18 June, 2021
HomePosts Tagged "Pietro Manunta"

[bing_translator]

Tirrenia e la Dinamo hanno rinnovato per un altro anno l’accordo grazie al quale la Compagnia del Gruppo Onorato Armatori sarà gold sponsor dei giganti biancoblu nel corso del campionato della massima serie italiana.

Un accordo fortemente voluto da entrambe, e che permette alle due società di proseguire nella strada intrapresa ormai cinque anni fa. Tirrenia è orgogliosa di correre al fianco della Dinamo, una delle più importanti realtà sportive presenti in Sardegna, esempio di forza, lealtà, correttezza, da sempre vicina ai valori più importanti che lo sport insegna, e che contribuisce a diffondere l’immagine della Sardegna a livello internazionale.

Il Gruppo Onorato conferma in questo modo la sua vicinanza alla città di Sassari e alla Sardegna, e a una grande squadra che da anni ormai dimostra come grazie al lavoro, alla professionalità e all’impegno si possono ottenere risultati importanti.

«Sostenere la Dinamo da cinque anni è per noi un onore e un privilegio – spiega Pietro Manunta, presidente di Tirrenia -. Questa società rappresenta tutti quei valori, umani e sportivi, ai quali il Gruppo Onorato tiene in modo particolare. Per noi è importante proseguire questo cammino che vede due eccellenze sarde, con testa e cuore in Sardegna, proseguire in quel processo di crescita che da anni ci accomuna e ci rende così vicini.»

«Siamo orgogliosi e onorati del rinnovo della partnership con Tirrenia – afferma il presidente della Dinamo, Stefano Sardara – Il fatto che questo sia il quinto anno assume una valenza che va ben oltre una semplice sponsorizzazione ma significa dare continuità e quindi concretezza a un progetto che cresce anno dopo anno, con la volontà di farlo insieme e nella consapevolezza del valore che riveste per la squadra, per le due società e per l’intero territorio.»

Dopo la vittoriosa trasferta di Lisbona, nel retour match del turno preliminare della Fiba Europe Cup (111 a 92), che l’ha qualificata alla fase ai gironi con gli ungheresi del Falco, del Szolnoki e gli inglesi del Leicester, la Dinamo prepara ora la prima partita interna stagionale in campionato, in programma domenica alle 12.00 al PalaSerradimigni contro la Pallacanestro Varese, fortemente motivata, per riscattare la sconfitta subita all’esordio sul campo della Grissin Bon, a Reggio Emilia.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA vs BANCO DI SARDEGNA SASSARI, Campionato Lega Basket Serie A 2018/2019, PalaBigi 7 ottobre 2018 – FOTO: Bertani/Ciamillo

[bing_translator]

Si è svolta oggi la visita sulla Moby Dada, a Cagliari, di circa 50 bambini della scuola dell’infanzia “Provvidenza Sacro Cuore”, che hanno potuto scoprire tutti i segreti della nave e conoscere da vicino i marinai che ogni giorno viaggiano per mare, svolgendo un lavoro tanto affascinante quanto particolare e tutto da scoprire.

I piccoli visitatori, accompagnati dagli insegnanti, hanno avuto la possibilità di vedere dall’interno come è fatta una nave, rimanendo piacevolmente sorpresi dalle simpatiche decorazioni della Moby Dada (dove sono presenti alcuni dei più famosi personaggi dei “Looney Tunes”) e ascoltando con grande interesse le spiegazioni del Comandante della nave sulle tante curiosità dei mestieri del mare, catturando l’attenzione dei bambini per tutta la durata della visita.

«Per il Gruppo Onorato Armatori è stato un grande piacere aver ospitato a bordo i bambini, offrendo loro la possibilità non solo di visitare la nave, ma anche di parlare con il personale di bordo e conoscere più da vicino i mestieri del mare – afferma il presidente di Tirrenia, Pietro Manunta -. Ritengo molto importanti questo tipo di iniziative, che permettono di far conoscere meglio la nostra realtà, e la felicità che i piccoli visitatori hanno mostrato oggi a bordo è la dimostrazione che esperienze come questa vanno senz’altro ripetute anche in futuro.»

