1 July, 2022
HomePosts Tagged "Massimo Comparetti" (Page 5)

[bing_translator]

Il turno infrasettimanale valido per la sesta giornata del girone A del campionato di Promozione regionale, propone il derby tra Carloforte e Carbonia, una delle partite più attese della stagione. La sfida odierna, in programma alle 15.00 al Comunale Nuovo Puggioni di Carloforte (dirige Luca Mocci di Oristano, assistenti di linea Riccardo Loi e Marco Fara di Oristano). è resa ancora più interessante dal fatto che le due squadre si affrontano per la terza volta in questo avvio di stagione, dopo i due match dei 16esimi di Coppa Italia che hanno promosso il Carbonia lasciandosi alle spalle tante polemiche, per il ricorso presentato dal Carbonia, accolto dal giudice sportivo, per la posizione irregolare di Gianluca Recano nella gara d’andata disputata a Villamassargia.

Il Carloforte rispetto alle due sfide di Coppa Italia ha un nuovo allenatore, Massimo Comparetti, subentrato a Tony Poma, e in campionato è secondo ad un solo punto dalla capolista Arbus, in compagnia di San Marco Assemini ’80 e La Palma Monte Urpinu, con 11 punti, frutto di tre vittorie (a Sant’Elia con il Vecchio Borgo, con il Quartu 2000 in casa e ad Arzana con l’Idolo) e due pareggi (ad Arborea e in casa con la San Marco Assemini ’80). Il Carbonia di Andrea Marongiu, viceversa, brillante in Coppa Italia, nella quale, dopo il Carloforte, ha eliminato brillantemente anche la capolista del campionato Arbus, vincendo 4 a 0 in trasferta dopo aver pareggiato 0 a 0 in casa, in campionato ha fin qui balbettato, raccogliendo solo 4 punti, frutto di una vittoria (con l’Andromeda), un pareggio (all’esordio con il La Palma Monte Urpinu) e ben tre sconfitte (sui campi di Sant’Elena e Siliqua e in casa con il Seulo 2010).

Sugli altri campi, l’Arbus cerca il riscatto dopo il primo ko subito ad Assemini, contro l’Idolo; la San Marco Assemini ’80 gioca a Bari Sardo, il La Palma Monte Urpinu sul difficile campo del Siliqua di Titti Podda. Completano il programma della sesta giornata, le partite Andromeda-Sant’Elena Quartu, Quartu 2000-Selargius e Vecchio Borgo Sant’Elia-Arborea.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, la neocapolista Monteponi di Walter Poncellini rende visita al Cortoghiana di Marco Pilloni, formazione galvanizzata dall’impresa compiuta domenica scorsa sul campo del Villamassargia con un goal di Marco Foti. Il Villamassargia, ancora capolista insieme a Monteponi e Libertas Barumini, ospita proprio quest’ultima, squadra con il morale alle stelle dopo i 6 goal rifilati all’Atletico Narcao. L’Atletico Villaperuccio, reduce da due sconfitte consecutive dopo le tre vittorie iniziali, ospita la Gioventù Sportiva Samassi, potenziale capolista, considerato che si trova a due punti dalle tre capolista ma deve recuperare la partita di Masainas, sospesa domenica scorsa per il forte vento di maestrale. L’Atletico Masainas di Bruno Mascia gioca a Senorbì, mentre la Fermassenti di Aldo Manca, reduce da tre vittorie consecutive dopo le due sconfitte iniziali, rende visita all’Atletico Narcao. Completano il programma della sesta giornata, le partite Gioventù Sarroch-Pula, Villacidrese-Virtus Villamar e, infine, Villanovafranca-Domusnovas Junior Santos.

