5 February, 2023
HomePosts Tagged "Giacomo Guadagnini"

Sette consiglieri comunali, primo firmatario Giacomo Guadagnini, hanno presentato una mozione al presidente del Consiglio comunale di Carbonia, Federico Fantinel, al sindaco Pietro Morittu e alla Giunta, sullo stato in cui versa il Canale di guardia e sulla progettazione dei lavori.

“Premesso che negli ultimi anni si sono verificate diverse condizioni alluvionali che hanno causato ingenti danni a cittadini, abitazioni, percorsi stradali ed autoveicoli, addirittura trascinati dalla violenza delle acque piovanescrivono i sette consiglieri Giacomo Guadagnini, Ivonne Fraternale, Antonio Caggiari, Rita Vincis, Gianluca Arru, Diego Fronterrè e Giuseppe Giganti -, e considerato che la commissione Lavori pubblici si è riunita nove volte per approfondire e conoscere i tempi della progettazione del Canale di guardia e dell’utilizzo di circa un milione di euro a disposizione da circa 15 anni; rilevato che a tutt’oggi non si hanno notizie confortanti sullo stato dell’arte della progettazione e preso atto che esiste una forte preoccupazione dovuta a quanto accaduto e a quanto non si vorrebbe accadesse ancora per le alluvioni previste per gennaio e febbraio, la mozione impegna il Sindaco e la Giunta a fornire un puntuale aggiornamento attraverso un attendibile cronoprogramma sullo stato della progettazione, in linea con le temute e attendibili emergenze.”

Sit-in di protesta di consiglieri ed assessori comunali, e cittadini, stamane a Carbonia, davanti alla sede Area di via Angioy, per denunciare l’immobilismo dell’ente regionale in città, dove pure vanta il maggior patrimonio di alloggi e terreni di tutta l’Isola.

Vediamo l’intervista realizzata con l’ingegner Giacomo Guadagnini, presidente della commissione consiliare dei Lavori pubblici del comune di Carbonia.

 

Dieci consiglieri comunali di maggioranza, primo firmatario Gianluca Arru di Carbonia Avanti, hanno presentato un’interpellanza sul servizio di spazzamento meccanizzato delle vie cittadine.

«La nostra amministrazionesi legge nell’interpellanza, firmata anche dai consiglieri Giacomo Floris, Giovanni Spanu, Alessia Cadoni, Diego Fronterrè, Giuseppe Giganti, Rita Vincis, Antonio Caggiari, Ivonne Fraternale e Giacomo Guadagnini – si è dotata di un servizio di igiene urbana e tale servizio prevede una serie di adempimenti a carico dell’azienda aggiudicatrice dell’appalto, tra i quali lo spazzamento meccanizzato delle vie cittadine. Considerato che il servizio grava in egual misura su tutti i cittadini, per cui a tutti deve essere garantito lo stesso trattamento, valutato che in città tante vie sono a senso unico di marcia e ciò impedisce alla macchina spazzatrice di poter pulire allo stesso modo sia un lato che l’altro della strada, in virtù del fatto che la spazzola che raccoglie il rifiuto si trova esclusivamente sul lato destro del mezzo ed appurato che tutto ciò sta determinando parecchie lamentele giustificate da parte dei cittadini, i quali si trovano ad avere, solo perché risiedono nel lato “sbagliato” della strada, una disparità di servizio, si interpella il signor Sindaco o l’assessore competente, per capire, se e come si possa ovviare a questo problema, e se ritengano che si possa concedere che nelle vie a senso unico la spazzatrice possa operare in contromano rispetto al senso di marcia, adottando tutte le misure e precauzioni del caso, per consentire un adeguato servizio a tutti i cittadini.»

 

Mattinata di studio e scambio di esperienze alla sala Polifunzionale del comune di Carbonia, terza tappa del “Progetto Faro”, volto a illuminare la rotta delle città caratterizzate da una architettura razionalista dei regimi totalitari.

Identità e cultura traslati nel contesto urbano e nei suoi edifici al centro degli interventi che si sono susseguiti, dopo i saluti del vicesindaco ed assessore al Turismo Michele Stivaletta, al tavolo con l’assessora della Cultura Giorgia Meli e Nicola Merche del comune di Carbonia che ha coordinato l’operazione della due giorni che terminerà domani.