Oltre 4.000 partenze per la Sardegna (fino a 24 al giorno) previste per il 2018. Tirrenia, insieme a Moby, offre il più grande network di collegamenti e una vasta scelta di orari e porti di partenza, con la possibilità in alta stagione di viaggiare sia in notturna che in diurna grazie al potenziamento delle corse. Viaggiare con Moby e Tirrenia significa sentirsi completamente a proprio agio, in un ambiente piacevole con un’atmosfera di relax e divertimento.

[bing_translator]

Inizio d’anno più che positivo per le Compagnie del Gruppo Onorato Armatori nel traffico merci in Sicilia e in Sardegna.

Un risultato straordinario è stato ottenuto in Sicilia, dove nell’ultimo mese il traffico merci rotabile ha registrato un + 20%. Numeri raggiunti grazie all’offerta diversificata di rotte di Tirrenia da e per l’Isola, in particolare grazie alla Genova-Livorno-Catania (con collegamento a Malta), linea partita lo scorso novembre e che si conferma strategica per gli autotrasportatori, in sinergia con le rotte “storiche” di Tirrenia, come la Ravenna-Brindisi-Catania, la Napoli-Palermo e la Cagliari-Palermo.

Estremamente significativo anche l’indotto che, dopo lo sbarco a Catania della Compagnia, si è generato nel porto principale della Sicilia orientale, con la creazione di tanti nuovi posti di lavoro e un processo di consolidamento dei rapporti con gli stakeholder locali che si rafforzano giorno dopo giorno.

Numeri positivi anche in Sardegna, dove sempre nel settore merci le Compagnie del Gruppo Onorato Armatori hanno evidenziato un aumento del 5 per cento sul traffico generato nel mese di gennaio. Un trend positivo che conferma la bontà della scelta di potenziare, la scorsa estate, le corse da e per la Sardegna con l’ingresso della nuova ro-ro cargo “Pietro Manunta”.

Il Gruppo conferma ancora una volta l’obiettivo di andare incontro alle esigenze delle imprese di tutto il territorio nazionale, con un’offerta pensata anche per mettere in condizione le medio-piccole aziende di sfruttare al meglio le loro potenzialità e operare nella massima tranquillità, scegliendo tra una vasta offerta di linee messe a disposizione sia da Moby che da Tirrenia.

«Siamo soddisfatti del trend riscontrato negli ultimi mesi sulle rotte nazionali – dichiara il vice presidente di Moby e consigliere delegato al commerciale di Onorato Armatori, Alessandro Onorato -. Stiamo notando diverse aziende che stanno emergendo sul mercato alle quali vogliamo continuare a dare una grande prospettiva di crescita futura, tanto da valutare ulteriori implementazioni del nostro network. Cogliamo l’occasione – prosegue Alessandro Onorato – per annunciare l’ingresso, a partire da tarda primavera, di una nuova unità da 3500 metri lineari e 27 nodi di velocità e per ringraziare i trasportatori per la fiducia che da sempre ci danno e rinnovare il nostro impegno a garantire la puntualità e la cura dei mezzi, che sosterremo in misura sempre più importante grazie a operazioni portuali ancora più accurate nei terminal dove operiamo.»

[bing_translator]

Il progetto “Pasto Buono” della Onlus QUI Foundation arriva anche a Porto Torres grazie alla Compagnia di navigazione Tirrenia, che metterà a disposizione i pasti invenduti dei ristoranti delle sue navi alla Onlus Mirade di Porto Torres, che si occuperà di ritirare il cibo dalle navi e consegnarlo a chi ne ha maggiormente bisogno.

L’iniziativa prevede che tutti i pasti invenduti e perfettamente conservati a bordo delle navi Tirrenia che approdano quotidianamente a Porto Torres siano donati alle persone e alle famiglie assistite dall’associazione Mirade. Il progetto prende vita nella città grazie al prezioso supporto del Comune di Porto Torres, che ha messo a disposizione il punto di solidarietà per la consegna dei suddetti pasti e alla collaborazione dell’associazione di volontariato Mirade, che ritirerà ogni giorno l’invenduto e lo consegnerà a chi ne ha bisogno.

Una vera e propria sfida per arginare lo spreco alimentare a favore di coloro che sono in difficoltà e non hanno l’indispensabile per vivere. L’iniziativa, oltre che a Porto Torres, grazie alla collaborazione di Tirrenia, è stata attivata anche nei porti di Cagliari, Napoli, Genova e Civitavecchia.

