17 April, 2021
HomePosts Tagged "Giorgio Gerosa"

[bing_translator]

Miro Bilan. Fonte: www.dinamobasket.com .

La Dinamo in campo alle 20.30, al PalaSerradimigni, contro la Turk Telecom, per Gara9 di Champions League. La squadra di Gianmarco Pozzecco arriva a questo appuntamento con il morale molto alto, dopo le ultime vittorie ottenute sia in campionato sia in campo europeo, decisa a riscattare la sconfitta subita all’esordio in Turchia e quindi a mantenere il primato in classifica nel girone, oggi condiviso proprio con la squadra turca. Sarà importante guardare anche alla differenza punti, considerato che all’andata la Dinamo perse di 8lunghezze: 56 a 64.

«Quella con Ankara sarà una sfida tosta, difficile e fisica – ha sottolineato l’assistant coach Giorgio Gerosa alla vigilia -. All’andata abbiamo tirato con percentuali basse, merito della loro difesa che ci ha portato a prendere tiri con poco ritmo, togliendoci qualità e chiudendoci il post basso. Il loro sistema difensivo ti porta a giocare una pallacanestro che non ci è congeniale, a ritmo basso, ma noi dobbiamo fare come nel 3° quarto ad Ankara a tenere ritmo alto in attacco, portando maggiore aggressività sia offensivamente sia in difensivamente. Dovremo trovare soluzioni non per forza in contropiede ma anche in transizione, cercando di avere un ritmo di esecuzione molto alto senza focalizzarci solo su gioco di metà campo. Dovremo essere bravi a non snaturarci, restando lì e non accontentandoci delle prime occasioni di tiro.»

 

[bing_translator]

Prima uscita stagionale ufficiale per la Dinamo Banco di Sardegna 2019-20, i ragazzi di coach Pozzecco, da ieri al Geovillage Sport & Wellness Resort di Olbia per la seconda parte di ritiro, hanno incontrato in esclusiva questa mattina i giornalisti di carta stampata e televisioni per il tradizionale “Welcome Day” nel dehors a bordo piscina. Unico assente Stefano Gentile, rimasto in hotel per una sindrome influenzale.

Coach Gianmarco Pozzecco ha aperto le danze ed ha fatto gli onori di casa: «L’anno scorso abbiamo provato insieme allo staff ad andare in una certa direzione, cercando di dare più spazio ai giocatori che stavano meno in campo. Questi giocatori erano prevalentemente italiani, quest’anno abbiamo proseguito semplicemente il lavoro iniziato».

A coadiuvare il lavoro del coach i due assistenti Edoardo Casalone e Giorgio Gerosa che hanno raccontato un po’ il dietro le quinte della costruzione della nuova squadra: «Quando si prendono i giocatori la prima cosa da fare è conoscerli di persona, il nostro obiettivo era quello di trovare giocatori esperti che potessero essere funzionali alla nostra idea di gioco». Hanno proseguito sottolineando come sia importante iniziare la preparazione precampionato con il gruppo al completo sin da subito: «Ci darà il vantaggio di far integrare tutti i nuovi nei sistemi e nel nostro modo di giocare».

Jack Devecchi, alla quattordicesima stagione biancoblu, è stato il primo tra i giocatori a parlare: «Ripartire con una base solida è fondamentale, sarà un aiuto in più ripartire con un roster compatto e più italiano. Sono contento di questa scelta societaria perché son dell’idea che aiuti a fare gruppo più in fretta, soprattutto quando si gioca due volte a settimana e inevitabilmente ci si allena di meno. Proveremo a ripeterci su tutti i fronti provando a far meglio della passata stagione».

Il fiorentino doc Lorenzo Bucarelli, dopo le due annate da capitano alla Cagliari Dinamo Academy, torna a Sassari in pianta stabile: «Per me è un’enorme possibilità, occasioni del genere vanno colte al volo, farò il massimo per sfruttarla al meglio».

Le chiavi della regia saranno quest’anno affidate a Marco Spissu: «Mi piacciono le responsabilità, dovrò trasformare la pressione in energia e positività, i compagni sono certo che mi daranno una mano».

Tra i confermati della passata stagione Daniele Magro: «Sono rimasto qui perché mi son trovato bene e non c’erano motivi per dover lasciare tutto quello che c’è di bello in quest’Isola».