 

[bing_translator]

Un goal di Claudio Mura realizzato su calcio di rigore al 20′ del secondo tempo ha regalato la vittoria alla San Marco Assemini ’80 nel big match con la capolista Arbus (fino a questo pomeriggio a punteggio pieno), determinando una grande “ammucchiata” al vertice del girone A del campionato di Promozione regionale, con ben 4 squadre racchiuse in un solo punto. Con la San Marco Assemini ’80, impostasi nonostante sia stata costretta a giocare prima in 10 uomini (dal 14′ del secondo tempo), poi in 9 (dal 29′ del secondo tempo), infatti, si sono portate a quota 11 punti, ad un solo punto dall’Arbus, ancora capolista solitaria, anche il Carloforte, passato ad Arzana sul campo dell’Idolo per 2 a 1, con reti di Nicola Lazzaro e Giacomo Sanna, ed il La Palma Monte Urpinu, impostosi sull’Andromeda per 2 reti a 0. A due punti dalla vetta c’è il Seulo 2010, passato al Comunale “Carlo Zoboli” di Carbonia con un rotondo 2 a 0.

Il Carbonia, sceso in campo con il morale alto per la vittoria ottenuta mercoledì ad Arbus in Coppa Italia, ha sbagliato l’approccio alla partita, non dando quasi mai la sensazione di poterla vincere, sfiorando il vantaggio per poi subire il goal su un calcio di rigore dubbio realizzato da Boi nel primo tempo, giocato con un forte vento di maestrale alle spalle. Nella ripresa Andrea Marongiu ha tentato la carta Momo Konatè che ha cercato di scuotere i compagni, andando anche vicinissimo al goal del pari con un tiro che ha sfiorato l’incrocio dei pali. Momo Cosa ha realizzato il goal del pari, annullato per un evidente fuorigioco, poi il Seulo 2010 ha segnato il secondo goal con Mura ed ha chiuso la partita. Per il Carbonia si tratta della terza sconfitta in cinque partite di campionato, bilancio sicuramente inferiore alle attese, che contrasta nettamente con il brillante cammino fin qui tenuto in Coppa Italia, manifestazione nella quale ha eliminato prima il Carloforte poi l’Arbus, rispettivamente seconda e prima in classifica in campionato.

Sugli altri campi, pari senza goal tra Gonnosfanadiga e Siliqua, 2 a 2 tra Arborea e Bari Sardo, 1 a 1 tra Selargius e Sant’Elena Qusrtu e, infine, vittoria esterna – 1 a 0 – per il Vecchio Borgo Sant’Elia sul campo del Quartu 2000.

Mercoledì 1° novembre, nel turno infrasettimanale, il calendario proporrà il derby tra Carloforte e Carbonia. E domenica al Comunale “Carlo Zoboli” tornerà la capolista Arbus. In quattro giorni il Carbonia incontrerà così i due avversari eliminati in Coppa Italia.

                             

[bing_translator]

Galvanizzato dalla splendida vittoria di Arbus che gli è valso la qualificazione ai quarti di finale della Coppa Italia (il 15 e 29 novembre affronterà la Macomerese), il Carbonia torna in campo questo pomeriggio, alle 15.00, allo stadio Comunale “Carlo Zoboli” contro il Seulo 2010 (dirigerà Marco Ambu di Cagliari, assistenti di linea Monica Ortu e Michel Melis di Cagliari), alla ricerca della seconda vittoria in campionato. Andrea Marongiu recupera alcuni degli assenti di Arbus (Marco Foddi, Gabriele Concas, Riccardo Milia) ed ha grande fiducia in una conferma della crescita del gruppo.

Il Carloforte gioca sul campo dell’Idolo (dirige Luca Casula di Carbonia, assistenti di linea Annamaria Sabiu ed Enrico Basciu di Carbonia) con la ferma determinazione di centrare la terza vittoria, la prima della gestione di Massimo Comparetti, dopo due pareggi consecutivi che l’hanno allontanato dalla vetta della classifica, occupata dall’Arbus, ora distante 4 punti.

L’Arbus, deluso dall’inattesa eliminazione subita in Coppa Italia dal Carbonia (per la squadra di Nicola Agus è stata la prima sconfitta stagionale, dopo il doppio successo nei 16esimi di Coppa Italia con il Gonnosfanadiga, il pari di Carbonia nella gara d’andata della Coppa Italia e le quattro vittorie in campionato), è atteso da una sfida molto difficile, sul campo dell’ambiziosa San Marco Assemini ’80, vicecapolista insieme al Carloforte, al Siliqua (di scena a Gonnosfanadiga) e al La Palma Monte Urpinu (impegnato in casa contro l’Andromeda). Completano il programma della 5ª giornata le partite Arborea-Bari Sardo, Quartu 2000-Vecchio Borgo Sant’Elia e Selargius-Sant’Elena Quartu.