«Tirrenia e tutto il Gruppo Onorato Armatori hanno da sempre dato il loro incondizionato sostegno a questo meraviglioso progetto, che sta proseguendo con successo in molti porti italiani e che ora abbiamo il piacere di vedere sviluppato anche a Porto Torres – dichiara Pietro Manunta, Presidente di Tirrenia -. La nostra battaglia contro lo spreco alimentare continua e si rafforza, con l’obiettivo di aiutare sempre più persone e famiglie in difficoltà.»

«La collaborazione tra la nostra Onlus e Tirrenia, avviata nel 2014, ha reso possibile il nostro progetto Pasto Buono nei porti di Genova, Civitavecchia, Napoli e Cagliari. Porto Torres era tra i nostri obiettivi e, grazie all’associazione Mirade e al fondamentale supporto del Comune, siamo riusciti a portare Pasto Buono anche qui – commenta Gregorio Fogliani, presidente di QUI Foundation -. Il lavoro svolto insieme a Tirrenia ha già fornito ottimi risultati e lo stesso ci aspettiamo su Porto Torres. Con Pasto Buono sulle navi riusciamo a recuperare centinaia di pasti a settimana in ogni porto, aiutando altrettante persone. E questo ha un impatto sia dal punto di vista sociale che da quello ambientale.»

«Abbiamo accolto favorevolmente questa iniziativa – sottolinea il sindaco di Porto Torres, Sean Wheeler – stabilendo di assegnare all’associazione Mirade uno spazio per la distribuzione dei pasti in uno stabile comunale che si trova al centro della nostra città, la Casa delle Associazioni, simbolo non solo “fisico” dell’azione in sinergia svolta dai volontari che ci supportano nelle attività di sostegno ai cittadini bisognosi. Il Pasto Buono tiene conto di tutti quei temi che stanno a cuore alla nostra Amministrazione: la riduzione degli sprechi alimentari, la protezione della dignità della persona e la sostenibilità ambientale. Ringrazio Qui Foundation, Mirade Onlus, tutti i volontari e naturalmente Tirrenia per la sensibilità dimostrata verso il nostro territorio con questa iniziativa congiunta.»

[bing_translator]

La tappa numero 27 di Panorama d’Italia abbraccia il territorio sardo alla scoperta delle eccellenze di Cagliari e dintorni. Dal 28 settembre al 1 ottobre coinvolgerà il capoluogo sardo con quattro giorni di eventi. Dall’arte con Vittorio Sgarbi alle eccellenze imprenditoriali. Dalla musica con Eugenio Finardi e Marco Carta al dibattito sui temi della crescita e del lavoro in Sardegna. Dagli incontri per i giovanissimi su come prepararsi alla prima occupazione a quelli per i piccoli imprenditori che hanno problemi a farsi finanziare da una banca fino alle storie delle start-up nate e cresciute in questa terra. E poi ancora: le domande che i cittadini possono fare direttamente al Governatore della Regione Francesco Pigliaru, e il dibattito sull’economia italiana con il viceministro Enrico Zanetti. Per chiudere con lo showcooking con lo chef Luigi Pomata, l’incontro d’autore con Paola Soriga e gli appuntamenti su ambiente e spazio in collaborazione con il magazine Focus.

Due degli incontri organizzati da Panorama hanno anche una valenza formativa per i giornalisti. Il primo, dal titolo: ” L’Italia che riparte: Start Up, innovare e rinnovarsi”, si terrà a Cagliari il 29 settembre . Si svolgerà alla Mediateca del Mediterraneo in Via Mameli 164. Relatori: Giorgio Mulè (direttore di Panorama), Domenico Arcuri (a.d. Invitalia), Elisabetta Falchi (assessore regionale dell’Agricoltura), Alberto Scanu (presidente Confindustria Sardegna). Orario, dalle 9,30 alle 13,30. Saranno assegnati 4 crediti ai giornalisti partecipanti.