Dwayne Evans è uno dei volti nuovi del Banco: «Non ho preferenze sul mio ruolo, sono un giocatore versatile, cercherò il modo migliore per essere d’aiuto alla squadra».

Alla terza stagione sassarese Achille Polonara esordisce così: «Voglio subito un altro trofeo, son felice di essere rimasto in Sardegna. Spero che questo buon inizio ci porti a far meglio della passata stagione».

Primo tra gli stranieri a firmare per la nuova stagione il centro croato Miro Bilan che già conosceva coach Pozzecco: «Mi ricordo del coach ai tempi del Cedevita, lui era il nostro assistente e devo ammetterlo, era abbastanza selvaggio come allenatore».

Terzo anno biancoblu anche per Dyshawn Pierre: «Ho deciso di rifirmare con carica e voglia perché qui sto veramente bene».

Aggregato al gruppo per la preparazione Marco Maganza: «Conoscevo già Achille da tempo perché abbiamo giocato insieme anche in Nazionale, sto cercando giorno dopo giorno di apprendere più cose possibili da un giocatore come lui».

Michele Vitali reduce dalla stagione ad Andorra sa qual è la ricetta per recuperare dalle lunghe trasferte: «Riposo, alimentazione, reintegrazione. Sono queste le piccole cose che poi aiutano sul campo».

Atterrato ieri pomeriggio sull’Isola, Curtis Jerrells conosce bene la Dinamo da avversario: «Qui in Sardegna ho sempre trovato un grande ambiente familiare con i tifosi che sostenevano sempre la squadra. Son sempre rimasto impressionato dall’esterno, ora sono contento di farne parte».

In chiusura presentati i tre giovanissimi del settore giovanile aggregati alla prima squadra in questo ritiro 2019: Marco Antonio Re, Christian Martis e Luca Sanna.

[bing_translator]

E’ una Dinamo in grande forma, reduce da tre vittorie consecutive in campionato e una in Fiba Europe Cup a Larnaca (Cipro), quella che questa sera (palla a due alle 20.30) gioca sul campo dell’Acqua San Bernardo, a Cantù, per l’ultima giornata del girone d’andata della “regular season”. Vincendo, la Dinamo sarebbe qualificata matematicamente alle Final Eight di Coppa Italia con il sesto posto, e verrebbe abbinata nei quarti della sfida tricolore alla terza classificata, mentre in caso di sconfitta, tutto sarebbe rimandato ai risultati delle dirette concorrenti, Brindisi, Bologna e Trieste, che hanno gli stessi punti in classifica ma alla vigilia sono penalizzate dagli scontri diretti.

Al PalaBancoDesio la Dinamo ritrova da avversario Tony Mitchell, ex biancoblu che approdò in Sardegna nella stagione post-scudetto e non ebbe fortuna. E tornano a Cantù da ex, l’assistant coach Giorgio Gerosa, Jaime Smith e Stefano Gentile.

   

[bing_translator]

La presentazione della Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Fonte www.dinamobasket.com .

Questa sera, nel parco delle Tenute Sella&Mosca, la Dinamo Banco di Sardegna 2018-2019 è stata presentata a sponsor e autorità. Ad accompagnare nella prima uscita ufficiale i ragazzi di coach Vincenzo Esposito, Francesca Rossi, attrice e modella sassarese anche nella passata stagione madrina dell’evento, e Mino Taveri, storico volto del giornalismo sportivo. A fare gli onori di casa Antonio Posadinu, responsabile Relazioni esterne Sella& Mosca, ormai tradizionale location degli eventi biancoblu.

Ad aprire il saluto alle autorità Gianfranco Ganau, Presidente del Consiglio Regionale. In rappresentanza del Comune di Sassari interviene Alba Canu, assessore allo sport. Presente anche il presidente LBA Egidio Bianchi cha ha fatto il suo personale in bocca al lupo al club per l’imminente stagione. Quindi il saluto di Bruno Perra, presidente Fip Sardegna.

Sul palco sulle rive del laghetto delle Tenute Sella&Mosca, gli sponsor che hanno sposato il progetto Dinamo abbracciando una vera e propria filosofia. A partire dal main sponsor Banco di Sardegna, legato alla Dinamo da un matrimonio che dura da oltre 25 anni. E i gold sponsor: Reale Mutua, AirItaly, Tirrenia, Tiscali, Ep Produzione; lo sponsor tecnico Eye Sport ed il partner Numera. Presenti in platea anche tutte le piccole e medie realtà che accompagnano la Dinamo in questo cammino, nel segno dell’eccellenza e dell’ambizione.

