistiche.

Sarà presentato anche Lunàdigas (così si chiamano in sardo le pecore che non figliano), progetto multimediale di Marilisa Piga e Nicoletta Nesler su quella parte del mondo femminile che sceglie di non avere figli.  Insieme al web doc (è in via di preparazione anche un film), il progetto comprende, a firma dell’arteologo Carlo Antonio Borghi, i cosiddetti Monologhi impossibili: testi in cui figure femminili della letteratura, della storia, dei fumetti, del cinema, dell’arte parlano attraverso la sua penna. La ricerca sul tema Lunàdigas si sviluppa anche nel quartiere Sant’Elia, dove è altissimo il numero di donne che diventano madri spesso in giovanissima età. Diverse artiste  come Alia Sellami (Tunisia) e Isolte Avila (Cuba-Inghilterra), realizzano delle Icone performative ispirate al tema nell’ambito di Approdi.

Spazio anche al progetto performativo, di Angela Trentanovi e Stefania Zampiga, “La Colonna d’appartamento”, che combina osteopatia e poesia in appartamenti di quartieri disagiati, per imprimere movimenti poetici ai luoghi dove si abita. Punta invece ad avvicinare alla danza contemporanea “As It Happens_territori dell’istante”, progetto di Tecnologia Filosofica, da un’idea di Francesca Cinalli e Paolo De Santis. Con “Made Sant’Elia”, di Carolina Melis, si sperimenterà  come fare impresa utilizzando la creatività. Ruota attorno al tema della stanchezza “Lavare stanca”, a cura di Carovana SMI, idea e regia di Ornella D’Agostino. Si tratta di un percorso esperienziale che indaga la malattia cronica del nostro tempo. Una stanchezza profonda che genera distanza dal corpo e immobilismo. Nelle culture popolari e in quelle olistiche, la cura del corpo comprende pratiche e rimedi che “lavano” la stanchezza. Si renderanno sensibilmente pubbliche alcune tradizionali cure del corpo nelle diverse culture delle comunità multietniche coinvolte nel progetto. Con Alia Sellami, Francesca Cinalli, Paolo De Santis.

Il programma targato 2015 di Approdi porta avanti anche diverse altre attività:

  • Scuola CreAttiva. Da ottobre a dicembre Approdi ospita, come consuetudine, la Scuola CreAttiva: percorsi interdisciplinari, sensoriali e ambientali riservati agli studenti delle scuole di primo e secondo grado della città, per motivarli allo studio, prevenendo così le motivazioni che stanno alla base dei tristi dati sulla dispersione scolastica. Polo della Scuola sarà il Lazzaretto di Sant’Elia. Sono stati firmati accordi di collaborazione con gli istituti comprensivi Randaccio, Colombo e con il Liceo artistico “Foiso Fois”.
  • Residenze d’autore. Sino alla fine dell’anno Approdi accoglie progetti e processi di ricerca artistica e di microimprese creative, dà spazio e voce agli autori di percorsi, desideri e sogni. Quest’anno parteciperanno: Rita Spadola, Franco Casu, Isolte Avila, Signdance Collective International, Marco Peri, Compagnia Vero Cendoya, Alia Sellami, Tecnologia filosofica, Fosca, Marta Benoni, Ornella D’Agostino.
  • Creative Academy. Spazio anche al programma interdisciplinare di professionalizzazione artistica, che propone laboratori, gruppi di ricerca, seminari e incontri realizzati in collaborazione con: Spaziomusica, SpazioDanza, CompagniaB, TconZero.
  • Voce al corpo. Laboratori di parkour, arrampicata, danza aerea, laboratorio interdisciplinare di danza, teatro del corpo, arti marziali, performance di arte urbane.

Approdi promuove l’iniziativa curata dal WWF Italia nell’ambito di EXPO’ 2015 “La natura del cibo. Una sola terra per nutrire il pianeta”, in programma il 25 ottobre (ore 9.00-17.00) nell’oasi di Monte Arcosu, Località Sa Ganna, a Uta e Scilla di Luigi Erriu.

Saranno promossi anche alcuni cortometraggi sul tema dell’ambiente, sostenuti dalla Sardegna Film commission, e realizzati all’interno del progetto Heroes 20.20.20. Si tratta di: “ll filo di lana”, puntata pilota della web serie di Kuiles-Ovili, regia di Tomaso Mannoni; del teaser di  “Piccoli grandi Eroi”, regia e produzione di Giorgia Soi; del cortometraggio “La vita in  verde”, per la regia di Joe Bastardi; di “Ogni cosa al suo posto”, per la regia di Paolo Zucca.

La partida fotoLa promessa del mare foto  conferenza stampa 5 conferenza stampa 3 conferenza stampa 2