Il secondo, dal titolo “Eccellenza si diventa”, si svolgerà il 30 sempre alla Mediateca del Mediterraneo in Via Mameli 164. I relatori saranno Giorgio Mulè (dir. Panorama), Gabriele Lettera (presidente Sardea), Pietro Manunta (presidente Tirrenia) Alessandra Carucci (Edilana). L’orario, dalle 10.00 alle 13.00. Ai partecipanti saranno assegnati 3 crediti.

I giornalisti interessati a partecipare a questi due incontri possono prenotarsi sulla piattaforma Sigef. 

[bing_translator]

Per il terzo anno consecutivo Tirrenia sarà Gold Sponsor della Dinamo Sassari. La Compagnia del Gruppo Onorato Armatori supporterà la squadra di basket sassarese, ormai diventata un simbolo della Sardegna, nelle grandi sfide che la attendono nella prossima stagione, che si preannuncia emozionante e ricca di novità.

Tirrenia prosegue così il percorso intrapreso con la Dinamo due anni fa, assicurando il massimo sostegno alla squadra, alla città di Sassari e a tutta l’Isola, per un’altra grande avventura sui parquet di tutta Italia ed Europa.

Primo appuntamento per i ragazzi di Federico Pasquini sarà il Torneo Internazionale Tirrenia, in programma ad Olbia oggi e domani. A sfidarsi sul parquet del GeoPalace tre squadre italiane e un top club europeo: insieme ai giganti biancoblu, si contenderanno il trofeo la Sidigas Avellino allenata da Pino Sacripanti, reduce dall’incredibile stagione dello scorso anno che ha proiettato gli irpini fino alla semifinale scudetto, la Juve Caserta, ripartita con entusiasmo dopo la salvezza conquistata all’ultima giornata e gli israeliani dell’Hapoel Gerusalemme guidati da Simone Pianigiani.

«Tirrenia e il Gruppo Onorato Armatori, considerano un vero e proprio privilegio associare il proprio nome a un Trofeo che vede scendere in campo quattro squadre di grande qualità – ha dichiarato il presidente di Tirrenia, Pietro Manunta. Alla Dinamo ci lega un rapporto pluriennale, cui teniamo in modo particolare. Tirrenia è fiera di partecipare, anche quest’anno, alla meravigliosa avventura di una squadra, che per impegno, professionalità e sportività continua a rappresentare un grande motivo di orgoglio per il meraviglioso popolo sardo in tutta Italia.»

Federico Pasquini 1 copia

[bing_translator]

Moby 9 copiaNave Tirrenia Janas

Promozione delle attività marittime, sostegno ai giovani e legame con il territorio: sono questi gli obiettivi del “Progetto ForMare”, iniziativa organizzata da Moby e Tirrenia in collaborazione con il MIUR e la Direzione Scolastica Regionale Sardegna, che prepara gli studenti sardi nel loro percorso professionale e all’ingresso nel mondo del lavoro.

Moby e Tirrenia proseguono, dunque, nelle iniziative di coinvolgimento dei giovani, facendo delle proprie navi vere e proprie scuole per i lavoratori del futuro, dando opportunità agli studenti sardi di scoprire il lavoro per mare.

Il “Progetto ForMare 2016”, giunto alla sua 4ª edizione, ha previsto l’imbarco di gruppi di stagisti frequentanti le classi quarte e quinte degli istituti scolastici sardi. Dalla reception al ponte di comando, passando per la sala macchine, i ragazzi sono stati protagonisti di uno stage a bordo delle navi per apprendere i mestieri del mare.

L’iniziativa “ForMare” si propone, da anni, di attivare e modulare un’offerta rivolta ai giovani sardi per far vivere il mare non come confine e barriera ma come apertura e opportunità per il futuro dei giovani. Per i ragazzi si è rivelato utile ed appassionante osservare i marittimi all’opera, imparando in questo modo il loro lavoro quotidiano.

Dal 2012 ad oggi c’è stato il coinvolgimento di oltre 2.400 ragazzi. Quella di quest’anno ha visto la partecipazione di 36 scuole, per un totale di oltre 700 ragazzi. Anche in questa edizione sono stati individuati i due ragazzi più meritevoli, per i quali è in programma un’esperienza lavorativa con un contratto a tempo determinato a bordo delle navi delle due Compagnie del Gruppo. Il riconoscimento è andato a una ragazza dell’Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione di Tortolì e a un allievo dell’Istituto Tecnico Trasporti e Logistica “C. Colombo” di Carloforte.