Alla convention, a cui hanno preso parte anche gli assessori Pierangelo Porcu, Antonietta Melas ed il presidente della seconda commissione Giacomo Guadagnini, tanti funzionari e addetti ai lavori provenienti da oltre confine che hanno reso il contesto internazionale.

Da Davide Canali di Atrium, alla cui rete il comune di Carbonia è consociato, alle tante esperienze che provengono da Slovenia, Romania, Portogallo, Polonia e Albania fino a tornare nei confini italiani con Forlì e poi, naturalmente, a Carbonia per la quale ha preso la parola il prof. Antonello Sanna dell’Università di Cagliari, già preside della facoltà di Architettura, che ha ripercorso la genesi della cittadina mineraria, dalla fondazione a oggi, soffermandosi sulla logica della Company town per poi mettere in evidenza i tanti interventi urbanistici che ne hanno costellato la storia.

«Con un occhio al passato e con la preziosa collaborazione dell’università degli studi di Cagliariha affermato il vicesindaco, Michele Stivaletta dobbiamo avere lo sguardo rivolto al futuro, proseguendo con una riqualificazione in chiave culturale e turistica della nostra città e del territorio.»

I lavori proseguiranno per tutta la giornata di domani, a partire dalle ore 9.00, alla Grande Miniera di Serbariu.

Carbonia tra identità ed innovazione: è il tema del seminario istituzionale sul rilancio delle iniziative culturali sull’identità e sul futuro della Città di fondazione nel decennale del Premio europeo del Paesaggio, che si terrà domani mattina, dalle 10.00, nella sala polifunzionale di piazza Roma.

Il seminario è promosso dalla seconda commissione Urbanistica, Lavori pubblici, Ambiente e Manutenzione. Parteciperanno il sindaco Pietro Morittu, la Giunta, il presidente del Consiglio comunale, i componenti delle commissioni consiliari permanenti, dirigenti e tecnici del Comune, architetti ed ingegneri.

Dopo i saluti del presidente del Consiglio comunale, Federico Fantinel, sono previsti gli interventi dell’ingegner Giacomo Guadagnini, presidente della seconda commissione, i docenti dell’Università di Cagliari Antonello Sanna, Giuseppina Monni e Giorgio Peghin; e, infine, Cristian Filippo Riu, direttore generale di Area.

Concluderà i lavori il sindaco di Carbonia, Pietro Morittu.

  

Il circolo culturale Soci Euralcoop, in piazza Marmilla, a Carbonia, ha ospitato ieri sera un dibattito sulla transizione energetica per l’ambiente ed il lavoro, organizzato dal Partito Democratico del Sulcis Iglesiente.

In oltre 4 ore di dibattito, si è parlato di energie rinnovabili come un bene per la comunità da sottrarre alla speculazione; comunità energetiche; metano nella transizione; problematiche legate alla chiusura della Centrale Grazia Deledda che Enel non intende riconvertire; il Piano per la giusta transizione. 

Il dibattito, coordinato da Giorgia Meli, assessore della Cultura del comune di Carbonia, è stato introdotto da Daniele Reginali, segretario della federazione e dal sindaco Pietro Morittu.

Dopo la relazione di Alfonso Damiano, professore ordinario del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica dell’Università di Cagliari, sono intervenuti Claudio Atzori, presidente della Lega delle cooperative, che ha illustrato le iniziative in corso per le comunità energetiche; Samuele Piddiu, segretario regionale della Cgil; Salvatore Vincis, segretario territoriale Cisl; Fabrizio Floris, lavoratore della Portovesme srl; Alessio Dessì, ingegnere industriale; Pietro Cocco, sindaco di Gonnesa; Giacomo Guadagnini, consigliere comunale di Carbonia e consigliere d’amministrazione del Consorzio industriale; Piero Comandini, consigliere regionale; Alberto Bionducci, ingegnere, già direttore di una centrale elettrica a Portovesme; Emanuele Madeddu, segretario territoriale Filctem Cgil; Roberto Forresu, segretario regionale Fiom Cgil; Francesco Garau, segretario regionale Filctem Cgil.
Hanno concluso gli interventi, il deputato Andrea Frailis ed il senatore Gianni Marilotti, prima delle conclusioni di Tore Cherchi.