È il momento di presentare la squadra che sarà protagonista in questa intensa stagione tra campionato LBA e Fiba Europe Cup. Sul palco viene chiamato l’amministratore delegato Renato Nicolai: «Ho sempre ammirato tanto questa società dall’esterno e oggi sono sinceramente orgoglioso di farne parte. Vesto un ruolo in parte nuovo: quando mi ha chiamato il presidente Stefano Sardara mi ha chiesto di fare l’allenatore della squadra – non quella che va sul parquet – composta da tutti coloro che lavorano dietro le quinte. Sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra e sono pronto a rimboccarmi le maniche perché la società cresca sempre di più. Sassari è visto come un esempio nel panorama cestistico non solo per i risultati sportivi del recente passato ma soprattutto per l’organizzazione societaria: questo è quello in cui voglio dare il mio massimo contributo e mettere in campo la mia esperienza»

New entry anche il team manager Luca Rossini, arrivato a Sassari dopo l’esperienza come alla Cagliari Dinamo Academy. Spazio dunque allo staff tecnico: primo a salire sul palco accolto da un grande applauso è coach Vincenzo Esposito al debutto sulla panchina sassarese in questa stagione di tante sfide. Insieme a lui gli assistant coach Edoardo Casalone e Giorgio Gerosa, il preparatore fisico Matteo Boccolini. Spazio dunque ai giocatori con l’ingresso del capitano Jack Devecchi, Ousmane Diop, Terran Petteway e Daniele Magro. Spazio, dunque, al giovane talento Marco Antonio Re prodotto del settore giovanile biancoblu e aggregato per la prima volta in prima squadra. È quindi il turno di Achille Polonara, Scott Bamforth, Marco Spissu, Jaime Smith, Jack Cooley, Rashawn Thomas e Stefano Gentile. Unico assente giustificato l’ala statunitense Dyshawn Pierre, impegnato con la nazionale canadese.

In chiusura il saluto del presidente Stefano Sardara: «Ringrazio come sempre di cuore gli sponsor, le istituzioni, i tifosi e tutti coloro che lavorano senza sosta dietro le quinte. Gli sponsor sono davvero qualcosa di più, queste realtà condividono il percorso con noi dando il massimo, in un cammino continuo di incontro e scambio molto proficuo, che permette a tutti di uscire dalla comfort zone e migliorarsi. Oggi Dinamo è il frutto del connubio tra una società sportiva e un’azienda, ed è un sistema che funziona grazie a un progetto di valori e pratiche comuni».

Sul nuovo gruppo: «Sono rimasto colpito dall’approccio di Enzo con i suoi giocatori – ha spiegato il numero uno biancoblu – è un papà in tutte le sue accezioni positive e negative, e non è vero che il Diablo non c’è più: ho visto la sua tempra durante le partite. Credo che questo sarà l’imprinting di questo gruppo e ne sono felice».

 

[bing_translator]

La nuova Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Fonte: http://www.dinamobasket.com/

Ecco la nuova Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Questa mattina, al GeoVillage Sport&Convention Resort di Olbia, sede per il settimo anno consecutivo del ritiro biancoblu, la squadra è stata presentata ai media. Nello spazio allestito a bordo piscina i giornalisti di televisione, carta stampata, agenzie e testate on line hanno conosciuto i giganti e lo staff tecnico che da mercoledì è al lavoro per preparare al meglio l’intensa stagione di sfide nazionali e continentali dell’agenda biancoblu.

Ad aprire la presentazione è coach Vincenzo Esposito, che il 1°settembre esordirà sulla panchina biancoblu nel primo impegno della preseason dei giganti con il Torneo AirItaly: «Siamo molto contenti e le impressioni iniziali sono molto positive – ha esordito El Diablo -. Abbiamo iniziato a lavorare da un paio di giorni e sono molto soddisfatto sia della disponibilità dei ragazzi sia della struttura in cui ci stiamo preparando, dove abbiamo trovato grande serietà, organizzazione e professionalità che ci permettono di lavorare al meglio». Non è scaramantico coach Esposito che ha chiuso con ironia: «Abbiamo uno staff tecnico e medico di prima fascia, adesso resta da fare la cosa più semplice: vincere lo scudetto».