Nel girone B del campionato di 1ª categoria, la neocapolista Villamassargia ospita il Cortoghiana, mentre l’Atletico Villaperuccio cerca il riscatto, dopo la sconfitta casalinga subita sette giorni fa con la Virtus Villamar, sul campo della Fermassenti. La Monteponi cerca una conferma nel match casalingo con il Senorbì e l’Atletico Narcao gioca sul difficile campo della Libertas, a Barumini. Impegnativo incontro casalingo per l’Atletico Masainas contro la Gioventù Sportiva Samassi, mentre il Domusnovas Junior Santos, dopo aver colto il primo punto stagionale a Narcao, contro la Villacidrese insegue la prima vittoria per lasciare ad altri la scomoda ultima posizione in classifica. Completano il programma della 5ª giornata le partite Pula-Villanovafranca e Virtus Villamar-Gioventù Sarroch.

Momo Konatè (Carbonia).

[bing_translator]

L’Arbus ha travolto la matricola Arborea (reduce dal 2 a 2 con il Carloforte) per 4 a 1 e ora vola in vetta alla classifica del girone A del campionato di Promozione regionale, con ben quattro punti di vantaggio sulle più immediate inseguitrici, Carloforte e San Marco Assemini ’80, che hanno terminato in parità, 2 a 2, lo scontro diretto disputato al Comunale Nuovo Puggioni di Carloforte. La squadra di Nicola Agus, impegnata anche in Coppa Italia (mercoledì 25 ottobre ospiterà il Carbonia nel match di ritorno degli ottavi di finale, dopo lo 0 a 0 maturato al Comunale “Carlo Zoboli”), in questo avvio di stagione è parsa la più forte e la più seria candidata alla promozione finale, anche se il campionato è appena iniziato e l’esperienza insegna che in 26 giornate (con il mercato invernale di mezzo) può cambiare tutto.

La partita di Carloforte, la prima del nuovo tecnico Massimo Comparetti che in settimana è subentrato a Tony Poma, è stata condizionata dal forte vento e le due squadre sono apparse più timorose di perdere la loro prima partita stagionale che non a cercare di vincere per tenere il passo dell’Arbus.

Il Siliqua ha vinto l’attesa sfida con il Carbonia, con il punteggio di 3 a 1. La squadra di Andrea Marongiu non ha demeritato ed è riuscita anche a rimontare il primo goal subito in avvio di partita, ma la partita ha confermato la solidità della squadra di Titti Podda, costruita per tentare il salto di categoria. Il Carbonia gioca indubbiamente un buon calcio ma è molto giovane e quando deve rinunciare, come è accaduto anche oggi, a diversi titolari, non può non risentirne al cospetto di avversari di valore quali sono il Siliqua incontrato oggi e il Sant’Elena due settimane fa.

Sugli altri campi non sono mancate le sorprese, con ben tre vittorie esterne: il Gonnosfanadiga ha vinto a Siurgus Donigala contro l’Andromeda, 2 a 1; il Quartu 2000 è passato con lo stesso punteggio a Bari Sardo; il La Palma Monte Urpinu ha vinto sul campo del Sant’Elena Quartu, con il punteggio di 1 a 0. Vittoria di misura per il Seulo 2010 sull’Idolo, 2 a 1, e (a sorpresa), per il Vecchio Borgo Sant’Elia sul Selargius di Gianni Maricca, sempre per 2 a 1.

[bing_translator]

Carloforte-San Marco Assemini ’80 (dirige Eleonora Pili di Cagliari, assistenti di linea Francesco Meloni e Paolo Manca di Cagliari) e Siliqua-Carbonia (dirige Francesco Succu di Nuoro, assistenti di linea Riccardo Pazzona e Fabrizio Murru di Cagliari) sono le partite più attese della terza giornata del campionato di Promozione. La squadra tabarchina arriva alla sfida con l’ambiziosa squadra campidanese con un nuovo allenatore in panchina, Massimo Comparetti al posto di Tony Poma. Il test è molto impegnativo per entrambe le squadre, tra le più attrezzate per il salto di categoria unitamente alla capolista Arbus e al Siliqua.