La posizione del PD sulle materie trattate, può essere così sintetizzata, come riportato in un documento:
• Piena condivisione dello sviluppo delle energie rinnovabili. Le Istituzioni, a partire dal Governo e dalla Regione, devono garantire che sole, vento, acqua, territorio e paesaggio siano considerati come beni della collettività per il suo benessere sociale e non come merci per la speculazione a profitto di pochi gruppi, come, spesso, attualmente accade.
• Sostegno alle comunità energetiche. Queste costituiscono una modalità di utilizzazione delle energie rinnovabili con effetti economici molto positivi sui cittadini. I Comuni devono dare impulso alla loro organizzazione.
• Agire per soddisfare interamente con fonti rinnovabili l’intero fabbisogno energetico pubblico a partire da quelli dei Comuni.
• Programmare i grandi impianti di energia rinnovabile in funzione degli interessi economici e sociali della collettività cioè cambiare metodo rispetto all’attuale mercato selvaggio.
• La filiera dell’idrogeno sia sviluppata nel Sulcis. Anche Enel vi abbia un ruolo attivo.
• Il gas naturale liquefatto nella transizione energetica è indispensabile. Senza la disponibilità del GNL, aziende rilevanti sono destinate alla chiusura e la già pesante situazione sociale si aggraverà.
• La sicurezza degli impianti per il GNL deve essere sempre ricercata. Per questo fine, sono indispensabili valutazioni pubbliche e trasparenti delle soluzioni più idonee, come del resto prevedono le leggi e come si è fatto in altre parti d’Italia e di Europa. In ogni sede devono esserci atteggiamenti responsabili e costruttivi.
• Il Governo e la Regione impediscano che l’Enel chiuda la centrale e scappi. il problema non si risolve accompagnando alla pensione gli attuali dipendenti e costruendo un parco batterie. Altrove, anche in Sardegna, le aziende elettriche, quando chiudono un impianto a carbone, propongono investimenti per la riconversione a gas. In altri casi nazionali ed
europei, sviluppano la filiera energia rinnovabile/idrogeno.
• Nella situazione di alti prezzi dell’energia cittadini ed imprese soffrono mentre le aziende energetiche italiane, comprese Enel e Eni, realizzano extra profitti stimati in 26 miliardi euro. Governo e Parlamento agiscano per risolvere la situazione della Portovesme che assicura il lavoro a 1500 persone non dimenticando che Enel ha nel Sulcis la sua più grande centrale eolica.

• Si denuncia, una volta di più, il grave ritardo nella predisposizione del “Piano territoriale per la giusta transizione” per il quale l’Unione Europea ha messo a disposizione centinaia di milioni di euro di finanziamenti. La Regione è perfettamente latitante.
La Giunta regionale guidata dal presidente Solinas si è rivelata incapace di affrontare questioni cruciali come la transizione energetica, il piano per la giusta transizione, il piano nazionale di ripresa e resilienza. Ha abbandonato il piano Sulcis. Nel vuoto di iniziative della Giunta regionale, è necessaria una forte iniziativa politica e sociale nel territorio. Un ruolo cruciale di progettazione del futuro e di guida unitaria spetta alle Amministrazioni locali in raccordo con le organizzazioni sociali a partire da sindacati.
Il Partito Democratico, direttamente e attraverso sindaci e amministratori, parlamentari e consiglieri regionali, agirà ricercando l’unità con l’insieme delle forze che vogliono contribuire seriamente ad affrontare questioni cruciali come la transizione energetica, a difendere le aziende pesantemente colpite da una congiuntura dei prezzi alti dell’energia e a cogliere le opportunità offerte dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e dal Fondo per la giusta transizione.

 

 

Giacomo Guadagnini è stato nominato capogruppo del Partito democratico nel Consiglio comunale di Carbonia.