Sono stati presentati alla stampa i due assistant che affiancheranno coach Esposito quest’anno: Edoardo Casalone, proveniente dall’esperienza a Tortona, e Giorgio Gerosa, negli ultimi due anni responsabile tecnico del settore giovanile del Banco. I giocatori si sono presentati uno ad uno, introdotti da una breve scheda con carriera, e peculiarità tecnico tattiche. I giganti hanno condiviso con la platea impressioni, obiettivi, entusiasmo e aspettative sulla nuova stagione. Grande entusiasmo per la prima uscita ufficiale in maglia Dinamo dei nuovi arrivati: Jaime Smith, Stefano Gentile, Terran Petteway, Daniele Magro, Rashawn Thomas, Ousmane Diop e Jack Cooley. A fare da padrone di casa il capitano Jack Devecchi, alla stagione numero 13 in maglia Dinamo, e perfettamente a loro agio Marco Spissu, sassarese doc rientrato in Sardegna lo scorso anno dopo essersi fatto le ossa in A2, Scott Bamforth e Achille Polonara, entrambi al secondo anno nelle file biancoblu. Debutto davanti alla stampa per il giovanissimo Marco Antonio Re, talento classe 2000 prodotto delle giovanili biancoblu, aggregato alla prima squadra.

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna è attivissima sul mercato dopo l’arrivo del nuovo coach Vincenzo Esposito e l’addio di Rok Stipcevic. Secondo quanto riporta “Spicchi d’arancia”, la società guidata dal presidente Stefano Sardara starebbe stringendo per chiudere l’accordo per Ousmane Diop, 18enne ala-centro senegalese con formazione italiana, che nelle ultime due stagioni ha giocato in A2 a Udine (6,6 punti e 4,1 rimbalzi di media a partita). Il giovane talento potrebbe essere acquistato a titolo definitivo dalla Virtus Feletto e sottoscrivere il primo contratto professionistico pluriennale con la Dinamo, che lo girerebbe verosimilmente in prestito (a Cagliari o per un altro anno in A2 alla GSA che ha un accordo in esclusiva per questo campionato).

Nel roster di Vincenzo Esposito, intanto – sempre secondo quanto riporta “Spicchi d’arancia” –, non sembra esserci spazio per Roberto Rullo, che potrebbe avere altre chances in A2. Al fianco del coach casertano, sembra possibile la nuova coppia di assistenti formata da Fabio Bongi, già con Vincenzo Esposito nelle ultime due stagioni a Pistoia, e Giorgio Gerosa, lasciando libero Paolo Citrini, che lavorava dal 2007 a Sassari.

[bing_translator]

Enzo Esposito pronto a firmare un biennale con la Dinamo, a Cagliari resta Riccardo Paolini. Le panchine delle due squadre sono ormai prossime alla definizione e Sassari e Cagliari (che poi sono la stessa famiglia).

La Dinamo ripartirà dalla prossima settimana gli allenamenti con Vincenzo Esposito a valutare il materiale umano a disposizione tra i giocatori sotto contratto. Il tecnico casertano ratificherà nel weekend il contratto biennale con il club del presidente Stefano Sardara e inizierà a lavorare in palestra da lunedì, agendo di concerto al confermato general manager Federico Pasquini per la costruzione del roster futuro sulla base dei contratti in essere e delle possibili integrazioni.

Da capire se si punterà sul 5+5 o sul 6+6 con la possibilità di optare per una squadra più snella se si deciderà di rinunciare alla ricerca di una wild card per la Champions League. Nella prima ipotesi il nuovo coach dovrà stabilire quali contratti italiani tra Jack Devecchi, Achille Polonara, Marco Spissu, Jonathan Tavernari, Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo faranno al caso dei suoi programmi, cercando poi playmaker, ala piccola e centro stranieri a supporto dei già confermati  (l’unico considerato tra gli stranieri del roster 2017-18 sembra Josh Bostic, in chiusura il rapporto con Rok Stipcevic). Vacante anche il posto di primo assistente che potrebbe essere affidato a Giorgio Gerosa, attuale responsabile del settore giovanile della Dinamo. In uscita invece Zare Markovski, destinato in un primo momento a un incarico da direttore tecnico, che non risulta gradito ad Enzo Esposito con cui i rapporti sono freddi dai tempi in cui l’italo-macedone venne esonerato a Caserta a favore dell’ex tecnico di Pistoia.