«Il Progetto ForMare di cui siamo promotori insieme al MIUR inizia a dare risposte alla Sardegna e ai giovani studenti degli istituti superiori sardi, che sono stati i principali protagonisti di un’esperienza a bordo delle navi del Gruppo sulle professioni del mare – ha dichiarato Pietro Manunta, presidente di Tirrenia CIN -. La Onorato Armatori proseguirà nel creare un rapporto sempre più stretto col territorio, investendo nella cultura e nella formazione professionale di giovani sardi che intendano intraprendere questi mestieri. Abbiamo bisogno di professionalità sempre più specializzate e siamo convinti che questa collaborazione darà sbocchi lavorativi importanti e qualificati.»

«Ringrazio Moby e Tirrenia per aver offerto un’occasione concreta ai ragazzi degli Istituti Tecnici e Professionali di affacciarsi al mondo del lavoro attraverso un’esperienza che li metterà di fronte a possibili scelte per il loro futuro – ha affermato il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Sardegna, Francesco Feliziani -. La collaborazione con importanti realtà armatoriali come Moby e Tirrenia, offre prospettive e motivazione e risulta fondamentale per combattere i drammatici problemi della dispersione scolastica, della disoccupazione e della difficoltà d’inserimento di tanti giovani nel tessuto produttivo.»

[bing_translator]

Dodici mesi a bordo delle navi Tirrenia per avvicinare i giovani ai mestieri del mare. È quanto previsto dal Protocollo d’intesa che Tirrenia CIN ha firmato oggi con la Fondazione Mo.So.S. (Istituto Tecnico Superiore per la Mobilità Sostenibile) presso la sede dell’assessorato della Pubblica istruzione della Regione Sardegna. Un progetto che testimonia l’impegno del Gruppo Onorato Armatori nell’accrescere il legame con l’Isola, cuore pulsante delle sue attività.

La Compagnia offre un percorso formativo che prevede, tra le altre cose, tre periodi di imbarco della durata di quattro mesi, intervallati da attività formative a terra. Dei 53 diplomati degli Istituti nautici della Sardegna che hanno partecipato alla selezione per la frequenza del corso organizzato dall’ITS-Mo.So.S., 7 saranno imbarcati con Tirrenia (5 allievi ufficiali di Navigazione e 2 allievi ufficiali di Macchina). A conclusione del progetto verrà rilasciato loro il Diploma di Tecnico Superiore – conduzione del mezzo navale – allievo ufficiale di Navigazione/allievo ufficiale di Macchina.

La Fondazione Mo.So.S. ha tra le sue finalità quella di promuovere la diffusione della cultura tecnico-scientifica, sostenere le misure a sostegno dello sviluppo dell’economia e le politiche attive del lavoro, contribuendo così alle scelte strategiche della Regione Sardegna.

Tirrenia Cin continua, dunque, ad investire sulla cultura dei mestieri del mare, coinvolgendo sempre di più i giovani sardi in progetti dedicati all’innovazione delle attività e allo sviluppo delle competenze legate al mare, oggi importante fonte di ricchezza per l’Isola. Per questo negli ultimi anni le iniziative di collaborazione con le più importanti istituzioni sarde si sono moltiplicate, contribuendo alla crescita in quella che è la terra del mare per eccellenza.

«La Regione si è impegnata per la nascita del Mo.So.S., scuola di tecnologia nei settori della mobilità sostenibile e dell’economia marittima, riconoscendo l’importanza strategica che rappresenta il mare per lo sviluppo economico, sociale e turistico della nostra isola. La firma del protocollo di oggi – ha dichiarato l’assessore Claudia Firino – come quella che è stata apposta lo scorso mese di marzo tra Its ed un’altra compagnia di navigazione, è una importante e positiva risposta che si dà ai giovani studenti che si affacciano al mondo del lavoro. In questo modo si garantisce a chi ha intrapreso questo tipo di studi un percorso qualificante. Ospitare qui in assessorato la firma di questi accordi è per noi motivo d’orgoglio e un auspicio per il prossimo futuro ad andare avanti con proficue collaborazioni tra mondo dell’istruzione e delle imprese.»