«Rivolgo un ringraziamento sincero e doveroso ai miei compagni di gruppo Ivonne Fraternale ed Alberto Pili che mi hanno attribuito questo importante ruolo, che svolgerò avvalendomi sempre del loro supporto e consultandoli passo passo perché solo attraverso il lavoro di squadra si possano raggiungere risultati ragguardevoliha detto Giacomo Guadagnini -. Ci tengo a ribadire inoltre la mia disponibilità e quella del gruppo che rappresento, all’ascolto della popolazione, perché il confronto e il rapporto con il cittadino costituiscono il nutrimento per la democrazia.»
«Durante la campagna elettorale abbiamo presentato ai nostri concittadini un programma complesso ed ambizioso del quale io e il mio gruppo ci facciamo garanti supportando la Giunta attraverso proposte e lavoro nelle diverse commissioni nelle quali saremo presentiha concluso Giacomo Guadagnini -. Buon lavoro a noi, quindi, e a tutta la Giunta, ci spettano anni impegnativi quanto importanti.»

Ufficializzata la composizione del nuovo Consiglio comunale, il neo sindaco di Carbonia Pietro Morittu ha fatto gli auguri ai 24 consiglieri eletti.
«A seguito delle operazioni di verifica inerenti i risultati delle elezioni da parte degli uffici competenti, è stata ufficializzata la composizione del Consiglio comunale di Carbonia, dopo la proclamazione a Sindaco di Pietro Morittu, avvenuta mercoledì scorso con il relativo passaggio di consegne.»
«Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli elettiha dichiarato il primo cittadinoa partire da Luca Pizzuto e Daniela Garau che hanno dato, e sono certo daranno, il loro contributo. I miei auguri si estendono a tutti coloro che siederanno nei banchi del Consiglio e che hanno manifestato tutto il loro impegno nel corso di questi mesi. Sono convinto che porteranno buone idee, osservazioni e input facendosi interpreti delle istanze dei cittadini. Auspico la massima collaborazione per lavorare insieme per la comunità.»
«Oraha aggiunto il sindacolavoreremo alla composizione della Giunta, attraverso un confronto con la coalizione Carbonia 2021 ed i rispettivi referenti, per individuare le migliori risorse che compongano la squadra di governo al servizio della città.»
Il Consiglio comunale di insediamento verrà convocato nei prossimi giorni e si riunirà ai primi di novembre, entro i 20 giorni dalla proclamazione degli eletti, come prevede il Testo Unico sull’ordinamento degli Enti locali, riunione che sarà presieduta dal consigliere anziano Federico Fantinel, incaricato di guidare l’Assemblea in attesa dell’elezione dell’effettivo presidente del Consiglio.

La composizione del Consiglio comunale di Carbonia è la seguente.
Per la lista “Carbonia Avanti”: Federico Fantinel, Gianluca Arru, Giacomo Floris, Alessia Cadoni e Giovanni Spanu.
Per il Pd: Alberto Pili, Giorgia Meli, Giacomo Guadagnini.
Per la lista “Pietro Morittu Sindaco”: Diego Fronterrè, Luca Grussu, Manuela Caria.
Per la lista “Sviluppo & Ambiente”: Michele Stivaletta, Valentina Diaferia.
Per la lista “Ora x Carbonia”: Giuseppe Vella, Giuseppe Giganti.
Per la lista “Uniti per rinascere”: Pierangelo Porcu, Rita Vincis.
Per il gruppo di liste PCI, Movimento 5 Stelle, Articolo 1 e Psi: Luca Pizzuto (candidato alla carica di Sindaco).
Per Articolo 1: Matteo Sestu, Sandro Mereu.
Per il Movimento 5 Stelle: Gian Luca Lai.
Per il gruppo di liste Lega, Patto civico Daniela Garau, Noi con voi FI-FDI-Riformatori: Daniela Garau (candidata alla carica di Sindaco).
Per la lista “Lega Salvini Carbonia”: Monica Atzori.
Per la lista “Patto Civico Daniela Garau Sindaco”: Daniele Mele.

I 24 candidati della lista “Partito Democratico”, una delle 6 liste in campo a sostegno della candidatura a sindaco del capogruppo uscente del Partito democratico, Pietro Morittu, per le elezioni amministrative di Carbonia del 10 e 11 ottobre 2021.

Candidati alla carica di consigliere comunale: Lucia Caddeo, Anna Cani, Lorenzo Congia, Paola Deiana, Velio Diana, Ivonne Fraternale, Cinzia Grussu, Giacomo Guadagnini, Giovanni Mannai, Giorgia Meli, Angelica Mocci, Alessandra Multineddu, Roberto Murgia, Alberto Pili, Manuela Piras, Sandro Piras, Giovanni Sabiu, Manuela Sanna, Antonio Scano, Alberto Straullu, Veronica Tedeschi, Alessio Tidu, Maria Laura Tuveri, Nancy Ziranu.