Il Carbonia di Andrea Marongiu è atteso ad una conferma sul campo del Siliqua dell’ex Titti Podda. Contro l’Andromeda la squadra biancoblu ha mostrato segnali di crescita ed è attesa ad una conferma ma il Siliqua è avversario di grande valore e non è difficile prevedere una partita equilibrata che potrebbe essere decisa da degli episodi.

Tra le altre partite, spicca quella che vedrà protagonista la capolista Arbus che insegue il poker nel confronto casalingo con la matricola Arborea che domenica scorsa ha costretto al pareggio il Carloforte. Completano il programma della giornata, le seguenti partite: Andromeda-Gonnosfanadiga, Bari Sardo-Quartu 2000, Sant’Elena-La Palma Monte Urpinu, Seulo 2010-Idolo e, infine, Vecchio Borgo Sant’Elia-Selargius.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, la capolista Atletico Villaperuccio di Roberto Concas cerca il poker di vittorie nel match casalingo con la Virtus Villamar, mentre la prima inseguitrice, il Villamassargia di Giampaolo Murru, gioca sul campo del Villanovafranca. La Monteponi è attesa al riscatto dopo il ko casalingo con l’Atletico Villaperuccio, sul campo della Villacidrese. Il Cortoghiana ospita la Libertas Barumini, la Fermassenti gioca a Senorbì, l’Atletico Masainas sul campo della Gioventù Sarroch. Completano il programma della quarta giornata, il derby Atletico Narcao-Domusnovas Junior Santos e Gioventù Sportiva Samassi-Pula.

Nicola Boi (Carbonia).

[bing_translator]

Dopo sole cinque partite ufficiali, due di Coppa Italia e tre di campionato, cambia l’allenatore del Carloforte, vicecapolista del girone A del campionato di Promozione regionale. Tony Poma, 48 anni, alla guida della squadra rossoblu dalla passata stagione dopo una prima esperienza maturata sette anni fa sotto la gestione societaria di Agostino Stefanelli, ha lasciato la panchina per motivi di lavoro ed il presidente Giuseppe Buzzo lo ha sostituito con Massimo Comparetti, 49 anni, altra bandiera del calcio tabarchino, che ritorna alla guida del Carloforte a distanza di meno di due anni dall’ultima esperienza, conclusasi anzitempo con un esonero.

Il compito che attende Massimo Comparetti non è facile, perché contrariamente a quanto accadde nella stagione 2015/2016, quando la squadra lottava per la salvezza con un organico inizialmente  inadeguato alla categoria dopo il ripescaggio arrivato alla vigilia dell’inizio del campionato e la sua stagione durò solo 5 giornate (2 pareggi e 3 sconfitte il bilancio), oggi il Carloforte ha un organico molto competitivo, costruito per tentare il salto di categoria.

L’avvio di stagione del Carloforte è stato caratterizzato dall’eliminazione dalla Coppa Italia, nel doppio confronto con il Carbonia (sconfitta per 3 a 2 a Villamassargia, risultato poi tramutato in 3 a 0 dal giudice sportivo a seguito del ricorso presentato dal Carbonia per la posizione irregolare del calciatore Gianluca Recano, impiegato nonostante dovesse ancora scontare una giornata di squalifica rimediata nella Coppa Italia 2013/2014, quando militava nel Tortolì; e pari per 1 a 1 al ritorno, al Comunale Nuovo Puggioni) e, all’esordio in campionato, da due larghe vittorie su Vecchio Borgo Sant’Elia (4 a 0 in trasferta) e Quartu 2000 (6 a 0 in casa) e dal pareggio di domenica ad Arborea (2 a 2 con il pari definitivo raggiunto a 10′ dal termine con un goal di Giuseppe Corona).

 

[bing_translator]

Il Carloforte ha superato di misura per 1 a 0, come da pronostico, il Girasole, nello spareggio play out in gara unica ed ha conquistato la salvezza nel girone A del campionato di Promozione regionale. Il Girasole retrocede in Prima categoria.