Grande soddisfazione per la firma del protocollo è stata espressa da Giovanni De Santis, presidente della Fondazione Mo.So.S: «L’accordo siglato fra Tirrenia CIN e la Fondazione ITS-Mo.So.S. ha un’importanza strategica. Gli ITS, nell’esercizio della loro terzietà e autonomia, rappresentano una risposta di sistema tra domanda e offerta di lavoro altamente qualificato, recependo i fabbisogni formativi ed innovativi espressi dal tessuto imprenditoriale; l’accordo siglato fra la Tirrenia e la Fondazione Mo.So.S. va in questa logica ed è la concretizzazione in Sardegna del primo percorso di Tecnico Superiore nel settore dell’economia del mare”.

«Il Protocollo firmato oggi conferma ancora una volta che Tirrenia CIN e tutto il nostro Gruppo Onorato Amatori è impegnato nella costruzione di progetti volti a favorire lo sviluppo dell’economia e del lavoro in Sardegna – spiega Pietro Manunta, presidente di Tirrenia CIN – questo progetto non è che un tassello di un più ampio programma che stiamo realizzando insieme alle istituzioni e a tutto il tessuto produttivo della Sardegna, che vogliamo contribuire a far crescere, facendo tutto ciò che è nelle nostre possibilità.»

Nave Tirrenia Janas

[bing_translator]

Nave Tirrenia

Onorato Armatori conferma la scelta di valorizzare il legame con il territorio Sardo facendo delle proprie navi delle ambasciatrici dei valori della Sardegna, attraverso l’incontro con una gastronomia ricca, peculiare e autentica.

Debutta in questa stagione anche a bordo di Tirrenia l’enogastronomia sarda in collaborazione con Ligabue – un gruppo che fa dell’eccellenza e dell’autenticità della ristorazione la sua bandiera – già avviata da tempo da Moby. Oggi a bordo della M/N Athara è stata presentata “l’anteprima” con “Sapori di Sardegna”, evento dedicato alle aziende sarde che forniscono i prodotti tipici del territorio che contraddistinguono i menù a bordo della flotta Tirrenia, con presentazioni e degustazioni dei prodotti di alcune delle principali aziende del territorio.

Hanno presentato, infatti, i loro prodotti Arborea (primo polo produttivo del comparto lattiero vaccino in Sardegna), la fratelli Uccula, Su Sirboni (salumi), AC Tutto Pasta (il Pastificio Artigianale Sardo), La Casa del grano, i dolci di Corronca, e Stefano Rocca che porta a bordo la sua straordinaria bottarga. Per i vini sono presenti Cantina del Vermentino – Monti, Depperu, Gabbas, Cantina Santadi, Argiolas.

A dare il la, sono stati il presidente di Tirrenia CIN, Pietro Manunta, e l’amministratore delegato di Tirrenia CIN, Massimo Mura.

«Con Sapori di Sardegna – sottolinea Pietro Manunta, Presidente di Tirrenia Cin – ci siamo posti tre obbiettivi: il primo è qualificare sempre di più l’offerta a bordo delle nostre navi per dare agli ospiti il massimo comfort, il secondo legare sempre di più Tirrenia ai valori della Sardegna, il terzo essere il vettore privilegiato di questa terra meravigliosa. La nostra scelta di promuovere l’enogastronomia e il settore agroalimentare sardi è un’opzione fondamentale, un segno di qualificazione della vita a bordo, anche grazie alla storica collaborazione del Gruppo Onorato Armatori con la società di catering industriale Ligabue.»

A illustrare i prodotti, raccontare le ricette e condurre lo show cooking è stato chiamato Carlo Cambi, il critico gastronomico de La Prova del Cuoco (Rai 1) autore del best seller enogastronomico Il Mangiarozzo e uno dei più noti narratori del cibo.

«Ho accettato con entusiasmo – dice Carlo Cambi – l’invito di Tirrenia perché è la prova di come la gastronomia sia il più potente veicolo di racconto di un territorio. Unire la rinnovata efficienza e qualità di Tirrenia, ma anche il mito della nave, alla tradizione di un territorio unico come la Sardegna è una straordinaria occasione di valorizzazione dei prodotti dell’isola, ma per chi sale a bordo è anche il felice incontro con sapori autentici. Offrire ai tavoli di Tirrenia i profumi, le ricette e i sapori dell’isola fa del viaggio in nave un’esperienza e conferma l’opzione di Tirrenia di qualificare al massimo livello la propria offerta.»