Cagliari e Riccardo Paolini hanno definito la prosecuzione del rapporto per la stagione 2018-19. In attesa di formalizzare un accordo comunque già stabilito a grandi linee, la Dinamo Lab vuole ripartire da Michele Ebeling (MVP) e dal tentativo di trattenere DeShawn Stephens che però sembra deciso ad attendere proposte da una prima lega europea. Le scelte del club saranno effettuate anche in funzione delle decisioni della casa madre Dinamo sugli italiani, a partire da Jonathan Tavernari, ma non escludendo neppure Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo che, tramite la nuova regola del tesseramento tecnico potrebbero muoversi da e per Sassari.

Fonte Spicchi d’arancia

[bing_translator]

Prende il via domani, domenica 18 giugno, al PalAltoGusto del Geovillage di Olbia, il Dinamo Camp 2017, progetto itinerante per la promozione e l’insegnamento dello sport e del basket ai giovani, organizzato dal club biancoblu di Sassari in collaborazione con Costa Eventi.

Per una settimana, i ragazzi iscritti al Camp, arrivati da tutta la Sardegna, potranno seguire le lezioni teoriche e pratiche di basket, e allenarsi sul parquet direttamente con i tecnici e con i giocatori della Dinamo. I ragazzi saranno seguiti dai tecnici Giorgio Gerosa e Roberto Bertolini e potranno cogliere i segreti dei movimenti in campo da Andrea Pompianu, promettente play delle giovanili e dal play-guardia della prima squadra, Lollo D’Ercole.

Per tutti sarà una settimana intensa, con due riunioni tecniche e due allenamenti quotidiani, durante i quali i baby cestisti, di età compresa fra i 6 e i 16 anni, potranno familiarizzare con la palla a spicchi e arricchire il loro background tecnico-sportivo.

Anche il Dinamo Camp 2017 rientra nel ricco cartellone di iniziative organizzate dal sodalizio siglato nei mesi scorsi tra la AltoGusto, azienda leader nella distribuzione del caffè in Sardegna, e la Real Effegi, società che gestisce lo sport & wellness resort Geovillage di Olbia.

Il progetto Dinamo Camp proseguirà a luglio con altre tre tappe; dal 3 all’8 luglio al Palasport di Sant’Antioco, e quindi due appuntamenti al Convitto nazionale di Cagliari, dal 10 al 15 luglio e dal 24 al 29 luglio.

[bing_translator]

L’edizione 2016 è stata un successo, allora anche quest’anno l’Isola di Sant’Antioco sarà una delle tappe del Dinamo Camp, progetto itinerante di promozione del basket organizzato dalla Dinamo Sassari in collaborazione con Costa Eventi. Una opportunità unica per i ragazzi sulcitani che , per una settimana, avranno la possibilità di vivere un’esperienza cestistica di alto livello, accanto ai “Giganti” bianco blu e ad un qualificatissimo staff tecnico.

Il Dinamo Camp sbarcherà a Sant’Antioco dal 3 all’8 luglio con la formula “Day Camp”, e il Mu.Ma. Hostel, già partner della Sulcispes Basket, sarà la sede logistica.

Venerdì 3 marzo, dalle 17.00 alle 19.00, il Mu.Ma. Hostel sarà inoltre sede dell’Open Dinamo Camp, pomeriggio dedicato all’informazione e alle iscrizioni alle sessioni itineranti. Ci saranno il dirigente responsabile del settore giovanile Dinamo Giovanni Piras, il responsabile tecnico Giorgio Gerosa, la responsabile del settore minibasket Roberta La Mattina, il responsabile organizzativo dei camp Antonello Manca e il presidente della Sulcispes Sant’Antioco Salvatore Ingrande. I giovani cestisti che intendono iscriversi e le loro famiglie potranno soddisfare tutte le curiosità relative alle tappe e all’organizzazione dell’edizione dell’estate 2017 dei camp biancoblu.

Per chi parteciperà all’evento, e in quell’occasione formalizzerà l’iscrizione, è previsto uno speciale sconto. A tutti i partecipanti al pomeriggio informativo sarà fatto omaggio di un gadget Dinamo e alle 18.45, prima della chiusura dell’incontro, si procederà all’estrazione di 3 biglietti parterre per assistere ad una partita della Dinamo a Sassari, offerti da Geovillage – Costa Eventi.