Per la squadra tabarchina, ripescata la scorsa estate a mercato ormai chiuso, si tratta di una piccola impresa, maturata al termine di una stagione travagliata che ha visto alternarsi più volte, in panchina, tre allenatori: ha iniziato Massimo Comparetti, sostituito una prima volta con Roberto Santamaria; è stato poi richiamato Massimo Comparetti, sostituito una seconda volta con Roberto Santamaria, la cui esperienza è durata poco, ed ha aperto la strada della panchina a Pasquale Lazzaro, arrivato fino al vittorioso play out odierno.

Oggi si è giocata anche la partita di andata del play off promozione tra Sorso e Bosa, squadra seconde classificate rispettivamente nei gironi B e A, terminata in parità senza goal. La squadra che accompagnerà l’Orrolese e l’Ilvamaddalena nel gioioso viaggio verso l’Eccellenza regionale, scaturirà domenica prossima dal match di ritorno, in programma a Bosa, sul campo della squadra che ha già vinto la Coppa Italia, superando il Carbonia ai calci di rigore nella finale di Oristano. Quel Carbonia che è stato preceduto dal Bosa anche in campionato solo per una migliore classifica nei confronti diretti, avendo chiuso la stagione regolare a parità di punti, alle spalle dell’Orrolese.

IMG_7277 IMG_7278 IMG_7287

 

[bing_translator]

Il Guspini Terralba ha violato il Comunale “Carlo Zoboli” di Carbonia con un clamoroso 4 a 0 ed ha interrotto la lunghissima serie positiva della squadra di Andrea Marongiu, durata 12 giornate (9 vittorie e 3 pareggi). La giornata nera del Carbonia è fotografata alla perfezione dai numeri dei goal subiti: 5 nelle prime 14 giornate (2 alla prima giornata), 4 in soli 90′ e 3 nei primi 22′ nella partita del piovoso pomeriggio di ieri. Il passo falso ha consentito all’Orrolese, fermata sullo 0 a 0 dal Bosa, di laurearsi campione d’inverno, con 32 punti, 1 in più del Carbonia, 3 della Monteponi e 4 del Bosa. E’ ritornata alla vittoria la Monteponi, 2 a 0 a Senorbì, con reti di Marco Foti e Giacono Sanna. Domenica prossima il girone di ritorno inizierà con gli scontri diretti tra le prime quattro della classifica: Orrolese-Monteponi e Carbonia-Bosa.

Il Carloforte recrimina per i due punti persi a Siliqua, contro la squadra dell’ex Titti Podda. Tre volte in vantaggio, la squadra di Roberto Santamaria, ritornato in panchina dopo la seconda breve esperienza di Massimo Comparetti, è stata raggiunta tre volte, l’ultima e decisiva allo scadere. La vittoria avrebbe portato il Carloforte a un punto dalla quota salvezza ma la squadra ha mostrato comunque di essere viva e di avere i mezzi per centrare la permanenza in Promozione.

La giornata è stata disastrosa per l’Atletico Narcao, travolto dalla Tharros sotto un tennistico 6 a 0 a Oristano. La posizione di classifica della squadra di Gianni Maricca è sempre più precaria, ai limiti della disperazione.

Sugli altri campi, l’Arbus ha piegato di misura il Girasole, 2 a 1, stesso punteggio con il quale il Sant’Elena ha superato in rimonta la Villacidrese. Pari senza goal, infine, tra Frassinetti Elmas e Quartu 2000.

Nel girone A del campionato di Prima categoria, la capolista Vecchio Borgo Sant’Elia è caduta sul campo del Sinnai calcio a 11, 0 a 2, salito al terzo posto a due lunghezze dalla vetta, un punto dietro la San Marco, passata sul campo del Tratalias di Graziano Milia, 1 a 0. Cresce il Villamassargia, corsaro a Villasimius con un goal di Farci ed ora quarto a 3 punti dal Vecchio Borgo Sant’Elia, in coabitazione con la Ferrini Quartu e un punto avanti proprio al Villasimius. E’ ritornata finalmente alla vittoria la Fermassenti, 2 a 1 sul campo della vicecapolista Ferrini Quartu, dopo un digiuno durato ben 8 giornate.