A latere dell’iniziativa il presidente, Pietro Manunta e l’AD di Tirrenia-Cin, Massimo Mura, hanno presentato la partnership stretta di recente con CIPNES, il Consorzio Industriale Provinciale Nord Est Sardegna Gallura, piattaforma polifunzionale per lo sviluppo delle filiere produttive delle Sardegna articolata su un programma di marketing territoriale, percorsi formativi e di valorizzazione delle attività produttive attraverso focus sulle filiere agroalimentari, produzioni dell’artigianato artistico e produzioni e servizi del distretto nautico.

«La scelta di sottoscrivere questo accordo con CIPNES – sottolinea Massimo Mura, Amministratore Delegato di Tirrenia Cin – ci permette di rafforzare il rapporto con i produttori agroalimentari sardi non solo nell’area del consumo e dell’acquisto ma anche in quella della logistica per l’esportazione e la vendita dei prodotti oltre mare, che consideriamo un’opportunità unica.»

Moby, Tirrenia-CIN e Toremar sono compagnie del gruppo Onorato Armatori, leader del trasporto marittimo passeggeri e merci da cinque generazioni. Primo al mondo per numero di letti e primo in Europa per capacità passeggeri, il gruppo occupa fino a 4.000 dipendenti, tutti italiani, inclusi gli stagionali. Con le tre compagnie, il gruppo Onorato collega Sardegna, Sicilia, Corsica, Arcipelago Toscano e Tremiti con 47 navi, tutte bandiera italiana, con 41.000 partenze per 30 porti programmate per il 2016. I Fast Cruise Ferries del gruppo sono tra i primi al mondo per qualità: Moby è stata insignita del Sigillo di Qualità 2015/2016 e della prestigiosa Green Star sulle tre navi ammiraglie. Il gruppo Onorato ha inoltre una flotta di 17 rimorchiatori di ultima generazione che forniscono in nove porti italiani servizi quali assistenza alle manovre delle navi in porto e attività di salvataggio. Tramite la controllata Sinergest, Moby gestisce inoltre la stazione marittima Isola Bianca nel porto di Olbia.

 

L’assessore regionale dei Trasporti, Massimo Deiana, e i nuovi vertici della compagnia di navigazione, l’amministratore delegato, Massimo Mura, e il presidente, Pietro Manunta, hanno deciso l’attivazione di un tavolo bilaterale in vista della procedura formale di modifica della convenzione Tirrenia-Cin.

«A settembre, termine del primo triennio di attività, la Regione chiederà ai ministeri dei Trasporti e dell’Economia la rivisitazione del contratto di servizio che regolamenta i collegamenti marittimi in continuità territoriale tra Sardegna e Continente – ha detto l’assessore Massimo Deiana – in vista di questo importante momento di verifica, abbiamo deciso di iniziare un confronto costante con la società, mettere in luce tutte le criticità e iniziare a ipotizzare i miglioramenti necessari.» 

Nel confronto svoltosi ieri sono stati affrontati anche i temi del caro tariffe estive e della modalità di esecuzione del servizio, nonché della posizione di monopolio venutasi a creare nelle rotte da e per la Sardegna a seguito dell’acquisizione della Tirrenia da parte del Gruppo Onorato: «In proposito – ha aggiunto l’assessore dei Trasporti – ci si rimetterà come è ovvio alla determinazione dell’Antitrust, a seguito della presentazione dell’esposto da parte della Regione».

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha un termine che oscilla tra i 30 e i 90 giorni per stabilire se archiviare le segnalazioni ricevute o se passare alla fase di apertura di un’istruttoria formale, qualora ravvisasse la violazione delle norme sulla concentrazione monopolistica. «Siamo impegnati a seguire con molta attenzione tutti questi passaggi – ha concluso Massimo Deiana -, convinti che la tutela del diritto alla mobilità dei sardi non possa subire compressioni e penalizzazioni causate da dinamiche di mercato anomale».

Nave Tirrenia Janas