A sei mesi dall’appuntamento con le urne, a Carbonia la campagna elettorale per le prossime elezioni Amministrative è già iniziata da tempo e ci sono i primi candidati alla carica di sindaco. A muoversi per primo, nello schieramento del centrosinistra, oggi all’opposizione, l’ex assessore e consigliere del comune di Carbonia e della provincia di Cagliari, Giacomo Guadagnini, dirigente regionale del Partito democratico.
Giacomo Guadagnini, perché ha presentato la sua candidatura e con così largo anticipo?
«Oggi fare il Sindaco è una scelta a dir poco azzardata spiega Giacomo Guadagnini -. I Comuni hanno sempre meno risorse a fronte di maggiori competenze, di innumerevoli problemi da affrontare. I cittadini sempre più delusi, spesso a ragione, si sono allontanati dalla politica e hanno perso fiducia nelle Istituzioni. Carbonia, la nostra città, è il cuore di un territorio che soffre di una crisi divenuta ormai strutturale. Tutto ciò addolora ancor più, considerato il ruolo rilevante che Carbonia ha ricoperto in passato.»
Lei è uomo di lunga esperienza, il centrosinistra mostra segnali di ritardo nel rinnovamento della sua classe dirigente…
«Siamo stati miopi e poco lungimiranti, non siamo stati capaci di far crescere una nuova classe politica di giovani donne e uomini che potessero prendere il testimone ed arrivare oggi ad essere pronti a guidare la cittàammette Giacomo Guadagnini -. È per questo che, nonostante non sia stata una scelta facile, ho sentito il dovere di mettermi a disposizione, nonostante l’età, la condizione di privilegio raggiunta in anni di impegno politico e di duro lavoro prima da operaio nelle imprese d’appalto, poi come tecnico in fabbrica, e poi in Somica… Una posizione, che mi consentirebbe di stare tranquillamente a guardare. Ma non sono capace di ragionare in termini di interesse personale, mi interessa di più il bene comune, per questo mi piacerebbe impegnarmi in prima persona, per restituire tutto ciò che la politica e il lavoro mi hanno dato. Mi piacerebbe guidare la nostra città dandomi cinque anni per far crescere una squadra di giovani, donne e uomini, che poi possa prendere le redini di Carbonia e del territorio. Un giusto connubio tra esperienza e giovani menti brillanti e preparate che possano traghettare Carbonia fuori dalla nebbia che sembra avvolgerla e talvolta soffocarla.»
«Con onestà e competenza, che il miraggio della sola onestà ha mostrato tutta la sua inefficacia e oggi, i disastrosi risultati prodotti, sono sotto gli occhi di tuttiaggiunge Giacomo Guadagnini -. Sarebbe una bella sfida che sono pronto a cogliere con entusiasmo, a disposizione della mia comunità, con un progetto condiviso, ricco di quei valori incarnati da sempre dal Centro-Sinistra. Ci sono le soddisfazioni personali, le legittime ambizioni, le sfide avvincenti, ma soprattutto per me esiste il gioco di squadra e il campo di gioco è quello nel quale albergano valori non negoziabili.»
Spesso, chi lancia la sua volata da lontano, nel ciclismo ma anche in politica, rischia di subire la rimonta degli inseguitori…
«Non ho intenzione di nascondermi, pertanto, paleso le mie intenzioni in modo da poter aprire una discussione franca e costruttiva con tutti coloro i quali abbiano voglia di confrontarsi apertamente, senza dietrologia, fuori da dinamiche di bottega o pollaio, checché ne dicano i commentatori male informati e schierati da tempo in campo avverso.
Da oggi sono a disposizione
conclude Giacomo Guadagnini -: di una coalizione di centro sinistra, della società civile e dei singoli cittadini, sono pronto ad ascoltare le donne e gli uomini che amano questa città e che hanno voglia di costruire un progetto solido ed inclusivo, capace di proiettarci nel futuro che le nostre figlie e i nostri figli meritano.»