Sugli altri campi, sono maturati 3 pareggi: 1 a 1 tra Decimo ’07 ed Europa 2008 Domusnovas, 2 a 2 tra Iglesias e Uragano Pirri e, infine, pirotecnico 4 a 4 tra Halley Assemini e Villasor, con largo vantaggio iniziale degli ospiti, 3 a 0, e spettacolare rimonta asseminese con un poker di goal di Tumatis.

Antonio Ferraro

[bing_translator]

Nicola Rais (Carbonia).

Nicola Rais (Carbonia).

Carbonia, Monteponi ed Orrolese vincono tutte e tre in trasferta e si confermano al vertice della classifica del girone A del campionato di Promozione regionale. Il Carbonia ha vinto 2 a 0 sul campo della Villacidrese, con goal di Stefano Demontis e Matteo Cosa nella ripresa, confermando una crescita ormai consolidata sia sul piano tecnico sia su quello della convinzione nei propri mezzi. La serie positiva che ha portato i biancoblù di Andrea Marongiu al vertice è sempre più importante: 8 risultati utili consecutivi, 6 vittorie e un pareggio nelle ultime 7 giornate, ai quali va aggiunta la “roboante” vittoria ottenuta mercoledì nella gara d’andata dei quarti di finale di Coppa Italia contro la Dorgalese: 5 a 0. Uno dei segreti del primato biancoblù è costituito dalla solidità della difesa che fino ad oggi ha subito solo 5 reti in 10 partite (ha fatto altrettanto bene la Frassinetti di Virgilio Perra, che ha però ha un attacco pi anemico, con 8 goal realizzati contro 12).

La Monteponi di Alessandro Cuccu non è da meno. Quella ottenuta oggi a Narcao, con un punteggio tennistico, 6 a 3, è la quinta vittoria consecutiva. La squadra ha reagito nel miglior modo possibile al cambio di allenatore ed ha ritrovato piena coscienza dei propri mezzi, in base ai quali già alla vigilia era annoverata tra le principali candidate alla promozione in Eccellenza regionale. In grande evidenza Danilo Loddo, entrato in campo al posto di Antonio Ferraro, infortunato, e autore di ben 4 reti tra il 44′ del primo tempo e il 37′ della ripresa. Con i 6 goal realizzati oggi la Monteponi ha anche il miglior attacco del girone, con 24 reti in 10 giornate, alla media considerevole di 2,4 a partita. L’Atletico Narcao non ha demeritato per un tempo, nel corso del quale ha saputo rimontare due goal subiti a freddo nei primi 10′, con Christian Sartorio (poi autore anche del goal che ha fissato il definitivo 3 a 6) e Alessandro Ibba, ma ha poi ceduto in difesa sotto i colpi dello scatenato Danilo Loddo.

L’Orrolese ha espugnato il campo del Quartu 2000, 3 a 2, ed ha così tenuto il passo delle due squadre sulcitane. Alle spalle delle tre capolista c’è il Bosa, passato con il minimo scarto, 1 a 0, sul campo del Carloforte, salito a quota 19 punti, a due lunghezze dalla vetta. I tabarchini, nuovamente con Massimo Comparetti in panchina, recriminano per le tante occasioni fallite, prima del goal realizzato dagli ospiti, a una dozzina di minuti dalla fine.

Sugli altri campi, vittorie di misura per la Frassinetti Elmas sul Siliqua, 1 a 0, e per il Girasole sul Senorbì per 2 a 1. Il Guspini Terralba ha riscattato la sconfitta interna subita 7 giorni fa ad opera del Carloforte, piegando il Sant’Elena per 2 a 0. Nell’anticipo di ieri, la Tharros aveva espugnato il campo dell’Arbus con il netto punteggio di 3 a 1.

Nel girone A del campionato di Prima categoria, il Vecchio Borgo Sant’Elia è tornato al successo contro il Decimo 07, 1 a 0, ed ha riagganciato in testa alla classifica la San Marco, bloccata sull’1 a 1 sul campo del Csu Cagliari. Non ha saputo approfittare del parziale stop della capolista, invece, il Villamassargia, piegato in casa dalla Ferrini Quartu per 3 a 2 e scavalcato in classifica al terzo posto, dive si è insediato anche il Villasimius, vittorioso per 2 a 0 sull’Halley Assemini.

Ha interrotto la serie negativa la Fermassenti, tornata imbattuta dal campo del Villasor, 1 a 1, grazie ad un goal realizzato su calcio di rigore da Matteo Frau in “Zona Cesarini”, ed ora al quinto posto, con 17 punti (in compagnia di Villamassargia e Sinnai calcio a 11, vittorioso per 3 a 1 a Domusnovas), a tre lunghezze della vetta,

Stop per il Tratalias, piegato per 2 a 1 sul campo dell’Uragano Pirri. Ha riposato l’Iglesias.

 

[bing_translator]

Imprese esterne per Carbonia e Monteponi, pari per il Carloforte raggiunto a tempo scaduto in trasferta, Atletico Narcao ancora sconfitto in casa, nella sesta giornata di andata del girone A del campionato di Promozione regionale.

Il Carbonia di Andrea Marongiu ha violato il campo del Siliqua dell’ex Titti Podda con il punteggio di 2 a 1 e con la terza vittoria consecutiva (quarta se si somma la vittoria ottenuta sull’Atletico Narcao in Coppa Italia) ed è balzato al quarto posto solitario in classifica, con 11 punti, a tre lunghezze dalla vetta occupata dall’imbattuto Arbus, vittorioso oggi per 3 a 0 sulla matricola Senorbì.

Vittoria di misura anche per la Monteponi Iglesias che ha reagito con grande orgoglio al momento negativo che in settimana aveva portato anche all’interruzione del rapporto tra la società e il tecnico Giampaolo Murru (non ancora ufficializzato), vincendo per 1 a 0 sul difficile campo della Frassinetti, a Elmas, salendo così a quota 9 punti, non molto distante dalle prime posizioni.

Impresa esterna sfiorata per il Carloforte, sul campo del Girasole, dove è stato raggiunto sul 2 a 2 a tempo scaduto all’esordio del nuovo tecnico Roberto Santamaria che in settimana era subentrato all’esonerato Massimo Comparetti.

Niente da fare, invece, per l’Atletico Narcao che ha subito la sesta sconfitta in sei giornate, terza casalinga. Questa volta a espugnare il campo narcarese è stato il Sant’Elena, impostosi per 2 a 1.

Sugli altri campi, vittoria di misura per il Quartu 2000 sul Guspini Terralba, 1 a 0, stesso punteggio con il quale l’Orrolese ha vinto a Oristano con la Tharros. La più grossa sorpresa della giornata arriva da Villacidro, dove il Bosa ha inflitto la terza sconfitta stagionale all’ex capolista Villacidrese, 2 a 0, probabilmente ancora scossa dai quattro goal subiti sette giorni fa dal Guspini Terralba.

Nel girone A del campionato di Prima categoria, ancora una vittoria, la quinta stagionale, per la Fermassenti di Walter Poncellini, capolista a punteggio pieno, sul campo dell’Iglesias, con un pirotecnico punteggio di 5 a 3. Tra le inseguitrici, hanno perso terreno la Ferrini Quartu, battuta 1 a 0 nel confronto di vertice con il Villasimius, e il Vecchio Borgo Sant’Elia, bloccato sul proprio campo sul 2 a 2 dal San Marco, mentre ha vinto il Villamassargia, 1 a 0 sul Cus Cagliari, che divide ora il secondo posto con il Villasimius a due punti dalla Fermassenti ma con una partita in più disputata (la Fermassenti ha già riposato).

Sugli altri campi, bella vittoria per l’Europa 2008 Domusnovas sul campo dell’Uragano Pirri, 1 a 0, e buon pari per il Tratalias sul campo dell’Halley Assemimi, 1 a 1. Vittoria, infine, per il Villasor sul Sinnai calcio a 11, 1 a 0.

IMG_9649IMG_9660